Salta al contenuto

E’ successo di nuovo

In Italia lo abbiamo saputo da corriere.it, tra l’altro a pagamento, ma può darsi che nei prossimi giorni la notizia faccia qualche passetto. All’estero ci ha pensato il Daily Caller. In breve, estate quasi finita, ghiaccio polare ai minimi stagionali, occasione ghiotta per fare un po’ di propaganda avventurandosi tra iceberg e lastroni per far vedere a tutto il mondo quanto poco ghiaccio sia rimasto. E, puntualmente, restano incastrati, perché di ghiaccio ce n’è troppo.

Prima o poi qualcuno si farà male. Sperando che non accada mai, continuiamo a sollazzarci con la dissonanza cognitiva che genera questo attivismo dagli effetti…agghiaccianti  😉

NB: Grazie a Fabrizio per la segnalazione

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

6 Comments

  1. Luigi Mariani

    Gli esempi di tale atteggiamento mentale autolesionistico frutto delle mode sono innumerevoli: io cito spesso quello delle sei palme da datteri (che non costano poco…) piantate nelle aiuole che ricoprono un nuovo parcheggio sotterraneo realizzato non lontano della mia abitazione a Milano e stecchite con la gelata del 2012 (tutte tranne una che ha prodotto un ricaccio stentato), il che peraltro ci dimostra che la fisiologia vegetale non è assoggettabile al gusto degli architetti.
    Il timore è che si incominci a pensare che gli inverni di una volta non ci sono più e si inizi a lesinare sulle scorte di combustibile o di sale.
    Io continuo a sperare che nessuno si faccia del male anche se gli esempi del passato tratti da importanti lavori di climatologia storica (di le Roy Ladurie, lamb e altri) non ci inducono certo all’ottimismo.

    • Fabrizio Giudici

      Non penso che si faranno male. Dovessero passarsela molto male li soccorreranno con un aereo o un elicottero a energia solare.

    • Luca Maggiolini

      Allora sono spacciati davvero….

    • maurizio rovati

      Cibo per orsi in estinzione…

      Mandare subito in soccorso un bel rompighiaccio vegano a olio di soia.

  2. Fabrizio Giudici

    Per tutto il resto c’è quella famosa carta di credito, ma vedere un ambientalista marinaio che si sveglia la mattina alle 8, sale sul ponte ed esclama “Ghiaccio, ghiaccio e ancora ghiaccio di merda!” non ha prezzo…

Rispondi a Luigi Mariani Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »