Salta al contenuto

Il Martello

Tum Tum Tum… Batte senza sosta il martello del disastro climatico prossimo venturo. Non importa quale sia il fondamento scientifico delle affermazioni, l’importante è aumentare il numero dei seguaci. Per farlo occorre spaventarli a puntino, appunto, martellare.

Da Heos.it: Città costiere in aumento i rischi inondazione.

Da Accademiakronos.it: State tranquilli non succede nulla!

Il primo comincia con lo Tsunami che ha colpito il Giappone e finisce con Venezia messa a rischio dall’innalzamento del livello del mare.

Il secondo non è passibile di riassunto, ve lo dovete leggere fino alla fine, anche perché dopo l’esegesi di tutti i mali meteorologici e climatici del mondo (naturalmente strettamente legati da un rapporto causa-effetto), finisce così: “Ma ora vediamo cosa ci aspetta per la prossima settimana. Previsioni dal 1 al 7 agosto. Finalmente è arrivata l’estate”.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

2 Comments

  1. donato

    Questi meteorologi con il pallino della climatologia sono proprio dei rompiscatole! Sempre a dire che tutto rientra nella normale variabilità climatica e a fare i bastian contrari, i narcisi e gli esibizionisti. Dovrebbero proprio essere mandati “a casa” insieme a quegli sciaguratissimi scienziati scettici. Parola di presidente di commissione per i cambiamenti climatici ecc. ecc..
    Domanda impertinente: se non ci fossero i cambiamenti climatici che farebbe il presidente della commissione ecc. ecc.? E’ ovvio, andrebbe “a casa”.

    @ Daniele Gamma
    Circa gli scherzi dei ghiacci artici ci andrei un po’ cauto: fonti diverse da quella citata (Università di Brema, per la precisione) danno dei grafici un poco diversi.
    Per i ghiacci antartici sono d’accordo per quel che riguarda la famigerata penisola antartica, però, non dobbiamo dimenticare che, quest’anno, il minimo è stato piuttosto profondo e, attualmente, l’estensione è molto inferiore a quella record dello scorso anno (rientra, ovviamente, nella fascia di incertezza della media ma, agli estremi inferiori).
    Ciao, Donato.

  2. Daniele Gamma

    Anche io, dopo averlo letto, non mi sento tanto bene!!!

    Allora ne approfitto per mettere alla vs. attenzione tre argomenti :

    1) http://wattsupwiththat.files.wordpress.com/2011/08/icecover_current1.png

    Anche l’ artico li prende in giro.

    2) http://nsidc.org/data/seaice_index/images/daily_images/S_bm_extent_hires.png

    E che dire del surplus di ghiaccio di quest’ anno davanti alla famigerata penisola antartica?

    3) La forza e la posizione da manuale, di questa estate, dell’ anticiclone delle Azzorre, responsabile di una normale Estate europea, almeno dal punto di vista delle temperature.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »