Salta al contenuto

Met Office, purché ci sia un microfono

Leggiamo a questo link da Bloomberg che questo sarebbe l’anno più caldo mai registrato, secondo l’ufficio meteorologico inglese, ma solo dopo che avranno “aggiustato” i dati.

La temperatura media per l’anno, fino a ottobre, mostrerebbe che il 2010 sarebbe uno degli anni più caldi dal1850, secondo Vicky Pope, direttrice delle climate science al Met Office. Dato che i dati avrebbero mascherato un po’ del trend di aumento delle temperature, gli scienziati si accingono a revisionarli, ha ancora detto la Pope.

“C’è un trend di riscaldamento molto chiaro, ma non è così rapido come prima”

[“There’s a very clear warming trend but it’s not as rapid as it was before,”] ha detto la Pope ai reporter a Londra. Ha detto che mentre la temperatura è salita in media di circa 0.16 gradi per decade dagli anni 1970, il rateo per gli anni 2000 è stato tra i 0,05 e i 0,13 gradi.

Quale sarebbe la motivazione di questo cambiamento ?

Un maggior uso di boe, rispetto alle navi, maggiormente in uso negli anni precedenti, sarebbe all’origine di questo ennesimo “errore”.

Su questo presunto errore del Met Office scrive Steven Goddard, qui

dove potete trovare un grafico che mostra il trend globale “hadcrut3vg1/from:2001/trend/offset:0.068” (in rosso), che mostra un chiaro trend di raffreddamento, come risulta dal suo andamento discendente, e il “gistemp/from:2001/trend/offset” (in verde), dicendosi convinto che lavorando di gomito gli scienziati inglesi del Met Office riusciranno ad evitare un nuovo autogoal come quello subito dal portiere Green (omen nomen).

Tutto questo mentre a beneficio del Dipartimento il tempo non è il clima se fa freddo ma lo è se fa caldo, per il terzo anno consecutivo gran parte d’Europa (patria del Met Office compresa) è già sotto la neve e siamo appena alla fine di novembre. Per essere evidente l’espansione verso nord del clima tropicale non c’è male. Speriamo non si espanda troppo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

Un commento

  1. Scusate la pignoleria, ma perché la signora Pope dà ai giornalisti una media per le decadi pre-2000 e un min/max per gli ultimi dieci anni? Perché non dà una media anche per questo ultimo periodo? Ovviamente sono maligno e penso che se uno vuole minimizzare la differenza in questo caso è più utile citare un massimo che una media… (certo, direte, ci sono le serie statistiche complete, ma intanto sono quei numeri lì che vengono pubblicati sui giornali generalisti).

Rispondi a Fabrizio Giudici Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »