Salta al contenuto

Bacchettate insospettabili e quindi piuttosto dolorose

Nel gergo molto poco ortodosso della mia adolescenza più che una bacchettata, quella che James Hansen, policlimatologo attivista con il difetto di essere però anche realista, ha tirato al movimento ambientalista è una “scarpata al buio”. Viene da qui:

 

 

Sicché, aver usato la leva delle risorse rinnovabili anche per ammazzare lo sviluppo dell’energia nucleare e di altra energia idroelettrica porta ad una riduzione delle emissioni? Domanda imbarazzante, risposta scontata: no. E’ anche curioso come si possa usare il realismo dei numeri per confutare l’allarmismo climatico che convivono nella stessa persona, appunto James Hansen. Che però ottiene applausi a scena aperta nella veste di allarmista e viene sistematicamente ignorato nel suo alter ego.

 

Come ad esempio qualche anno fa, quando invitato a parlare dal WWF spiazzò tutti individuando proprio nel ricorso al nucleare il percorso da compiere per abbattere le emissioni di anidride carbonica (qui, e qui su CM). Silenzio in sala. Cherry picking? No, lo definirei piuttosto spirito di conservazione 😉

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

Un commento

  1. Guido Botteri

    Ricordo che quando venne in Italia, James Hansen già allora parlò a favore del nucleare, argomento che però sparì dal dettagliato resoconto degli ambientalisti….
    James Hansen è sempre stato coerente con le sue idee, per quanto non le condivida in toto.
    Non credo, personalmente, nella pericolosità del livello attuale della CO2, ma, chi ci crede, dovrebbe prendere atto che la sua sola via percorribile, con qualche speranza di un’azione concreta, è quella del nucleare.
    Secondo me.

Rispondi a Guido Botteri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »