Salta al contenuto

“Chi inquina paga”, più che un principio è una fine

In questo video il comico Maurizio Battista cerca di far riflettere sul principio “chi inquina paga” (durata 1:01).

 

 

Uno dei pilastri fondamentali su cui poggia l’attuale ecologismo di stampo europeo è il famoso principio: “Chi inquina paga”; quello ad esempio per il quale chi ha i soldi e può pagare il ticket entra nella zona sottoposta ad ecopass mentre chi non può permetterselo rimane fuori e va con i mezzi o a piedi.

Risultato: per combattere lo smog chi può paga ed usa l’auto incontrando meno traffico, gli altri con meno disponibilità utilizzano altri mezzi. Effetto secondario dell’applicazione del principio alla lotta all’inquinamento è un introito per le casse “statali” o “locali”.  Ma se si tratta di inquinamento perché permetterlo pagando?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

4 Comments

  1. Non sono molto d’accordo… dipende dai casi. Se è inquinamento che provoca danni irreversibili, non bisogna permetterlo; se è inquinamento che provoca danni reversibili, si paga il costo degli interventi per rimediare. Il primo caso, però, spesso non è facilmente applicabile. Per esempio, le auto e il riscaldamento urbano inquinano e provocano danni alla salute; alcuni sono irreversibili, ma non possiamo rinunciare completamente alle auto o al riscaldamento (perché la rinuncia provocherebbe altri danni). Mi sembra ragionevole che ci sia quindi da pagare, per esempio, nelle aree a traffico limitato.

    Ovviamente sto parlando di inquinamento dimostrato, non di CO2.

    • Guido Botteri

      Metto in evidenza il tuo caveat:
      “Ovviamente sto parlando di inquinamento dimostrato, non di CO2.”
      … il principio in sé sarebbe giusto; è la sua applicazione che è una grossa ingiustizia, visto che si fa passare per “inquinamento” ciò che inquinamento non è.
      Secondo me.

    • Sì, ma non è né il principio né l’applicazione ad essere il problema: come tu dici il problema è la definizione di inquinante.

  2. donato

    Secondo me bisognerebbe cambiare il titolo:
    “Chi inquina paga”: più che un principio è un fine! 🙂
    Ciao, Donato.

Rispondi a Fabrizio Giudici Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »