Vulcani, qualche riga di codice e il problema è risolto. Offre la Volkswagen?

Non so se ci sia di mezzo anche il biossido di zolfo nel volkswagengate che impazza negli ultimi giorni. Essendo anche un residuato della combustione di fonti fossili è probabile di sì. Ma è facile che ai piani alti del colosso automobilistico tedesco qualcuno accoglierà questa notizia con un sorriso amaro, se avrà avuto tempo di leggerla.

Sembra che l’eruzione del vulcano islandese Bárðarbunga (nome che ho rinunciato a pronunciare dopo aver rischiato di finire dal logopedista) abbia prodotto tanta lava, nei sei mesi che è durata, da coprire per intero un’area grande come Manhattan. Roba da far invidia al distacco di un ghiacciaio… Comunque, la combustione di quella lava, ha liberato in atmosfera nei primi giorni dell’eruzione una quantità di biossido di zolfo pari alla quantità dello stesso inquinante prodotta dall’intero comparto industriale europeo.

Sicché un capriccio della Natura, perché questo sono le eruzioni, per di più assolutamente imprevedibili, inevitabili e inarrestabili, fa in un batter di ciglia gli stessi ‘danni’ all’atmosfera che noi altri formiche umane facciamo sbattendoci a destra e a manca in tutta Europa. Solo che nessuno lo sa, forse perché le misure le fanno fare alle case automobilistiche ;-). Inolte, per quanto forte, l’eruzione del Bárðarbunga non resterà nella storia, perché di questi capricci ce ne sono stati di ben peggiori.

Intendiamoci, non è che produrre biossido di zolfo e innumerevoli altre sostanze tossiche a nastro faccia bene. Forse però questa è un’informazione che serve a dare un’idea delle proporzioni in quei giorni in cui capita di sentirsi un po’ troppo al centro del mondo, come per esempio quelli che vivranno sherpa, leader politici, delegati e attivisti di vario genere che si riuniranno a Parigi il prossimo dicembre.

La notizia è su Science Daily. Il paper, uscito sul Journal of Geophysical Research – Atmosphere, è invece questo qui: Satellite detection, long-range transport, and air quality impacts of volcanic sulfur dioxide from the 2014–2015 flood lava eruption at Bárðarbunga (Iceland).

Enjoy

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

2 Comments

  1. Potremmo investire qualche fantastiliardo per mettere il filtro a ‘sti maledetti vulcani ! (possibilmente non tarocco)
    🙂

    Post a Reply
    • Nooooo!!!! Per favore, togliete subito questo commento!!!! Non sia cosa che qualche ‘amante di gaia’ lo legga e lo proponga veramente. 😀

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »