Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Il “Raddoppio” dei Disastri Naturali

Posted by on 06:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 1 comment

Il “Raddoppio” dei Disastri Naturali

Distorcendo i dati si terrorizza la popolazione mondiale, proprio come profetizzato nel romanzo di Michael Crichton “Stato di paura”

di Gianluca Alimonti e Luigi Mariani

Premessa

Il 13 ottobre, in occasione della Giornata internazionale per la riduzione del rischio di catastrofi, è uscito il report ONU “Human cost of disasters – An overview of the last 20 years 2000-2019”, fondato su dati che provengono dal dataset EM-DAT del CRED (Center for Research on the Epidemiology of Disasters) dell’Università cattolica di Lovanio in Belgio. Per far comprendere al lettore il tono del messaggio che l’ONU ricava dall’analisi condotta, riportiamo qui di seguito la traduzione in lingua italiana dell’introduzione, firmata dagli autori Mami Mizutori (Special Representative of the Secretary-General for Disaster Risk Reduction and Head of the UN Office for Disaster Risk Reduction) e Debarati Guha-Sapir – Professor, Centre for Research on the Epidemiology of Disasters, Institute of Health and Society, UCLouvain, Belgium).

Nei primi vent’anni da questo nuovo secolo il rischio di disastri ha assunto nuove modalità e dimensioni a ogni anno che passa. I disastri non hanno atteso il proprio turno e un rischio crescente è ad essi interconnesso. I fattori di rischio e le conseguenze si stanno moltiplicando con un effetto a cascata che li interconnette in modi imprevedibili. Dobbiamo disporre di strategie nazionali e locali per la riduzione del rischio di catastrofi che siano adeguate allo scopo. L’impegno politico, le strategie e la pianificazione degli scenari non sono mai stati così importanti come oggi per la gestione del rischio di catastrofi.

Anche se questo rapporto si concentra principalmente sull’incredibile aumento dei disastri legati al clima negli ultimi vent’anni, si propone altresì di stimolare il rafforzamento della governance del rischio di catastrofi per l’intera gamma di disastri naturali e antropici, inclusi quelli ambientali e tecnologici e biologici.

Nel breve termine, le agenzie di gestione dei disastri sono riuscite a salvare molte vite attraverso una sempre più elevata preparazione e dedizione del personale e dei volontari. Tuttavia la probabilità di disastri continua a crescere e ciò in particolare per effetto delle nazioni industriali che stanno fallendo miseramente nella riduzione della serra emissioni di gas a livelli commisurati all’obiettivo desiderato di mantenere il riscaldamento globale a 1,5 ° C come stabilito nell’accordo di Parigi.

Allo stesso tempo, quasi tutte le nazioni non sono riuscite a prepararsi adeguatamente per prevenire l’ondata di morte e malattia scatenata in tutto il mondo dalla pandemia COVID-19 nonostante i molti stimoli a farlo da un pletora di esperti tra cui OMS, UNDRR e altri.
È sconcertante che continuiamo volontariamente e consapevolmente a gettare i semi della nostra stessa distruzione, nonostante la scienza ci stia provando che stiamo trasformando la nostra unica casa in un inferno inabitabile milioni di persone.

Occorre una vera governance se vogliamo liberare questo pianeta dal flagello della povertà, dall’ulteriore perdita di specie e di biodiversità, dall’esplosione del rischio urbano e dalle peggiori conseguenze del riscaldamento globale.

La Giornata internazionale per la riduzione del rischio di catastrofi di quest’anno, il 13 ottobre, è interamente incentrata sulla governance del rischio ed occorre dare un particolare  risalto alle parole del Segretario generale delle Nazioni Unite: “Se non cambiamo rotta entro il 2020, rischiamo di superare il limite oltre il quale non potremo più evitare il cambiamento climatico incontrollato, con conseguenze disastrose per le persone e tutti i sistemi naturali che ci sostengono”. Deve arrivare un cambiamento. Ci auguriamo che questo rapporto aggiunga peso all’argomento a favore dell’azione sul clima e il rafforzamento generale della governance del rischio di catastrofi.”

Tale introduzione  è stata abbondantemente ripresa dalla stampa e dai media che hanno sottolineato il fatto che i disastri naturali sono praticamente raddoppiati nel 2000-2019 rispetto al 1980-1999, fatto evidenziato nella figura 1 del report. Ma se questo è vero sul piano meramente numerico proviamo a ragionare un poco più a fondo sulle serie storiche per vedere se l’allarme lanciato dall’ONU abbia o meno fondamento.

Una analisi dei dati presentati nel report ONU

La tabella 1 riporta in azzurro i dati riportati nella figura 1 del rapporto ONU e in nero le nostre elaborazioni.

 

Anzitutto è chiaro a tutti che le perdite economiche debbono essere normalizzate: se infatti vi è più ricchezza le perdite sono maggiori. In tal senso si è utilizzato il prodotto lordo dell’economia mondiale espresso in trilioni di US$ (fonte: World GDP over the last two millennia ). La media del periodo 2000-2019 è praticamente raddoppiata rispetto a quella del 1981-1999, passando da 46.9 a 93.3 trilioni (+99%), per cui le perdite economiche normalizzate al periodo 1981-1999 si sono ridotte del  9%.

Analogamente si può procedere con la popolazione mondiale, che nel ventennio 2000-2019 risulta mediamente di 6,9 miliardi contro i 5,5 miliardi del ventennio 1981-1999. Le perdite di vite umane normalizzate al periodo 1981-1999 si sono ridotte del 25% e le persone colpite si sono ridotte dell’1%.

A questo punto passiamo ad analizzare il numero di disastri naturali. Al riguardo la figura 1 è più che mai eloquente, in quanto ci indica che i disastri naturali salgono fino a metà anni 90 e poi diventano stazionari o appaiono in lieve calo. La crescita registrata fino agli anni ’90 dipende a nostro avviso da:

  1. maggiori capacità di monitoraggio (una volta molti fenomeni accadevano senza che ce ne accorgessimo mentre oggi con satelliti, cellulari, ecc. si documenta assai meglio il tutto). Tale problematica è peraltro da tempo nota agli esperti, come chiaramente evidenziato dal giornalista scientifico Andrew C. Revkin in un post del 2009 (https://dotearth.blogs.nytimes.com/2009/02/23/gore-pulls-slide-of-disaster-trends/)
  2. aumento della popolazione e dei beni esposti, non solo perché determina la necessità di rinormalizzare i danni umani ed economici, come dianzi fatto, ma perché spinge ad incrementare ulteriormente il numero di disastri segnalati (se un’alluvione ha luogo in una landa totalmente disabitata è altamente improbabile che la stessa venga segnalata).

Figura 1 – Disastri naturali suddivisi per tipologia dal 1970 al 2019 (fonte CRED – EM_DAT).

Figura 2 – Mortalità conseguente ai disastri naturali. Valori per decade (fonte CRED – EM_DAT).

L’attuale fase di decrescita nel numero di eventi estremi

Veniamo infine ad analizzare la decrescita in atto da fine anni 90 ad oggi. Per fare ciò sono stati considerati i dati sui disastri totali presentati nel diagramma in figura 5 del report ONU e li si è analizzati applicando il test di Mann Kendall del software Makesens. Il risultato è che, nonostante le maggiori capacità di monitoraggio e la maggior quantità di beni esposti, il trend è negativo con un confidenza del  99%.

Conclusioni

In sintesi dunque il periodo 2000-2020 mostra il calo dei disastri naturali, delle perdite di vite umane e dei danni economici mentre il messaggio che è stato diramato coram populo dal’ONU è stato di segno totalmente opposto. Possibile che si stia manifestando quanto descritto nel romanzo di fantascienza “Stato di paura” di Michael Crichton? Concludiamo rilevando che il significativo calo nel numero dei disastri naturali attesta a nostro avviso il fatto che il clima non sia affatto impazzito e che al contempo le attività di prevenzione stanno dando frutti importanti.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

E’ nato prima l’uovo o la gallina?

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 13 comments

E’ nato prima l’uovo o la gallina?

Questo dilemma risale alla notte dei tempi e, pur essendo stato chiarito dalla biologia, continua a far parte dell’immaginario collettivo come esempio di un qualcosa che non riusciamo a decidere.

In ambito climatologico esiste un problema simile e riguarda la dipendenza della temperatura media globale dalla variazione della concentrazione di diossido di carbonio nell’atmosfera terrestre. E’ opinione diffusa che sia la concentrazione di anidride carbonica nell’atmosfera a determinare la temperatura del nostro pianeta, ma esistono delle linee di pensiero minoritarie che invertono il rapporto di dipendenza: è la temperatura che determina l’aumento della concentrazione di CO2 atmosferica e non viceversa. Personalmente mi riconosco nella linea di pensiero principale, in quanto è ben chiaro il processo fisico che conosciamo con il nome comune di effetto serra. Ciò che mi allontana dalla linea di pensiero principale non è il fatto che il diossido di carbonio, interagendo con la radiazione uscente dall’atmosfera terrestre, l’assorba aumentando la sua energia e, quindi, modifichi il bilancio tra radiazione entrante nell’atmosfera terrestre e radiazione uscente, ma che sia il solo ed unico fattore che determina il riscaldamento terrestre sperimentato nel corso degli ultimi decenni. Concentrarsi solo sul diossido di carbonio e trascurare, per esempio, l’effetto delle nubi, mi sembra un errore. Così come mi sembra un errore non tener conto nelle elaborazioni modellistiche che il principale responsabile dell’effetto serra è il vapore d’acqua e così come sovrastimare il valore della sensibilità climatica all’equilibrio o transitoria. Esistono ancora altri fenomeni fisici non del tutto chiari che mi allontanano dalla linea di pensiero principale, ma sul fatto che la molecola di diossido di carbonio assorba parte della radiazione infrarossa in uscita dall’atmosfera terrestre, ho pochi dubbi.

Mi reputo, però, una persona di mentalità aperta, per cui non mi sognerei mai di rigettare a priori un’idea diversa dalla mia, senza prima averla prima valutata, per cui quando mi sono imbattuto nell’articolo di D. Koutsoyiannis e Z. D. Kundzewicz  (da ora Koutsoyiannis et al., 2020)

Atmospheric Temperature and CO2: Hen-or-Egg Causality? (Version 1)

ho cercato innanzitutto di accertare la fondatezza della loro tesi.

Koutsoyiannis et al., 2020 indaga il legame tra le temperature globali e la concentrazione atmosferica di diossido di carbonio, allo scopo di stabilire se la temperatura determina la concentrazione atmosferica di CO2 o, viceversa, sia la CO2 a determinare le temperature globali terrestri. Già il modo in cui è posta la questione mi lascia perplesso: ho appena finito di dire che sono tante le cause che possono determinare il riscaldamento in corso e mi trovo due ricercatori che riducono tutto a stabilire se sia la CO2 a determinare la temperatura globale terrestre. E tutto il resto? Nonostante la pregiudiziale iniziale, ho continuato a leggere l’articolo che si presenta piuttosto lungo e parecchio complesso dal punto di vista matematico.

Gli autori utilizzano alcuni set di dati ben conosciuti: la concentrazione atmosferica di diossido di carbonio misurata a Mauna Loa nelle Hawaii, il set di temperature della bassa troposfera UAH dell’Università dell’Alabama ed il set di temperature delle terre emerse CRUTEM4 del Met Office Hadley Center dell’East Anglia University. Anche quest’ultima scelta mi lascia un po’ perplesso: perché il record terrestre e non quello globale (terre emerse + oceani)?  Gli autori hanno cercato di spiegare questa circostanza, ma non mi hanno convinto: secondo loro non è l’entità del riscaldamento ad interessare ma la sua tempistica.

L’analisi viene effettuata sui dati strumentali misurati a partire dal 1980 e fino ai nostri giorni, per cui non si basa su dati di prossimità come molte altre analisi che abbiamo commentato negli anni passati.

I due ricercatori utilizzando un approccio piuttosto complesso al problema, sui cui aspetti matematici non mi soffermo, giungono alla conclusione che qualunque sia la finestra temporale che si prende in considerazione (mensile o annuale), la relazione di dipendenza tra le temperature e la concentrazione atmosferica di CO2 è tale che la temperatura determina la concentrazione atmosferica di diossido di carbonio. Pur avendo esplicitamente dichiarato di non volermi soffermare sugli aspetti matematici dello studio, in quanto non ho avuto il tempo materiale per analizzarli a fondo, vorrei solo mettere in evidenza che Koutsoyiannis et al., 2020 privilegia un approccio matematico basato sull’analisi del grado di correlazione tra la temperatura globale e la concentrazione di diossido di carbonio in atmosfera che sfrutta la correlazione incrociata e valuta la stocasticità dei fenomeni esaminati in base al valore del coefficiente di Hurst. Ciò allo scopo di determinare la reversibilità o meno dei fenomeni studiati. Questo è in controtendenza rispetto ad altri studi che utilizzano la “causalità di Granger” per stabilire il rapporto di dipendenza tra due variabili dipendenti entrambe dal tempo. La scelta mi vede concorde ed è l’unico motivo per cui ho completato la lettura dell’articolo.

Alla fine della fatica devo riconoscere che Koutsoyiannis et al., 2020 non è riuscito a convincermi e per diversi motivi che ho illustrato nel corso del presente scritto. Uno dei più eclatanti è, però, racchiuso nel grafico che segue, tratto da Koutsoyiannis et al., 2020.

Nel vengono riportati con risoluzione annuale gli andamenti delle temperature globali ed il logaritmo naturale della concentrazione atmosferica del diossido di carbonio. Da un semplice esame visivo dei due diagrammi si può notare, infatti, che non sempre l’aumento di temperatura precede l’aumento della concentrazione di diossido di carbonio. In alcuni casi, anzi, le due grandezze sono addirittura non correlate, nel senso che le loro variazioni sembrano non legate da una relazione matematica. Diciamo che, generalmente, l’aumento di temperatura precede quello della CO2, ma non sempre accade. E questo è un problema non da poco quando si vuole dimostrare che chi la pensa diversamente è in errore.  Koutsoyiannis et al., 2020, sostiene che l’analisi numerica effettuata, consente di propendere per una dipendenza T–>CO2 e lo fa sulla base del valore assunto dal coefficiente di cross correlation  e di altri coefficienti di valutazione statistica, ma secondo me per scardinare una teoria ben assestata, sono necessarie prove estremamente forti e, nella fattispecie, le prove non mi sembrano abbastanza forti.

Koutsoyiannis et al., 2020 si chiude con una spiegazione fisica del loro risultato: l’aumento delle temperature favorisce lo sviluppo della produzione vegetale che determina un incremento della produzione di CO2 per effetto del processo di respirazione delle piante e, forse, degli oceani. Tale processo si autoalimenta e si rafforza a seguito della concimazione carbonica delle specie vegetali, determinando il fenomeno del “rinverdimento globale” di cui a volte ci siamo occupati ad esempio qui su CM.

Diciamo che gli autori non sono riusciti a convincermi anche se hanno instillato il tarlo del dubbio nel mio cervello. Da qui ad accettare la loro tesi, però, ce ne passa.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 19/26 Ottobre 2020

Posted by on 06:05 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 19/26 Ottobre 2020

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Una cellula anticiclonica ben strutturata a tutte le quote persiste alle alte latitudini dell’Atlantico, con massimi di pressione centrati tra Terranova e la Groenlandia meridinale. Agisce in fase con l’alta termica groenlandese e con una cellula anticiclonica sul bacino centrale dell’Artico, lasciando scorrere sul suo bordo orientale aria fredda di origine polare che si tuffa fin sull’Atlantico subropicale in seno ad una vasta saccatura in seno alla quale si approfondisce in queste ore un vortice a SW delle isole britanniche. In risposta dinamica all’azione di tale saccatura, un promontorio anticiclonico si protende in direzione del Mediterraneo occidentale.

È già inverno sulla Scandinavia, per l’azione di un centro depressionario sulla Karelia che regala abbondanti nevicate estese dala Norvegia all’Artico russo (Fig.1).

Poche novità nel corso della settimana, per la difficoltà incontrata dalla saccatura atlantica ad avanzare verso levante a causa del rafforzamento speculare del promontorio anticiclonico con associata intensa avvezione stabilizzante in quota, proprio in direzione dell’Italia.

Consigli per il Rescue Team

La più classica configurazione da “Estate di San Martino”, per quanto in anticipo di qualche giorno sul calendario, sarà trasformata in evento siccitoso eccezionalmente insolito causato senza dubbio dal Global Warming. Del resto la religione del Politically Correct detesta le associazioni del calendario con il culto dei santi.

Quindi l’11 Novembre invece che per San Martino, che sicuramente era un ubriacone e scambiava per questo l’estate con l’inverno, lo ricorderemo per la fondamentale Festa dei Single con la quale da circa 30 anni si festeggia in Cina la bellezza dell’essere non-accompagnati, con l’ovvio risvolto positivo di non rischiare di avere dei figli e soprattutto l’esplosione di spese superflue che hanno trasformato questa magnifica ricorrenza nella giornata di shopping online più sfrenato per i fortunati discendenti di Mao.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì residui addensamenti tra Calabria e Sicilia associati a qualche rovescio sparso. Altrove generali condizioni di stabilità.

Temperature in lieve aumento. Venti deboli con qualche rinforzo di tramontana sulla Puglia.

Da Martedì a Giovedì condizioni di stabilità su tutto il Paese con le prime brume nelle ore più fredde sulla Valpadana e nelle valli del Centro, e temperature massime gradevolissime per effetto del generoso soleggiamento. Addensamenti stratiformi nei bassi strati sulla costa ligure.

Temperature in aumento specie sui rilievi. Libeccio moderato sui bacini di ponente, qualche refolo di tramontana su basso Adriatico e Ionio.

Venerdì rapido passaggio nuvoloso a Nord con precipitazioni solo sporadiche, per lo più a ridosso dei rilievi. Stabile e soleggiato altrove.

Temperature in lieve diminuzione.

Sabato e Domenica possibile transito di una perturbazione con precipitazioni in spostamento dalle regioni centro-settentrionali a quelle meridionali, anche a carattere di rovescio o temporale.

Temperature in diminuzione. Ventilazione a circolazione ciclonica attorno al minimo di pressione in transito sulla Penisola.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Altri due passi nell’influenza lunare di periodo 18.6 anni

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 2 comments

Altri due passi nell’influenza lunare di periodo 18.6 anni

Finora ho fatto molti passi per verificare la presenza del massimo spettrale di 18.6 anni nelle serie climatiche, passi che sono sintetizzati nel sito lunar.html. Ora aggiungo altri due esempi.

Qualche giorno prima di ferragosto, occupandomi di altro, mi sono trovato nel sito di Harald Yndestad che presenta un articolo dal titolo “Lunar-driven Arctic Ice” in cui analizza una serie definita “Barents Sea Ice edge position”, con unità di misura “anni” e “gradi”. Assumendo che la posizione in gradi sia riferita a qualche estremo (ad esempio la latitudine del bordo più meridionale del ghiaccio) che nel lavoro non viene specificato (ma non ho trovato nulla anche negli articoli scientifici di Yndestad), questa serie fornisce indicazioni sull’avanzamento o arretramento della copertura ghiacciata del Mare di Barents, tra la Norvegia e le isole Svalbard.

L’autore analizza i dati con vari metodi offerti dalle wavelets (spettro di potenza, spettro di fase, spettro di autocorrelazione) e giunge alla conclusione che questi contengono la firma del ciclo lunare di 18.6 anni e delle sue armoniche 8D 9.3 a 93 anni).
Da quanto ho potuto dedurre dai suoi lavori scientifici, Yndestad non è famoso per fornire i valori numerici dei dati che usa o le indicazioni per ottenerli, così ho usato la figura 7 del suo blog per ricavare la posizione del bordo del ghiaccio nel Mare di Barents, dal 1579 al 2018, da cui ho calcolato lo spettro Lomb (la digitalizzazione implica quasi automaticamnte il passo variabile) di figura 1.

Fig.1: Serie della posizione del ghiaccio nel Mare di Barents digitalizzata dalla figura 7 del sito di Yndestad (non dalla figura 5 dove la serie è più breve). Lo spettro Lomb mostra interessanti analogie con i periodi di abbondanza di merluzzo nell’Atlantico nord-orientale trovati da Ottestad nel 1942.

È notevole il fatto che questo spettro presenti marcate analogie con i periodi di abbondanza del merluzzo nell’Atlantico nord-orientale, trovati da Ottestad nel 1942 (v. sito di Yndestad) e con il livello del mare ad Aberdeen (Scozia nord-orientale, vedere qui su CM):

Ottestad 11 17.5 23 57
Ghiaccio 11.2 18.6 23.2 56.85*
Aberdeen 6.2 18.6 55.8 74.4 Periodi in anni
Ghiaccio 5.8 18.6 56.85* Periodi in anni

(*) In realtà non trovo un periodo di 57 o 55.8 anni ma due periodi vicini, di 49.7 e 64 anni la cui media è 56.85 anni.

Se l’interpretazione dei dati di posizione che ho dato più in alto è corretta, il fit parabolico del quadro superiore della figura ci dice che, in media, il bordo inferiore è salito di circa un grado di latitudine a partire dal 1760 circa, del tutto normale in un’ottica di recupero dalla PEG.

Lo spettro mostra una serie di massimi, tra cui anche 18.6 anni (non troppo in evidenza, per la verità) ma anche 11 anni (Sole), un paio di picchi con i periodi più elevati di El Nino (5.5 e 7.8 anni) e poi alcuni massimi su cui è opportuna una discussione: 9.8, 35.3, 55.8, 92, 120 anni possono essere assimilati a 9.3, 37.2, 56.85, 93, 111.6 anni, cioè le armoniche (/2; *2; *3; *5; *6) di 18.6 anni? Sembrerebbe di sì ma, ad esempio, mentre il risultato di Ottestad poteva facilmente implicare una minore risoluzione, tale da sostituire 57 anni a 49.7 e 64 anni, questo non dovrebbe essere vero per i dati di Aberdeen, più recenti.

Insomma, continuo a chiedermi se l’uso frequente di interpolazioni e smussamenti preventivi dei dati (per eliminare il rumore, si dice, ma quanto segnale c’è in quel “rumore”?) può amplificare massimi che normalmente verrebbero trascurati, tagliati via dall’uso dei livelli di confidenza? Comunque, a parte le considerazioni sulle armoniche, il massimo a 18.6 anni è presente in questi dati che vanno ad accrescere la lista delle serie climatiche in cui la Luna mostra la sua possibile influenza.

Il livello del mare a Brest (Francia)

Il “secondo passo” di questa breve camminata deriva da un lavoro di Mazzarella e Palumbo (1994) in cui si dimostra che vari parametri atmosferici (pioggia, temperatura, pressione, livello del mare) del Mediterraneo occidentale (Adriatico compreso) sono, o possono essere, condizionati dal ciclo nodale della Luna. Gli autori, tra le serie mareali usate, citano per la sua estensione temporale, quella di Brest (Francia Atlantica). Per verificare se la serie contiene segnali lunari contiene nel suo spettro, l’ho scaricata dal sito di PSMSL (1807-2018, con tre interruzioni) e la mostro in figura 2 insieme al suo spettro.

Fig.2: Serie mareografica di Brest. Lo spettro non mostra il massimo a 18.6 anni.

Lo spettro presenta segnali di alcune armoniche di 18.6 anni ma questo periodo non è presente, a meno di non volerlo rappresentato da 17.1 anni, massimo netto e potente. Le armoniche sono i massimi a 9.3, 37.2, e 96.1. Una “increspatura” nello spettro, a 74.4 anni, indicata dalla freccia, fa pensare alla 3.a armonica (18.6*4) ma è decisamente troppo vaga per qualsiasi considerazione.
In conclusione questo di Brest sembra un altro caso in cui il massimo di riferimento (l’armonica zero) manca, ma sono presenti le sue armoniche che dovrebbero, come nei lavori di Yasuda (2018) e di Serykh et al. (2019), relativi alla relazione Luna-El Nino, influenzare la forza e la durata di ENSO, senza la presenza del massimo più significativo. Questo aspetto continua a lasciarmi perplesso.

Ogni volta che avrò occasione di verificare la presenza del masssimo spettrale “lunare” di periodo 18.6 anni lo accetterò senza incertezze e allungherò la lista di casi di cui ho parlato all’inizio. Mi rendo conto, però, che esistono alcune certezze che non condivido, certo per mia ignoranza, e alcune forzature (come l’uso di periodi con 3-4 cifre decimali, derivati da dati incerti e/o pesantemente manipolati) che non voglio seguire.

Bibliografia

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Mai dire Goal!

Posted by on 18:45 in Attualità, Climatologia, Meteorologia | 10 comments

Mai dire Goal!

Astinenza da calcio? Non c’è problema, c’è chi ci pensa.

Vi sarà capitato in questi giorni di vedere lanci d’agenzia relativi ad un Report delle Nazioni Unite fresco di stampa in cui si parla – parole del comunicato stampa associato – di uno “sconcertante aumento delle emergenze climatiche negli ultimi venti anni“. Il titolo è toccante: “Il prezzo (umano) dei disastri” (qui il pdf).  In sostanza, ci sarebbe evidenza numerica dell’aumento degli eventi estremi, cui si associa inevitabilmente un aumento dei danni ad essi associati e dell’esposizione al rischio, tutto per colpa del climate change. A farla da padrone, dopo tsunami e terremoti, le alluvioni, ma l’assortimento dei disastri da tempo (erroneamente detto clima) è ampio e vario.

L’evidenza numerica, nel Report, la fornisce l’EM-DAT (CRED), meglio noto come International Disaster Database che, leggiamo tra i credits, ha fornito ai ricercatori il materiale, perché osserva, cataloga e conta tutto ciò che di disastroso accade nel mondo.

La figura chiave per il sostegno allo sconcerto di cui sopra e per la gioia dei media che si sono tuffati a pesce sulla notizia è la numero 5 di Pag 10, che trovate qui di seguito.

A prima vista, non si direbbe che ci sia alcun aumento, tanto meno sconcertante. E, in effetti, gli stessi dati dell’EM-DAT (CRED), quindi del Report; mostrano quello che segue.

Una diminuzione stimabile nel15%, il contrario di quanto affermato. La vicenda, in effetti è… sconcertante.

Ma forse si capisce anche il perché di questo autogol.

Già nel 2007 il CRED aveva messo in guardia quanti si avvicinavano al loro Database circa l’impossibilità di estrarre alcun segnale relativo al climate change dai loro dati, in particolare per le decadi (allora) più recenti, per un evidente cambiamento nell’osservazione degli eventi disastrosi. In poche parole, oggi nulla (o quasi) sfugge all’informazione globale. Ma, se i dati antecedenti al 2000 sono difficili da interpretare, come si può ricavare con tanta certezza un cambiamento nel ventennio successivo? Risposta semplice, non si può. E, infatti, il cambiamento non c’è, almeno non nella forma espressa da questo report.

Non basta. Nel 2013 l’IPCC, spina dorsale “climatica” delle Nazioni Unite, ha pubblicato uno Special Report sugli eventi estremi che, tra molte altre cose, recita così, in particolare per gli eventi alluvionali (evidenziato da me):

There is limited to medium evidence available to assess climate-driven observed changes in the magnitude and frequency of floods at regional scales because the available instrumental records of floods at gauge stations are limited in space and time, and because of confounding effects of changes in land use and engineering. Furthermore, there is low agreement in this evidence, and thus overall low confidence at the global scale regarding even the sign of these changes. [3.5.2]

Tradotto, evidenza scientifica limitata per individuare cambiamenti che possano essere indotti dal clima nella frequenza e ampiezza degli eventi alluvionali, soprattutto per ragioni inerenti la qualità dei dati. Su questa evidenza già scarsa inoltre non c’è accordo, per cui a livello globale non si capisce neanche se il trend del cambiamento abbia segno negativo o positivo.

Già, ma il report parla di costi, quelli sì che sono aumentati, ed è da lì che si pesca lo sconcerto per condire le dichiarazioni. Giusto, allora però non si capisce perché si debba estrarre da questo un segnale di tendenza climatica, quando i dati stessi danno informazioni diverse e quando la letteratura disponibile sull’argomento costi degli eventi estremi e loro attribuzione ai trend climatici è soverchiante (54 a 1) circa l’impossibilità di compiere questa attribuzione e circa il fatto, non banale, che i dati se normalizzati e attualizzati non mostrano alcun trend, a riprova del fatto che il problema è l’aumento dell’esposizione al rischio, non il clima.

Qui sotto, per esempio, un estratto dal paper di Roger Pielke Jr, in cui è stata analizzata tutta la letteratura di cui sopra (Economic ‘normalisation’ of disaster losses 1998–2020: a literature review and assessment):

This paper reviews 54 normalisation studies published 1998–2020 and finds little evidence to support claims that any part of the overall increase in global economic losses documented on climate time scales is attributable to human-caused changes in climate, reinforcing conclusions of recent assessments of the Intergovernmental Panel on Climate Change.

Autogol.

La Global Warming Policy Foundation ha chiesto che il report sia ritirato. Scommetto 54 a 1 che non succederà e che nelle prossime settimane non si parlerà d’altro che dell’aumento degli eventi estremi, fino a quando, invecchiando, il report sarà citato un numero sufficiente di volte per entrare in quella fase estatica per cui una balla, se detta un numero sufficiente di volte, finisce per diventare una verità.

PS: comunque quella di pubblicare dati che dicono il contrario di quello che si afferma è troppo grossa davvero…

Enjoy.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Quando sulla Terra faceva molto più caldo di adesso

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 15 comments

Quando sulla Terra faceva molto più caldo di adesso

Avevo da poco finito di scrivere un articolo in cui analizzavo, tra l’altro, il modo piuttosto estemporaneo con cui la stampa generalista (dis)informa il grande pubblico, riguardo ai risultati di alcuni studi scientifici in grado di catalizzare l’interesse della pubblica opinione e dei gruppi di pressione politico/economica, che incappai in un altro caso piuttosto curioso. La mia attenzione fu attratta da una nota dell’ANSA con un titolo piuttosto preoccupante: “Dai gas serra temperature mai viste negli ultimi 50 milioni di anni“.

Viste le esperienze pregresse, pensai subito che l’agenzia di informazione nazionale avesse perseverato nel suo errore, per cui iniziai a ricercare la fonte della nota di agenzia: ANSA ha la pessima abitudine di non citare mai il titolo dell’articolo originale, cui si riferisce il lancio. Dopo una breve ricerca individuai la fonte della nota. Si trattava di un articolo pubblicato su Science da qualche giorno:

An astronomically dated record of Earth’s climate and its predictability over the last 66 million years

La firma è di Thomas Westerhold ed altri 24 ricercatori che per ragioni di spazio non elenco. Voglio fare, però, un’eccezione per Claudia Agnini, Vittoria Lauretano e Fabio Florindo in quanto sono dei ricercatori italiani (da ora Westerhold et al., 2020).

Di questo articolo si è già occupato l’amico F. Zavatti qualche settimana fa. Egli ha analizzato, però, i materiali supplementari, per cui nelle righe che seguono mi concentrerò sul testo di Westerhold et al., 2020.

Dopo aver letto l’articolo, devo riconoscere che, questa volta, ANSA ha interpretato in modo abbastanza corretto la vicenda.

Un breve cenno a quello che considero l’aspetto più interessante di Westerhold et al., 2020, ovvero la ricostruzione delle temperature terrestri negli ultimi 66 milioni di anni, a partire da dati di prossimità, derivati da carote di sedimenti marini profondi.

La nostra storia inizia dal 1975, allorché alcuni studiosi ricostruirono per la prima volta l’evoluzione climatica terrestre negli ultimi 40 milioni di anni, attraverso lo studio dei resti fossili dei foraminiferi bentonici presenti nei sedimenti profondi. I foraminiferi sono organismi unicellulari ameboidi che popolano tutti gli ambienti acquatici terrestri e sono dotati di gusci mineralizzati che, a volte, assumono dimensioni eccezionali rispetto a quelle della cellula. I gusci dei foraminiferi sono una miniera di informazioni di inestimabile valore, in quanto consentono di ricostruire non solo le temperature atmosferiche, ma anche l’evoluzione dei volumi di ghiaccio terrestre e marino, la temperatura dell’acqua marina, le correnti oceaniche e via cantando. A partire dal 1975 sono stati recuperati moltissimi campioni di sedimenti marini ed ognuno di essi ha raccontato un pezzo della nostra storia climatica. Su queste pagine vi ho raccontato alcuni brani di queste storie, ma oggi, forse, potremo leggere l’intera storia climatica degli ultimi 66 milioni di anni.

La ricostruzione delle temperature terrestri in epoche remote viene effettuata mediante l’analisi delle variazioni del rapporto tra i vari isotopi dell’ossigeno. L’isotopo diciotto dell’ossigeno (δ18O) é legato in modo inverso alla temperatura dell’ambiente in cui vive l’organismo vivente: maggiore è la concentrazione dell’isotopo, minore è la temperatura e viceversa. Partendo dall’analisi di 14 carote ottenute perforando i fondali oceanici ed analizzando in via quasi esclusiva fossili di due ben precisi generi di foraminiferi, per ridurre al massimo gli errori dovuti al diverso modo in cui i protozoi assimilano l’ossigeno, Westerhold et al., 2020 ha potuto creare un’unica serie di dati relativi alla temperatura terrestre che copre un periodo di circa  sessantasei milioni di anni a partire da oggi. La serie ottenuta è quella riportata anche nell’articolo di F. Zavatti e che, per ulteriore chiarezza, riporto qui di seguito.

Fig. 1 tratta da Westerhold et al., 2020

Zavatti ha ampiamente commentato questo diagramma, per cui non mi dilungo più di tanto: a partire da 66 milioni di anni fa ad oggi le temperature sono diminuite anche se la diminuzione non è stata costante ed interrotta da periodi relativamente caldi e periodi relativamente freddi. E’ su questi periodi che mi soffermerò in modo più marcato.

Westerhold et al., 2020 hanno individuato quattro periodi caratteristici che essi definiscono stati: Hothouse, Warmhouse, Coolhouse ed Icehouse.

Lo stato Warmhouse si instaurò una prima volta tra 66 milioni di anni fa e 56 milioni di anni fa ed una seconda volta tra 47 milioni di anni fa e 34 milioni di anni fa. In questo periodo le temperature medie terrestri erano di circa 8°C maggiori di quelle attuali (scala termica a destra del diagramma).

Nel periodo compreso tra 56 milioni di anni fa e 47 milioni di anni fa, si colloca lo stato Hothouse caratterizzato da temperature medie di ben 10°C maggiori di quelle attuali (in media, ma con punte di anomalie che superano i 12°C). In questo stato è compreso anche il famoso massimo termale Paleocene-Eocene (PETM) lungo circa 150000 anni e verificatosi poco meno di 56 milioni di anni fa, durante il quale le temperature terrestri furono enormemente più alte di quelle attuali (in studi precedenti si parlava di circa 8-9 °C, ma sulla base dello studio che stiamo esaminando, i valori sembrano addirittura doppi).

Lo stato Coolhouse contraddistingue il periodo compreso tra 34 milioni di anni e 3 milioni di anni fa e, infine, lo stato Icehouse si sviluppa negli ultimi tre milioni di anni.  Durante gli stati Hothouse e Warmhouse non esistevano ghiacci terrestri e marini. Essi iniziarono a formarsi nello stato Coolhouse, durante il quale i ghiacci si concentravano soprattutto al polo sud.

Questi i risultati della ricerca.  Westerhold e colleghi non si sono accontentati, ovviamente, solo di questo, ma hanno cercato di capire perché si sono verificati questi particolari stati climatici. Hanno cercato, cioè, di individuare le cause che hanno determinato gli effetti descritti. E qui entriamo in un campo estremamente scivoloso e complesso.

Il sistema climatico terrestre è, secondo la definizione universalmente accettata, un sistema dinamico non lineare caotico, ovvero un sistema dinamico influenzato in modo determinante dalle condizioni di partenza. Secondo il mio modesto parere, il sistema climatico è caratterizzato da stati di equilibrio all’interno dello spazio delle fasi. Si tratta di stati di equilibrio caratterizzati da vari gradi di stabilità e fortemente dipendenti dalle relazioni tra le variabili che li caratterizzano. Un sistema dinamico come quello climatico, sempre secondo la mia modesta opinione, anche se si trova in una condizione diversa da quella di equilibrio stabile, tende a riportarsi in uno stato di equilibrio che può essere uguale o diverso da quello di partenza. L’insieme di tutti gli stati di equilibrio che il sistema climatico può assumere, determina una forma geometrica detta attrattore che può avere dimensione intera o frazionaria (in quest’ultimo caso l’attrattore si dice strano). La giustificazione di quanto ho appena finito di scrivere, deve essere ricercata nella storia del nostro pianeta: quando il sistema si è spostato rispetto a precedenti condizioni di equilibrio, ne ha raggiunte altre, simili a quelle precedenti (periodi glaciali e periodi interglaciali ne sono un esempio). Westerhold et al., 2020, dimostra che nel corso delle ere geologiche il nostro pianeta ha conosciuto periodi caratterizzati da stati climatici molto diversi gli uni dagli altri. A periodi freddi sono succeduti periodi caldi e viceversa ed ognuno di questi periodi è stato caratterizzato da un grado più o meno elevato di stabilità. Questo non significa che il clima è stato costante all’interno di un certo periodo o stato. Il sistema ha conosciuto variazioni ad alta frequenza, caratterizzate da oscillazioni intorno al suo attrattore. A titolo puramente e grossolanamente esemplificativo, possiamo pensare al sistema climatico come ad un pendolo semplice che oscilla intorno al suo attrattore. Nel caso del pendolo tale attrattore è, ovviamente, il punto della traiettoria più vicino al piano orizzontale di riferimento.

A questo punto appare chiaro il significato degli stati individuati da Westerhold et al., 2020: si tratta di stati di equilibrio del sistema climatico terrestre particolarmente stabili. I ricercatori sono giunti a questa conclusione sottoponendo i dati ad una serie di analisi statistiche (in particolare l’analisi delle ricorrenze) che hanno consentito di individuare i quattro “blocchi” climatici precedentemente elencati e che costituiscono altrettanti stati di equilibrio del sistema climatico. Questo tipo di analisi consente, inoltre, di stabilire se un sistema si comporta in modo stocastico (dominato dal caso), caotico o periodico (regular, secondo la dizione dell’articolo). L’analisi consente, in altre parole, di stabilire la prevedibilità o meno del comportamento del sistema climatico in risposta a opportune forzature.

Westerhold et al., 2020 analizza la risposta del sistema climatico a due tipi di forzature: quella astronomica e quella relativa alla concentrazione di diossido di carbonio nell’atmosfera. L’analisi dei sedimenti bentonici consente, infatti, di ricostruire la concentrazione di diossido di carbonio nell’atmosfera attraverso il dosaggio dell’isotopo 13 del carbonio (δ13C).

A questo punto della discussione abbiamo gettato le basi per poter giungere alle conclusioni.

L’analisi delle ricorrenze applicata alla concentrazione dell’isotopo 18 dell’ossigeno (proxi della temperatura) consente di individuare i quattro stati climatici essenziali che ho già elencato. L’analisi delle ricorrenze applicata alla concentrazione dell’isotopo 13 del carbonio consente di individuare alcuni sottoperiodi dei quattro stati climatici principali. Personalmente condivido le conclusioni di Westerhold e colleghi in quanto i diagrammi in cui sono rappresentati i risultati delle analisi delle ricorrenze (fig. 2 dell’articolo), lasciano poco spazio alle interpretazioni. Condivido, infine, un’altra delle conclusioni di Westerhold e colleghi: il periodo climatico che copre gli ultimi 3 milioni di anni è del tutto diverso da quelli precedenti. L’analisi delle ricorrenze mette in evidenza, infatti, la mancanza di una trama ben definita che possa essere assimilata a quanto accadeva nelle epoche precedenti: stiamo vivendo un momento unico nel corso degli ultimi 66 milioni di anni. E’ solo per eccesso di pignoleria che voglio precisare che tale periodo eccezionale non è iniziato nel secolo scorso o due secoli fa, ma dura da oltre tre milioni di anni: l’uomo non c’entra nulla con la sua eccezionalità, anzi è proprio questa diversità dello stato del sistema climatico rispetto a quelli del passato che, forse, ha reso possibile la nascita e lo sviluppo della specie umana.

L’analisi condotta, ha consentito di accertare che nel corso del tempo il sistema climatico ha assunto caratteristiche diverse:

  • durante lo stato Warmhouse il sistema climatico era relativamente prevedibile tanto da poter essere considerato, quasi un sistema deterministico;
  • lo stato Hothouse fu caratterizzato, invece, da una minore prevedibilità ed in qualche caso il sistema tendeva ad assumere un comportamento stocastico;
  • il periodo caratterizzato dallo stato Coolhouse fu contraddistinto da una prevedibilità molto bassa e la casualità divenne il tratto qualificante del sistema climatico.

Durante l’ultimo periodo (lo stato Icehouse) il sistema climatico ha raggiunto il minimo livello di prevedibilità. Gli autori avanzano l’ipotesi che la comparsa delle calotte glaciali terrestri ha reso il sistema climatico terrestre meno prevedibile e, infatti, il crollo del grado di prevedibilità del sistema, coincide con la comparsa delle calotte glaciali terrestri. Qualche dubbio e perplessità riguarda l’ultima parte del periodo analizzato. Mentre nel periodo compreso tra 66 milioni di anni fa e 15 milioni di anni fa il grado di prevedibilità del sistema desunto dall’analisi della concentrazione del (δ18O) e quello desunto dalla concentrazione del (δ13C) risultano concordi, nel periodo successivo entrano in opposizione di fase, per cui, oggi, il sistema tende ad assumere un comportamento stocastico se consideriamo l’analisi riferita al (δ13C), meno casuale se consideriamo l’analisi relativa al (δ18O). Quando succede una cosa del genere, c’è sempre qualcosa che non va: gli autori passano questo fatto sotto silenzio, ma esso è nei fatti, chiaramente visibile nei diagrammi.

Applicando la trasformata veloce di Fourier al set di dati a disposizione, Westerhold et al., 2020, individua lo spettro dei periodi che caratterizzano le oscillazioni climatiche registrate. La conclusione è che nelle epoche più lontane da noi, il clima era guidato dalle oscillazioni astronomiche di lungo e lunghissimo periodo: da 100000 a 400000 anni. A partire da circa 40 milioni di anni fa, è aumentato il numero di cicli con periodo più breve: la frequenza con cui si presentano i periodi compresi tra 21000 e 100000 anni, è diventata confrontabile con quella dei periodi maggiori di 100.000 anni. Ciò significa che il clima terrestre risponde in modo differente ai cicli astronomici, a seconda dello stato fondamentale in cui si trova.

Questa conclusione di Westerhold e colleghi mi lascia piuttosto perplesso. L’esame dei periodogrammi relativi ai due isotopi presi in considerazione, dimostra che essi non sono completamente sovrapponibili, per cui le conclusioni a cui giungiamo, sono viziate dal tipo di isotopo preso in considerazione. Quale consideriamo più attendibile, il periodogramma dell’ossigeno o quello del carbonio? Francamente non lo so, ma credo che non lo sappiano neanche gli autori dell’articolo. Diciamo che, in via di larga massima, possiamo accettare l’idea che è cambiata nel corso del tempo la sensibilità del sistema climatico alle forzature astronomiche, ma poco o nulla possiamo dire circa la causa di ciò.

Ad onor del vero Westerhold et al., 2020 sembra piuttosto sicuro circa le cause del cambiamento della sensibilità del sistema alle forzature astronomiche. Gli autori della ricerca individuano nel diossido di carbonio e nel volume dei ghiacci terrestri la causa che ha determinato il cambiamento della sensibilità climatica alle forzature astronomiche. Per quel che riguarda il volume del ghiaccio, non ho difficoltà a dargli ragione relativamente alla prevedibilità del comportamento del sistema: i diagrammi sono piuttosto espliciti. Non sono d’accordo, invece, per quel che riguarda il diossido di carbonio. Le mie perplessità nascono da alcune considerazioni relative ai diagrammi presenti nell’articolo.

La figura 2 di Westerhold et al., 2020 (pannelli A e B) riporta i risultati dell’analisi delle ricorrenze condotta per i due isotopi presi in considerazione (ossigeno e carbonio). Mentre quella relativa all’ossigeno mostra chiaramente i quattro stati climatici descritti dai ricercatori, quella relativa al carbonio non è altrettanto esplicita: la trama che l’analisi genera è piuttosto costante e le discontinuità sono molto meno marcate e di ampiezza piuttosto ridotta. Nulla a che vedere con la trama generata dall’analisi delle ricorrenze applicata all’isotopo dell’ossigeno: sembrano due sistemi del tutto diversi.

Neanche su questa diversità emergente dalle analisi, gli autori si pronunciano.

E veniamo ora agli ultimi due pannelli della figura 2 (C e D). Essi rappresentano le relazioni tra l’isotopo dell’ossigeno e quello del carbonio bentonici nel corso del tempo, come desunte dai due pannelli precedenti (C) e tra l’isotopo dell’ossigeno e le concentrazioni atmosferiche di CO2 (D). Partendo dal pannello C possiamo dire che, al netto delle perplessità che ho illustrato in precedenza, si può certamente ipotizzare un legame diretto: entrambi gli isotopi sono reperiti nello stesso foraminifero e nello stesso ambiente. La figura che si ottiene è piuttosto complessa, ma riesce a darci un’idea di come le concentrazioni dei due isotopi si correlassero nel corso del tempo.

Nel pannello D la correlazione che si esamina è quella tra la concentrazione dell’isotopo dell’ossigeno e quella della concentrazione atmosferica di diossido di carbonio che, come detto all’inizio, dovrebbe essere correlata con quella dell’isotopo 13 del carbonio. Questo pannello ha, secondo me, un unico scopo: tirare in ballo (forse per i capelli) il diossido di carbonio e fargli “guidare” il clima. Non si spiegherebbe, infatti, perché diavolo gli autori hanno introdotto in tale diagramma non solo le effettive concentrazioni dell’anidride carbonica atmosferica, desunte dalle concentrazioni dell’isotopo 13 del carbonio, ma anche la concentrazione di CO2 al 2100 desunta dallo scenario di emissione RCP 8.5! Il tutto per affermare che, se tutto va bene, torneremo a condizioni climatiche del tipo Warmhouse o, addirittura, Hothouse.

Un mio compianto cliente avrebbe detto: per un cucchiaio d’olio, abbiamo rovinato la pietanza. Uno studio ben fatto, ben argomentato, ben articolato, ma rovinato da una palese contraddizione in termini. Stupisce, infatti, che gli autori temano che il sistema climatico possa tornare nello stato Warmhouse o Hothouse, se le concentrazioni di diossido di carbonio atmosferico saranno quelle del fantasioso ed irrealistico scenario di emissioni RCP 8.5, ma non si preoccupino minimamente del fatto che, con le attuali concentrazioni di CO2, dovremmo essere nel pieno dello stato Warmhouse. Questo è quello che dice il loro diagramma (fig. 2 pannello D).  Fortunatamente ne siamo ancora abbastanza lontani.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 12/18 Ottobre 2020

Posted by on 04:29 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 12/18 Ottobre 2020

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Una vasta conca depressionaria si estende dal Mare di Barents fin sul Mediterraneo centro-occidentale. Più ad ovest il flusso zonale è impedito dalla formazione di un ponte anticiclonico tra la cellula atlantica e l’anticiclone termico stagionale groenlandese. In risposta dinamica alla citata saccatura, condizioni anticicloniche persistono sul Mediterraneo orientale, sul Caucaso e sulle steppe russe e kazake (Fig.1).

La settimana sarà caratterizzata dalla persistenza di condizioni prevalentemente depressionarie sull’Europa centrale e sul bacino centro-occidentale del Mediterraneo, per l’ulteriore afflusso di impulsi di aria fredda e instabile di recente origine polare marittima, e per la conseguente evoluzione della configurazione depressionaria in un vasto minimo chiuso di geopotenziale.

La circolazione zonale faticherà molto a forzare il blocco anticiclonico in atlantico, che si mostrerà molto tenace, permettendo solo il transito di una ondulazione a metà settimana, per poi probabilmente ristabilirsi immediatamente in prossimità della Groenlandia, con valori del geopotenziale notevolissimi.  Si verrebbe così a formare un ponte anticiclonico gigantesco, esteso dalla costa americana fino al bacino centrale dell’Artico, con associato scorrimento retrogrado di aria fredda dai bacini artici siberiani fin sulle isole britanniche. Una configurazione sinottica decisamente insolita, e ancora più insolita in considerazione del fatto che siamo nel mese di Ottobre. Sarà molto interessante verificare quali potranno essere le conseguenze di un tale scombussolamento sinottico a livello emisferico sul resto della stagione.

Ad ogni modo, con queste premesse la settimana sarà caratterizzata da condizioni generali di maltempo con occasioni per precipitazioni su tutto il Paese, fatta eccezione per le regioni settentrionali che resteranno sottovento alla circolazione principale.

Consigli per il Rescue Team

Gli scombussolamenti sinottici hanno il grande pregio di regalare importanti anomalie termiche. Al solito il Rescue Team si concentrerà su quelle positive tralasciando quelle negative: a loro piace la cresta dell’onda (anticiclonica), che cavalcano indisturbati sui loro giornaloni mentre il cavo dell’onda rimane nel covo d’ombra della non-informazione selettiva.

E a proposito di creste, dovesse concretizzarsi la configurazione in oggetto, prepararsi a titoloni roboanti su temperature altissime al Polo Nord, in particolare sulla Terra di Baffin e sull’Arcipelago Canadese, con possibili regali del phoen sulla Groenlandia settentrionale. Un dolce silenzio avvolgerà invece le precoci nevicate sulla costa norvegese, il rapido ri-congelamento dei bacini artici siberiani e il freddo sulla Siberia centro-orientale.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì ampie schiarite al Nord. Migliora rapidamente anche sulla Toscana dopo i rovesci della notte. Condizioni di variabilità perturbata sulle restanti regioni centrali con rovesci e temporali più frequenti a ridosso dei rilievi. Generali condizioni di maltempo al Sud, con piogge, rovesci e temporali in rapido trasferimento verso le regioni ioniche dove potrebbero presentarsi anche di forte intensità.

Temperature in diminuzione, più sensibile al Sud. Maestrale vivace su tutti i bacini, con qualche rinforzo sul Tirreno centro-settentrionale.

Martedì ampi spazi di sereno al Nord e al Centro, salvo addensamenti sulla dorsale appenninica nelle ore più calde e aumento della nuvolosità in serata sull’alta Toscana. Irregolarmente nuvoloso al Sud con precipitazioni sparse intervallate a schiarite.

Temperature stazionarie. Ventilazione vivace dai quadranti occidentali sui bacini di ponente, scirocco sull’Adriatico

Mercoledì poco o parzialmente nuvoloso al Nord, con l’eccezione del levante ligure dove il cielo sarà coperto e si avrà qualche debole precipitazione, e della Valle d’Aosta che potrà vedere qualche spruzzata di neve alle quote medie sulle creste di confine. Al Centro e sulla Sardegna, nuvolosità in rapido aumento fin dal mattino con piogge e rovesci associati che diventeranno via via più intensi e persistenti, e si estenderanno dal pomeriggio anche ai versanti adriatici. Al Sud, tempo perturbato sulla Campania con rovesci e temporali localmente intensi e persistenti, parzialmente nuvoloso sulle altre regioni con possibilità di temporali in nottata sul Salento.

Temperature in aumento al Centro-Sud specie nei valori minimi. Libeccio sostenuto sui bacini centro-meridionali, entra il maestrale sulla Sardegna dal pomeriggio.

Giovedì scharite anche ampie sul Nord-Ovest, tendenza a peggioramento sul Nordest con precipitazioni in serata, nevose al di sopra dei 1000 metri sulle Alpi. Ancora maltempo sulle regioni centrali, con rovesci e temporali diffusi in lenta attenuazione col passare delle ore. Al Sud, ancora rovesci e temporali sulla Campania, più sparsi su Sicilia, Calabria e Salento. Possibile ombra pluviometrica su costiera abruzzese, molisana e Puglia centro-settentrionale.

Temperature in diminuzione. Ventilazione sostenuta di maestrale.

Venerdì ultimi rovesci al primo mattino sui versanti ionici, e generale miglioramento con passaggio a condizioni di variabilità su tutto il Paese, con qualche sporadica precipitazione più probabile sui versanti adriatici.

Temperature stazionarie. Ventilazione tesa di maestrale sui bacini meridionali e sul Canale di Sardegna.

Sabato e Domenica generali condizioni di variabilità con annuvolamenti intervallati da ampie schiarite in assenza di precipitazioni significative.

Temperature stazionarie, primi freddi al mattino sulla Valpadana e nelle zone interne del Centro. Venti deboli.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ghiacci artici: minimo 2020

Posted by on 10:50 in Attualità | 7 comments

Ghiacci artici: minimo 2020

Benvenuti al consueto aggiornamento con lo stato dei ghiacci artici in occasione del raggiungimento del minimo annuale, raggiunto come da manuali nel mese di Settembre. Di seguito alcuni highlights:

  • Secondo minimo di estensione per la serie storica iniziata nel 1979: resta imbattuto il record di estensione minima stabilito nel 2012.
  • Stesso risultato per quanto riguarda il volume dei ghiacci artici: secondo più basso della serie, alle spalle del 2012.
  • Estate 2020 caratterizzata dalla persistenza di un pattern sinottico estremamente sfavorevole alla conservazione dei ghiacci artici.
  • Si conferma il rallentamento del trend di diminuzione dell’estensione dei ghiacci.
  • Massimo di estensione dei ghiacci antartici notevolmente superiore alla media.

Un po’ di numeri

Il minimo di estensione dei ghiacci artici è stato raggiunto secondo l’agenzia giapponese JAXA in data 13 Settembre, e due giorni più tardi per l’americana NSIDC: per il primo istituto il valore minimo è stato di 3.55 milioni di kmq, per il secondo di 3.75 milioni di kmq. Differenze molto piccole per una sostanza identica: il 2020 si colloca al secondo posto nella serie quarantennale di misure della minima estensione dei ghiacci artici, battuto dal 2012 per circa 400,000 kmq di differenza.

Nessuna sorpresa anche dai volumi, con PIOMAS che emette una sentenza pressoché identica: secondo posto nella serie storica dei minimi, anche se in questo caso in pareggio statistico con il 2019.

Un’estate anomala

Da questo punto di vista il 2020 è stato decisamente impegnativo: tra il mese di maggio e quello di settembre le temperature sull’Artico sono state regolarmente sul podio della serie storica, con ben tre primi posti in classifica. Questo ha più che compensato un primo trimestre dell’anno che invece si era rivelato insolitamente freddo: il più freddo degli ultimi 10 anni almeno.

Ma la vera anomalia dell’estate 2020, prima ancora che nel campo termico (la termodinamica insegna che grandi variazioni in estate non possono esserci, giacché si parla di un sistema acqua-ghiaccio per il quale la temperatura dovrà gioco forza essere comunque prossima allo zero) è stata nel campo sinottico, con un anticiclone straordinariamente tenace che tra Maggio e Luglio ha messo radici in prossimità del circolo polare artico, ritornando spesso a visitarlo nel corso di tutta l’estate. La persistenza anticiclonica ha quindi garantito una esposizione quasi ininterrotta del pack all’irraggiamento solare.

Fig.1 : Alta pressione sull’Artico nel mese di Luglio

Pillole di clima artico

Lo scioglimento dei ghiacci estivi è legato in misura pressoché esclusiva all’intensità e alla durata del soleggiamento: cieli nuvolosi preservano il pack, mentre cieli sereni lo espongono all’irraggiamento solare. Ancor più importante è che i cieli siano sgombri da nubi tra maggio e giugno, quando l’intensità dell’irraggiamento è altissima e si traduce nella formazione precoce dei “melting ponds”: le pozzanghere di acqua che si formano sul pack, riducendone l’albedo e condizionando in modo determinante il prosieguo della stagione di scioglimento, creando il cosiddetto “momentum” che determina (in negativo) le sorti della stagione.

Con queste premesse, l’aggiornamento del record di minima estensione del 2012 avrebbe dovuto essere garantito. Invece il record del 2012 ha resistito. Vuoi per via del fatto che, come anticipato, l’inverno sull’Artico era stato decisamente freddo e aveva consentito l’accumulo di un volume di ghiacci superiore rispetto ad altri inverni più miti. Vuoi perché nel 2012 il finale dell’estate fu caratterizzato dall’azione di una vasta depressione che trasformò il pack residuo in un milkshake, dando il colpo di grazia allo scioglimento dei ghiacci, complice anche il trascinamento dell’acqua di mare sul pack per l’azione del moto ondoso, che probabilmente ingannò i satelliti, con il “ghost-ice” che si manifestò nuovamente pochi giorni dopo, contribuendo al recupero record di estensione che si ebbe dopo il raggiungimento del minimo.

Fig.2: Confronto tra estensione minima nel 2012 e nel 2020

Questione di Trend

Fatto sta, non solo il minimo del 2012 è uscito indenne, ma si conferma anche un trend alla diminuzione dell’estensione dei ghiacci meno aggressivo rispetto al passato. In altre parole, sta succedendo esattamente il contrario di quanto per anni è stato strombazzato a media unificati, ovvero che il trend della diminuzione dei ghiacci artici si sarebbe avvitato in una “spirale della morte” e i ghiacci sarebbero scomparsi alla velocità della luce.

Fig.3: Trend di diminuzione dei ghiacci artici in tre distinti periodi dal 1979 ad oggi

Queste previsioni si basavano, come spesso accade nella “neo-climatologia”, sulla sopravvalutazione delle forzanti positive (con l’aggiunta di ulteriori e ancora più catastrofiche forzanti come l’annunciato, e mai avvenuto, rilascio di quantità gigantesche di metano allo sciogliersi del permafrost), e sulla concomitante sottovalutazione di quelle negative. A partire dal fatto (tanto banale quanto curiosamente ignorato) che un ghiaccio più sottile permette un raffreddamento più rapido delle acque marine al di sotto del pack, rispetto ad una coperta ghiacciata più spessa.

Siamo in altre parole entrati in quella che qualcuno ha definito in modo molto azzeccato “l’era del ghiaccio sottile”, ovvero un periodo in cui di ghiaccio sull’Artico ce n’è indubbiamente di meno, ma reagisce in modo più vistoso e più rapido al cambiare della temperatura, delle situazioni sinottiche, e delle stagioni. In altre parole, pur inserito in un trend in diminuzione, il ghiaccio artico continuerà a farci compagnia. E sicuramente continuerà a riformarsi nella stagione fredda. Nessuna eco-catastrofe in vista, quindi, ma solo l’evoluzione di un film che va avanti da milioni di anni, e che da milioni di anni si manifesta sotto la forma del “cambiamento climatico”.

PS

Dimenticavo, anche se questa sezione è dedicata ai ghiacci artici, una menzione di merito va anche a quelli antartici, altrimenti qualcuno protesterà per un odioso razzismo climatico che trascura il Sud per parlare solo del Nord. Bene, i ghiacci antartici chiudono l’anno con un massimo di estensione notevolmente superiore alla media.

Un andamento erratico, quello dei ghiacci antartici, con record storici di massima estensione invernale stabiliti tra il 2012 e il 2014 e il minimo del 2017. Trascurati con nonchalance i record di massima estensione, l’attenzione fu tutta concentrata sul minimo del 2017, additato come la pistola fumante del global warming nell’Emisfero Sud. Ma l’inversione del trend negli ultimi anni, associata ai record di massima estensione di qualche anno prima, riducono quel minimo ad una mero dato statistico all’interno di un trend sostanzialmente indecifrabile.

L’appuntamento è per la prossima puntata, fra circa 6 mesi. Sperando che fra 6 mesi il mondo faccia un po’ meno schifo di oggi.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Conto alla rovescia

Posted by on 08:05 in Attualità | 4 comments

Conto alla rovescia

Questo è un istant post, sarà breve e avrà vita breve. Ma voglio fare una prova.

Dopo la notizia uscita appena ieri che quest’anno il Buco dell’Ozono sulla Stratosfera Polare è particolarmente ampio e profondo, voglio vedere quanto ci metteranno i soliti noti ad attribuire questa dinamica al riscaldamento globale o, per essere più attuali, ai cambiamenti climatici.

Già perché l’anno scorso una dinamica opposta – che avrebbe dovuto essere accolta festeggiando – è stata invece commentata come una semi-buona notizia, proprio perché, naturalmente sbagliando, facendo confusione e dimostrando scarsa conoscenza delle cose e voglia di imparare, è stata attrbuita proprio al clima che cambia.

Per cui ripeto, quanto ci vorrà perché accada la stessa cosa per il contrario?

Sto iniziando a contare ma, nel frattempo, invito chiuque dovesse imbattersi nel solito dotto spiegone a segnalarlo nei commenti. Mentre aspettiamo, possiamo rilleggere quanto avvenuto l’anno scorso (Ozono e AGW, persa l’ennesima occasione di tacere – CM 01/11/2019).

L’inverno australe era stato teatro di un raro riscaldamento stratosferico, da cui è derivata una minore efficienza della reazione chimica che porta al depauperamento dello strato di ozono. Come spesso accade. Come speso accade, nell’anno successivo ad un inverno con vortice polare stratosferico debole e meno freddo, ci sono condizioni opposte, ossia un vortice molto forte e molto freddo, cosa quest’ultima che favorisce la reazione di cui sopra.

L’ampiezza e la profondità del buoco dell’ozono di quest’anno è quindi dovuta a questa dinamica, vedremo cosa si inventeranno questa volta.

Qui trovate le informazioni in tempo realedella NASA.

Qui il servizio di monitoraggio di ECMWF e Copernicus.

Qui invece il comunicato stampa deell’organizzaizone meteorologic aMOndiale sulla situazione di quest’anno.

NB: l’immagine in copertina è del 2018.

Enjoy.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 5/11 Ottobre 2020

Posted by on 08:07 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 5/11 Ottobre 2020

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Ancora prevalenza di condizioni depressionarie sull’Europa centrale e sul Mediterraneo occidentale, per l’azione di un profondo vortice centrato sul Mare del Nord cui si associa la risalita di aria molto umida e instabile dal Mediterraneo in direzione dell’Italia, interessata come previsto la settimana scorsa da fenomeni anche intensi nei suoi settori nord-occidentali. La cellula atlantica continua a mantenersi ai limiti del quadrante europeo con i suoi massimi centrati sulle Azzorre, mentre l’azione stabilizzante della cellula subtropicale si fa sentire soltanto sul Mediterraneo orientale, con coinvolgimento della Grecia e dell’Anatolia dove il campo di massa si mantiene forte in risposta dinamica alla persistenza della citata circolazione ciclonica (Fig.1).

Nel corso della settimana, le correnti prevalenti sul Mediterraneo assumeranno una direttrice più occidentale, per l’azione incisiva del getto che comprimerà la cellula atlantica favorendone la distensione secondo i paralleli in direzione del Mediterraneo centro-occidentale. Questo si assocerà ad una attenuazione generale della fenomenologia sull’Italia.

Sul finire della settimana la cellula atlantica potrebbe distendersi nuovamente secondo i meridiani, entrando in fase con l’anticiclone termico groenlandese. Si creerebbero quindi le premesse per un nuovo affondo perturbato in direzione del Mediterraneo occidentale con coinvolgimento della penisola italiana che andrebbe a interessare nuovamente in modo più diretto le regioni nord-occidentali.

Consigli per il Rescue Team

Come facilmente previsto, la narrativa dell’Italia spaccata in due, e del maltempo al Nord dovuto ovviamente al “global warming” ha avuto gioco facile.

Per questa settimana pochi spunti di rilievo. Quindi toccherà guardare altrove, magari in Russia dove farà più caldo del solito, per il semplice motivo che ad ovest della Russia farà più freddo del solito, nel classico gioco di sponda che nei vecchi manuali si associava alle cosiddette “onde di Rossby”, mentre oggi è semplicemente “global warming”: il freddo del cavo d’onda scompare dai giornaloni, mentre si parla solo del caldo associato alla cresta dell’onda.

Così lavora il Rescue Team, per il resto il tempo atmosferico continua a fare quello che gli pare, con nostro diletto e con nostra sorpresa, che torniamo tutti bambini davanti a fenomeni atmosferici diversi dal solito. Anche se di “sorprese” diventa sempre più difficile parlare, vista la precisione e l’affidabilità con cui i modelli riescono oggi a leggere eventi atmosferici a distanza di parecchi giorni.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì migliora al Nord e al Centro dopo i rovesci del primo mattino, con tendenza a schiarite anche ampie. Ampi spazi di sereno anche al Sud ma con tendenza ad aumento della nuvolosità in risalita dal Canale di Sicilia verso il basso Tirreno ed associati rovesci sparsi dalla serata.

Temperature in diminuzione al Sud. Maestrale vivace su tutti i bacini, con qualche rinforzo sul Tirreno centro-settentrionale.

Martedì migliora al Sud dopo le piogge sparse della nottata. Nuvolosità variabile al Nord e al Centro con ampie schiarite alternate ad annuvolamenti specie a ridosso dei rilievi associati a qualche sporadica precipitazione. In serata peggiora su Alpi occidentali con precipitazioni anche intense e nevicate abbondanti sulla Valle d’Aosta al di sopra dei 1800-2000 metri. In serata possibili rovesci e temporali sull’Appennino tosco-emiliano e sulla Versilia.

Temperature stazionarie o in lieve ulteriore diminuzione al Sud. Venti sostenuti di ponente sui bacini occidentali, tramontana vivace sullo Jonio.

Mercoledì ampie schiarite al Nord. Piogge e rovesci sparsi in rapido transito dalle regioni centrali peninsulari verso quelle meridionali che saranno raggiunte in serata, mentre le schiarite andranno affermandosi al Centro.

Temperature stazionarie. Maestrale sostenuto sui bacini centrali e meridionali.

Giovedì e Venerdì generali condizioni di tempo stabile e soleggiato su tutto il Paese.

Temperature stazionarie. Tramontana vivace sul basso Adriatico e Ionio nella giornata di Giovedì, venti deboli il Venerdì.

Sabato aumenta la nuvolosità al Nord e sull’alta Toscana con i primi fenomeni a carattere sparso. Bel tempo altrove.

Temperature stazionarie. Entra il libeccio sul Mar Ligure.

Domenica possibile intenso peggioramento al Nord con piogge, rovesci e temporali diffusi, in estensione all’alta Toscana. Soleggiato al Meridione.

Temperature in diminuzione al Nord nei valori massimi. Venti sostenuti dai quadranti meridionali su tutti i bacini.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »