Il banchetto del climate change

Per chi fosse ancora convinto che la querelle sul clima che cambia è una mera discussione tra strani personaggi col farfallino, è bene ricordare che una delle componenti chiave dell’accordo di Parigi del 2015, che si sta cercando di far passare dal virtuale al reale nella COP22 in corso a Marrakech, richiede, testualmente “l’accentuazione della comprensione, azione e supporto per le perdite e i danni associati al climate change”.

Nella lunga serie di articoli dedicati all’accordo di Parigi, l’amico Donato Barone (che segue per noi anche la COP22) è tornato più volte sull’argomento. In sostanza si tratterebbe di identificare dei meccanismi di reperimento di enormi quantità di denaro a disposizione delle OG che operano in campo ambientale e climatico (pare non ne abbiano già abbastanza) per intervenire a supporto di azioni di adattamento al clima che cambia o di recupero da situazioni emergenziali.

Ecco quindi che un gruppo di ricercatori propone un paper “Financing options for loss and damage: a review and roadmap” per identificare le ‘pietanze’ del banchetto a cui tutti gli operatori del settore sono invitati.

Si va da meccanismi assicurativi a emissione di bond di varia natura per alimentare fondi di investimento (perché, si sa, l’investitore vuole diversificare il rischio), alle tasse sui voli internazionali o quelle più prosaiche applicate direttamente sui carburanti, per finire con la madre di tutte le gabelle, una tassa globale sull’estrazione di fonti fossili.

Mi sa che conviene provare a farsi invitare al banchetto…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

2 Comments

  1. Caro Guido, gli è che, nonostante tutti gli sforzi fatti, la green economy non sta in piedi sul piano economico senza massicce iniezioni di denaro pubblico che economie a crescita omeopatica come le nostre fanno sempre più fatica ad elargire. A questo punto l’unica cosa che resta da fare è organizzare una sorta di “spaccio delle bestia trionfante” ai danni del capitalismo in affanno, cui seguirà ovviamente l’immancabile età dell’oro.
    Questa a mio avviso l’idea di fondo, nella quale colgo un fastidioso deja vu rispetto a ideologie nate ed affermatesi fra 19° e 20° secolo, il che tuttavia costituisce un problema solo per i pochi che ricordano e non tange le generazioni più giovani, la cui memoria storica non si spinge ad ovest di internet.
    Luigi

    Post a Reply
  2. Massì, dai, qualche altro bel derivato tossico, che non se ne ha mai abbastanza e ce n’è pochi in giro….. Olè!!!

    Post a Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Il banchetto del climate change | NoGeoingegneria - […] FONTE http://www.climatemonitor.it/?p=42719 […]

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »