Franco Prodi: Ma quali Bombe d’Acqua, la soluzione è il Nowcasting

Bé, questa mi era sfuggita. L’11 settembre scorso il prof. Franco Prodi ha rilasciato un’intervista a Il Mattino che, non gridando ad alcuna catastrofe imminente, è naturalmente passata inosservata.

Erano i giorni in l’uragano Irma si avviava alla dissipazione, dopo aver fatto scempio delle isole caraibiche ed aver colpito, per fortuna soltanto di striscio, anche la California Florida. Ma anche i giorni (9-10 settembre) in cui arrivava il tragico evento alluvionale della città di Livorno. Nella melassa di ignoranza, disinformazione, allarmismo ingiustificato e, spesso, anche cialtroneria che caratterizza i commenti a questi eventi, l’intervento del prof Prodi è, per ragionevolezza e conoscenza della materia, come una boccata d’aria fresca.

Gli higlights:

  • Le bombe d’acqua non esistono né sono mai esistite, si tratta di eventi tipici del nostro territorio
  • La soluzione, piuttosto che nei modelli previsionali, che guardano a scale temporali più lunghe di quelle a cui si verificano le precipitazioni alluvionali, è nei sistemi osservativi ad alta tecnologia e nell’organizzazione della catena di allertamento
  • L’incrocio dei dati meteorologici con quelli idrologici può fornire ai decisori le informazioni adeguate per ottimizzare gli interventi
  • Il clima non è impazzito, né l’Italia sta diventando un paese tropicale: le leggi della fisica restano sempre le stesse e nelle serie storiche nazionali non c’è traccia di aumento di questo genere di eventi

Ringrazio l’amico Luigi Mariani per la segnalazione, il resto lo trovate qui. Buona lettura.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

6 Comments

  1. L’alluvione che ha colpito Livorno e’ passata a meno di cinquecento metri dalla costa ligure. Ho fotografato la tempesta dalla terrazza di casa a Corniglia ( perdonate la qualità dell’ immagine)
    Anche con radar e modelli prevedere dove avrebbe colpito lo ritengo molto difficile. Io ero perfettamente all’ asciutto quella sera. I sistemi previsionali liguri davano un allerta arancione quelli toscani verde

    Immagine allegata

    Post a Reply
    • Sicuro che la perturbazione sia tutta lì? Perché io quella sera guardavo le mappe in tempo reale dei fulmini (che poi non coincidono totalmente con le precipitazioni, quindi è chiaro che sto parlando con grande approssimazione), ma a un certo punto mi son detto: noi ce la sfanghiamo, ma va a sbattere sulla costa toscana; il grosso dei fulmini era molto più a sud. Ora, siccome io capisco poco e niente, la conclusione che trassi era che se guardando la mappa io, che ne capisco poco, a Livorno mi sarei preoccupato, forse un meccanismo di allerta gestito da esperti potrebbe veramente fare qualcosa di utile.

    • E’ solo la coda, la perturbazione ha iniziato a passare ace 17 ed ha finito oltre le 20

  2. Cose troppo ovvie e – soprattutto – soluzioni pratiche alla portata dei nostri politici (nowcasting, sistemi efficaci di allerta). Ovvio che bisogna troncare e sopire.

    Post a Reply
  3. Ecco, diciamo che l’uragano Irma fossa passato dai Caraibi alla California sarebbe stato un evento VERAMENTE notevole 😉

    Post a Reply

Rispondi a Fabrizio Giudici Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »