Salta al contenuto

Dov’è il termostato?

Oggi, l’alleanza degli stati delle piccole isole (Alliance Of Small Island States, AOSIS) ha dichiarato1 che non accetterà accordi che prevedano aumenti di temperatura superiori agli 1.5°C. Questo, incidentalmente, rende inadeguato il precedente target di 2°C. Ammesso che questa alleanza tra isole abbia un qualche peso politico. Ammesso anche che si trovi il termostato per impostare la temperatura del pianeta Terra. Anni e anni di stravaganze serriste hanno instillato nella mente delle persone (e i politici non sono da meno) la possibilità di girare una rotellina per poter decidere la temperatura terrestre.

Per capirci, il target a 1.5°C prevede un cap sulla concentrazione di CO2 pari a 350 ppm.

L’AOSIS fa parte del G77, guidato dalla Cina che, insieme all’India, si è subito detta dubbiosa sulle richieste avanzate dai rappresentanti delle piccole isole (in totale 43). Dal canto suo, l’AOSIS è supportata da altre 44 nazioni, tutte estremamente poco sviluppate. Alla prova dei fatti, le 43 isolette e i loro 48 sostenitori, semplicemente, potrebbero non avere il peso politico necessario.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
  1. http://www.guardian.co.uk/environment/2009/dec/10/copenhagen-climate-change []
Published inCopenhagen

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »