Salta al contenuto

Da, da, dannato global warming

Qualche settimana fa abbiamo discusso del precoce congelamento del Lago Bajkal in Siberia. In quella sede (la discussione, non il lago) abbiamo anche parlato del probabile nuovo cambiamento che sta subendo la circolazione emisferica negli ultimi anni, con il ritorno del freddo invernale vero nell’area continentale euro-asiatica.

 

Sarà un caso, ma Mosca, quando siamo a poco più della metà della stagione invernale, ha già visto le precipitazioni nevose più abbondanti degli ultimi cento anni. Circa una volta e mezza in più della norma climatica. Naturalmente il WWF Russia si dice convinto che il freddo e la neve siano causati dal caldo, cioè dal riscaldamento globale.

 

“Il tempo che abbiamo visto nell’ultimo paio di giorni rientra completamente nella tendenza che è stata identificta un paio di anni fa, ossia che vedremo precipitazioni molto più forti ed intense, “ha detto Alexei Kokorin, direttore del programma clima ed energia del WWF Russia. “In estate, probabilmente vedremo piogge più forti”.

 

Ci scappa quindi anche la previsione. Meglio così, avevamo capito che dopo l’ondata di calore del 2010, ovviamente anche quella causata dal global warming, in Russia non avrebbe più piovuto.

 

Se tutto va bene moriremo congelati no, affogati no, arrostiti no…fate voi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualitàMeteorologia

5 Comments

  1. donato

    Adesso che sugli USA si abbatterà la tempesta di neve del secolo avremo la conferma definitiva che il riscaldamento globale produce eventi estremi sempre più violenti (caldi o freddi, per lor pari sono) 🙂 .
    Ciao, Donato.

  2. Guido Botteri

    L’ondata di siccità in Russia era prova (dissero) del riscaldamento globale (e ne fecero gran clamore)…. ora dicono che lo stesso riscaldamento globale porterà “invece” piogge più forti
    ok, sia che avremo piogge più forti, o siccità, in Russia, la colpa sarà “comunque” del riscaldamento globale
    e come no ?
    La tripla, avete presente (nel totocalcio) ?
    Che veggenti…

  3. maurizio rovati

    Fa freddo perchè fa caldo, per negati (for dummies)

    Siccome siamo sbadati e non abbiamo cura di questo pianeta malato, abbiamo dimenticato aperta la porta del freezer. Sì, il paragone è questo, avendo lasciato aperto il freezer succede che il fresco scappa dal congelatore e si riversa in cucina. Temporaneamente farà freddo.
    Dunque per un po’ sentiremo fresco ma questo perchè al polo (nel freezer) sta affluendo il caldo che spinge il freddo verso di noi alle latitudini più basse.
    Questo farà scattare il termostato e partirà il motore che tenterà di riequilibrare la temperatura nel congelatore (ovvio no? basta prendere un qualsiasi mappamondo e la manopola del termostato e tutto il resto la si trova subito) ma così facendo il calore sottratto dalla motocondensante alla cella del freezer si riverserà, con un certo ritardo, in cucina con l’aggiunta del calore prodotto dal consumo di energia per far funzionare il motore.
    Ecco spiegato perchè fa freddo perchè fa caldo (for dummies).

    Parola di lupetto è tutto vero! 😉 Cioè, la vendono così…

Rispondi a maurizio rovati Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »