Salta al contenuto

Un giro sul Foglio e uno sul Fatto

Oggi leggiamo due articoli, usciti entrambi domenica scorsa, uno sul Foglio e uno sul Fatto. Vale a dire, il diavolo e l’acqua santa, nell’ordine che preferite. Sono entrambi dei relata refero, nel primo caso del libro appena uscito a firma di Mario Giaccio, “Climatismo” (21mo Secolo), nel secondo dello studio di due ricercatori dell’Università di Stanford, che hanno realizzato delle proiezioni sul mix energetico utile ad ottenere per il 2050 il 100% della sostenibilità del fabbisogno energetico di tutti i paesi che si stanno confrontando con la fine del mondo in quel di Parigi.

Questo l’incipit del primo:

I nostri antenati si lamentarono dei loro giorni, e gli avi loro si lamentarono dei loro giorni. A nessun uomo sono mai piaciuti i giorni della sua vita. Piuttosto, ai posteri piacciono i giorni degli avi (…). Ogni anno, quando sentiamo freddo, di solito diciamo: ‘Non ha mai fatto un freddo così’; e se sentiamo caldo diciamo: ‘non ha mai fatto un caldo così

Vi dice nulla? E’ Sant’Agostino, evidentemente uno che di clima che cambia se ne intendeva già parecchio tempo prima che qualcuno inventasse i cambiamenti climatici.

Per il secondo vi propongo un’immagine:

Mix 2050

Fermo restando che, attualmente e secondo questo studio, siamo al 27° posto nella classifica della corsa ad un mix energetico carbon-free, sembra che nel 2050 avremo avremo il 63% del fabbisogno assicurato da centrali solari, più un altro 12,6% prodotto da pannelli sui tetti degli edifici sia pubblici che privati. Attenzione però, perché l’efficienza energetica farà diminuire il fabbisogno rispetto ad oggi, addirittura un -34%. Per quale motivo fino ad oggi l’aumento dell’efficienza abbia accompagnato un aumento della domanda non è dato saperlo ma, tant’è.

Comunque, ogni promessa è debito.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAmbienteAttualità

7 Comments

  1. Rinaldo Sorgenti

    A molti, purtroppo, risulterà difficile distingue tra chi interpreta “il diavolo” e chi “l’acqua santa”, tanta è la strumentalizzazione su questi temi.

    Grazie all’autore di quel testo, all’editore di 21.mo Secolo ed al Foglio che dimostra di non essere piegato al sensazionalismo emotivo e fuorviante abituale dei media.

    • Rinaldo Sorgenti*

      “Non è per il gran numero di scienziati. Dopo tutto, la scienza non è diretta da sondaggi.”: Oh, bella, e chi l’avrebbe mai detto?
      Infatti, per riferirsi alla teorica maggioranza, interpretano in maniera fuorviante anche quelli!

    • Giancarlo

      E’ la prima volta che capito su questo sito, su indicazione di un amico, interessato ad approfondire le tematiche del clima globale.Sono un fisico e mi sono sempre occupato di argomenti diversi dal clima. E’ presto perché possa fare delle affermazioni meditate e basate su informazioni accurate e multiple, tuttavia alcune considerazioni ritengo possa farle. Ho letto i due interventi citati nei commenti a questo articolo (Zichichi e Le Scienze) ed i vostri commenti che li contrapponevano. A me è sembrato evidente, al contrario, che non c’è alcun elemento fattuale di contraddizione tra i due articoli, a parte il “non detto”, il “lasciato intendere”, il proposito a cui “probabilmente” i due autori mirano, da parti opposte, di convincere il lettore delle loro idee (o ideologie). Le affermazioni di Zichichi sono condivisibili, e condivise, da parte non del 97% degli scienziati ma del 99% di essi. Egli dice in sostanza che le previsioni a medio e lungo termine sul clima non hanno senso e inoltre chela CO2 è essenziale per la vita sulla terra. Assolutamente d’accordo.
      Cosa dice l’articolo delle Scienze? Che l’aumento della temperatura (globale non in qualche città) misurato negli ultimi 200 anni è di origine antropica. Questa affermazione non è certo in contraddizione con le affermazioni di Zichichi ed è sostenuta da correlazioni piuttosto evidenti (qui mi sbilancio un po’ visto ciò che ho studiato finora, ma sono pronto a considerare altri approfondimenti e a prenderne atto senza pregiudizi). Il resto è solo inferenza sia da una parte che dall’altra. Farà male più CO2? Farà bene? Se la temperatura continua ad aumentare andremo incontro a cataclismi o verso un miglioramento generale delle condizioni di vita sulla terra? Non so rispondere e dubito che Zichichi o Shermer possano farlo in buona fede.

    • Il punto è che per come si prospettano le policy attuali entrambe le tesi, pur se vere, non possono coesistere 😉
      gg

    • Rinaldo Sorgenti

      Io, invece, suggerirei a Papa Francesco di riceverlo e farci una bella chiacchierata, per capire come e quanto sia stato fuorviato da chi pare l’abbia aiutato per la sua enciclica. Grazie Prof. Zichichi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »