Salta al contenuto

Ma non era l’ultima occasione?

I catastrofici negoziati di Durban e l’inutilità dei carrozzoni “salva clima”

E’  uno spettacolo già visto e un po’ stanco, quello che va in scena a Durban, dove il diciassettesimo summit dell’Onu sul clima si sta chiudendo con le solite corse contro il tempo per tentare di far firmare a tutti un qualche accordo più o meno vincolante sul taglio alle emissioni. I colloqui, ancora in stallo ieri sera dopo oltre dieci giorni di lavori, sono continuati questa notte e proseguono in queste ore, con trattative degne di un suk: tutti cederanno un po’ sulle posizioni di ieri (l’Europa a capo di un gruppo di paesi che vuole rinnovare il protocollo di Kyoto fino al 2015 e impegnarsi a trovare un nuovo accordo dopo quella data, paesi come Russia, Canada e Giappone contrari, e altri ancora, come gli Stati Uniti, che vogliono un nuovo accordo, ma non legalmente vincolante e solo dopo il 2020) e il risultato sarà un documento con impegni aleatori.

Continua a leggere su Il Foglio

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inDurban

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »