Salta al contenuto

Ghiaccio sui grattacieli

L’immagine in testa a questo post l’ho presa da twitter (questa, invece l’origine vera e propria). Potrebbe sembrare una vignetta, in effetti lo è, ma i contenuti espressi sono tutt’altro che comici, perché hanno un fondamento scientifico piuttosto accurato derivato da una pubblicazione nella quale è stata studiata l’estensione della coltre glaciale che copriva l’emisfero settentrionale e, più specificatamente l’America settentrionale, durante l’ultima glaciazione.

 

L’argomento è interessante e capita a proposito nel recente dibattito alquanto leggero che abbiamo avuto su glaciazione sì, glaciazione no, ovvero nell’uso piuttosto improprio dello stesso termnine glaciazione per quello che, alcuni dicono ma staremo a vedere, potrebbe riservarci il futuro a medio termine (attenzione che il medio termine climatico non è detto che sia paragonabile con l’arco temporale di una vita).

 

Comunque, in modo assai diretto ed efficace, come solo l’uso delle immagini unito alla creatività può garantire, questa vignetta da’ l’idea di quante cose possano cambiare e quanto nel sistema pianeta, un sistema che alcuni pensano sia immutabile e, soprattutto benigno, almeno fino a che non avremmo cominciato a metterci del nostro. Da quei 1/2 km di ghiaccio su zone dove adesso ci sono dei grattacieli e nevica solo d’inverno, sono passati 21.000 anni, cioè, in termini climatici e di vita del pianeta, neanche un battito di ciglia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

6 Comments

  1. radiometeolibera tv

    dal 1 luglio al 31 luglio 2013 ultimo mese di programmazzione definitiva sulla rete RADIOMETEOLIBERA tV….al pomeriggio DIRETTA METEO..
    e dalle 20,35 alle 21,10 alessandra ci conduce nel suo editoriale CLIMATIC VISION

  2. giovanni pascoli

    Un applauso clap clap

  3. donato

    Verrebbe da dire: meno male che questo è “il periodo più caldo degli ultimi …. 17500 anni”! 🙂 🙂
    Ciao, Donato.

  4. Tore Cocco

    No ma dico, perché diavolo hanno disegnato lo spessore del ghiaccio in azzurro e il cielo bianco e non viceversa? 🙂

  5. Mario

    Speriamo che il “riscaldamento globale” tenga duro.
    🙂 🙂 🙂

  6. Anche in termini evoluzionistici, è un solo istante – con buona pace di chi si aspetta ecatombi delle specie

Rispondi a giovanni pascoli Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »