Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

La complessa e variegata realtà degli osservatori meteorologici storici del Paese

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia, Meteorologia | 1 comment

La complessa e variegata realtà degli osservatori meteorologici storici del Paese

Ricevo questa nota dagli amici Luigi Iafrate e Maria Carmen Beltrano. Chi si occupa professionalmente di meteorologia e di clima sa bene che le serie storiche sono le fondamenta della conoscenza, perché non c’è valutazione dell’attualità o proiezione per il futuro che possa prescindere dalla conoscenza del passato. Non solo, è obbligo assoluto che si faccia di tutto perché quel passato resti attuale, ossia perché i siti di osservazione restino nel tempo il più possibile invariati e, ove questo non sia oggettivamente possibile, ne sia annotata ogni modifica. Purtroppo così non è, come molti sanno, ma potrebbe esserci qualche cenno di risveglio. E’ per questo che vi consiglio vivamente la lettura del testo che segue, ringraziando di cuore gli autori per averlo voluto condividere con i nostri lettori.

Buona lettura.

La complessa e variegata realtà degli osservatori meteorologici storici del Paese

di Luigi Iafrate e Carmen Beltrano

La comunità scientifica internazionale attribuisce un interesse crescente ai dati meteorologici del passato, che rappresentano la base informativa certa da cui partire per studiare e comprendere i mutamenti climatici in atto. Per questo motivo, l’Organizzazione Meteorologica Mondiale (OMM), agenzia delle Nazioni Unite preposta al coordinamento internazionale delle attività di servizio e ricerca nelle scienze dell’atmosfera, ha deciso di promuovere programmi internazionali atti a valorizzare e incoraggiare il recupero e l’uso dei dati meteorologici storici[1], oltre che a salvaguardare gli osservatori centenari[2] che li hanno prodotti. Di qui il riconoscimento, nel 2018, da parte della stessa OMM, di stazione centenaria per ben sei osservatori italiani: Osservatorio del Collegio Carlo Alberto di Moncalieri (fondato nel 1859), Osservatorio Serpieri di Urbino (istituito nel 1850), Osservatorio Valerio di Pesaro (operativo dal 1861), Osservatorio Ximeniano di Firenze (fondato nel 1756, ma sistematicamente attivo dal 1813), Osservatorio di Roma Collegio Romano del Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (CREA), operativo fin dal 1782[3] e l’Osservatorio di Vigna di Valle dell’Aeronautica Militare (fondato nel 1910).

Si tratta di osservatori di interesse scientifico altissimo, che sono solo una piccola rappresentanza dei numerosi osservatori meteorologici centenari presenti sul territorio italiano, il cui sviluppo, tra la seconda metà del Settecento e tutto l’Ottocento, pone l’Italia tra le Nazioni che dispongono di serie meteorologiche ultracentenarie di rilevante interesse per la comunità scientifica.

L’alto riconoscimento ai sei osservatori nazionali ha offerto lo spunto per trattare la questione dell’importanza dei dati meteorologici storici nel workshop “Gli osservatori meteorologici storici: dal recupero all’uso dei dati per gli studi sul cambiamento climatico”, che si è svolto lo scorso 22 marzo al Collegio Romano, organizzato, a latere delle celebrazioni della 69° Giornata Meteorologica Mondiale, dal CREA, sotto l’egida dell’Associazione Italiana di Scienze dell’Atmosfera e Meteorologia (AISAM) e con il supporto del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare (qui per la locandina dell”evento). Lo scopo dell’incontro è stato quello di sottolineare l’importanza scientifica che le lunghe serie di misure hanno per gli studi e le ricerche sul cambiamento climatico e di sollecitare la collaborazione tra le diverse istituzioni meteorologiche italiane, affinché assolvano all’imprescindibile compito di garantire la continuità operativa delle stazioni storiche nazionali e di preservare e valorizzare i dati meteorologici del passato, rendendoli fruibili all’intera collettività.

Gli osservatori che hanno ottenuto il prestigioso riconoscimento internazionale di stazione centenaria sono stati oggetto di una particolare indagine finalizzata ad analizzare le condizioni di funzionamento di ciascuno. I risultati hanno evidenziato l’esistenza di realtà operative fortemente diversificate e di elevate criticità, che potrebbero, nel futuro, compromettere la loro stessa esistenza. Essi operano infatti con differenti modalità: alcuni sono gestiti da enti pubblici, altri, invece, da organizzazioni private, come fondazioni e associazioni. Ciò comporta una gestione assai eterogenea del personale: in alcuni casi è fondamentalmente volontario, mentre, se dipendente da istituzioni pubbliche, la situazione è spesso problematica (specie se vi è un unico addetto), per la scarsa sensibilità dell’amministrazione al turnover. Tutte e sei le stazioni afferiscono a reti di monitoraggio, sebbene a scale differenti (regionali o nazionali). In tutti i casi, gli strumenti e i sensori sono periodicamente sottoposti a verifiche di funzionalità e ciò garantisce la qualità dei dati rilevati, sebbene l’uso degli stessi sia assai vario e quasi esclusivamente circoscritto ai soli enti che ne hanno la gestione. I dati rilevati sono utilizzati in tempo reale per fini previsionali e di modellistica per alcuni osservatori soltanto, mentre la loro disponibilità immediata per il pubblico, tramite pubblicazione su web, è molto limitata. Per non parlare, poi, dei dati storici, che sono accessibili solo parzialmente!

L’indagine, per ora circoscritta alle sei stazioni centenarie, ha evidenziato, dunque, l’esistenza di realtà piuttosto complesse e incerte.

La sopravvivenza di questi ed altri osservatori storici nazionali e il recupero e l’utilizzo dei dati meteorologici del passato, che tanto interesse hanno per la ricerca climatologica, dipendono, in ogni caso, dalla volontà degli enti di appartenenza di sostenerne l’onere. Il principale elemento di rischio per la continuità operativa degli osservatori antichi va ricercato nella frammentarietà dei servizi meteorologici del Paese: una realtà istituzionale che impedisce di affrontare, in maniera unitaria, le problematiche di gestione del singolo osservatorio. Per superare l’annoso problema si rende necessaria un’azione di coordinamento tra le diverse istituzioni del settore! Un coordinamento teoricamente affidato alla nascente Agenzia nazionale ItaliaMeteo, che dovrà svolgere funzioni e compiti conoscitivi, tecnico-scientifici e di gestione operativa nel settore della meteorologia e climatologia del Paese. Ma solo se ItaliaMeteo avrà consapevolezza dell’importanza delle stazioni storiche, si potrà sperare nella continuità del loro contributo all’osservazione del tempo e allo studio del clima!

Un elemento importante che accomuna i sei osservatori centenari ed altre stazioni storiche italiane è dato dal fatto che i loro dati sono riversati, in automatico o mediante digitalizzazione manuale (data entry), nella Banca Dati Agrometeorologica Nazionale (BDAN) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali e del Turismo (MiPAAFT)[4]. Pertanto, tale BDAN potrebbe rappresentare il nucleo primario di un database climatico nazionale governativo che, reso fruibile alla comunità scientifica, sarebbe in grado di offrire dati meteorologici storici di grande utilità per le ricerche del settore. In tal modo, la tradizione agrometeorologica del Mipaaft potrebbe assumere un ruolo sostanziale per le attività e i servizi di climatologia che rappresentano uno dei nodi centrali dell’Agenzia ItaliaMeteo.

Per concludere, tornerebbe molto utile alla meteorologia nazionale estendere l’indagine condotta sulle sei stazioni centenarie anche agli altri numerosi osservatori antichi del Paese, in vista di definire, con accuratezza, lo stato dell’arte sul funzionamento e sulla rappresentatività di questi importantissimi baluardi di osservazione del tempo e del clima.

_____________________

[1] https://public.wmo.int/en/resources/meteoworld/international-data-rescue-i-dare-portal

[2] https://public.wmo.int/en/our-mandate/what-we-do/observations/centennial-observing-stations

[3] Dal 1998 è anche sito di monitoraggio della Rete Agrometeorologica Nazionale del Mipaaft.

[4] Si tratta di un repository che contiene dati e statistiche agrometeorologiche rilevate / calcolate delle stazioni della Rete Agrometeorologica Nazionale (RAN), delle reti del Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare e di alcune stazioni delle reti agrometeorologiche regionali. La BDAN è in continuo aggiornamento (orario) e contiene dati principalmente dal 1951. Vi sono per di più archiviate le serie storiche centenarie di temperatura e precipitazioni (dal 1862) di circa 25 osservatori dell’Ufficio Centrale di Ecologia Agraria (oggi confluito nel CREA). Nella BDAN sono archiviati giornalmente i dati meteorologici ricostruiti e di previsione a 6 giorni, relativi ad una griglia georiferita all’intero territorio nazionale (dimensione media celle: 10 Km).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni (vere) di CM: 1/6 Aprile 2019

Posted by on 16:40 in Attualità | 1 comment

Le Previsioni (vere) di CM: 1/6 Aprile 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Situazione in sostanziale mutamento sullo scacchiere europeo, per il cedimento del campo sull’Europa occidentale e l’associato split della cellula anticiclonica che per lungo tempo ha impedito l’ingresso franco di correnti perturbate atlantiche sul Mediterraneo. Il cambiamento in questione si è manifestato attraverso una azione apparentemente poco significativa, con una piccola lacuna di geopotenziale che dal Nord Atlantico è scivolata in direzione del vicino Atlantico, andando a rinvigorire una depressione preesistente.

L’indebolimento ulteriore del campo, proprio in queste ore sta facendo da esca per una irruzione ben più massiccia di aria artica con conseguente split della cellula e formazione di due massimi: uno sul medio atlantico, e l’altro centrato sul Mar Baltico. Tra i due massimi, il corridoio attraverso il quale l’aria artica viene pilotata in direzione del Mediterraneo, ben visibile nella bellissima immagine da satellite che mostra chiaramente il fronte freddo che di gran carriera muove verso le isole britanniche con il suo carico di precipitazioni, prevalentemente nevose, anche al livello del mare (Fig.2).

Nella notte su Mercoledì la saccatura farà ingresso nel Mediterraneo occidentale con l’aria artica che irromperà attraverso la porta del Rodano, dando il via ad una prolungata fase di maltempo che sarà ulteriormente rinvigorita a stretto giro di posta da un secondo impulso di aria artica di recente origine groenlandese che seguirà una direttrice ancora più occidentale. L’effetto del doppio affondo artico sarà notevolissimo dal punto di vista sinottico, con la formazione di una vasta area depressionaria ricolma di aria fredda in quota, in seno alla quale si succederanno impulsi perturbati che interesseranno il bacino centrale del Mediterraneo e buona parte dell’Europa centro-occidentale.

Come anticipato qualche settimana fa, il procedere della stagione verso l’equinozio e gli inevitabili effetti in termini di indebolimento del vortice polare hanno dato il là ad un cambiamento sinottico su vasta scala con effetti sicuramente positivi per l’Italia, alla luce dei previsti importanti accumuli piovosi e nevosi dei prossimi giorni. Al solito il tempo atmosferico fa di testa sua: l’alternarsi di fasi piovose e siccitose, più calde o più fredde della media, sul lungo termine finisce per restituire quel valore “medio” che i giornaloni vorrebbero invece permanente, per 365 giorni all’anno. Altrimenti è climate change.

Per dirla come i giornaloni, appunto, da questa settimana finisce il Global Warming e (ri)comincia il Climate Change nella sua variante “clima impazzito” perché pioverà e nevicherà ad Aprile.

Buona pioggia e buona neve a tutti.

 

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì generali condizioni di stabilità su tutto il Paese, salvo qualche disturbo sulla Carnia associato a qualche precipitazione, e nuvolosità stratiforme sulle isole maggiori.

Temperature stazionarie, venti deboli.

Martedì cieli nuvolosi al Nord con precipitazioni sulle Alpi, nevose a quote alte, e in estensione dalla serata alla pianura padana centrale, con quota neve in calo fino a circa 1300-1500 m. Sulle restanti regioni nuvolosità in aumento dalla tarda mattinata con fenomenologia da  instabilità pomeridiana sulle zone interne e montuose.

Temperature stazionarie, venti dai quadranti meridionali, in progressiva intensificazione sui bacini occidentali.

Mercoledì maltempo al Nord con nevicate persistenti, intense e abbondanti sull’arco alpino al di sopra dei 1500 metri e precipitazioni diffuse sul Triveneto. Probabile ombra pluviometrica per pianura padana centro-occidentale, specie a sud del Po. Nuvolosità in aumento sulle regioni centrali con precipitazioni sparse specie sulle zone interne appenniniche, versanti occidentali. In attesa il Meridione con cieli parzialmente nuvolosi.

Temperature in diminuzione al Nord, venti tesi dai quadranti meridionali.

Giovedì condizioni generali di maltempo su tutto il Paese, con piogge, rovesci e temporali in spostamento da nord-ovest verso sud-est. Col passare delle ore le schiarite avanzeranno sulle regioni nord-occidentali e sulle centrali tirreniche. In serata le precipitazioni interesseranno solo Triveneto e regioni sud-orientali. Nevicate abbondanti sulle Alpi e sull’Appennino centrale, con quota neve in forte calo fino a circa 600-800 metri rispettivamente.

Temperature in forte calo al Nord e al Centro. Venti forti, di maestrale sui bacini occidentali, sciroccali su Ionio e Adriatico.

Venerdì generalmente asciutto al Nord e al Centro in presenza di nuvolosità stratiforme con locali addensamenti. Nuvolosità irregolare al Meridione con qualche pioggia sulle regioni ioniche, ma tendenza a rapido peggioramento a partire dalla Sicilia con rovesci e temporali dalla serata.

Temperature in lieve aumento al Centro-Nord nei valori massimi. Ventilazione sciroccale su Adriatico, di levante sulla Sicilia.

Sabato passaggio perturbato al Meridione con precipitazioni diffuse, anche intense. Peggiora nuovamente al Settentrione con piogge e nevicate diffuse. Domenica possibili condizioni di maltempo su tutto il Paese con piogge, temporali, rovesci e nevicate sui rilievi.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM: 1/6 Aprile 2019

Posted by on 07:44 in Attualità | 11 comments

Le Previsioni di CM: 1/6 Aprile 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Lo spostamento dell’ICTZ nel Golfo di Gabes porta condizioni di tempo tropicale sull’Italia. Un promontorio anticiclonico africano con valori del geopotenziale tipicamente estivi si spinge fin nel cuore dell’Europa centrale, con valori di temperatura di -10C a 500 hpa. Inevitabilmente lo zero termico sull’arco alpino si porterà tra i 4000 e i 4810 metri del Monte Bianco. Come scrive Repubblica: neve ai minimi.

In pianura padana i valori del campo termico si porteranno tra i 40 e i 45 gradi, con punte di 48.5 gradi nel ravennate, complice un modesto garbino che contribuirà ad esacerbare gli effetti mortiferi della subsidenza. Immaginte di avere un mortaio per fare il pesto: l’aria calda sarà schiacciata e avvitata nei bassi strati come delle foglie di basilico sotto l’azione di un pestello gigante percosso da Jason Momoa. Il mega-pestello comprimerà una colonna d’aria abbastanza secca da far arrivare le temperature alle stelle, e abbastanza umida da far sudare gli italiani come fontane.

Ventilazione inesistente. La temperatura del mare, superiore ai 40 gradi come previsto con precisione dai modelli climatici, attiverà una violenta forma di brezza di terra nella notte, con formazione di diavoletti di polvere nelle zone più esposte. Evitare uscite notturne in barca. In caso di falò in spiaggia, non sedersi tra le fiamme e l’acqua. Posizione da riservare semmai al chitarrista sfigato di turno.

La situazione sinottica è conseguenza dello scioglimento dei ghiacci artici, ampiamente previsto anche questo dai modelli climatici, e dal premio nobel Gore. Pare che determinante sia stato il rilascio artico di metano previsto correttamente da Wadhams, che si è andato a sommare ad un contributo biologico-fermentativo (leggi: flatulenze bovine) che ha raggiunto recentemente livelli record a causa del global greening che ha reso indigeste al bestiame tutte le specie vegetali.

La situazione non è destinata a cambiare nei prossimi giorni/mesi/anni, stante la persistenza del blocco ad omega nonché il già citato spostamento dell’ICTZ. Nonché il trend inarrestabile di crescita delle flatulenze bovine già citate.

Un commento

Sono francamente stanco di scrivere previsioni in cui parlo di pioggia, neve e maltempo mentre il mondo va arrosto come correttamente previsto e spiegato da anni dai modelli climatici, e come sobriamente descritto dai migliori giornaloni italiani e stranieri.

Mi rendo conto di essere stato plagiato dagli articoli di Lupicino e dalla sue tecniche raffinatissime di disinformatia, kompromat e agitprop, tipiche dei bot russi. Per disintossicarmi da queste influenze che hanno fatto di me un cattivo previsore del tempo, nonché un uomo di merd@, ho deciso di  iscrivermi alla Central European University di Soros per frequentare un corso su Climate Change e Sustainable Energy. E ho anche appeso in camera il poster di Greta, che ha scalzato quello di Trump autografato da Putin.

Chiedo ancora scusa a tutti per aver previsto pioggia, freddo, e neve rinunciando così all’imperativo categorico kantiano di dirvi che morirete tutti, di caldo, e per colpa dell’essere umano.

Linea di tendenza per la settimana, per il mese, per il 2019, per il prossimo decennio e anche secolo.

Siccità al nord, tempeste al sud (…)  Neve ai minimi, fiumi in secca e alluvioni. L’Italia fa i conti con gli effetti del riscaldamento globale (*)

Nel lungo termine, tutti morti come correttamente previsto da Keynes, che meteorologo non era e infatti si dimenticò solo di dire che saremmo morti di caldo. O di fenomeni estremi.

E con questa direi che le previsioni hanno una affidabilità del 180%, praticamente come il consensus sul global warming. Ragion per cui, a questo bollettino non ne seguiranno altri.

Buon global warming e buon primo di aprile a tutti.

 

(*) Copyright: Repubblica.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lascia o Raddoppia

Posted by on 06:01 in Attualità | 10 comments

Lascia o Raddoppia

In questi giorni su Nature Geoscience è apparso uno studio che ha fatto alzare qualche sopracciglio: pare che il ghiacciaio di Jakobshavn, quello che è considerato il “termometro” della febbre della Groenlandia, dopo 20 anni di trend negativo (leggi arretramento/assottigliamento), negli ultimi due anni abbia deciso di cambiare vita, e ha ripreso a crescere. Inopinatamente, visto che gli autori dello studio in questione hanno ammesso di essere rimasti semplicemente “increduli” dinanzi ai risultati dello studio stesso: “ci aspettavamo che avrebbe continuato ad assottigliarsi con lo stesso trend degli ultimi 20 anni”.

Riavutisi dallo shock, però, gli scienziati in questione ci hanno pensato meglio. E sono arrivati a delle conclusioni interessanti. Ebbene, pare che l’inversione di trend sia legata al raffreddamento delle acque marine della vicina baia di Disko. E allora? Tutto chiaro vero? Il mare si raffredda e il ghiacciaio ritrova la forma dei bei tempi andati. Nemmeno per sogno. Il raffreddamento del mare e l’avanzamento del ghiacciaio sono invece tragico presagio di sventura, perché dimostrano che il ghiacciaio è più sensibile alla temperatura del mare di quanto non si ritenesse in precedenza.

Ergo, siccome questo raffreddamento è ovviamente temporaneo e dovuto ad oscillazioni fisiologiche della NAO che ogni tanto fa i capricci, e siccome in futuro il mare si scalderà di sicuro (lo dicono i modelli) allora il ghiacciaio si scioglierà in misura maggiore rispetto al previsto. Riassumendo e trivializzando: siccome il ghiacciaio avanza e cresce contro ogni previsione nel breve termine, allora nel lungo termine moriremo tutti affogati perché in futuro si scioglierà più del previsto.

Lascia o Raddoppia

Lascio volentieri ai blogger più esperti del sottoscritto l’analisi delle motivazioni raffinatissime che hanno spinto i ricercatori in questione a considerare le “fisiologiche oscillazioni della NAO” del tutto irrilevanti nei precedenti 20 anni, salvo scoprirle improvvisamente determinanti solo per gli ultimi due anni in cui il trend è cambiato.

Resta il fatto che in questo specifico caso l’evidenza sperimentale smentisce un modello di previsione che assumeva una decrescita sostanzialmente lineare per il ghiacciaio. E questa stessa evidenza sperimentale, invece di suggerire una revisione del modello nei termini di una decrescita meno rapida, diventa invece l’input per una revisione del modello stesso in termini ancora più catastrofistici. Più che davanti ad una dotta disquisizione scientifica, all’osservatore poco avvezzo alla letteratura sulla scienza del clima pare di ritrovarsi davanti a una puntata di Lascia o Raddoppia.

Questione di Trend

Ben inteso, il Lascia o Raddoppia in questione è spettacolo tristemente noto a chi guarda, da scettico, allo spettacolo offerto dalla narrativa corrente sul global warming. Più l’evidenza sperimentale pare smentire le previsioni di modelli plurifallimentari (trend di aumento di temperatura globale, di scioglimento dei ghiacci artici, di aumento di fenomeni estremi, di aumento del livello dei mari, global greening e chi più ne ha più ne metta) e più le previsioni si fanno a loro volta catastrofiche.

A volte ci si chiede dove sia andato a nascondersi, il cosiddetto metodo scientifico, in certe discussioni sul Global Warming. Ovvero quella bizzarra pretesa di partire da dati empirici per mettere alla prova le ipotesi e le teorie da vagliare. Perché la sensazione, talvolta, è che la teoria sia diventata chiave unica di interpretazione dei dati empirici stessi. Quale che sia il trend, o addirittura il segno stesso, di quei benedetti dati.

Ma sono solo impressioni infondate di un non addetto ai lavori. Perché per fortuna, certi ricercatori hanno il dono della capacità comunicativa, e aiutano l’ignorante di turno come il sottoscritto a capire cosa bolle davvero in pentola. Con riferimento al ghiacciaio groenlandese, lo scienziato Joughin (l’unico, pare di capire, che avesse previsto la temporanea inversione di trend) spiega: “quello che accade è solo uno scostamento temporaneo. Dei cali capitano anche sul mercato azionario, all’interno di un trend comunque crescente. Si tratta della stessa cosa”.

Al sottoscritto, che invece di mercati azionari qualcosa capisce, si accende una lampadina: i trend infiniti non esistono, perché prima o poi il trend si inverte. Ma soprattutto, uno dei segnali più forti di imminente inversione del trend, si ha quando (quasi) tutti gli investitori sono convinti che il trend continuerà. In gergo: quando il gregge è tutto dalla stessa parte.

E se avesse ragione Joughin, anche questa volta?

——————

Le dichiarazioni dei ricercatori sul paper in questione sono tratte dall’articolo pubblicato su Zerohedge in data 29/03/2019

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Aumento del trend di variazione del contenuto di calore degli oceani

Posted by on 09:48 in Attualità, Climatologia | 5 comments

Aumento del trend di variazione del contenuto di calore degli oceani

Mi sono occupato a più riprese del contenuto di calore degli oceani in quanto è una grandezza fondamentale per conoscere come evolverà il clima terrestre e che, allo stato delle conoscenze scientifiche odierne, è un parametro ancora molto oscuro (lo sostiene un rapporto del NOAA nella post-fazione, pagg. 46-48).

In un articolo pubblicato lo scorso mese di gennaio su CM, ho cercato di mettere in evidenza le cause di queste incertezze. Il numero esiguo di misurazioni (considerato il volume enorme degli oceani) non consente di conoscere con precisione il contenuto di calore degli oceani. Non conosciamo, inoltre, le dinamiche con cui il calore assorbito dalla superficie degli oceani viene trasferito agli strati oceanici profondi e, successivamente, all’atmosfera terrestre, né abbiamo certezze circa il contributo geotermico all’aumento del contenuto di calore oceanico. Diciamo che esistono grossi margini di miglioramento nelle procedure di modellazione di questo importantissimo parametro che caratterizza l’evoluzione del clima terrestre. Non stupisce, pertanto, che molti ricercatori si dedichino a questa branca di ricerca, nel tentativo di colmare le lacune che caratterizzano la nostra conoscenza del fenomeno.

Grazie ad una segnalazione degli amici L. Mariani e G. Alimonti  ho avuto modo di leggere un recente articolo pubblicato lo scorso mese di gennaio su Science:

How fast are the oceans warming? a firma di L. Cheng, J.Abraham, Z. Hausfather & K. E. Trenberth (da ora Cheng et. al., 2019).

Il breve articolo cerca di conciliare le misurazioni con i risultati dei modelli di circolazione globale che, fino ad ora, divergevano in modo significativo. L’articolo non è liberamente accessibile, per cui cerco di riassumerlo brevemente. Gli autori partono da alcune considerazioni di base: il contenuto di calore degli oceani è di fondamentale importanza per capire quanto incida lo squilibrio radiativo nel bilancio energetico del pianeta terrestre. E’ noto, infatti, che se consideriamo la quantità di energia entrante nel sistema Terra sotto forma di radiazione visibile ed ultravioletta e la confrontiamo con quella infrarossa uscente, la prima risulta maggiore della seconda, per cui il sistema Terra tende a scaldarsi. Esistono, però, dei meccanismi regolatori che impediscono che questo processo proceda in modo tale da giungere a valori di temperatura tali da impedire lo sviluppo della vita così come la conosciamo. Si tratta di un delicatissimo equilibrio radiativo, per cui la quantità di energia trattenuta dal sistema climatico terrestre è tale da mantenere il nostro pianeta in condizioni ideali di temperatura. L’aumento di concentrazione dei gas serra in atmosfera, produce uno squilibrio radiativo, per cui il sistema dovrebbe aumentare la sua temperatura.

Il problema è stabilire di quanto esso si scaldi e questo “quanto” dipende dall’efficacia con cui il diossido di carbonio e gli altri gas serra, trattengono la radiazione infrarossa. Non essendo possibile effettuare misurazioni dirette a livello globale, i calcoli vengono effettuati sulla base di modelli fisico-matematici che, sulla base di equazioni di natura termodinamica e fluido dinamica, consentono di calcolare i valori dei vari parametri che caratterizzano il clima terrestre. Diversi sono i valori su cui si concentra l’attenzione degli osservatori. Il primo di essi è la temperatura media globale, gli altri due sono costituiti da due valori numerici che rappresentano l’incremento della temperatura globale al raddoppio della concentrazione di diossido di carbonio: la sensibilità climatica all’equilibrio e la sensibilità climatica transitoria. IPCC nel suo ultimo report (AR5) ha individuato per la sensibilità climatica all’equilibrio un intervallo piuttosto ampio: 1,5°C-4,5°C.

Gli studiosi cercano di capire dove si colloca il vero valore della sensibilità climatica in questo intervallo. Se la sensibilità climatica all’equilibrio dovesse essere 4,5°C, i gas serra intrappolerebbero una grande quantità di calore che dovremmo trovare nel principale serbatoio di calore del sistema climatico terrestre, cioè negli oceani. Se la sensibilità climatica all’equilibrio fosse, invece, prossima ad 1,5°C, la quantità di calore immagazzinato negli oceani dovrebbe essere molto più bassa. Tutto sta, quindi, a calcolare quanto calore viene immagazzinato dagli oceani. E’ questa la battaglia del contenuto di calore degli oceani (OHC, secondo l’acronimo in lingua inglese) che vede gli scienziati su fronti opposti. Ad onor del vero la maggioranza di essi è del parere che la sensibilità climatica all’equilibrio sia piuttosto alta, ma ad essi si oppone un agguerrito gruppo di ricercatori che non la vede allo stesso modo. L’unica cosa certa in tutte queste discussioni è che il contenuto di calore degli oceani è affetto da un notevole margine di incertezza e, ad aggravare ulteriormente la situazione, non siamo in grado di stabilire quanto di questo calore sia imputabile all’effetto serra e quanto ad altre cause.

Analizzando quattro lavori piuttosto recenti e per la precisione Cheng et. al. , 2017; Domingues et al., 2008; Levitus et al., 2012 e Resplandy et al., 2018 (cui dedicai un commento qualche mese fa), Cheng et al., 2019 ottiene dei valori del rateo di variazione del contenuto di calore degli oceani più alto di quelli contenuti nell’AR5 dell’IPCC ed in linea con quello previsto dai modelli della suite CMIP5. Per capire di cosa si sta parlando, mi è sembrato opportuno riportare una figura, in cui viene rappresentato quanto ho cercato di riassumere nelle righe precedenti.

fig. 1: tasso di riscaldamento dei primi duemila metri di oceano nel periodo 1971/2010 ( tratta da qui)

 

Questa figura non è, però quella dell’articolo originale, ma è stata estratta da una replica di uno degli autori ad un articolo di Nic Lewis che ha contestato alcuni errori a Cheng et al., 2019. Nel lavoro originario, infatti, i quattro valori contraddistinti con AR5 (in grigio) sono sensibilmente più bassi per cui, chi legge l’articolo, nota un forte aumento del tasso di riscaldamento degli oceani, rispetto a quello contenuto in AR5 (in base ad una mia stima il valore centrale è passato da circa 0,25 W/m2 a circa 0,38 W/m2) .

Il motivo di questa grossa differenza deve essere ricercato nel fatto che Cheng et al., 2019, ha considerato i valori di OHC riferiti ai primi 2000 metri di oceano, ma li ha confrontati con i valori di OHC che in AR5 sono riferiti ai primi settecento metri di profondità. Una svista non indifferente, considerato che nei materiali supplementari Cheng et al., 2019 riporta una figura quasi identica a questa, ma riferita ai primi settecento metri di profondità.

fig.2 tratta dalla fig. S1 dei materiali supplementari di Cheng et al., 2019 (liberamente accessibile). Si noti come la fig. 1 precedente, sia stata ottenuta da questa (pannello superiore) mediante semplice traslazione verticale.

Dopo la correzione la differenza si è ridotta notevolmente anche se continua a notarsi un maggior accordo dei valori di Cheng et al., 2019 con i risultati dei modelli piuttosto che con quelli di AR5. In proposito vorrei far notare che, dato l’elevato grado di incertezza, i modelli danno risultati coerenti anche con alcuni dei dati AR5 (Levitus, per esempio).

Nic Lewis nel suo commento all’articolo contesta alla radice le conclusioni di Cheng et al., 2019 per diversi ordini di motivi. In questa prima fase ci concentreremo sul calcolo del contenuto di calore oceanico tra 0 e 2000 metri di profondità. Esistono diverse stime di tale grandezza, desunte da studi di diversi autori. Ogni autore ha utilizzato un approccio diverso, per cui i risultati sono piuttosto discordanti. Nella figura seguente si possono vedere diverse stime del contenuto di calore oceanico.

fig. 3: secondo Lewis, Cheng et al., 2019, per calcolare il valore di OHC nello strato 0-2000 m, avrebbe utilizzato la curva magenta, invece di quella verde, sottostimando di circa 20 ZJ il contenuto di calore dello strato 0-2000 m tra il 1971 ed il 2010 (periodo preso in considerazione da IPCC- AR5).

Secondo Lewis,  Cheng et al., 2019 ha calcolato il contenuto di calore degli oceani tra 0 e 2000 metri di profondità, per il periodo 1971-2010, sommando  a quello riportato in AR5 per lo strato 0-700 m, il contenuto di calore indicato nella figura 3 con la curva di colore magenta. Il valore così ottenuto, è fortemente sottostimato rispetto a quanto si sarebbe ottenuto utilizzando, per esempio, la curva di Levitus (curva vede/nera).

Ad un osservatore esterno la polemica potrebbe sembrare pretestuosa: scegliere una curva o l’altra è una questione di opportunità. In realtà scegliendo la curva magenta si ottiene un valore di molto inferiore e, quindi, confrontando tale valore con quello odierno, si ottiene un maggiore incremento del contenuto di calore degli oceani: peggio di quanto pensassimo. Cheng e colleghi giurano che non è così, ma il dubbio viene.

Le critiche di Lewis vanno, però, oltre questo aspetto che mi sento di condividere. Egli fa notare, infatti, che Cheng et al., 2019, sopravvaluta il contenuto di calore degli oceani nel periodo compreso tra il 2005 ed il 2017 (periodo in cui sono stati introdotti i dati delle boe ARGO). Gli autori avrebbero trascurato, infatti, una serie di misure (Ishii) che avrebbe ridotto il contenuto di calore oceanico. Se tale serie fosse stata presa in considerazione e fosse stata esclusa la serie altamente incerta di Resplandy et al., 2018 (su questo concordo senza alcuna riserva), i valori del contenuto di calore oceanico nei primi 2000 metri di profondità, sarebbero stati sensibilmente inferiori a quelli calcolati dai modelli e, quindi, non in accordo con essi.  Il ragionamento di Lewis è ben esemplificato  nella figura  seguente.

fig. 4:  nella parte sinistra della figura è rappresentato il rateo di variazione del contenuto di calore degli oceani nei primi 2000 metri di profondità calcolato in AR5 (banda grigia) e in tre diversi studi per il periodo 1971-2010. Nella parte destra è riportato  il trend di variazione del contenuto di calore oceanico secondo la suite di modelli CMIP5 (banda verde) e secondo gli stessi studi utilizzati per il calcolo di OHC nel “periodo AR5” (bande azzurre).

Devo constatare che, stando alle considerazioni degli autori riportate nell’articolo di Lewis, essi non negano la fondatezza dei rilievi di Lewis: si limitano a dire che i rilievi non minano la tesi portante del loro studio, ovvero che il contenuto di calore degli oceani è in aumento e che tale aumento è coerente con quello indicato dai modelli della suite CMIP5. Personalmente non sono del tutto d’accordo con loro e mi sento di condividere molte delle critiche di N. Lewis. Questa convinzione è accresciuta anche da alcune affermazioni di Cheng et al., 2019 circa le diverse imprecisioni che caratterizzano il loro articolo: la colpa sarebbe degli editor di Science che, nel tentativo di ridurre la lunghezza dell’articolo, avrebbero eliminato alcune parti dello stesso, generando le imprecisioni rilevate da N. Lewis. Sarà anche vero, ma alla fine ciò che resta è che abbassando il valore del contenuto di calore degli oceani nel periodo 1971-2010 ed alzando quello relativo al periodo 2005-2017, si ottiene un valore del rateo di aumento del contenuto di calore degli oceani, molto diverso da quello calcolabile utilizzando altri dati. E’ solo il caso di precisare che tutti i dati utilizzati da Lewis e da Cheng et al., 2019, sono riportati nella letteratura scientifica e, quindi, ugualmente degni di fede, ma utilizzandone alcuni, invece che altri, si ottengono risultati piuttosto diversi.

Per quel che mi riguarda tanto le argomentazioni di Lewis che quelle di Cheng e collaboratori rientrano nel recinto del dibattito scientifico, in quanto le incertezze dei dati danno pari dignità ad entrambe le conclusioni, ma chi lo spiega al lettore del New York Times che l’articolo  che “divulgava” Cheng et al., 2019, per ammissione dello stesso Cheng, non riflette lo stato effettivo del dibattito? Il povero lettore, leggendo l’articolo ed i virgolettati delle dichiarazioni degli scienziati, si è convinto che il contenuto di calore degli oceani stia aumentando molto più di quanto potessimo immaginare, ma ciò non è affatto vero. Ad essere sincero a tale conclusione si sarebbe giunti anche leggendo l’originale di Cheng et al., 2019. E’ merito di Nicholas Lewis se abbiamo potuto decifrare la realtà e mettere i puntini sulle “i”.

Alla fine di questa lunga disamina della questione, pochissime considerazioni personali.

In primo luogo si persevera nell’utilizzo di dati provenienti da fonti diverse (boe ARGO, nella fattispecie) per costruire delle serie “omogenee” attaccando i nuovi dati a quelli vecchi, previa omogeneizzazione degli stessi mediante algoritmi di calcolo che, come abbiamo visto, sono altamente opinabili.

Si utilizzano dati altamente incerti (basta vedere le barre d’errore nei grafici allegati) e li si confronta con dati caratterizzati da un grado di incertezza molto più basso (quelli integrati con i dati delle boe ARGO), giungendo a conclusioni a volte paradossali: il rateo di variazione del contenuto di calore oceanico è aumentato. Nessuno lo mette in dubbio, ma quanto di questo aumento è, però, frutto del cambio del sistema di misurazione? Nessuno ce lo dice e, forse, nessuno lo sa. Nonostante ciò si dichiara candidamente che il contenuto di calore degli oceani sta aumentando con velocità maggiore che nel passato, con tutto ciò che questo comporta, in primis il fatto che il “calore mancante” si nasconde nel mare profondo, come sostiene da tempo uno dei co-firmatari di Cheng et al., 2019.

Per finire, non possiamo passare sotto silenzio l’ennesimo tentativo (fallito) di conciliare le osservazioni con i modelli. Su questo sarebbe necessario scrivere, però, un altro post, per cui rimando i curiosi a quanto dice in proposito N. Lewis nell’articolo citato.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Temperature Europee e i 2°C di Parigi

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 4 comments

Le Temperature Europee e i 2°C di Parigi

di Franco Zavatti e Luigi Mariani

Il rapporto IPCC SR1.5, richiesto dalla COP22 di Parigi e presentato alla COP 23 di Katowice (Polonia), al primo punto (A1) recita:“Si stima che le attività umane abbiano causato circa 1°C di riscaldamento globale al di sopra del livello pre-industriale, con un probabile intervallo tra 0.8 e 1.2 °C. È probabile che il riscaldamento globale raggiunga 1.5°C tra il 2030 e il 2052 se continuerà ad aumentare al ritmo attuale (alta confidenza)”.

Tutto SR1.5 è in pratica un confronto tra cosa potrebbe succedere se la temperatura aumentasse di 2°C (valore massimo fissato da COP22) oppure di 1.5°C (valore massimo auspicato da COP 22).
Il “potrebbe succedere” scritto qui sopra si riferisce alla temperatura media globale mentre noi, in Europa, non abbiamo bisogna del condizionale e possiamo misurare sperimentalmente quanto l’SR1.5 riporta come previsione dei modelli climatici

Come si vede agevolmente in figura 1, noi abbiamo già superato la differenza di 2°C rispetto al livello preindustriale (qui scelto come l’anno 1880).
La figura 1 mostra l’anomalia di temperatura media europea (ETA, Mariani e Zavatti, 2017) che i lettori di CM possono vedere all’inizio della barra laterale del blog.

Fig.1: Anomalia della temperatura media europea dal 1655 al 2016. Dati annuali. La linea rossa è un filtro passa-basso di finestra 36 anni. Le linee orizontali verdi rappresentano un intervallo di 2°C che parte dal valore filtrato dell’anomalia al 1880, inizio di alcuni dataset di temperatura globale.

In rosso un filtro su 36 anni e in verde un intervallo di 2°C che inizia dal valore filtrato per l’anno 1880; le due righe verdi possono essere immaginate più in alto o più in basso, a discrezione di chi legge.

In ogni caso siamo, come minimo, “pericolosamente” (per l’IPCC) vicini ai limiti sia fissati che auspicati dalle ultime COP, ammesso che qualcuno voglia far scorrere le linee verdi e posizionarle in modo diverso rispetto alla figura 1; se così non fosse, possiamo certamente affermare che abbiamo superato da qualche anno quei limiti che nelle dichiarazioni ufficiali ci siamo impegnati a non valicare.

Una conferma viene dal tasso di mortalità della ESP, European Standardized Population (vedere ad esempio https://www.nrscotland.gov.uk/files/statistics/age-standardised-death-rates-esp/age-standard-death-rates-background.pdf), una distribuzione teorica che rappresenta la popolazione europea meglio della distribuzione della popolazione mondiale WHO (World Health Organization). La distribuzione ESP nasce nel 1976 e, causa i normali cambiamenti demografici, viene ripetuta nel 2013. Qui viene usata la versione 2013, mostrata in figura 2.

Fig.2: Distribuzione ESP 2013 per classi di età.

I tassi di mortalità per entrambe le distribuzioni ESP sono in figura 3, tratta da https://www.nrscotland.gov.uk/files/statistics/age-standardised-death-rates-esp/age-standard-death-rates-background.pdf

Fig.3: Tassi di mortalità per entrambe le distribuzioni ESP. L’ESP 2013 è la curva rossa. Questi dati terminano nel 2012, ma non si osserva alcun segno di un possibile incremento del tasso di mortalità che possa far pensare agli eventi catastrofici previsti e temuti.

Quello mostrato è solo un esempio e ci chiediamo se i lettori di CM possano (e vogliano) proporne altri che potremmo aggiungere al sito di supporto.

Su WUWT (qui) è apparso un post simile che usa i dati europei dal dataset di Berkeley.

Il grafico e i dati relativi a questo post si trovano nel sito di supporto qui.

Bibliografia

 

  • Mariani L., Zavatti F.: Multi-scale approach to Euro-Atlantic climatic cycles based on phenological time series, air temperatures and circulation indexes , Science of the Total Environment, 593-594, 253-262, 2017. doi:10.1016/j.scitotenv.2017.03.182

NB: la vignetta originale è di Pietro Vanessi

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

NAO, SST e Vento Geostrofico

Posted by on 14:55 in Attualità, Climatologia, Meteorologia | 13 comments

NAO, SST e Vento Geostrofico

di Franco Zavatti e Luigi Mariani

In questo post viene studiata la velocità del vento geostrofico, vedere anche “Il vento” (47 slide sul vento), nell’Atlantico orientale tramite un indice di intensità  delle tempeste di vento. Prendiamo lo spunto da un lavoro sulle Isole Orcadi (Krueger et al., 2019) dove, nella loro figura 2 riprodotta in figura 1, sono riportate le serie temporali del 95.mo e 99.mo percentile delle velocità dei venti geostrofici “mediate su 10 triangoli” nell’Atlantico orientale.

Fig.1: Serie del 95.mo e 99.mo percentile dell’indice di velocità dei venti geostrofici.

Come riportato nell’abstract del lavoro di Krueger et al., 2019: “Geostrophic wind speeds calculated from mean sea level pressure readings are used to derive time series of northeast Atlantic storminess. The technique of geostrophic wind speed triangles provides relatively homogeneous long-term storm activity data and is thus suited for statistical analyses.” (le velocità del vento geostrofico, calcolate dalle letture di pressione media a livello del mare, vengono usate per ricavare la serie temporale della intensità  delle tempeste di vento nell’Atlantico nord-orientale. La tecnica dei triangoli del vento geostrofico fornisce dati relativamente omogenei sull’attività di tempesta a lungo termine ed è quindi adatta alle analisi statistiche). Qui usiamo solo la serie digitalizzata del 99.mo percentile con lo scopo di verificare se la velocità del vento è in qualche modo legata a ciclicità oceaniche, cioè se da questi dati è possibile derivare una interazione oceano-atmosfera.

Fig.2: Serie temporale della intensità delle tempeste di vento dell’Atlantico nord-orientale e suo spettro LOMB. Digitalizzazione della figura 2 di Krueger et al., 2019 (solo 99.mo percentile).

Lo spettro LOMB mostra una serie di massimi di cui i principali hanno periodi di 36.8 e 1.8 anni; nello spettro non sono trascurabili i massimi a 11 e 22 anni mentre sono più deboli ma ben visibili i picchi dello stesso ordine di quelli di El Nino (4.5, 6, 6.5, 7.2 anni). Un massimo non presente in figura 1, perché appare più incerto degli altri, è quello a 116.6 anni; questo è un periodo paragonabile o poco inferiore all’estensione temporale del dataset.

È ragionevole pensare che i venti geostrofici sull’Atlantico possano dipendere dalla temperatura marina per cui abbiamo fatto un tentativo di confrontare lo spettro di figura 2 con quello delle temperature superficiali globali (SST) e con quello dell’emisfero nord.

Fig.3: Temperature marine superficiali globali. Da HadCrut.

Fig.4: Temperature marine superficiali dell’emisfero nord. Da HadCrut.

L’indice NAO, che si ricava dalle differenze di pressione tra due stazioni lontane (es: Lisbona e Reykjavik), e specialmente la sua serie invernale (DJFM), ha una importante e riconosciuta influenza sul clima europeo, anche su quello continentale. Si può ipotizzare con un buon livello di certezza che la sua azione si faccia sentire anche nel caso dell’indice di intensità delle tempeste di vento che viene derivato dai venti geostrofici, la cui velocità si calcola da differenze di pressione. Il confronto con NAO complessivo (estate+inverno) e NAO invernale mostra che l’intensità delle tempeste di vento dipende in egual misura da entrambe le serie.

Fig.5: Indice NAO annuale, estate+inverno. Da HadCrut.

Rispetto alle SST, qui manca il massimo a 9.2 e quello a 15 anni, sostituiti dal massimo principale dello spettro a 7.8 anni e da quello a 13 anni. Dal confronto diretto tra i due spettri NAO si vedono alcune differenze, ma il compendio dei risultati riportato in tabella 1 rappresenta il fatto che le due serie (di cui una è contenuta nell’altra) non differiscono sensibilmente.

Fig.6: Indice NAO annuale invernale (DJFM). Da HadCrut. Il massimo di periodo 7.8 anni ha una potenza pari a 32.

La tabella seguente mostra come i massimi spettrali si distribuiscono tra le serie esaminate. I massimi indicati dalle caselle gialle sono presenti in tutte le serie; la colonna di colore avana (bisque) elenca i massimi presenti in quattro su cinque serie, mentre le caselle celesti (anche se comprendono 4 massimi comuni su cinque serie) sono di minore interesse dato che non sono presenti i massimi dell’intensità  delle tempeste di vento.

Tabella 1: Confronto tra i periodi (in anni) dei massimi spettrali di ntensità  delle tempeste di vento (Wind), SST globale e nord-emisferica; NAO Complessiva ed invernale
Wind 117 53.8 36.8 21.9 11.1 8.2 7.2 6.5 5.9 4.5 1.8
SST Glob 58.7 34 22.3 15 10.6 9.2 4.8 3.8 2.7
SST NH 68 31 23.4 15.5 11.5 9.2 6 4.5 3.8 3.5
NAO Ann 33.6 (20.4) 13.2 11.2 7.8 4/5 2.4
NAO Inv 36 22.2 13 7.8 5.8 5 2.7

Conclusioni
Una possibile conclusione è che l’indice di intensità delle tempeste di vento nell’Atlantico orientale sia legato a periodi di 30-35 anni e a quelli di circa 22 anni. I periodi di 4-5 anni si fanno notare come espressione di El Nino, anche se l’assenza dei periodi inferiori (3.8, 2.7, 1.8 anni) induce a pensare ad un’influenza articolata (e non diretta, come succede in altre situazioni) di El Nino.
Da sottolineare anche il fatto che l’indice di figura 2, che potremmo forse chiamare di “tempestosità”, non mostra una pendenza positiva, come ci si sarebbe aspettato, secondo i modelli climatici, dall’aumento di temperatura causato dai gas serra. La sua pendenza è nulla, cioè minore di (0.003±0.014) unità/decade. Da figura 2 si vede solo un aumento dell’ampiezza dell’indice tra il 1960 e il 1995 che nel periodo successivo sembra rientrare nei valori normali.

Tutti i grafici e i dati, iniziali e derivati, relativi a questo post si trovano nel sito di supporto qui.

Bibliografia

  • Krueger, O., F. Feser, and R. Weisse: Northeast Atlantic Storm Activity and its Uncertainty from the late 19th to the 21st Century, J. Climate , in press, 2019. doi.org/10.1175/JCLI-D-18-0505.1 (a pagamento)
  • Laurenz et al., 2019 Laurenz, L., Lüdecke, H.-J., Lüning, S.: Influence of solar activity changes on European rainfall , Journal of Atmospheric and Solar-Terrestrial Physics, 2019. doi:10.1016/j.jastp.2019.01.012
  • Iürg Luterbacher, Christoph Schmutz, Dimitrios Gyalistras, Eleni Xoplaki and Heinz Wanner: Reconstruction of monthly NAO and ED indices back to AD 1675 , GRL , 26, 17, 2745-2748, 1999.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 25/31 Marzo 2019

Posted by on 06:01 in Attualità | 2 comments

Le Previsioni di CM – 25/31 Marzo 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

La cellula atlantica che persiste sull’Europa occidentale sposta temporaneamente i suoi massimi ad ovest delle isole britanniche, agevolando la discesa di aria fredda di recente origine artica sull’Europa centrale, e in seconda battuta in direzione del bacino centrale del Mediterraneo. Persistono i due centri depressionari già evidenziati la settimana scorsa: quello canadese che continua ad esprimere minimi di geopotenziale da fondo scala sul Labrador, e quello meno profondo ma altrettanto vasto tra il Mare di barents e la Scandinavia. Minimo chiuso di geopotenziale in azione sulle Canarie, con associate condizioni di maltempo (Fig.1).

L’aria artica in discesa lungo il bordo orientale dell’anticiclone riuscirà a irrompere nel Mediterraneo, ma la sua azione risulterà piuttosto rapida per la rimonta vigorosa del campo di massa a partire da ovest, sotto la spinta sempre intensa del getto. L’impulso artico, tuttavia, riuscirà ad avanzare retrogrado alle basse latitudini mediterranee, fino ad entrare in fase con il minimo chiuso in azione sulle Canarie, e contribuendo alla persistenza di condizioni di instabilità sulle regioni meridionali italiane.

La settimana sarà quindi contrassegnata da un calo sensibile delle temperature e da fenomenologia che interesserà nella prima parte della settimana in prevalenza le regioni peninsulari centro-meridionali, in un contesto fresco e ventilato. Resta a secco il Nord-ovest, sempre penalizzato dalla vicinanza della cellula atlantica che impedisce l’ingresso franco di correnti umide dal Mediterraneo. Qualche segnale di cambiamento si scorge sul finire della settimana, ma è ancora troppo presto per sbilanciarsi.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì iniziali condizioni di bel tempo ovunque, ma con nuvolosità in rapido aumento dal pomeriggio sulla Carnia associata a rovesci e nevicate a quote basse, in rapido trasferimento verso il Triveneto e l’Emilia Romagna in tarda serata.

Temperature in forte diminuzione al Nord dalla serata. Entra la bora sull’alto Adriatico, maestrale forte sul Mare di Sardegna.

Martedì si libera il Nord, a seguire Toscana, Umbria e Marche dopo le nevicate a quote collinari in mattinata. Nuvolosità e fenomeni sparsi in spostamento verso le regioni centro-meridionali.

Temperature in forte diminuzione sulle regioni centrali. Venti tesi a circolazione ciclonica attorno al minimo sul Tirreno.

Mercoledì ampie schiarite al Nord e al Centro. Generali condizioni di maltempo al Sud con precipitazioni diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale, nevose al di sopra dei 1000-1200 metri. In serata i fenomeni tenderanno a trasferirsi verso le regioni ioniche e le schiarite avanzeranno verso la Campania e la Sicilia occidentale.

Temperature in diminuzione al Sud. Venti tesi di grecale sulle regioni centrali e meridionali.

Giovedì nuvolosità e fenomeni abbandonano gradualmente anche il Meridione dopo le ultime nevicate sulla Sila e i rovesci sulle zone ioniche al mattino. Condizioni di stabilità altrove.

Temperature stazionarie, venti di grecale ovunque, in graduale attenuazione.

Da Venerdì a Domenica condizioni di stabilità ovunque, con temperature in graduale ripresa ma su valori sostanzialmente in linea con le medie stagionali. Ventilazione debole con qualche rinforzo di tramontana che tenderà a persistere sull’Adriatico centro-meridionale e sullo Jonio.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La Carenza di precipitazioni sull’Italia Analizzata con l’Ausilio di Serie Storiche di Lunga Durata

Posted by on 12:59 in Attualità, Climatologia | 8 comments

La Carenza di precipitazioni sull’Italia Analizzata con l’Ausilio di Serie Storiche di Lunga Durata

di Luigi Mariani e Franco Zavatti

L’inverno 2018-2019 è stato anormalmente povero di precipitazioni. L’analisi delle serie storiche condotta ci permette di affermare che non si tratta finora di un’anomalia senza precedenti in quanto casi analoghi o più drastici sono presenti in tutte le serie storiche analizzate. Ciò detto occorre tuttavia seguire con attenzione l’evoluzione meteorologica delle prossime settimane augurandoci che la primavera faccia il suo dovere.

Il fenomeno in esame e le sue cause circolatorie

Da più parti giungono allarmi in merito alla scarsa quantità di precipitazioni  registrata negli scorsi mesi.

Dal punto di vista circolatorio il fenomeno si spiega con il lungo persistere di un anticiclone di blocco sul vicino Atlantico che ha impedito l‘accesso alla nostra area alle perturbazioni atlantiche. Tale situazione è bene illustrata dalla topografia del livello di pressione di 850 hPa e dalla carta delle isoanomale (figure 1 e 2).

Figura 1- Topografia media del livello di pressione di 850 hPa dal 1 dicembre 2018 al 28 febbraio 2019.

Figura 2- Anomalia media in altezza del livello di pressione di 850 hPa dal dicembre 2018 al 28 febbraio 2019.

Analisi basata su serie storiche

Per verificare in modo speditivo il livello di anomalia del fenomeno abbiamo svolto alcune elaborazioni riferite a serie storiche secolari italiane cui sono state aggiunte quella di Basilea di Meteosvizzera per vedere quel che accade aldilà delle Alpi, e anche per tirarsi un po’ su di morale lavorando una volta tanto con serie storiche con carattere di regolarità e buona qualità. Le serie italiane provenienti da osservatori storici sono state integrate per gli  anni più recenti con dati prodotti dai servizi meteorologici regionali o dalle stazioni sinottiche della rete GSOD o ancora da misure eseguite da noi stessi per Milano e Bologna. Il recupero e l’integrazione di tali dati è stato tutt’altro che banale e non sono da escludere errori. Al riguardo saremo grati a chi ce li vorrà segnalare.

Per attribuire un significato più concreto all’analisi condotta, la stessa è stata riferita alla somma delle precipitazioni cadute nel periodo di 5 mesi compreso fra ottobre e marzo. Tale scelta si lega al fatto che con ottobre iniziano a ricaricarsi le riserve idriche dei suoli dopo la fase siccitosa estiva e ha inizio il cosiddetto anno idrologico.

I totali sono stati limitati agli anni per i quali si disponeva di tutti i valori per i 5 mesi considerati e, ove ciò non fosse, il totalizzato è stato sostituito dal codice di sostituzione 9999. Il totalizzato è stato attribuito all’anno del mese finale, per cui ad esempio il totale dei 5 mesi compresi fra ottobre 1878 e febbraio 1879 sono assegnati  al 1879.

Le stazioni considerate per l’analisi sono elencate in tabella 1 ove si mostra anche la consistenza della serie storica a noi disponibile per ognuna di esse.

Nella tabella 2 si presenta la carta della percentuale degli anni con precipitazione inferiore a quella del 2019, per cui ad esempio un valore inferiore al 10% (aree in giallo e arancio) indica che meno di 10 anni ogni 100 sono stati meno piovosi del 2019.  Gli stessi dati sono stati spazializzati ottenendo la carta in figura 3, per una corretta interpretazione della quale occorre considerare che la figura è stata realizzata  con stazioni (indicate dalle crocette) in numero più elevato al centro-nord rispetto al mezzogiorno, rappresentato solo da Cagliari e Palermo (in futuro speriamo di ampliare il nostro dataset rendendo più omogenea la copertura).

Figura 3 – Carta della percentuale di anni in cui le stazioni di base (le cui localizzazioni sono indicate dalle crocette) presentano precipitazioni inferiori a quella del 2019. Le aree con colori dal giallo all’arancio sono quelle con maggiore anomalia pluviometrica

Dai dati in tabella 2 e figura 3 si evidenzia in particolare  che:

  1. In nessuna stazione considerata si configura per il momento un’anomalia secolare nel senso che situazioni più sensibili di anomalia negativa si sono già registrate in passato.
  2. I dati più consistenti di anomalia (aree in giallo e arancio) sono riscontrati in Emilia Romagna, Sicilia, Liguria, Toscana orientale e Marche settentrionali.
  3. La scarsa precipitazione registrata a Genova fa pensare a una scarsa attività del minimo del golfo Ligure, la cui genesi è responsabile del prolungarsi delle fasi piovose innescate dal transito delle saccature atlantiche.

Per ottenere un maggiore dettaglio spaziale si è sviluppata anche la carta in figura 4  che copre un arco temporale assai più breve di quello considerato per la carta in figura 1 ma presenta una risoluzione spaziale molto più dettagliata, essendo stata realizzata con dati provenienti da 202 stazioni della rete GSOD (le cui localizzazioni sono indicate dalle crocette e la cui qualità non è in molti casi particolarmente buona). Si noti ad esempio come aumenta la variabilità spaziale nel mezzogiorno rispetto a quanto si vede in figura 3. Si noti anche che lo stato delle riserve idriche è più problematico su Emilia centro orientale e Romagna,  Sicilia Occidentale, Sardegna sud-orientale, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia settentrionale.

Figura 4 – Carta dello stato delle riserve idriche per i suoli a vigneto con ottima capacità di ritenzione idrica, aggiornata al 28 febbraio 2019.

Conclusioni

Non siamo al momento di fronte ad un evento che non ha precedenti, nel senso che in ogni stazione considerata abbiamo evidenziato diversi eventi di carenza precipitativa con caratteristiche più drastiche rispetto a quello in corso. La situazione è tuttavia meritevole di esser seguita con attenzione, con l’auspicio che i mesi di aprile e maggio, di norma forieri di precipitazioni consistenti specie al centro-nord, possano ripristinare le riserve idriche dei suoli ove le stesse sono più ridotte.

Tabella 1- Anagrafica delle stazioni storiche considerate per valutare il livello di anomalia pluviometrica per il periodo fino al febbraio 2019.

Tabella 2 – numero di anni meno piovosi rispetto al 2019 (valore assoluto e valore percentuale) e confronto con la norma del dato pluviometrico 2019.

Tabella 3 – I dieci anni meno piovosi di ogni serie storica per il periodo ottobre – febbraio. IL 2019 è presente solo nelle serie di Bologna (9° posto), Genova (8° posto) e Pesaro (10° posto).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Tra il clima e l’uomo c’è di mezzo il mare

Posted by on 07:00 in Attualità | 3 comments

Tra il clima e l’uomo c’è di mezzo il mare

As long as we do not understand the climate of the past, it is very difficult to constrain the climate models needed to make realistic future scenarios

Ci sono alcune parole chiave nel periodo che avete appena letto. Clima del passato, modelli climatici, scenari realistici… Cose che dovrebbero suonare in accordo come un’orchestra ma che, invece, allo stato dell’arte producono parecchie note stonate. La frase con cui ho aperto questo post è un virgolettato pubblicato appena due giorni fa su EurekAlert. la voce è di Francesco Muschitiello, un ricercatore che, a dispetto del nome italico, lavora alla Cambridge University. L’argomento, infine, è la Corrente del Golfo o, meglio, la sua componente più settentrionale, quella parte della Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC) dove si formano le acque profonde che mantengono in movimento lo scambio tra le latitudini equatoriali del Golfo del Messico e il bordo occidentale dell’Africa.

L’articolo cui si riferisce il pezzo di EurekAlert è il seguente:

Deep-water circulation changes lead North Atlantic climate during deglaciation

In sostanza, compiendo un’operazione di sincronizzazione di vari dati di prossimità provenienti da sedimenti marini e carote di ghiaccio, in questo lavoro si è arrivati a definire il time lag (differimento) con cui in relazione alle fasi di rallentamento o accelerazione della CdG, si sono verificati nel passato dei significativi cambiamenti climatici nell’emisfero settentrionale. Quanto da loro osservato, è nell’ordine di alcune centinaia di anni, più precisamente circa 400 per le virate verso il freddo quando la corrente rallenta e, viceversa, verso il caldo quando invece accelera.

E’ tempo quindi di leggere il secondo virgolettato:

if the AMOC were to weaken to the degree it did back then, it could take hundreds of years for major climate changes to actually manifest

In pratica, il differimento tra le variazioni dell’AMOC e i cambiamenti climatici pare sia diverse volte più lungo di quanto stimato in precedenza, le condizioni delle occasioni in cui ci sono state delle oscillazioni nella velocità della CdG sono state molto diverse dalle attuali, e la velocità del rallentamento dell’ultimo episodio è stata molto maggiore di ora.

Ergo la considerazione qui sopra: ci vorranno centinaia di anni per vedere eventualmente qualche effetto di quello che sembra essere un rallentamento iniziato 150 anni fa.

Direi che si può considerare chiuso il capitolo The Day After Tomorrow, climafiction che congelava appunto il nostro emisfero in una settimana per il rallentamento della CdG. Ma forse è più importante sottolineare che, come giustamente detto dal ricercatore e riportato nell’articolo di EurekAlert, finché non si capirà qual è il ruolo degli oceani e quali siano i tempi con cui questo ruolo viene esercitato, sarà difficile disporre di scenari climatici attendibili.

Enjoy.

NB: se vi interessano altri articoli sulla CdG e i suoi derivati, nel corso degli anni ne abbiamo scritti parecchi, qui, qui e qui alcuni esempi.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »