Salta al contenuto

Via il ghiaccio, su le Alpi

Una breve incursione nel campo della Geologia, sperando che i numerosi esperti del settore che frequentano queste pagine vogliano darci il loro parere.

Su Nature Communication è uscito uno studio che, diversamente da quanto si pensava, attribuisce la crescita in altezza delle Alpi – ancora dell’ordine di 1 o 2 millimetri all’anno – alla diminuzione della pressione esercitata dal ghiaccio. Alla fine dell’ultima glaciazione, in questo studio identificata in 18.000 anni fa, il ghiaccio diminuì dell’80% in ‘soli’ 3.000 anni. Il movimento verticale attuale sarebbe la risposta a questa diminuzione e non, o comunque in misura molto maggiore, lo spostamento verso valle dei sedimenti.

Glacial isostatic uplift of the European Alps

Movimenti isostatici a parte, giusto per tornare in un territorio a noi più congeniale, a nessuno viene in mente che l’interglaciale è ancora in corso e quindi che il ghiaccio deve per forza continuare a diminuire di volume?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »