Salta al contenuto

A proposito di eruzioni

Quella che si vede nelle spettacolari immagini generate dalla NASA non è un’eruzione, è un potenziale cataclisma, E avrebbe potuto esserlo davvero per la Terra se l’esplosione solare fosse stata orientata verso il pianeta quando è avvenuta.

Si tratta del 24 agosto scorso e il violento CME ripreso dai sensori del satellite STEREO-A è stato visto da una prospettiva insolita, non come lo si vedrebbe dalla Terra, ma alla parte ‘nascosta’ del Sole, perché in questo periodo ha le antenne orientate diversamente.

Qui sotto le immagini in cui si vedono le dimensioni della Terra rispetto all’evento e il paragone tra la vista dalla prospettiva terrestre e quella sul lato nascosto del Sole (ESA/NASA/SOHO/STEREO).

earth-flare-0903-14 comparison

Decisamente uno scampato pericolo. Qui trovate i nostri precedenti post in materia di Space Weather. Qui il post di WUWT che ha diffuso le immagini.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

7 Comments

  1. Steffi

    Il sito SolarHam mette un’altra tempestina in arrivo per oggi pomeriggio. Sperem ben.

    • Fabrizio,
      di seguito l’alert in corso di validità

      Space Weather Message Code: WARK04
      Serial Number: 2313
      Issue Time: 2014 Sep 11 2317 UTC
      WARNING: Geomagnetic K-index of 4 expected
      Valid From: 2014 Sep 11 2330 UTC
      Valid To: 2014 Sep 12 2300 UTC
      Warning Condition: Onset
      Potential Impacts: Area of impact primarily poleward of 65 degrees Geomagnetic Latitude.
      Induced Currents – Weak power grid fluctuations can occur.
      Aurora – Aurora may be visible at high latitudes such as Canada and Alaska.

      Viene da qui: http://www.swpc.noaa.gov/alerts/warnings_timeline.html
      E’ comunque un K4, cioè evento debole, il più basso della scala.
      gg

    • Fabrizio,
      qui c’è un poster con i potenziali impatti di dei CME.
      Qui invece il sito della NOAA con il materiale istruzionale.
      gg

  2. A. de Orleans-B.

    Confesso che un paio di conti “a spanne” mi interesserebbero molto:
    .
    1. Qual’è l’angolo solido che racchiude questo tipo di eiezioni?
    2. Che frazione rappresenta dell’angolo solido totale 4PI?
    3. Quale frequenza temporale potremmo assegnare a questi fenomeni in base alle osservazioni?
    4. Ergo, ogni quanto tempo potremmo stimare di esserne investiti?
    .
    Conti che presumo qualcuno avrà già fatto e pubblicato – ma non sono riuscito a trovarli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »