Salta al contenuto

British Bias Corporation

[photopress:Gore.jpg,thumb,pp_image]Qualche giorno fa il mondo ha riscoperto la Niña. La monellaccia, raffreddando a più non posso la superficie dell’Oceano Pacifico orientale ha rinfrescato tutto il pianeta e, almeno per un pò, addio riscaldamento globale. Avremo una primavera piovosa ed un’estate tiepida, hanno tuonato i media. Beati loro che lo sanno, beati noi se sarà così. Nel frattempo le previsioni stagionali continuano ad indicare che invece le temperature saranno leggermente sopra la media e che di pioggia ne vedremo pochina. Una noia mortale.

Ma che succede? si è invertita la tendenza a tal punto che una previsione di raffreddamento fa più notizia delle solite “affidabili” previsioni stagionali? No, semplicemente si opta per la migliore delle previsioni: ha fatto fresco fino ad ora e così continuerà a fare. Si chiama persistenza, la tecnica di previsione più affidabile. Tanto che probabilmente andrà così. Fresco e umido, come in questi giorni. Diamo atto ai media Italiani di aver pubblicato la notizia così com’era, un semplice lancio d’agenzia di una dichiarazione del Segretario Generale dell’Organizzazione Meteorologica Mondiale (WMO). Però c’è chi ha fatto molto meglio, cogliendo al volo l’occasione per fare una figura da niente che la dice lunga su quanto possa essere “pilotata” una certa informazione.

La BBC ha pubblicato recentemente sul web un editoriale di Roger Harrabin, una delle firme più equilibrate. In pratica è lo stesso articolo che abbiamo letto su molti giornali Italiani, però dietro questo pezzo c’è qualcosa cha ha dell’incredibile. Quella che potete leggere dal link è la versione riveduta e corretta di un primo pezzo rimasto in linea solo poche ore nel quale si leggevano delle “imprudenti” e scandalosamente “scettiche” considerazioni dell’autore sul recente raffreddamento e, soprattutto sul fatto che da una decina d’anni il GW si è preso le ferie.

Il testo prima:

[…]Questo potrebbe significare che le temperature hanno smesso di crescere dal 1998, sollevando qualche quesito sulla teoria del cambiamento climatico. Ma gli esperti dicono che siamo ancora chiaramente in un lungo periodo di riscaldamento – e prevedono un nuovo record delle temperature nei prossimi cinque anni[…]

 E quello poi:

[…]Ma le temperature di quest’anno saranno ancora molto al di sopra della media – e presto sarà superato il record del 1998 a causa del riscaldamento globale causato dai gas serra[…].

Un capolavoro. E questo non è tutto, una parolina qui, un’altra lì e la musica è cambiata. Tutto ciò perchè appena l’articolo è stato pubblicato nella sua prima versione, si è scatenato un inferno di commenti dell’esercito dei buoni; in particolare una agguerrita attivista ha avuto un fittissimo scambio di messaggi con lo stesso autore dell’articolo, il quale ha prima resistito un pò, poi ha gettato la spugna ed ha rimesso le mani al testo. La BBC ha confermato il traffico dei messaggi, se non ci fosse da piangere ci sarebbe da morire dal ridere. Ne potete leggere un estratto qui. Uno scambio di battute di 90 minuti circa perchè uno dei media più importanti del pianeta si piegasse. Ma non con una rettifica, che vuoi, sono cose che succedono. Una censura, testo cambiato e olè, speriamo se ne siano accorti in pochi.

Non ho parole.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

2 Comments

  1. alessandrobarbolini

    veramente senza parole..qualunque cosa accada ,lo si ricongiunge all,effetto serra …state attenti perche se salta per terra il porta sapone dalla doccia ,l,imputato potrebbe finire per essere il famigerato effetto serra..

  2. Antonio Marino

    Poco da aggiungere, senza parole è la soluzione MIGLIORE.
    Approfitto dello spazio per dire che SENZA PAROLE sono da ieri sera, quando alla trasmissione TV “il senso della vita” ho semntito una affermazione di Mario Capanna, POLITICO. Durante una discussione di pura argomentazione politica, che fa, passa a parlare dei CAMBIAMENTI CLIMATICI, asserendo che gli unici colpevoli del GW siamo solo NOI considerato che all’influenza delle cause artopiche nei cambiamenti climatici attribuisce un bel 90%,come fonte cita circa 2500 scienziati…dell’ IPCC…ci si batte per una giusta e corretta informazione, ma i risultati sono questi…SENZA PAROLE…
    Un cordiale saluto
    Antonio Marino

Rispondi a Antonio Marino Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »