Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Reality check. Il clima non peggiora ma tutto il resto sì.

Posted by on 07:53 in Attualità | 8 comments

Reality check. Il clima non peggiora ma tutto il resto sì.

E’ autunno e piove in Italia. Spesso tira anche vento. Altrove è sempre autunno e fa anche freddo. Insomma, anche a soffermarsi solo sul nostro emisfero, un posto dove c’è maltempo, anche intenso lo si trova sempre. Quindi sotto coi commenti.

Da corriere.it: Sull’Italia venti veloci come uragani: «Da noi sempre più frequenti

Il popolo di Santi, poeti e navigatori, abbandonata per evidente insuccesso anche la professione di allenatori della nazionale di calcio e dopo una fugace apparizione tra le fila dei meteorologi, sbarca con successo nella pratica della climatologia. E quello di parlare di parlare di climatologia senza dati diventa lo sport nazionale. Venti sempre più forti? Trombe d’aria sempre più frequenti? Danni sempre più ingenti? Chi li ha contate?

Ecco qua, un paper neanche tanto fresco, che quindi qualcuno dovrebbe aver letto, anche perché, guarda il caso, è uscito grazie al lavoro di nostri concittadini e di nostre Istituzioni:

No upward trend in normalised windstorm losses in Europe: 1970–2008

Il tema è quanto mai interessante perché pone il problema della valutazione della capacità di progredire prestando attenzione alla vulnerabilità del nostro modo di vivere. In pratica, presi i pochi dati che sono disponibili in relazione agli eventi di forte ventilazione ed ai danni da essi generati e riportata l’entità di quei danni ai giorni nostri, non si registra alcun trend significativo. Vuol dire che non aumenta il vento? Non necessariamente, ma certamente non vuol dire il contrario. Piuttosto appare chiaro che “l’aumento dell’entità dei danni dipende da fattori sociali e dall’aumento dell’esposizione“.

Ma si parlava di venti di intensità paragonabile a quella degli uragani. Al di là della bestialità di affermare che l’Italia stia diventando come la costa atlantica degli USA, vale la pena vedere cosa succede se si applica lo stesso metodo proprio ai danni provocati dagli uragani. Qui la letteratura è molto più abbondante e, mi si perdonerà la parolaccia, gode anche di consenso, che naturalmente viene ignorato. Il paper più fresco è qui sotto:

Normalized hurricane damage in the continental United States 1900–2017

Dall’abstract:

Consistent with observed trends in the frequency and intensity of hurricane landfalls along the continental United States since 1900, the updated normalized loss estimates also show no trend.

Analogamente a quanto rilevato per la frequenza e l’intensità degli uragani, anche i danni da essi provocati, se riportati all’attualità non mostrano alcuna tendenza, né positiva, né negativa.

Ma il clima (e il tempo) non sono solo vento, trombe d’aria o uragani, sono anche tante altre cose. E’ quindi interessante rilevare come anche l’assessment sul clima appena pubblicato oltreoceano spinga sull’acceleratore più del dovuto. Prima il report:

Con un highlight su cui in molti si sono tuffati a pesce (per esempio Repubblica), quello secondo cui i danni da climatechange potrebbero portare una riduzione del PIL addirittura del 10% negli USA. Neanche Lord Stern, colui che ha letteralmente consegnato la scienza del clima ai mercati aveva osato tanto, la sua stima si fermava infatti al 3% del PIL globale. Qui si parla solo di USA ma, tant’è.

Vale la pena quindi far notare che la faccenda del 10%, pur presente nel report, non è supportata neanche dal peggiore (e più irrealistico) degli scenari climatici, quello definito business as usual, per il quale la stima dell’aumento della temperatura si ferma a circa la metà di quanto necessario – secondo lo stesso report – per arrivare a cotanto disastro economico. Quindi, le stime e le formule utilizzate nel report non supportano le conclusioni del report stesso. Complimenti alla coerenza. Difficile pensare che qualcuno lo possa notare al di là dei soliti noti, come qui sotto.

Da segnalare il fatto che Pielke jr, che ha lanciato la discussione qui sopra e tiene famiglia, concluda così, giusto per fugare ogni dubbio sul suo pensiero in materia di AGW:

PS. Climate change is real, and aggressive mitigation and adaptation make very good sense. Trump is still wrong. Which makes an error of this magnitude so much the worse.

C’erano una volta i dati, ora c’è il climatechange.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 26 Novembre/ 2 Dicembre 2018

Posted by on 23:19 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 26 Novembre/ 2 Dicembre 2018

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Una vasta area depressionaria a gradiente lasco interessail Mediterraneo centro-occidentale, parte dell’Europa centrale e i Balcani, passando per la penisola italiana. È alimentata da aria fredda di recente origine artica in discesa lungo il fianco dell’anticiclone posizionato sul Mare del Nord, che proprio per effetto del raffreddamento in corso, assume in queste ore caratteristiche termiche. Un vortice atlantico è rallentato nella sua evoluzione zonale dall’ingresso in fase con una profonda depressione più a ovest, con l’effetto di favorire una rimonta anticiclonica dall’iberia in direzione dell’anticiclone nord-atlantico (Fig.1).

Nei primi giorni della settimana l’aggancio anticiclonico andrà a buon fine, e altra aria fredda verrà convogliata di conseguenza sul Mediterraneo a prolungare l’attuale fase di maltempo. Si completerà nel frattempo anche l’aggancio del secondo vortice atlantico, col conseguente approfondimento di una vasta depressione che muoverà verso il Mare del Nord. In risposta dinamica, la componente subtropicale del ponte anticiclonico finirà per prendere il sopravvento su quella termica, con conseguente aumento del campo di massa sul Mediterraneo e deciso miglioramento delle condizioni atmosferiche sulla penisola italiana ma con la formazione di nebbie nelle valli e sulle zone pianeggianti.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì Migliora al Nord con ampie schiarite. Tempo in miglioramento anche al Centro dopo le piogge del primo mattino, in un regime di nuvolosità irregolare più intensa sui versanti tirrenici settentrionali. Nuovo peggioramento dal pomeriggio con precipitazioni intense in movimento dalla Sardegna alla costa del Lazio. Al Sud, piogge e rovesci al mattino sui versanti tirrenici, e schiarite via via più ampie su quelli adriatici e ionici. Dalla sera nuovo intenso peggioramento da ovest, con precipitazioni intense che dal Tirreno meridionale muoveranno verso la Puglia.

Temperature in diminuzione, venti dai quadranti occidentali con rinforzi sui bacini occidentali.

Martedì Schiarite al Nord in un contesto generalmente asciutto con l’eccezione della Romagna dove al mattino insisteranno nuvolosità e precipitazioni nevose in Appennino al di sopra dei 1000 metri, ma con tendenza a miglioramento. Al Centro e al Sud condizioni di spiccata instabilità con precipitazioni che dalla tarda mattinata tenderanno a concentrarsi sui versanti adriatici e a traslare verso le estreme regioni meridionali sotto la spinta di correnti tese settentrionali. Da segnalare le nevicate sull’Appennino centrale a quote superiori ai 1500 metri a inizio evento, in calo fin sotto i 1000 metri in serata.

Temperature in sensibile diminuzione, entra la tramontana su tutto il Paese con rinforzi in particolare su Adriatico, Jonio e Tirreno meridionale.

Mercoledì migliora ovunque, con ampie schiarite al Nord e al Centro, e nuvolosità irregolare al Sud ma con precipitazioni solo occasionali, più frequenti sul basso Tirreno.

Temperature in ulteriore diminuzione al Centro-Sud. Ancora tramontana sostenuta sulle regioni centro-meridionali.

Giovedì e Venerdì generali condizioni di stabilità su tutto il Paese con formazione di nebbie sulle zone pianeggianti e nelle vallate. Tendenza ad aumento della nuvolosità sulle regioni nord-occidentali dalla giornata di Venerdì.

Temperature in aumento nei valori massimi. Venti deboli tendenti a ruotare dai quadranti meridionali sui bacini più occidentali.

Sabato e Domenica i modelli prevedono un rapido passaggio nuvoloso che tenderà ad evolvere rapidamente in minimo chiuso di potenziale sul Nordafrica, con effetti trascurabili sull’Italia e limitati alle isole maggiori. Previsione al momento poco affidabile e che necessita di conferme nei prossimi giorni.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ingiusta Causa

Posted by on 06:45 in Attualità | 10 comments

Ingiusta Causa

Il direttore del Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente, al secolo Erik Solheim, alto funzionario norvegese nonché ex-ministro per l’ambiente e lo sviluppo si è dimesso. Lo ha fatto a seguito di una inchiesta interna che ha rilevato alcuni comportamenti apparentemente non in linea con la sua posizione.

Uno strenuo paladino della lotta al global warming, Solheim ha interpretato il suo ruolo in perfetta sintonia con lo spirito della “nuova ONU” del segretario generale Antonio Guterres, tutta climatismo e immigrazionismo. Già due anni fa, ancora fresco di nomina all’ONU, Solheim esprimeva tutta la sua costernazione per il ritiro degli Stati Uniti dall’accordo di Parigi, dolendosi per le nomine di personaggi clima-scettici nella nuova amministrazione, e lanciando un monito perentorio: “vi ritroverete nel Medioevo se negate la scienza!

Il punto è che Solheim i suoi moniti li lanciava tra un’assenza ingiustificata dal lavoro e un volo in prima classe per Parigi, preferibilmente con l’aggiunta di una sosta “tecnica” a casa sua, a Oslo. Le scappatelle di Solheim negli ultimi due anni di lavoro sono state scoperte a seguito di un Audit interno dell’ONU, con findings di questo tenore:

  • Numerose assenze ingiustificate dal lavoro
  • Scelta di itinerari di volo estremamente costosi conditi da soste ingiustificate a Oslo e Parigi
  • 72 giorni trascorsi tra Parigi e Oslo senza nessuna giustificazione lavorativa
  • Assenza dal suo ufficio con sede a Nairobi per il 79% del tempo “lavorato”
  • Spesa complessiva di quasi mezzo milione di dollari in soli viaggi, in 22 mesi di lavoro

Tra le righe del report dell’Audit ci sono vere e proprie perle, come il viaggio “di lavoro” a Parigi per un meeting della durata di un giorno, ma con permanenza estesa ad un mese (ovviamente ingiustificata). Oppure i viaggi aerei su rotte “circolari”, come in occasione di un doppio meeting negli Stati Uniti, allorché al termine della prima riunione a Washington Solheim prese un volo per tornare in Europa, seguito immediatamente da un nuovo volo per partecipare al secondo meeting…a New York. E che dire di quando decise di viaggiare da Nairobi ad Addis Abeba (2 ore di volo diretto) facendo uno scalo “tecnico” a Oslo, appena 7,000 km più a nord?

In apparenza le dimissioni appaiono del tutto giustificate. Ma andando a scavare, si scopre una scomoda verità. In un profetico pezzo pubblicato appena 3 mesi fa, Solheim denunciava le emissioni di gas serra come il rischio più grande per le generazioni future e in ossequio al mantra più gettonato al Palazzo di Vetro, metteva in guardia contro la catastrofe migratoria aggravata dagli effetti del Climate Change con “un miliardo di persone che oggi sono migranti (…) per una serie di ragioni tra cui la pressione demografica, la mancanza di opportunità economiche, il degrado ambientale e nuove modalità di trasporto”.

Ecco, in quel drammatico pezzo di alto impegno umanitario è la prova dell’innocenza di Solheim. Pensiamo a questo povero funzionario norvegese costretto a guadagnarsi da vivere in un ufficio a Nairobi, che avrà pure un clima temperato ma è assediata dai rifiuti, afflitta da problemi sanitari, scarsità di acqua potabile, degrado urbano e sociale. Vogliamo condannare questo pover’uomo per aver cercato rifugio in Europa a godere della frescura della sua amata Oslo, o dell’offerta culturale parigina? E quella storia dei “voli circolari”, poi? Una fake news: si trattava solo delle “nuove modalità di trasporto” citate nell’articolo.

Perché quello che gli auditors dell’ONU incredibilmente non hanno capito, è che per la definizione offerta dallo IOM (ovvero l’Agenzia dell’ONU per le Migrazioni), Erik Solheim è un migrante climatico, ovvero una “persona (…) che per ragioni impellenti legate all’improvviso o al progressivo cambiamento ambientale che ne peggiora le condizioni di vita [n.d.r.: leggi trasferimento a Nairobi], è obbligata a lasciare la propria residenza abituale, o sceglie di farlo, temporaneamente o permanentemente”.

Erik Solheim è innocente: è stato ingiustamente condannato con un processo sommario per il suo status di migrante climatico, per giunta dalla stessa organizzazione che questo status l’ha invent… definito, e che professa di difenderne i diritti. In attesa che questa decisione scandalosa venga ribaltata, e la figura dell’illustre funzionario riabilitata di conseguenza, non resta che accogliere il suo successore con la consapevolezza che anche lui saprà battersi con ardore per salvare il Pianeta dalla CO2.

PS: Vale la pena ricordare che la prossima raccolta fondi organizzata dall’ONU per salvare il mondo dal global warming è fissata tra il 2 e il 14 Dicembre in Polonia, a Katovice. E proprio negli stessi giorni l’ONU terrà a Marrakech la cerimonia per la firma del Global Compact sull’Immigrazione (con annesso fuggi-fuggi di firmatari). Un fine anno coi fiocchi, tra Climate Change e Immigrazione: i cavalli di battaglia della nuova ONU.

Siamo in buone mani. Lunga vita al Global Warming.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ops, lettura altamente consigliata!

Posted by on 12:07 in Attualità | 5 comments

Ops, lettura altamente consigliata!

Cominciamo dalla fine? Ma sì dai…

[…] our results summarise and rigorously document pronounced quantitative discrepancies between models and observations, which should help guide further DCV research.

E poi andiamo all’inizio…

While climate models exhibit various levels of decadal climate variability and some regional similarities to observations, none of the model simulations considered match the observed signal in terms of its magnitude, spatial patterns and their sequential time development. These results highlight a substantial degree of uncertainty in our interpretation of the observed climate change using current generation of climate models.

Abbiamo letto rispettivamente le ultime frasi della discussion e dell’abstract di un paper appena uscito su Climate and Atmospheric Sciences, una rivista spin off di Nature. Qui sotto titolo e link.

Global-scale multidecadal variability missing in state-of-the-art climate models

Al di là di spiegare che sussiste un “sostanziale livello di incertezza nell’interpretazione dei cambiamenti climatici osservati con l’attuale generazione di modelli”, che derivano da “pronunciate discrepanze quantitative tra i modelli e le osservazioni”, il paper è anche un lavoro di attribuzione. In particolare il focus è sulla variabilità climatica decadale e multidacadale e di come questa sia modulata dalle oscillazioni oceaniche, soprattutto quella atlantica, che si propagano poi nel sistema.

Queste cose, ora su Nature (!), le diciamo da anni, mentre dall’altra parte, il famoso e fumoso 97%, ripete che l’attribuzione è ormai acquisita, proprio grazie all’impiego dell’attuale generazione di modelli.

Strano strano davvero che questa cosa sia uscita quando è ormai vicina la prossima fiera del clim… ehm, Conferenza delle Parti.

Due le cose: o servono appigli per posare il prossimo scontato nulla di fatto su un terreno meno scivoloso, oppure, essendo acclarato che l’Atlantico settentrionale si sta raffreddando, probabilmente in risposta al segnale solare, che qualcuno sta iniziando a mettere le mani avanti.

Nel frattempo leggiamo ;-).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Che succede sull’Artico?

Posted by on 22:45 in Attualità | 6 comments

Che succede sull’Artico?

Ci siamo lasciati meno di due mesi fa con il consueto appuntamento semestrale sullo stato dei ghiacci artici, commentando il raggiungimento del minimo di estensione 2018. In quella occasione si era evidenziata la tendenza recente alla stabilizzazione del minimo e la mancata realizzazione delle profezie catastrofiste di scomparsa imminente dei ghiacci artici. Il minimo è stato raggiunto il 21 Settembre, ma da allora il rateo di incremento della superficie ghiacciata è stato molto basso, quasi impercettibile fino alla metà di Ottobre. Questo ha fatto inevitabilmente gridare alla fine del mondo imminente, specie in concomitanza con il raggiungimento dei valori minimi della serie per i giorni 21 e 22 Ottobre.

Da allora, tuttavia, qualcosa è cambiato e la superficie ghiacciata è aumentata rapidamente di estensione fino a raggiungere i livelli di questi giorni, che si collocano al seccondo valore massimo degli ultimi 10 anni, ad una incollatura dal primo posto detenuto dal 2014. I valori attuali sono più vicini alla media di estensione degli anni ‘2000 piuttosto che a quelli dell’ultimo decennio (Fig.1). Non solo, per l’istituto giapponese JAXA l’aumento di estensione dei ghiacci nell’ultimo mese è il secondo più alto dell’intera serie storica.

 

Fig. 1. Fonte: JAXA

Cosa è successo?

È successo semplicemente che la situazione sinottica sull’Artico è cambiata radicalmente. La persistenza di un’area di alta pressione sul Mare di Beaufort nel mese di Settembre aveva favorito la compattazione del pack in corrispondenza dell’arcipelago artico canadese, unitamente all’avvezione di aria molto mite e umida in risalita dall’Oceano Pacifico. La combinazione dei due fattori (movimento del pack e forte aumento delle temperature) era stata la causa principale del lentissimo incremento della superficie ghiacciata nel periodo immediatamente successivo al raggiungimento del minimo. Dalla metà di Ottobre, tuttavia, condizioni depressionarie si sono consolidate sulla regione artica, favorendo una dispersione del ghiaccio artico unitamente ad un progressivo e sensibile calo termico.

Attualmente il campo termico si è riportato in prossimità dei valori medi del periodo, e le temperature della superficie ghiacciata hanno raggiunto valori prossimi a -40 gradi (Fig.2). Non solo, nei prossimi giorni la formazione di un anticiclone termico favorirà una ulteriore discesa delle temperature su tutto il settore, il conseguente ulteriore raffreddamento della superficie ghiacciata e in ultima analisi, un significativo incremento dello spessore del pack e del suo volume complessivo.

Fig.2. Fonte: www.polarportal.dk

Un po’ più a sud…

Inevitabilmente il raffreddamento dell’Artico ha avuto ripercussioni anche a latitudini inferiori. Nei giorni scorsi gli Stati Uniti sono stati investiti da una ondata di gelo che ha fatto cadere diversi record di innevamento precoce in Kansas, Texas e persino Louisiana, mentre nelle prossime ore è attesa una irruzione artica che regalerà a New York e al nord-est degli USA uno dei Thanksgiving più freddi della storia. E non si tratta di un fenomeno su scala esclusivamente locale, visto che l’innevamento attuale si mantiene su livelli superiori alla norma a livello emisferico: sia in termini di estensione che di volumi (Fig.3).

E giacché si è parlato di configurazioni sinottiche, forse vale anche la pena sottolineare quanto ripetuto più volte nella rubrica di Previsioni di CM, ovvero la tendenza alla formazione di anticicloni di blocco alle alte latitudini, con associate circolazioni retrograde a latitudini inferiori. Probabile eredità dello sconquasso portato dall’evento di stratwarming registrato alla fine dell’inverno scorso.

Fig.3

Un nuovo trend?

L’impressionante recupero dell’estensione del ghiaccio artico non può certo essere usata come prova di un cambiamento di trend. Parliamo di un episodio limitato nel tempo e comunque relativo ad una serie di curve di estensione che in questa fase della stagione si presenta molto “compressa”: basta davvero poco per scalare o perdere posizioni nella speciale (e altrettanto aleatoria) classifica delle estensioni del pack su base giornaliera. Ma qualche riflessione vale comunque la pena farla.

  • Guardare all’evoluzione giornaliera dell’estensione del pack è un esercizio di scarso valore predittivo sul lungo termine. Può soddisfare i confirmation bias di catastrofisti e scettici, ma estrapolare variazioni mensili o settimanali sul lungo termine espone generalmente a figuracce e delusioni.
  • Se proprio si vuole provare a fare una riflessione generale, si nota negli ultimi anni una tendenza a variazioni notevoli di estensione e volumi su scale temporali decisamente brevi (ricordiamo ad esempio il rimbalzo post-minimo 2012).
  • Che questa crescente instabilità su livelli prossimi ai minimi di estensione e volume della serie satellitare possa essere il preludio ad un nuovo trend è certamente possibile. Come è anche possibile che il “nuovo trend” sia proprio questo: ovvero variazioni notevoli legate all’assottigliamento della superficie ghiacciata e al conseguente incremento della velocità di scambio termico tra il mare e l’atmosfera.

Ci sarebbe tanto da capire e da studiare, sulle dinamiche del ghiaccio artico. Sarebbe bello poterlo fare senza guardare attraverso le lenti deformanti del global warming, per il puro e semplice piacere della ricerca e della scoperta. Magari un giorno sarà davvero possibile farlo. E magari quel giorno voleranno i porci, o meglio…gli orsi bianchi.

Nel nostro piccolissimo, l’appuntamento è al Marzo 2019 con il raggiungimento del massimo di estensione annuale. Buon inverno a tutti.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

536 d.C.: il peggior anno negli ultimi 2000 anni di storia dell’umanità

Posted by on 21:41 in Attualità, Climatologia | 6 comments

536 d.C.: il peggior anno negli ultimi 2000 anni di storia dell’umanità

Circa tre anni fa L. Mariani pubblicò qui su CM un post di grande successo che descriveva con dovizia di fonti storiografiche e scientifiche, un periodo storico terribile per l’uomo: quello compreso tra il 535 ed il 550 d.C..

L’evento freddo del 535/550 dC – Alcune fonti per l’Italia

Da qualche giorno è stato pubblicato su Science un articolo divulgativo a firma di A. Gibbons, che riprende l’argomento attraverso le parole del medievalista M. McCormick.

Why 536 “was worst year be alive

Lo storico britannico utilizzando le fonti citate già da L. Mariani nel suo articolo del 2015, descrive un periodo caratterizzato da eventi atmosferici estremamente fuori dal normale. Il Sole appariva pallido come durante un’eclissi parziale e non scaldava. Al Sole pallido si associarono inverni molto freddi, estati siccitose e fredde e le “mezze stagioni” sparirono del tutto. Le coltivazioni agricole non diedero frutto e l’intera Europa piombò in una paurosa carestia.

La novità dell’articolo di A. Gibbson riguarda i risultati di una ricerca effettuata da un team di ricercatori guidati dal glaciologo P. Mayewski che opera presso il Climate Change Institute dell’Università del Maine di Orono e dallo stesso M. McCormick. In un recente seminario gli studiosi hanno comunicato i risultati di una ricerca effettuata su una carota di ghiaccio lunga una settantina di metri, estratta dal ghiacciaio di Colle Gnifetti sulle Alpi Svizzere. Analizzando la carota con una nuova tecnica di indagine, essi sono riusciti ad aumentare in modo estremamente alto la risoluzione degli strati che la costituiscono, riuscendo a definire le caratteristiche di una dozzina di componenti della carota addirittura a livello mensile.

Sulla base dei risultati ottenuti, P. Mayewski ed il suo gruppo hanno potuto accertare che tra la fine dell’anno 535 d.C. e l’inizio dell’anno 536 d.C. ci fu una violenta eruzione vulcanica che rovesciò in atmosfera una tale quantità di polveri e ceneri, da oscurare il Sole per oltre un anno e che causò i fenomeni descritti da Procopio, Cassiodoro ed altri cronisti coevi. Nello strato relativo a quel periodo storico sono stati individuati, inoltre, due granelli di polvere che appartenevano ad una roccia molto comune in Islanda, per cui i ricercatori hanno dedotto che l’eruzione responsabile del cambiamento climatico che innescò l’era più buia negli ultimi 2300 anni della storia dell’uomo, abbia riguardato un vulcano Islandese. Non tutti i ricercatori concordano, però, con le conclusioni del gruppo di P. Mayewski: secondo alcuni il vulcano responsabile dell’eruzione dovrebbe trovarsi in Nord America.

Tornando ai risultati delle analisi effettuate sulla carota di ghiaccio estratta dal ghiacciaio del Colle Gnifetti, tra il 535 ed il 536 d.C. un vulcano islandese avrebbe eruttato violentemente, immettendo nell’atmosfera terrestre una tale quantità di polveri e ceneri da oscurare il sole per circa diciotto mesi e determinando una diminuzione delle temperature estive dell’emisfero nord, compresa tra 1,5°C e 2,5°C. Gli effetti di questo improvviso abbassamento di temperatura riguardarono almeno tutto l’emisfero settentrionale terrestre e si protrassero per circa un decennio: il decennio peggiore degli ultimi 2000 anni. A circa metà del decennio (tra il 540 ed il 541 d.C.) ci fu un’altra eruzione che determinò l’abbassamento delle temperature estive europee di ulteriori 1,4°C-2,7°C. Quasi in coincidenza con questa nuova eruzione si verificò l’epidemia di peste bubbonica, nota come peste di Giustiniano che determinò la morte di milioni di persone: si stima che la popolazione dell’impero bizantino si ridusse da un terzo alla metà a causa delle terribili condizioni meteorologiche, sociali, economiche e sanitarie venutesi a creare. A seguito di ciò iniziò la decadenza dell’impero bizantino che culminò, infine, con il suo collasso.

La crisi sociale ed economica fu terribile e si protrasse per circa un secolo, come suggeriscono altri risultati delle analisi effettuate sulla carota glaciale di Colle Gnifetti. Nel 640 d.C. si cominciano a trovare nel ghiaccio delle tracce di piombo. Con ogni probabilità esse sono legate ai processi di estrazione dell’argento e ciò significa che la popolazione europea si era ripresa ed aveva bisogno di un metallo prezioso per coniare monete necessarie alle nuove condizioni economiche che si andavano instaurando nel nostro Continente. Evidentemente il peggio era passato e gli esseri umani iniziarono il lento processo di recupero dalla crisi appena finita.

Molto interessanti, secondo me, le parole di uno dei ricercatori intervistati dalla Gibbson: siamo entrati in una nuova era delle ricostruzioni paleoclimatiche, in quanto siamo in grado di discriminare, come mai prima era successo, gli strati delle carote glaciali aumentandone fortemente la risoluzione e porle in correlazione con le cronache storiche ad altrettanto alta risoluzione.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le previsioni di CM: 19/25 Novembre 2018

Posted by on 23:37 in Attualità | 1 comment

Le previsioni di CM: 19/25 Novembre 2018

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Una cellula anticiclonica dinamica con valori massimi ragguardevoli al suolo e in quota è in azione in queste ore tra il Mare del Nord e la Scandinavia. La sua azione, in fase con l’anticiclone termico groenlandese, impone al flusso principale una lunga e complicata manovra di aggiramento fin sul bacino centrale dell’Artico per poi ridiscendere retrogrado dalla Siberia centro-occidentale in direzione dell’Europa.

Il vasto blocco di aria fredda distaccatosi recentemente dal Mare di Kara è adesso in azione tra l’Europa centrale e il Mediterraneo occidentale dove il tempo è perturbato per il contrasto deciso tra l’aria mite e umida preesistente e l’avvezione fredda continentale. La spinta retrograda, incessante, mette in comunicazione proprio in queste ore l’aria fredda continentale con quella nord-atlantica, completando la manovra di aggiramento in modo simile a quanto accaduto al termine dello storico evento di stratwarming alla fine dell’inverno scorso (Fig.1).

Nel corso della settimana, una pulsazione anticiclonica in Atlantico proporrà la formazione di una nuova configurazione di blocco, con l’entrata in fase della cellula atlantica con quella scandinava e groenlandese. Conseguirà l’isolamento di un vasto minimo chiuso di geopotenziale sul vicino Atlantico, eredità dell’avvezione fredda continentale di questi giorni, che favorirà la persistenza di correnti sud-occidentali sulle regioni settentrionali italiane, segnatamente quelle di Nordovest (Fig.2).

Sul finire della settimana il blocco anticiclonico in Atlantico potrebbe cedere all’incalzare delle correnti atlantiche, con una cellula anticiclonica che andrebbe ad isolarsi tra Groenlandia e Islanda e il flusso principale più a sud, ad interessare principalmente l’Europa centrale con coinvolgimento delle regioni settentrionali italiane e le prime abbondanti nevicate a quote basse sull’arco alpino.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì cieli nuvolosi al Nord, con precipitazioni sporadiche nevose a quote basse, e ulteriore peggioramento in serata sul Triveneto. Maltempo sulle regioni centrali con precipitazioni estese, anche abbondanti, che dalla Sardegna e basso Tirreno si spingeranno verso nord col passare delle ore. Quota neve inizialmente intorno ai 1500 metri in rialzo fino a oltre i 2000 metri. Al Sud, maltempo sulle regioni tirreniche, segnatamente sulla Campania dove i fenomeni potrebbero essere intensi e persistenti; cieli nuvolosi sulle regioni adriatiche e ioniche, ma con precipitazioni soltanto sporadiche.

Temperature in aumento nei valori minimi al Centro e al Sud. Venti tesi a circolazione ciclonica attorno al minimo sul Tirreno.

Martedì persistono le precipitazioni al mattino sulle regioni tirreniche centro-meridionali, in progressiva estensione al resto delle regioni del Centro-Sud. Migliora al Nord con ampie schiarite.

Temperature stazionarie, venti a circolazione ciclonica attorno al minimo sul basso Tirreno.

Mercoledì Piogge diffuse e nevicate a quote basse al Nord-ovest, in miglioramento dal pomeriggio. Nubi e piogge mattutine anche sulla Toscana. Sulle restanti regioni del Nord e del Centro condizioni di nuvolosità irregolare con qualche precipitazione sui versanti tirrenici. Migliora al Sud dopo le piogge del mattino, con le piogge che si attardano sul basso Tirreno.

Temperature stazionarie, venti in prevalenza dai quadranti occidentali.

Giovedì generali condizioni di variabilità in un contesto asciutto, ma con aumento della nuvolosità sui versanti tirrenici associato a qualche pioggia serale sulla Toscana.

Temperature stazionarie, venti occidentali.

Venerdì maltempo al Nord e sull’alta Toscana con precipitazioni estese, nevose sulle Alpi intorno ai 1300 metri. Parzialmente nuvoloso sulle restanti regioni centrali, ampie schiarite al Sud.

Temperature stazionarie, venti meridionali.

Sabato ancora maltempo al Nord con piogge e nevicate alle quote medie, in estensione alle regioni centrali. Sud in attesa. Domenica le precipitazioni raggiungono il Meridione, migliora al Nord con ampie schiarite.

Temperature stazionarie, venti tesi dai quadranti meridionali con tendenza a ruotare di maestrale sui bacini di Nord-ovest.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il Popolo si è espresso

Posted by on 07:00 in Attualità | 22 comments

Il Popolo si è espresso

Il 16 Novembre si è votato per le elezioni di Midterm in America. Cosa che molti non sanno, alcuni stati hanno anche messo ai voti alcune proposte “ambientaliste” volte a diminuire le emissioni di CO2. Vediamo come è andata:

Lo stato dell’Arizona ha messo ai voti una proposta in perfetto stile liberal-californiano: la “Proposition 127” intendeva imporre per legge la riduzione delle emissioni di CO2 da generazione elettrica. Nello specifico, si chiedeva di aumentare la componente di generazione rinnovabile dall’attuale 8% al 50% nel 2030. Obbiettivo già di per sè estremamente ambizioso, e per giunta calcolato al netto del contributo della centrale nucleare di Palo Verde, che pure di CO2 non ne emette. Ma l’atomo non fa abbastanza “liberal”, si sa.

Come spesso accade in questi casi, la salvezza del mondo passerebbe attraverso il raddoppio delle spese energetiche del contribuente, raddoppio stimato dalla principale utility dello Stato: la Arizona Public Service, che prevedeva una esplosione della bolletta energetica a causa degli inevitabili tagli imposti alla produzione nucleare e a carbone, con associata perdita di efficienza e conseguente chiusura per mancanza di redditività. Come da copione, a chiedere a Mr. Johns di tirare la cinghia per salvare il mondo è un pluri-miliardario: al secolo Tom Steyer, uno squalo della finanza che appartiene di diritto alla classe degli eletti del supergoverno globalista. Ce le ha tutte lui, garantisce Wikipedia: californiano, filantropo, ambientalista e attivista liberal. Chi offre di più?

Va da sè che i Mr. Johnes dell’Arizona hanno deciso di tenersi stretta la loro centrale nucleare, rispedendo in California il salvamondo miliardario-ma-liberal con un risultato che somiglia molto a una pedata nel sedere: 70% – 30%.

Se a Phoenix e dintorni batte un cuore repubblicano, nel super-liberal stato di Washington si poteva realisticamente sperare in un esito diverso. Con la Iniziativa 1631 si intendeva infatti imporre il rimedio più amato dai salvamondo: una bella carbon tax di 15$ per tonnellata di CO2 emessa, da aumentare di ulteriori 2$ all’anno fino al raggiungimento delle agognate soglie di riduzione delle emissioni nel 2035 e 2050. Risultato? Bocciata anche questa: 56% vs 44%. Che saranno pure super-liberal, i Mr. Johnes di Washington, ma restano pur sempre dei provincialotti al cospetto dei cugini californiani che la carbon tax ce l’hanno già, e di ben 20$, beati loro…

In Colorado, infine, con la Proposition 112 si metteva ai voti un bando alle attività di perforazione petrolifera in un raggio di mezzo miglio da strutture civili. La disposizione avrebbe avuto un impatto notevole sulla produzione petrolifera nello stato, settore che dà lavoro a circa 30,000 persone. Risultato? Bocciata anche questa, 58% vs. 42%: i pozzi petroliferi restano dove sono, e con quelli anche un bel po’ di posti di lavoro.

Qualche riflessione

Sarà pur vero che la demografia sta lentamente cambiando il panorama elettorale americano, con roccaforti un tempo repubblicane che strizzano adesso l’occhio ai democratici grazie alla maggiore influenza e mobilitazione delle minoranze sudamericane numericamente crescenti.

Eppure quando si parla di politica energetica, non ci sono differenze etniche, sociali o geografiche che tengano: gli americani non ne vogliono proprio sapere, di perdere posti di lavoro, pagare bollette energetiche più care o lasciare la macchina in garage per salvare il mondo dalla CO2. Servono altri argomenti, per mobilitare le masse e convincerle a votare per questo o quel partito: servono proposte di legge che offrono soluzioni credibili per risolvere problemi veri. E non alchimie utopistiche che col pretesto di pericoli inesistenti gonfiano i portafogli miliardari di presunti filantropi a danno esclusivo di coloro che tali filantropi intenderebbero salvare.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Così, per sorridere e per pensarci su

Posted by on 07:00 in Attualità | 3 comments

Così, per sorridere e per pensarci su

Oggi suggerimenti di lettura, il primo se non avete niente da fare, il secondo torna buona per il prossimo allarme in chiave atolli del Pacifico.

Guardie e Ladri col Cappotto

Ci credereste? C’era sin qui un diffuso consenso sul fatto che il caldo facesse andar fuori di cotenna e, quindi, prima o poi stando alle previsioni nelle stagioni calde sempre più calde avremmo finito per aver bisogno di girare col bastone.

E invece no, salta fuori che analizzando i DB dell’FBI sulle attività criminali il segnale sia chiaro: i crimini non aumentano nelle stagioni calde ma in quelle fredde, se sono un po’ meno fredde, questo soprattutto nei posti dove di norma l’inverno è molto rigido.

Il che pare ovvio. Se fuori si gela un po’ di meno, tutti quelli dotati, diciamo così, di una certa intraprendenza, sono più inclini a mettere il naso – e il piede di porco – fuori casa.

Meglio? Peggio? Naturalmente la seconda, perché, ovviamente, con gli inverni sempre meno freddi avremo sempre più crimini…

Warmer winter temperatures linked to increased crime

Piccoli atolli crescono

Ah, le Maldive… spiagge incantate, palme, orizzonti sconfinati… tutto destinato a finire sott’acqua, prima o poi.

Ma davvero?

Pare di no. Ricerca all’ultimo grido, datazione della formazione delle Isole Maldive e… ops, si sono formate quando il mare era di circa mezzo metro più alto di adesso. Possibile? Pare di sì, perché proprio il mare più alto e le onde ad alta energia conseguenti, avrebbero rotto le barriere coralline e depositato all’interno le fondamenta per la formazione delle isole. Ergo, se il mare crescerà e con lui le onde, si ricreerebbero le condizioni per la crescita delle isole, non per la loro sommersione.

Ma, attenzione, perché questo possa succedere il corallo deve essere in buona salute. Siccome le stesse proiezioni dicono che invece se la passerà male, nisba, mare alto, onde forti, ma niente isole. Non ne va mai bene una.

Rising sea levels may build, rather than destroy, coral reef islands

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La dissonanza cognitiva dei chicchi di grano

Posted by on 07:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 0 comments

La dissonanza cognitiva dei chicchi di grano

Qualche anno fa, ma con argomenti ancora attuali che stanno trovando inoltre ulteriori conferme, il nostro “esperto” di dinamiche invernali, Carlo Colarieti Tosti, scrisse per CM un lungo articolo dal titolo “Il clima del Futuro, la risposta è nel passato“, rinforzando una volta di più il concetto secondo cui prima di cimentarsi nell’arte di dipingere il futuro a tinte fosche in quanto sconosciuto, è sempre bene controllare se quello che si pensa di avere davanti non sia qualcosa attraverso cui questo fantastico pianeta non sia già passato.

Questo naturalmente vale per tutto, anche per quelle dinamiche che non sono climatiche ma che sono strettamente connesse con quelle del clima, prima tra tutte la produzione di materie prime alimentari.

Probabilmente consci di questo, alcuni ricercatori del settore hanno pubblicato su Science Advances un articolo in cui si esplorano, grazie a dati storici e di prossimità, le modifiche alle attività colturali e di scambio delle merci cui si è fatto ricorso in passato per fronteggiare le difficoltà nella coltivazione delle materie prime alimentari a causa delle modifiche del clima.

Tra gli esempi presenti nel loro paper, che occupa un lasso temporale che va da 1000 a 5000 anni fa, riportano ad esempio la nascita della “via della seta”, ovvero lo sviluppo di attività commerciali tra l’impero cinese e quello romano forzato dalle difficoltà di approvvigionamento di risorse alimentari al termine del periodo caldo noto come Optimum Romano. Questo ed altri esempi, scrivono, dimostrano come i cambiamenti climatici abbiano sempre rappresentato un pericolo e abbiano richiesto grandi capacità di adattamento al prezzo spesso di tragedie epocali.

Tutto molto vero e molto interessante, ma, c’è un ma…

Tutti gli esempi più significativi cui si fa riferimento nel paper parlano di eventi di raffreddamento, siano stati essi globali, regionali o entrambe le cose. Anche questo è molto vero, tant’è che in questi ultimi tragici anni (decenni) di global warming, la disponibilità di materie prime alimentari non ha mai smesso di aumentare. Complice lo sviluppo tecnologico, certamente, ma soprattutto anche per effetto di due “piccoli” particolari, la fertilizzazione da CO2, che è il cibo delle piante, e, come abbiamo letto appena qualche giorno fa, anche un clima genericamente più favorevole, ovvero più mite e privo di picchi di caldo.

Il Global Warming e le sue conseguenze, la scienza va da una parte, l’isteria, ovviamente, dall’altra.

Ergo, se qualcuno avesse ancora dei dubbi, per nutrire una popolazione mondiale ancora in aumento, è notoriamente meglio un clima a regime caldo come quello che abbiamo sperimentato negli ultimi decenni di un clima a regime freddo, ove per regime non si intende certo la sola temperatura, quanto piuttosto le modalità di circolazione atmosferica che vi si associano (rileggete l’articolo di Colarieti Tosti al riguardo).

Allora, dopo aver fornito delle prove schiaccianti di questo fatto, come diavolo si fa a suggerire che il problema del nostro futuro di produzione di cibo è il global warming? Ah, certo, lo leggiamo nella loro introduzione con tanto di bibliografia:

Projected estimates for global warming are expected to pose serious challenges for existing systems of grain production around the globe, with some regions having predicted decreases in production as high as 70% (1)

E bé, certo, projected…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »