Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Opinioni che scottano, molto più della temperatura del pianeta

Posted by on 06:00 in Attualità | 11 comments

Opinioni che scottano, molto più della temperatura del pianeta

Io non so da che parte stia il Wall Street Journal. Non lo so e non ci tengo a saperlo, anche se probabilmente qualcuno me lo farà notare in commento a questo post. Non lo so come non so da che parte stia il New York Times, o qualunque altro media di questo livello. E’ probabile però che sia come tutti gli altri, a metà tra la linea editoriale che il gruppo di interesse che lo controlla desidera sia seguita più o meno esplicitamente e secondo la convenienza del momento, e la necessità di mostrare ogni tanto di saper pubblicare anche cose scomode, purché non lo siano troppo, naturalmente.

E la verità, in questo caso, è scomoda, frase che calza a pennello in quanto parafrasi del titolo della celebre docufiction di Al Gore sul clima. Eco qua, il WSJ ha pubblicato l’op-ed che segue:

Climate Change Has Run Its Course
Its descent into social-justice identity politics is the last gasp of a cause that has lost its vitality.

Il cambiamento climatico ha fatto il suo tempo… ah però!

Pare che nonostante gli sforzi immani della stirpe dei salva-pianeta, tutta la questione stia per entrare nell’oblio, destino comune a molte delle emergenze planetarie – vere o false – che hanno perso, se mai l’hanno avuto, il contatto con la questione centrale cui si riferiscono, per diluirsi in temi ideologici e politici di tutt’altra natura le cui fortune, essendo legate alla politica, nascono e muoiono con essa, secondo convenienza. Altrimenti, perché inserire nel testo dell’osannato quanto inutile accordo di Parigi il fatto che l’azione climatica debba includere attenzione per “l’eguaglianza di genere, l’emancipazione femminile e l’uguaglianza intergenerazionale” oppure “l’importanza di alcuni dei concetti di giustizia climatica”?

Un percorso, si legge nell’articolo, che ben si identifica con cinque passaggi identificati in tempi davvero non sospetti (nel 1972) in un commento alla parabola discendente di molti movimento politici.

Dall’allarme iniziale all’endorsement dei media e dei politici, con l’entusiasmo che sale alle stelle in vista di un obbiettivo salvifico, che ben si attaglia a qualsiasi genere di attivismo e fanatismo. Poi la scoperta – terzo stadio – che affrontare il problema è meno sostenibile del problema stesso, un bagno di realtà conseguente alla definizione di obbiettivi irrealistici. Di qui l’inizio del declino dell’intensità del coinvolgimento pubblico, che confina il problema in un limbo dal quale emerge solo saltuariamente per sostenere l’apparato burocratico e per qualche picco di attenzione.

Ora, non so se avrete voglia di leggere l’articolo, personalmente ho identificato in ognuno di questi passaggi un pezzo della parabola del clima che cambia e cambia male… compreso l’ultimo. Vuoi vedere che ha ragione?

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Grafici su cui riflettere

Posted by on 12:00 in Attualità | 7 comments

Grafici su cui riflettere

Un grafico e qualche numero, giusto per farsi un’idea in materia di sostenibilità, di impossibilità di scindere la politica industriale da quella energetica e di utopie di paesi in cui tutto funziona grazie al sole ed al vento.

Qui sotto, la quantità di acciaio necessario per diverse infrastrutture di produzione dell’energia:

Il grafico viene da Forbes, in un articolo che fa letteralmente a pezzi la politica dei dazi imposti recentemente sull’import di acciaio da parte del Presidente USA.

C’era una volta l’ILVA.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Un Mese di meteo – Maggio 2018

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia, Commenti mensili, Meteorologia | 0 comments

Un Mese di meteo – Maggio 2018

IL MESE DI MAGGIO 2018[1]

Il carattere più saliente del mese sono risultate le precipitazioni, superiori alla norma sulla maggior parte dell’area. Ad esse si sono associate temperature per lo più nella norma nei massimi e in debole anomalia positiva nei minimi.

Il mese di maggio si è caratterizzato per il lungo persistere di un anticiclone di blocco con centro sul mar Baltico. Tale struttura ha lasciato una traccia profonda nella topografia media del livello di pressione di 850 hPa per l’area euro-atlantica (figura 1a) ed ha dato luogo al persistere sul Mediterraneo di masse d’aria fresca in quota cui è conseguita un’attività temporalesca da locale a sparsa, favorita dal riscaldamento diurno e dal’effetto instabilizzante dei rilievi alpini ed appenninici.

Figura 1a – 850 hPa – Topografia media mensile del livello di pressione di 850 hPa (in media 1.5 km di quota).

In tale contesto generale improntato alla variabilità spiccano 3 perturbazioni principali, transitate rispettivamente fra 1 e 5 maggio, fra 13 e 16 maggio e fra 27 e 31 maggio.

La robustezza dell’anticiclone di blocco sul Baltico è confermata dalla carta delle isoanomale (figura 1b) che indica un nucleo di anomalia positiva da +8 m  sulla Finlandia. Si noti anche la debole anomalia negativa sul Mediterraneo (area azzurra con anomalia da -1 a -2 m).

Figura 1b e 1d – 850 hPa – carta delle isoanomale del livello di pressione di 850 hPa.

Tabella 1 – Sintesi delle strutture circolatorie del mese a 850 hPa. Il termine perturbazione sta ad indicare saccature atlantiche o depressioni mediterranee (minimi di cut-off) o ancora fasi in cui la nostra area è interessata da regimi che determinano  variabilità perturbata (es. flusso ondulato occidentale).

Giorni del mese Fenomeno
1-5 maggio Una depressione africana inizialmente sull’Algeria e in moto verso Nordest sposta il proprio centro verso il Canale di Sicilia e il basso Tirreno, interessando l’intera area italiana (perturbazione n. 1).
6-12 maggio Campo di pressioni livellate con condizioni di variabilità.
13-16 maggio Le regioni settentrionali sono interessate da una saccatura da nordovest da cui si isola un minimo depressionario che nel suo moto verso est influenza l’intera penisola (perturbazione n. 2)
17-27 maggio Campo di pressioni livellate con condizioni di variabilità.
28-31 maggio Una saccatura sulla penisola iberica influenza la nostra area (perturbazione n. 3)

Andamento termo-pluviometrico

Le temperature medie mensili (figura 2 e 3) sono risultate per lo più nella norma nei massimi e in lieve anomalia positiva nei minimi. La tabella 2 mostra che le anomalie positive dei minimi si sono concentrate nella prima e terza decade del mese mentre una debole anomalia positiva si è riscontrata nei massimi nella terza decade del mese.

Figura 2 – TX_anom – Carta dell’anomalia (scostamento rispetto alla norma espresso in °C) della temperatura media delle massime del mese

Figura 3 – TN_anom – Carta dell’anomalia (scostamento rispetto alla norma espresso in °C) della temperatura media delle minime del mese

A livello mensile le precipitazioni (figura 4) sono risultate superiori alla norma sulla maggior parte dell’area, con significative eccezioni su Nordest e Sicilia orientale.

Per quanto attiene alle precipitazioni decadali (tabella 2) spicca la sensibile anomalia positiva al centro-sud nella prima decade del mese.

Figura 3 – TN_anom – Carta dell’anomalia (scostamento rispetto alla norma espresso in °C) della temperatura media delle minime del mese

Figura 4 – RR_mese – Carta delle precipitazioni totali del mese (mm)

Tabella 2 – Analisi decadale e mensile di sintesi per macroaree – Temperature e precipitazioni al Nord, Centro e Sud Italia con valori medi e anomalie (*).

Si segnala infine che la carta di anomalia termica globale prodotta dall’Università dell’Alabama – Huntsville http://nsstc.uah.edu/climate/ e che ci consente di valutare la rilevanza sinottica delle anomalie termiche registrate in Italia non è stata commentata in quanto non disponibile al momento in cui questo bollettino è stato emesso. I lettori interessati sono pregati di controllare la sua presenza al sito http://nsstc.uah.edu/climate/.

(*) LEGENDA:

Tx sta per temperatura massima (°C), tn per temperatura minima (°C) e rr per precipitazione (mm). Per anomalia si intende la differenza fra il valore del 2013 ed il valore medio del periodo 1988-2015.

Le medie e le anomalie sono riferite alle 202 stazioni della rete sinottica internazionale (GTS) e provenienti dai dataset NOAA-GSOD. Per Nord si intendono le stazioni a latitudine superiore a 44.00°, per Centro quelle fra 43.59° e 41.00° e per Sud quelle a latitudine inferiore a 41.00°. Le anomalie termiche positive sono evidenziate in giallo(anomalie deboli, inferiori a 2°C), arancio (anomalie moderate, fra 2 e 4°C) o rosso (anomalie forti,di  oltre 4°C), analogamente per le anomalie negative deboli (minori di 2°C), moderata (fra 2 e 4°C) e forti (oltre 4°C) si adottano rispettivamente  l’azzurro, il blu e il violetto). Le anomalie pluviometriche percentuali sono evidenziate in  azzurro o blu per anomalie positive rispettivamente fra il 25 ed il 75% e oltre il 75% e  giallo o rosso per anomalie negative rispettivamente fra il 25 ed il 75% e oltre il 75% .

[1]              Questo commento è stato condotto con riferimento alla  normale climatica 1988-2017 ottenuta analizzando i dati del dataset internazionale NOAA-GSOD  (http://www1.ncdc.noaa.gov/pub/data/gsod/). Da tale banca dati sono stati attinti anche i dati del periodo in esame. L’analisi circolatoria è riferita a dati NOAA NCEP (http://www.esrl.noaa.gov/psd/data/histdata/). Come carte circolatorie di riferimento si sono utilizzate le topografie del livello barico di 850 hPa in quanto tale livello è molto efficace nell’esprimere l’effetto orografico di Alpi e Appennini sulla circolazione sinottica. L’attività temporalesca sull’areale euro-mediterraneo è seguita con il sistema di Blitzortung.org (http://it.blitzortung.org/live_lightning_maps.php).

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Storm Chasing Made in Italy

Posted by on 06:00 in Attualità | 4 comments

Storm Chasing Made in Italy

Gli Storm Chaser sono quei pazzi furiosi che percorrono in lungo e in largo la Tornado Alley americana  alla ricerca delle supercelle che possono produrre dei Tornado per “vederli” da vicino. Dalle nostre parti, in assenza di zone per le quali sia notoriamente endemica la propensione ad essere colpite da eventi di questo genere, lo storm chasing lo si fa in un altro modo, molto meno spettacolare se volete, ma dal punto di vista scientifico senz’altro più che valido.

Di Tornado abbiamo parlato spesso sulle nostre pagine, per esempio l’ultima volta nel post “Porca Paletta” in cui si commentava la solita scivolata del solito corriere sui temi climatici in ambiente invece molto meteorologico. In quella occasione intervenne nei commenti anche il ricercatore del CNR Marcello Miglietta, anticipando l’uscita di uno studio proprio sui Tornado e sulle Trombe Marine sul territorio Italiano.

Da un comunicato stampa del CNR apprendiamo dell’uscita del paper in questione, che potete trovare qui:

An updated “climatology” of tornadoes and waterspouts in Italy

Questi gli highlights dell’articolo, che analizza un periodo comunque abbastanza breve, per ovvi motivi di disponibilità delle informazioni:

  • Tra il 2007 e il 2016 sono stati osservati 372 Tornado e 707 Trombe Marine
  • In Italia le Trombe Marine frequentano soprattutto le coste esposte ai venti occidentali, quindi l’area tirrenica e la Puglia ionica
  • La maggior parte della Trombe Marine si sviluppa in autunno (43%) e poi in estate (33%), con una frequenza media di 0.9 eventi per 100 km di costa
  • Per o Tornado, la densità sul territorio è di 1,23 eventi ogni 10.000 km2 ogni anno, principalmente in estate e in autunno (in quest’ordine), numeri paragonabili a quelli del resto delle regioni mediterranee
  • Se si restringe il conto ai Tornado che nascono sulla terraferma, cioè non derivati da Trombe Marine, la stagione di maggior occorrenza è l’estate, seguita poi dalla tarda primavera, fatto questo che permette di individuare una tipologia “continentale”, tipica del nord Italia e una più “marittima” che riguarda di più le regioni peninsulari
  • Le regioni Italiane più colpite dai Tornado sono la Toscana, il Lazio, la pianura veneta e la Puglia salentina, dove i numeri sono comparabili con quelli delle regioni americane più colpite, sebbene la probabilità per una qualsiasi zona Italiana di essere colpita sia significativamente più bassa di quella delle aree americane pr le quali è più alto il rischio di Tornado

Numeri interessanti e significativi non trovate? Ne riparliamo al prossimo vento eccezionale, mai visto, senza precedenti etc etc…

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 4/10 Giugno 2018

Posted by on 06:01 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 4/10 Giugno 2018

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Situazione poco evolutiva sul quadrante europeo, dove persiste una anomalia positiva del geopotenziale alle alte latitudini, associata ad infiltrazioni di aria umida e instabile sull’Europa occidentale. In particolare in queste ore la cellula nord-atlantica si colloca più a ovest rispetto alla settimana scorsa, piazzando i suoi massimi tra le isole britanniche e l’Islanda. Più ad ovest continuano ad approfondirsi depressioni alimentate da aria fredda in discesa dallo Stretto di Davis, ma ostacolate nella loro evoluzione zonale dalla persistenza del corridoio anticiclonico che mette in comunicazione la cellula subtropicale con quella nord-atlantica. Più a est si fa notare l’azione incisiva di un dipolo depressionario che pilota aria piuttosto fredda per il periodo dal Mare di Kara in direzione della Scandinavia settentrionale dove il tempo è ventoso, freddo e instabile con rovesci nevosi fino al piano.

Persiste una lacuna barica sull’Iberia che condiziona il tempo anche sulla Francia e sulla regione alpina con coinvolgimento delle regioni settentrionali italiane (Fig.1).

Nel corso della settimana il campo di massa tenderà gradualmente ad attenuarsi sull’Europa settentrionale, con la cellula atlantica in rafforzamento sulle Azzorre, ma con la persistenza della lacuna del geopotenziale sull’Iberia. L’Italia tenderà a ritrovarsi contesa tra l’area di influenza della goccia fredda spagnola e il promontorio anticiclonico nord-africano in rafforzamento in risposta dinamica alla debolezza del campo sul Mediterraneo occidentale (Fig.2).

La previsione è presto fatta, con le regioni settentrionali italiane più soggette a disturbi legati all’infiltrazione di aria umida atlantica, e quelle meridionali sotto l’azione stabilizzante del promontorio anticiclonico africano. A livello generale, resta la sensazione di una stagione immatura, come è normale che sia ad estate meteorologica appena avviata. Ma l’intensità del soleggiamento ormai ha raggiunto valori prossimi ai massimi annuali, e pur in assenza di una azione stabilizzante duratura, il promontorio anticiclonico nord-africano sarà comunque in grado di “regalare” condizioni di caldo intenso alle regioni più esposte alla sua azione, con il Sud Italia ovviamente in pole-position.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì spiccata instabilità al Nord e sulla Toscana con rovesci e temporali diffusi, in spostamento verso levante con conseguente miglioramento in serata. Cieli parzialmente nuvolosi sulle restanti regioni centrali e sulla Romagna in sostanziale assenza di precipitazioni salvo fenomenologia da instabilità pomeridiana sulla dorsale appenninica. Sereno o parzialmente nuvoloso al Sud.

Temperature in diminuzione nei valori massimi al Nord e sulla Toscana. Venti dai quadranti occidentali sui bacini di ponente con qualche rinforzo, sciroccali su Adriatico e Jonio.

Martedì Al Nord e al Centro, schiarite in mattinata seguite ad annuvolamenti pomeridiani associati a fenomenologia da instabilità sulla regione alpina e appenninica. Parzialmente nuvoloso al Sud.

Temperature in lieve diminuzione anche al Centro-Sud. Venti occidentali deboli sui bacini di ponente.

Mercoledì instabilità pomeridiana limitata alle Alpi, in locale sconfinamento sulla Valpadana centro-occidentale. Prevalenza di condizioni di stabilità sul resto del Paese

Temperatura in aumento sulla Sicilia, venti deboli.

Giovedì nuovo passaggio perturbato al Nord con rovesci e temporali in estensione dalle regioni nord-occidentali verso il Triveneto. Nuvoloso sulla Toscana con qualche precipitazione sulle zone interne, e instabilità pomeridiana sull’Appennino centrale. Parzialmente nuvoloso al Sud.

Temperature in diminuzione al Nord nei valori massimi. In aumento al Sud, caldo afoso sulla Sicilia per ventilazione umida da levante.

Venerdì migliora al Nord, ma con fenomenologia da instabilità sulla regione alpina in locale sconfinamento serale sulla Valpadana. Temporali pomeridiani anche sull’Appennino centrale, segnatamente sui versanti adriatici. Sereno o parzialmente nuvoloso al Sud.

Temperature in lieve diminuzione sulle regioni centrali.

Sabato e Domenica generali condizioni di stabilità su tutte le regioni. Possibile avvezione di aria calda nord-africana sulle isole maggiori ed estremo Sud.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Se siete al mare misuratelo

Posted by on 12:10 in Attualità | 6 comments

Se siete al mare misuratelo

E’ probabile che in questa prima domenica di giugno le nostre spiagge siano affollate, sole e caldo non mancano e poi, per dirla tutta, la prossima potrebbe non essere altrettanto benevola, per cui meglio portarsi avanti col lavoro ;-).

Comunque, naturalmente, non provateci sul serio a misurare il mare, perché non è così che si stabilisce se il livello del mare sta cambiando. Semmai, doveste essere in un luogo che presenta delle scogliere, divertivi a guardare le linee che il mare ha scolpito nei secoli e nei millenni spesso diversi metri sopra il livello attuale, vi aiuterà a ricordare che questo mondo ha da sempre la propensione al cambiamento, anche radicale.

Quindi niente misura, perché per definire con buona approssimazione il livello del mare serve ben altro. Servono serie storiche stabili e solide e serve molta tecnologia. Le prime non le abbiamo, la seconda l’abbiamo solo da qualche decennio, per cui non vi stupirà se, nonostante le proiezioni climatiche indichino che l’altezza del livello del mare è uno dei più preoccupanti effetti del riscaldamento globale di origine antropica e su questo si faccia anche grande speculazione, in realtà distinguere la componente antropica da quella naturale nel trend del livello dei mari è ad oggi molto ma molto difficile.

Appena pochi giorni fa due noti commentatori che potremmo definire socialmente molto attivi ma di opinioni radicalmente diverse in ordine a questo argomento, si sono scambiati qualche tweet e, come spessissimo accade, ognuno dei due ha rafforzato la propria posizione, senza però giungere ad una soluzione (qui il riassunto e le coordinate).

Questo argomento desterà l’attenzione di più di uno dei nostri più affezionati lettori, perciò spero di farvi cosa gradita segnalando il posti con cui Roy Spencer, altro commentatore decisamente ben informato sui fatti, ha tentato di dirimere la questione, a mio modesto parere avvicinandosi non poco alla soluzione del problema.

Sea Level Rise: Human Portion is Small

Qui sotto, il grafico realizzato con i dati oggetto della discussione e, sotto ancora, le considerazioni con cui si conclude il post, prese a prestito da qualcuno che di oceani se ne intende, l’oceanografo Carl Wunsch:

Fonte: http://www.drroyspencer.com/2018/05/sea-level-rise-human-portion-is-small/

“At best, the determination and attribution of global-mean sea-level change lies at the very edge of knowledge and technology. Both systematic and random errors are of concern, the former particularly, because of the changes in technology and sampling methods over the many decades, the latter from the very great spatial and temporal variability. It remains possible that the database is insufficient to compute mean sea-level trends with the accuracy necessary to discuss the impact of global warming, as disappointing as this conclusion may be.”

Buona domenica.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Più cavalli per tutti

Posted by on 05:51 in Attualità | 4 comments

Più cavalli per tutti

È di qualche settimana fa la notizia che la compagnia petrolifera statale norvegese, nota da mezzo secolo come Statoil, ha cambiato nome: da oggi in poi si chiamerà Equinor. Un cambiamento volto a “riflettere i cambiamenti in corso e supportare la strategia della Company orientata alla sicurezza, al valore e alla de-carbonizzazione (sic)”.

Maledetto petrolio

Nulla di nuovo sotto il sole per il settore petrolifero, che più di altri avverte la necessità di darsi una verniciata di verde in quanto vittima predestinata della retorica sulle emissioni di CO2. In origine fu la BP, altrimenti nota come British Petroleum, a lanciare nel 2002 una costosissima campagna da 200 milioni di dollari per cambiare il simbolo in un più accattivante sole/fiore che sprigionava raggi verdi. Il tutto accompagnato dallo slogan “Beyond Petroleum”, a suggerire l’abbandono dell’impopolare idrocarburo nello stesso periodo in cui la compagnia abbracciava la narrativa sull’effetto serra.

Soltanto pochi mesi fa era toccato alla danese DONG (Danish Oil and Natural Gas) cambiare il suo nome in Ørsted, e a questo cambiamento pare essersi ispirata la stessa Statoil. Con  una piccola differenza: mentre la DONG aveva già abbandonato completamente il business dell’Oil & Gas per dedicarsi in massima parte allo sviluppo di campi eolici offshore, la Statoil continua a macinare utili grazie alla produzione di disgustosi e puzzolenti idrocarburi. Ma tant’è, la decisione ormai è presa e il management ci spiega anche che il nuovo nome, grazie alla particella “equi”, richiama termini come “uguale” o “uguaglianza”.  Cosa c’entrino queste parole dagli echi vagamente marxisti con la produzione di greggio, si fa davvero fatica a capirlo.

Questione di marketing

Il punto, semmai, è un altro: i manuali di strategie di mercato insegnano che è vantaggioso collegare il nome di una compagnia con l’industria in cui opera, se non altro per una mera questione di riconoscibilità. Gli esempi sono innumerevoli, da Volkswagen a FIAT passando per Facebook o Twitter e tanti, tantissimi altri. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, tale riconoscibilità si acquisisce semplicemente col tempo.

Alla luce di queste considerazioni la scelta di Statoil è a dir poco controversa: si butta nella pattumiera un marchio noto e vecchio di 50 anni per sostituirlo con uno più politically correct ma del tutto sconosciuto, e soprattutto dal significato equivoco. Equinor a molti fa pensare ad un business nel campo dell’ippica. Non a caso, è il nome di un prodotto veterinario per curare la gastrite nel cavallo, e la stessa Statoil ha dovuto ammettere di aver liquidato una clinica veterinaria equina di Oslo chiamata proprio Equinor per poter far suo l’ambito marchio.

Etica nordica

In realtà Equinor potrebbe anche far pensare ad un fondo di private equity. E il collegamento dell’industria petrolifera norvegese con la finanza non è casuale. Il fondo pensione norvegese (il più grande al mondo con il suo trilione di dollari di investimenti) è altrimenti noto come “Oil Fund”, essendo stato fondato nel 1990 per reinvestire gli utili dell’industria petrolifera: ché fu proprio la scoperta del petrolio nel Mare del Nord a trasformare un paese depresso e sottosviluppato nell’economia moderna e tecnologicamente avanzata di oggi.

Ma i tempi per fortuna sono cambiati, la pancia dei norvegesi è piena (grazie al petrolio) e quindi ci si può concedere il lusso di una ripulita. Fatto sta, che l’Oil Fund nel 2017 ha annunciato l’abbandono degli investimenti nell’industria petrolifera. Per presunti motivi economici (incomprensibili, vista la performance dei petroliferi in borsa) ma soprattutto “etici”: ché l’olio causa il global warming, esattamente come il carbone, bandito dallo stesso fondo solo qualche anno prima. Eppure nessuno si è fatto particolari scrupoli etici mentre l’Oil Fund si ingrassava a dismisura grazie al “Quantitative Easing”: quella che per molti versi si può leggere come la più grande operazione di trasferimento di risorse dai poveri ai ricchi mai sperimentata nella storia della finanza moderna.

Niente di nuovo sotto il sole

È il solito gioco di specchi in cui tutto si confonde, l’apparenza vale più di qualsiasi contenuto e il Politically Correct usa la sua bacchetta magica per trasformare spregiudicati speculatori finanziari in enti di beneficienza, e società petrolifere in fiorellini verdi, manifesti egualitari marxisti o cavalli con la gastrite.

PS: In un contesto del genere, il fatto che gli stessi salotti nordici del politicamente corretto apostrofino il popolo italiano con epiteti quali “scrocconi”, “mendicanti”, “nullafacenti” ocorrottisuona solo come un complimento. Un magnifico complimento.

E allora più cavalli per tutti. E lunga vita al Global Warming.

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Con la lente sugli uragani

Posted by on 13:34 in Attualità | 1 comment

Con la lente sugli uragani

Come tutti gli appassionati di questa materia sanno bene, oggi ha ufficialmente inizio la stagione degli uragani nell’Oceano Atlantico. Del carattere che avrà la stagione naturalmente ne parleremo in corso d’opera e alla fine, tenendo presenti il primo outlook della NOAA uscito come sempre a pochi giorni dall’inizio della stagione e il successivo aggiornamento che sarà disponibile prima ad agosto, ossia quando, stando alle serie storiche, sarà vicino il picco stagionale.

Gli uragani sono la manifestazione del meteo estremo per eccellenza, sia per dimensione che per intensità dei fenomeni associati, ed quindi logico che la ricerca si sia concentrata spesso sulle serie storiche per cercare di individuare – se esistenti – dei segnali di condizionamento della frequenza e dell’intensità degli eventi negli ultimi decenni. Neanche a dirlo, le proiezioni climatiche, che pure non hanno ad oggi nessuna chances di scendere alla scala spaziale e temporale in cui si sviluppano i cicloni tropicali e questo sarebbe già sufficiente ad evitare speculazioni, “vedono” dei cambiamenti significativi per l’intensità dei fenomeni associati agli uragani, non lasciando invece presagire modifiche importanti nella loro frequenza di occorrenza.

Tuttavia, già diversi anni fa, nello Special Report dell’IPCC sugli eventi estremi, abbiamo letto che in merito ai cicloni tropicali, vuoi per l’inaffidabilità delle serie storiche, vuoi perché i numeri comunque non lo supportano, non si identificano trend significativi. Quindi, in soldoni, il materiale di cui si dispone ad oggi non conferma le proiezioni modellistiche e non permette di fare valutazioni con la necessaria robustezza scientifica.

Nonostante ciò, ovviamente, gli uragani continuano a formarsi , ora dando vita a stagioni intense, ora scomparendo quasi del tutto ad esempio dalle coste dell’America settentrionale, come avvenuto ad esempio in modo del tutto fortuito negli anni dal 2005 al 2016. Per ovvie ragioni di prevenzione e protezione delle popolazioni e per altrettanto ovvi interessi assicurativi, l’analisi sulle serie storiche disponibili continua, nella speranza di identificare dei trend o di apprendere comunque qualcosa in più sull’argomento.

L’intensità degli uragani, specie se riferita a più eventi nell’arco di una stagione, si misura con l’indice ACE (Accumultaed Cyclone Energy), dalla cui lettura, anche soltanto facendo “eyeballing” si evince che di trend non se ne parla, pur in un contesto di forti e frequenti oscillazioni del segnale sia ad alta che a bassa frequenza. Roger Pielke Jr, scienziato che si è spesso occupato di questi argomenti, ha ripreso appena oggi su Twitter uno studio di recente pubblicazione che ha applicato alle serie storiche dell’ACE una metodologia di analisi già impiegata per altre serie storiche di parametri climatici, un metodo che si concentra appunto sui massimi di intensità che questi raggiungono.

La metodologia si chiama ACI (Actuaries Climate Index) ed èstata sviluppata con lo scopo specifico di trasmettere le informazioni nel modo più chiaro possibile agli stakeholder, siano essi decisori politici e realtà interessate a vario titolo a questo genere di dati; quello che vedete sotto, è il grafico del risultato dell’analisi:

Nel tweet segnalato trovate ovviamente il link a tutto il paper, di cui però riporto le conclusioni qui di seguito:

The methodology presented in this paper produces an index of tropical cyclone activity worldwide and by region, consistent with the methodology used for the Actuaries Climate Index. Such an index can be easily updated and analyzed periodically. Worldwide ACEstd since 1985, the period with good satellite data, is probably not long enough to credibly measure the effects of climate change on tropical cyclone activity. The two most unusual years for worldwide ACEstd were 1992 and 1997, the only years more than two standard deviations above the reference period mean. In the 20 years since then, there have been 14 below average years and only 6 above average years. The warm temperature component of the Actuaries Climate Index[3], and global temperature studies, have shown rapidly increasing anomalies since the late 1970s. Evidence that these warmer temperatures, along with warmer oceans, have increased the frequency and intensity of tropical cyclones remains to be seen.

Pur con la conferma dei caveat realtivi all’affidabilità e lunghezza delle serie disponibili, anche secondo questa metodologia di calcolo non ci sono evidenze che l’aumento della temperatura sia dell’aria che dello strato superficiale marino, abbiano avuto alcun effetto sulla frequenza e sull’intensità dei cicloni tropicali.

Da leggere e tenere a mente nei prossimi mesi, quando gli uragani appariranno in Atlantico (e speriamo il meno possibile sulle coste atlantiche) e saranno accreditati come “certa evidenza del disfacimento climatico in corso”.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’Onda di Prua della Terra e la Brezza di Sole

Posted by on 16:10 in Attualità | 4 comments

L’Onda di Prua della Terra e la Brezza di Sole

Un titolo evocativo di immagini poetiche per la segnalazione di oggi. Ma chi conosce CM sa che non si parlerà né di onde né di brezze.

L’onda di prua, letteralmente Bow Shock, è quel sottile strato del campo magnetico terrestre che si forma con l’avanzare a velocità supersonica della Terra lungo la sua orbita attorno al Sole immersa nel plasma solare, il vento di particelle ad elevatissima velocità che emette costantemente la nostra stella. E la brezza non è il vento gentile che soffia dal mare nelle ore calde delle giornate estive, quanto piuttosto quel che resta del vento solare dopo che il campo magnetico terrestre, appunto nello strato del Bow Shock, lo ha rallentato.

Il paragone con la brezza, lo ha fatto direttamente la prima firma del paper segnalato oggi da EurekAlert:

UMD-led study shows how Earth slows the solar wind to a gentle breeze

Fonte: NASA/Goddard Space Flight Center

In sostanza, avvalendosi di misurazioni satellitari che come spesso accade non era previsto che potessero rivelare quanto poi scoperto (qui il link alla missione che consta di 4 satelliti identici), i ricercatori hanno potuto osservare il processo di conversione dell’energia degli elettroni del vento solare in calore, un processo che si teorizzava non avesse a che fare con l’attrito – perché non ce n’è – ma che non era mai stato possibile osservare nel dettaglio. L’occorrenza fortuita di un’accelerazione del vento solare che ha forzato il Bow Shock più vicino alla Terra e quindi a portata dei satelliti, ha permesso di raccogliere una messe di dati con frequenza temporale altissima, tanto da consentire di stimare in 90 millisecondi il tempo in cui il processo si compie.

In pratica il Bow Shock, il contatto con il campo magnetico terrestre, accelera moltissimo e per brevissimo tempo il flusso degli elettroni, facendo diventare il flusso instabile e provocandone la rottura, con conseguente rallentamento. Quindi, per la prima volta, è stato osservato uno dei meccanismi, se non IL meccanismo, attraverso cui la potenza della radiazione che ci giunge dal Sole, che sarebbe letale per la vita per come la conosciamo, è di fatto disinnescata. Affascinante!

Qui trovate il paper vero e proprio, se vi interessa approfondire.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

El Niño, sta per calare la barriera

Posted by on 14:00 in Attualità | 1 comment

El Niño, sta per calare la barriera

Dunque, La Niña dei mesi scorsi, tra l’altro appena accennata, è ormai andata; tutto o quasi il complesso delle dinamiche oceaniche ed atmosferiche del Pacifico equatoriale è tornato sulle condizioni di neutralità. Per intenderci quelle che piacciono meno a quanti si dannano l’anima cercando di capire cosa succederà nel futuro a medio-lungo termine, ossia quello della scala stagionale.

Quando il tutto è fermo (si fa per dire), gli effetti delle dinamiche di quell’area del pianeta sul tempo e sul clima del resto del globo sono imperscrutabili, esattamente al contrario di quando ci sono condizioni di El Niño o La Niña affermate, che invece per molte zone impongono condizioni abbastanza note. Benché l’Europa e, più tipicamente il Mediterraneo non siano tra queste, capire quale potrà essere nei mesi a venire il segno dell’ENSO può aiutarci a capire molte cose. Tranne una ovviamente, cioè che tempo farà, dato che alla scala stagionale o semestrale si parla di impercettibili anomalie, scostamenti dalla media dei parametri atmosferici principali, non certo se farà bello o pioverà…

Tuttavia è ancora presto, perché nonostante La Niña sia ormai andata, quella che tra gli addetti ai lavori si definisce “spring predictability barrier” è ancora su (qui su CM nel 2014 per esempio). In primavera, infatti, lo skill dei modelli matematici utilizzati per proiettare nel tempo le evoluzioni dell’ENSO, è ancora inferiore alle informazioni derivate dall’analisi statistica degli eventi del passato. Una previsione quindi ha meno probabilità di essere corretta dei numeri derivati dalle serie storiche; questo accade perché proprio in primavera capitano solitamente le fasi di transizione tra le tre possibili condizioni di ENSO+, ENSO neutrale o ENSO-, con quest’ultima che è poi un’accentuazione delle condizioni di neutralità e non l’opposto della prima, come spesso capita di sentir dire. E, le fasi di transizione, sono l’incubo di qualsiasi modello, lo sa bene anche chi si cimenta quotidianamente con le previsioni del tempo, che soffrono tremendamente il passaggio da lunghi periodi di stabilità a fasi più dinamiche e viceversa.

Tornando all’ENSO, appena ieri abbiamo visto come la possibile fase di neutralità o di segno leggermente positivo che sembra palesarsi all’orizzonte previsionale, potrà avere effetti ad esempio sulla stagione degli uragani in Atlantico. Ma sarà effettivamente così? Prima di poterlo dire con un po’ più di certezza, deve appunto venir giù la barriera di primavera… quindi è questione di giorni e lo sapremo. Nel frattempo, anche in questo secondo post di oggi vi consiglio la lettura di un articolo dell’ENSO Blog della NOAA, dove si fa il punto di situazione sul recente passato e sul futuro a medio termine. Ecco qua:

May 2018 ENSO update: Thar she goes

E, qui sotto, la previsione sul segno dell’ENSO:

https://iri.columbia.edu/our-expertise/climate/forecasts/enso/current/?enso_tab=enso-sst_table

Appena sopra il limite di +0.5°C sopra la norma a partire dall’autunno, ossia quello per cui, se persistente per almeno 3 mesi, si può parlare di condizioni di El Niño, benché questo voglia dire poco o nulla perché l’ultimo evento positivo, che è stato davvero notevole, è arrivato oltre i 3°C di anomalia… Se questa previsione (la curva rossa è la media dei modelli) dovesse rivelarsi corretta, considerato il fatto che questi eventi raggiungono il picco quasi sempre a fine anno – per questo si chiama El Niño nella tradizione dei Paesi dell’America Latina – molto difficilmente potrà essere un evento importante e quindi le relative teleconnessioni o effetti sulle dinamiche atmosferiche a scala globale saranno poco definiti.

Insomma, barriera di primavera o no, ancora una volta saranno tempi duri per chi fa previsioni a lungo termine e prevedere continuerà ad essere difficile, soprattutto il futuro ;-).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »