Greenwashing monegasco

Sono tempi di matrimoni eccellenti. Tempi di gossip e sguardi sognanti, ma anche tempi di ecoconsapevolezza. E chi regna o regnerà, non può permettersi il lusso di dare a vedere di infischiarsene del futuro di questo malandato Pianeta.

Appena qualche mese fa è toccato a William e Kate. Fabio Spina ci ha resi edotti sui loro generosi sforzi in tema ambientale.

Ieri l’altro l’allegra brigata ecoconsapevole (siamo certi che ci fosse una discreta quota di convitati in comune con le nozze d’oltremanica) si è spostata nel Principato di Monaco, per il primo atto, quello civile, delle nozze di Alberto e Charlene.

La notizia? Presto fatto. L’auto ufficiale, derivata in fuoriserie appositamente per l’occasione con un fantastico tetto panoramico, è e sarà una Lexus LS 600H Full Hibryd, sulle cui doti risparmiose in termini di emissioni di CO2 si sta sciogliendo in brodo di giuggiole tutta la rete.

Pensate, le emissioni più basse per la sua categoria (cioè quella delle cose inutili e anche un po’ kitch), “appena” 219 g/km di CO2 rilasciata percorrendo allegramente le famose curve dove si sfidano i piloti di Formula 1. Un vero bagno di umiltà, che potreste condividere, volendo convolare a giuste nozze con stile ambientale, con la modica cifra di 150.000 Euro per il modello di serie. Per il tetto e le altre amenità cui un principe non può assolutamente rinunciare, la trattativa è riservata.

E così, recita TG1.it, gli sposi si sposteranno con un’auto ibrida (segue citazione del modello a puntino), segno dell’impegno ambientalista di Alberto.

Cari tutti, mi sa che chiudo CM, questi ci pigliano per il cooling. Scherzo naturalmente, ma sulla chiusura, non sul cooling.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

2 Comments

  1. Ammesso e non concesso che l’emissioni siano la cosa principale di cui preoccuparsi, impegnarsi per ridurre l’emissione della macchina degli sposi una volta nella vita invece di quelle del gran premio di formula 1 ogni anno mi sembra un bell’esempio di coerenza reale. Ma questo è il potere dei guru ecologisti! Dimenticavo: gli ospiti sono venuti da tutto il mondo, il vino dal sud africa ed il cibo è a “Km 0″….Montecarlo è favosa per i prodotti tipici, l’agricoltura e le fattorie ;-I

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »