Salta al contenuto

Le Previsioni di CM – 2/8 Marzo 2020

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Il fronte polare si è finalmente portato a latitudini inferiori, fino alle porte del Mediterraneo dove in queste ore avanza una vasta conca depressionaria che pilota aria polare marittima dalla Groenlandia fin sul Golfo di Biscaglia. Alta pressione sulla Russia europea, il flusso secondario si mantiene su latitudini subtropicali (Fig.1).

L’evoluzione sinottica nel corso della settimana sarà piuttosto lenta, per l’opposizione offerta dalla cellula anticiclonica sulla Russia. L’Italia resterà quindi esposta all’ingresso di ulteriori impulsi di aria fredda e instabile dal nord Atlantico, in un contesto decisamente dinamico e fresco, dopo tante settimane di calma atmosferica.

Da segnalare il ritorno in grande stile delle precipitazioni, in particolare sui settori settentrionali dove non mancheranno nevicate abbondanti sulle Alpi dalle quote medie. La risposta del tempo atmosferico alle solite clima-cazzate dei giornaloni italiani che in piena emergenza corona-virus non hanno trovato di meglio che buttarsi su una inesistente emergenza-siccità al Nord Italia. Dimentichi delle abbondanti precipitazioni nevose di inizio inverno sulle Alpi, e ignari del fatto che l’inverno segna il minimo stagionale delle precipitazioni sulle regioni settentrionali italiane, Alpi comprese.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì nuvolosità in rapido aumento al Nord con piogge, rovesci, temporali e nevicate sulle Alpi al di sopra dei 1200 metri, abbondanti sui versanti centro-orientali. Aumenta la nuvolosità anche al Centro con precipitazioni diffuse ma ombra pluviometrica sulla costa adriatica. In serata le precipitazioni raggiungono anche Campania e Sicilia.

Temperature in diminuzione nei valori massimi al Nord. Venti tesi dai quadranti meridionali ovunque. Rinforzi di libeccio sui versanti tirrenici e di scirocco sul basso Adriatico.

Martedì ampie schiarite al Nordovest dal mattino, instabilità sul Nordest con precipitazioni sparse e residue nevicate sulle Alpi. Al Centro nuvolosità irregolare con qualche precipitazione sparsa più probabile sule zone interne. Instabile al Sud con precipitazioni diffuse sui settori tirrenici al mattino, e temporali sul Salento con tendenza a miglioramento in serata. Ombra pluviometrica su costa molisana e Puglia centro-settentrionale.

Temperature in sensibile diminuzione ovunque. Irrompe il maestrale sul Tirreno.

Mercoledì ampie schiarite al Nord, ma nuvolosità intensa sull’Emilia-Romagna con piogge diffuse e nevicate sull’Appennino a quote relativamente basse. Rovesci e temporali diffusi su Sicilia e Calabria tirrenica al mattino, in attenuazione nel corso della giornata. Sulle restanti regioni generalmente asciutto. In serata migliora ovunque.

Temperature stazionarie. Venti ovunque di maestrale.

Giovedì nevicate sui crinali alpini di confine, nuvolosità in aumento sulla Toscana con precipitazioni in particolare sulla Versilia. In serata nubi e precipitazioni sparse si estendono all’Umbria e alle Marche.

Temperature in aumento, sensibile sui versanti tirrenici. Entra il libeccio sul Tirreno centro-settentrionale.

Venerdì nubi e piogge diffuse al mattino al Nord, con nevicate sulle Alpi alle quote medie. In giornata peggiora ulteriormente con precipitazioni diffuse, anche intense ed abbondanti ed estensione dei fenomeni alle regioni centrali. Nella notte le preciptazioni raggiungono anche il Meridione, settori tirrenici.

Temperature in ulteriore aumento su regioni adriatiche e al Sud. Venti forti dai quadranti occidentali sul Tirreno, scirocco intenso sull’Adriatico.

Sabato generali condizioni di instabilità su tutto il Paese con precipitazioni sparse. Schiarite più ampie ad iniziare dal Nordovest. Domenica persiste instabilità sulle regioni meridionali con le schiarite che si affermano anche al Centro.

Temperature in sensibile diminuzione. Venti tesi di maestrale.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

2 Comments

  1. Lorenzo

    Vabbè dai. era da 70 giorni che non vedevo una goccia di pioggia a Torino. Un po’ di enfasi ci può anche stare dopo un tiepido inverno fatto di inversione termica/fohen-inversione termica/fohen e valori di PM2.5 e PM10 alle stelle.

    • David

      …speriamo una lunghissima enfasi piovosa e fredda che includa anche parte dell’estate…ad maiora!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »