Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Le Previsioni di CM – 25 Novembre/1 Dicembre 2019

Posted by on 00:14 in Attualità | 3 comments

Le Previsioni di CM – 25 Novembre/1 Dicembre 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Persistono condizioni depressionarie sul Mediterraneo centro-occidentale, e persiste il maltempo sull’Italia dove è in azione l’ennesimo vortice depressionario centrato in queste ore sul Meridione, e in lenta evoluzione verso levante. Alta pressione sulla Russia e sulla Groenlandia, unite da un debole ponte anticiclonico sul Mare di Barents, con il flusso principale costretto a scorrere a latitudini piuttosto basse (Fig.1).

Nei primi giorni della settimana cederà il ponte anticiclonico tra la cellula russa e quella groenlandese, con quest’ultima che entrerà in fase con quella artica sul Canada. Si aprirà quindi una via di fuga per il flusso principale, che riuscirà a scorrere verso nord, in direzione del Mare di Barents e di quello di Kara, aggirando la resistenza offerta dalla cellula russa per andare ad alimentare una vasta circolazione ciclonica in formazione sull’Artico. Questa evoluzione sinottica avrà ripercussioni anche più a sud, con il flusso principale che riuscirà a distendersi più teso sull’Europa, e con le depressioni atlantiche che si succederanno in seno ad ondulazioni del getto meno marcate. Si creeranno quindi le premesse per un allentamento delle condizioni di maltempo sull’Italia, dove il tempo rimarrà comunque instabile, specie sulle regioni settentrionali, ma in assenza di fenomeni particolarmente intensi e persistenti.

In parole povere, il tempo non volgerà decisamente al bello ovunque, ma si potrà finalmente tornare a respirare, almeno per qualche giorno, sulle tante zone colpite duramente dal maltempo in queste settimane.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì migliora al Nord con ampie schiarite, in rapida estensione alle centrali tirreniche e, dal tardo pomeriggio, anche alle centrali adriatiche. Generali condizioni di instabilità al Meridione con piogge, rovesci e temporali diffusi, ma in graduale attenuazione dal pomeriggio.

Temperature stazionarie. Ventilazione vivace dai quadranti settantrionali.

Martedì generali condizioni di bel tempo su tutto il Paese, con aumento della nuvolosità dalla serata sulle regioni settentrionali e alta Toscana.

Temperature stazionarie, venti deboli ma con ingresso del libeccio sui bacini nord-occidentali in serata.

Mercoledì rapido transito di una perturbazione atlantica che porterà precipitazioni diffuse al Nord, anche a carattere di rovescio o temporale e nevose al di sopra dei 1500 metri, in veloce trasferimento da ovest a est. Peggiora in mattinata anche al Centro con rovesci e temporali specie sulle regioni peninsulari. Al Meridione piogge e temporali sullla Campania, generalmente irregolarmente nuvoloso altrove con precipitazioni deboli e isolate.

Temperature stazionarie, ventilazione tesa dai quadranti meridionali tendente a disporsi da ponente e a rinforzare sui bacini occidentali.

Giovedì nuvolosità irregolare su tutto il Paese con schiarite più ampie al Nord e sui versanti adriatici, e cieli più chiusi su quelli tirrenici con precipitazioni sparse. In serata peggiora al Nordovest con nevicate sulla Valle d’Aosta al di sopra dei 1200 metri.

Temperature stazionarie, in aumento sull’angolo sud-occidentale del Piemonte per probabile phoen. Venti tesi di ponente.

Venerdì e Sabato tempo prevalentemente asciutto su tutta l’Italia con addensamenti sparsi sui versanti tirrenici, più insistenti sul Tirreno meridionale dove si avrà qualche debole precipitazione isolata.

Temperature in diminuzione sulle Alpi, venti tesi occidentali sui bacini di ponente.

Domenica possibile nuovo guasto per irruzione di aria artica marittima sul Mediterraneo, ma attendibilità della previsione ancora molto bassa.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Green Economy

Posted by on 02:22 in Attualità | 17 comments

Green Economy

L’Unione Europea ci informa che è stato approvato il nuovo bilancio per il 2020. In particolare, tra squilli di tromba e manifestazioni di incontenibile giubilo salvamondista, si sottolinea l’aumento delle risorse destinate a lottare contro la CO2: l’incremento generale di spesa porterà infatti a spendere il 21% dell’intero budget dell’Unione in iniziative e programmi “verdi”.

Al di là delle necessità di propaganda (l’Unione deve giustamente pagare il suo dazio politico, ovvero economico, alla crescente rappresentanza dei partiti verdi), resta il fatto che del budget-monstre di 30 miliardi destinato genericamente “all’ambiente e al clima” resta difficile identificare le singole voci di spesa, al netto di generici impegni salvamondisti. Del resto il bilancio dell’Unione non fa della trasparenza la sua virtù principale, in particolare quando si parla dei finanziamenti che l’Unione stessa elargisce alle ONG, oggetto di critiche pesantissime persino da parte di organismi comunitari come la Corte dei Conti Europea.

A questo proposito vale la pena segnalare che la determinazione del budget di spesa dell’Unione è il risultato inevitabile delle pressioni delle lobby: sono 30 mila i lobbisti che assediano Bruxelles, un numero identico a quello degli stessi dipendenti impiegati dalla Commissione Europea: una marcatura a uomo, letteralmente. Spingono (legittimamente) per l’approvazione di voci di spesa che vadano a premiare i settori di cui difendono gli interessi.  E a questo proposito vale forse la pena segnalare che l’incremento delle spese “verdi” è il risultato dell’azione di potenti lobby “green”, in una interessante partita di giro che vedrebbe l’Europarlamento finanziare ONG “verdi” che presumibilmente si spenderanno a loro volta per la parte politica che meglio rappresenta i loro interessi. Alla faccia  del conflitto di interesse e del no profit.

Di sicuro, allo strombazzato aumento di spesa per salvare il clima dell’Europa (forse dalle nevicate eccessive e precoci, che fanno gioire gli operatori turistici in questi giorni) fa da contraltare la diminuzione dei fondi destinati all’agricoltura. Venendo alle disgrazie di casa nostra, infatti, possiamo segnalare il crollo dei finanziamenti agricoli europei che nel 2020 costerà al nostro Paese perdite per 370 milioni di euro. In particolare la Coldiretti segnala che la regione più colpita sarà la Puglia, con tagli per quasi 40 milioni di euro.

Davvero interessante il caso della Puglia. Anni di lotta dura e pura contro la TAP, ovvero un tubo invisibile che porta il gas azero a casa nostra. Lotta nel nome di un pugno di olivi che si sarebbero comunque trapiantati altrove. Il risultato di questo magnifico, altissimo e civilissimo impegno, è che di ulivi nella stessa regione ne sono morti 20 milioni a causa della Xylella, in un clima cupo e medievale di caccia all’untore, tanto ricco di teorie cospirazioniste quanto imbelle di fronte all’emergenza.

Aggiungiamo adesso allo scenario horror offerto dai milioni di olivi scheletriti del Salento, la crisi dell’ILVA e la degenerazione finale del caporalato, ormai trasformato in forma di sfruttamento oscena di manodopera di importazione. Ed il quadro per la Puglia si fa semplicemente drammatico, in una ecatombe economica, paesaggistica e sociale che non ha precedenti dal dopoguerra. A fronte di questo disastro, vengono sottratti 40 milioni di finanziamenti ad una regione già economicamente stremata per andare a premiare l’impegno di ONG salvamondiste presumibilmente straniere, nel nome di una “emergenza climatica” nei fatti inesistente.

Riassumendo, quando i nostri giovani pugliesi sono scesi in piazza pensando di manifestare “per il clima”, essi manifestavano a loro insaputa a favore delle lobby ambientaliste che assediano Bruxelles. Manifestavano per distogliere fondi comunitari dalla loro regione a vantaggio di altri. Manifestavano per far sparire posti di lavoro e opportunità dalla loro terra. Manifestavano per essere “deportati” dalla loro regione in aree produttive europee più fortunate e meglio rappresentate a Bruxelles, per essere utilizzati come forza lavoro a basso costo. Proprio come i frantoi salentini che in questo periodo vengono venduti, a pezzi, dagli imprenditori agricoli pugliesi rovinati dalla xylella. Svenduti a produttori di paesi “emergenti” che inondano il mercato italiano del loro olio d’oliva scadente, in omaggio alle direttive europee che hanno spalancato i confini all’import, fregandosene della tutela dell’eccellenza della filiera produttiva italiana.

Ballano figurativamente, i gretini nostrani, sui cadaveri di 20 milioni di olivi che hanno dato da vivere per 2000 anni alle generazioni che li hanno preceduti. Ballano sulle macerie di una industria nazionale in dismissione. Ballano sulla tomba delle loro legittime aspirazioni di giovani che si affacciano ad un mondo che li sta fregando fin dalla culla.

Condiranno le loro friselle con olio tunisino, o saudita. Ammesso che non siano stati convertiti, nel frattempo, alle virtù superiori di una dieta inclusiva tutta insetti & kebab. E se non avranno un lavoro che gli permetta di sfamarsi, mangeranno Global Warming, direbbe la Maria Antonietta dei tempi nostri, sghignazzando nel grigio ufficio di una lontanissima capitale europea.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Pillole colorate

Posted by on 07:00 in Attualità | 15 comments

Pillole colorate

[…] La minaccia del cambiamento climatico antropogenico è stata grandemente esagerata. Il riscaldamento globale e il cambiamento climatico ad esso associato esiste – ma il ruolo dell’uomo in questo cambiamento è interamente discutibile. Un aspetto poco noto della scienza climatica moderna è che il riscaldamento del sistema oceano-atmosfera negli utlimi 100 anni, quand’anche interamente generato dagli uomini, ha progredito ad un passo che riduce la minaccia di ulteriore riscaldamento del 50% rispetto alle proiezioni dei modelli climatici. Nella misura in cui il riscaldamento sia in parte naturale (una possibilità che riconosce anche l’IPCC), la minaccia per il futuro si riduce ulteriormente.

Con queste parole di Roy Spencer, si apre la presentazione del suo libro “Scetticismo sul riscaldamento globale per gente indaffarata”, che vi segnalo non fosse altro per la fantastica copertina qui accanto :-).

Per chi non lo sapesse – in effetti lo sanno solo gli accaniti del dibattito sul clima – sono passati ormai dieci anni dal Climategate (ben altre nefandezze sono accadute di lì in avanti per carità…) e lo stesso giornalista che lanciò lo scoop ha celebrato l’anniversario con parecchio sconforto. Da allora, infatti, la situazione è probabilmente peggiorata, nel senso che se nelle migliaia di mail esposte non si ravvisò alcuna cattiva condotta scientifica, emersero invece – queste sì – abbondanti dosi di bullismo, attivismo, pensiero di gruppo, bias, insomma, tutte cose che oggi ci sembrano acqua fresca, visto che il climate change non si studia più, lo si prega direttamente.

E così, anche Roy Spencer, in questo bizzarro anniversario, ha voluto dire la sua al riguardo, mettendo l’accento proprio sul fatto che, come per ogni genere di culto, quali siano le evidenze, le prove, i numeri a carico di ogni lato del dibattito, non c’è mai verso di smuovere un catastrofista credente o uno scettico impenitente dalle proprie convinzioni. Un post da leggere (Climate Extremism in the Age of Disinformation), specialmente nella parte in cui discute il ruolo dell’autostrada della disinformazione, che scorre in entrambe le direzioni ma, soprattutto, contribuisce a far sì che alle nuove generazioni non si insegni più a pensare, ma a cosa pensare. Ogni riferimento ai recenti propositi di inserimento del climate change nelle materie di studio scolastiche è puramente desiderato…

Vi consiglio quindi di andare a leggerlo, ma con una speranza. Nel suo post Spencer riprende a sua volta le parole di altri protagonisti della scena, entrambi piuttosto rassegnati circa la possibilità che si torni ad affrontare questi temi con la ragione piuttosto che con il culto, e si unisce alla rassegnazione.

Io no. Noi no. Il villaggio di Asterix non molla, anche se poi l’impero lo avevano i Romani. Qui troverete sempre la vostra pillola, sceglietene il colore.

Enjoy

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Livello marino a Venezia tra il 1909 e il 2000 – Aggiornato

Posted by on 07:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 14 comments

Livello marino a Venezia tra il 1909 e il 2000 – Aggiornato

Riprendo i dati del mareografo di Punta della Salute a Venezia, dati che avevo già pubblicato su CM insieme ad altre stazioni mareografiche del Mediterraneo e del Mar Nero.

L’occasione per questo post si deve al gran parlare di Venezia e della sua acqua alta di questi giorni, ma devo sottolineare che qui uso i dati PSMSL fino al 2000 e quindi non attuali e senza riferimenti a situazioni recenti.

Un’altra occasione e la “spinta” decisiva deriva dall’aver ricevuto il testo completo (su mia richiesta, da due degli autori, che ringrazio) dell’articolo Carbognin et al., 2010 sul livello marino relativo di Venezia; vi si legge di un cambio di pendenza netto del livello marino (un break-point) nel 1930, in corrispondenza, credo, dei lavori per la costruzione del Petrolchimico e per la sempre più elevata captazione di acqua dalle falde. Dopo il 1960 (ma Carbognin et al. dicono dopo il 1971), con la cessazione delle più pesanti influenze antropiche, è iniziato un periodo di livello marino quasi stabile (il ritmo di crescita è ~7 mm/anno), praticamente uguale al ritmo pre-1930.

Ho calcolato quindi gli andamenti medi, cioè i fit lineari, delle quattro parti in cui ho diviso il dataset che copre il periodo 1909-2000:

  1. tutti i dati, con pendenza media (29±1) mm/anno
  2. dal 1909 al 1930: pendenza (7±11) mm/anno
  3. dal 1931 al 1960: pendenza media 41±7) mm/anno
  4. dal 1961 al 2000: pendenza media (7±4) mm/anno

Il test di Student (disponibile nel sito di supporto) conferma che i tratti esterni sono significativamente diversi dal tratto centrale.
In figura 1 mostro i dati e i quattro fit, con le pendenze approssimate all’intero più vicino.

Fig.1: Livello mareografico di Venezia, Punta della Salute, disponibile nel dataset PSMSL. Si vede chiaramente l’influenza antropica tra il 1930 e il 1960 e il recupero totale, una volta cessate le forzanti esterne.

Appare in tutta evidenza che l’influenza antropica ha provocato un innalzamento del livello marino (in realtà un abbassamento del suolo per subsidenza) di, in media, 150 mm tra il 1930 e il 1960 ma che, una volta cessata questa influenza (ad esempio è stata bloccata la costruzione di pozzi artesiani), il livello si è stabilizzato, con una pendenza praticamente uguale a quella della parte iniziale del dataset.

La presenza di due break-point che separano due pendenze (cioè due comportamenti) uguali, contrasta decisamente con la narrativa di un “cambiamento climatico” (cioè aumento della CO2 et similia) che avrebbe dovuto presentare una crescita costante (o meglio accelerata, dicono) degli effetti catastrofici, evidenziati anche da un aumento del livello marino che nella realtà non si vede nei dati.

Si può cercare di capire se anche gli spettri mostrano, nelle varie sezioni in cui ho diviso il dataset, differenze o similitudini legate all’influenza antropica.

Fig.2: Spettri LOMB delle quattro parti descritte in precedenza e, in basso, un ingrandimento dei periodi fino a 10 anni.

Intanto, il massimo principale a circa 65 anni (probabilmente legato alle oscillazioni oceaniche AMO e NAO) non è presente negli spettri delle tre sezioni per ovvi motivi di estensione temperale delle sezioni stesse.

I massimi a circa 33 e 22 anni (Sole?) sembrano essere vagamente presenti nel 1931-60 (linea blu) e in 1961-00 (linea verde) e del tutto assenti in 1909-30 (linea rossa); il massimo a circa 15 anni è netto in 1961-00 e in 1909-30, mentre è più articolato (ha una struttura più complessa) nei dati completi (linea rosa); quello a circa 5 anni è ben visibile nei dati completi, in 1909-30 e in 1931-60 mentre scompare del tutto durante il 1961-00; i massimi attorno a 3.5 anni sono variamente disposti, è quasi assente quello del 1961-00 ed è spostato a 3.7 anni quello del 1909-30; il 1931-60 ha il massimo spostato verso 3.3 anni, mentre il dataset completo ha il massimo di questo periodo che presenta una struttura più complessa.
È notevole il massimo 1909-30 a 2.3, a cui non corrispondono i massimi delle altre sezioni (i dati totali, dove questo massimo è presente, risentono della prima sezione).

In conclusione il periodo che si può chiamare antropico (1931-1960) appare abbastanza differente dagli altri, caratterizzato da massimi spettrali a 5 e 3.5 anni, evidenti anche nello spettro completo. Per il resto, il periodo antropico sembra vivere di vita propria, con periodicità in gran parte diverse da quelle delle altre sezioni.
Come forse ci si poteva aspettare, sono forti i cicli annuale e semi-annuale che indicano ripetizioni dei fenomeni a distanza di 12 e 6 mesi.

Ancora una volta i dati indicano evoluzioni naturali o momentaneamente indotte dall’attività umana, senza alcuna necessità di tirare in ballo i gas serra (certo, una loro influenza, tra piccola e trascurabile, deve essere considerata) come agenti principali o unici.

Considerazioni aggiuntive (aggiornamento)

Sono disponibili documenti ufficiali che riportano grafici di aumento parabolico della frequenza degli eventi di acqua alta. Tutti i grafici e molti dati sono disponibili nella tesi di stage all’APAT (Agenzia di Protezione dell’Ambiente e servizi Tecnici) di Elisa Russo che riporta i dati tra il 1924 e il 2005. In figura 3 mostro un esempio di frequenza massima delle acque alte in bin che raggruppano 5 anni.

Fig.3: Andamento della frequenza di eventi estremi raggruppati su 5 anni, a Venezia. Grafico mio con i dati della tabella 17 della tesi di Elisa Russo. Questo grafico, uguale a quello riportato da E. Russo, è solo un esempio tra i molti disponibili nella tesi. Riporto anche il mio fit parabolico con i suoi parametri.

La tesi, e tutti i documenti che ho consultato, mostrano esempi di aumento accelerato dei fenomeni estremi a Venezia. Io non sono stato capace di trovare i dati iniziali (altezza media mensile del livello marino, ad esempio); sono facilmente disponibili solo gli eventi che superano i 110 cm sul livello igrometrico, raggruppati in vario modo, ma non i dati da cui questi risultati derivano.

A parte questo dettaglio, è difficile non credere ai dati ufficiali.

Allo stesso modo, però, è difficile non credere ai dati PSMSL (in pratica il dataset ufficiale delle misure mareografiche mondiali) con i quali sono stati prodotti decine di articoli peer review da ricercatori di tutto il mondo, che sembrano fornire dati diversi da quelli disponibili dagli enti veneziani.

Per un controllo, ho costruito il dataset PSMSL con i dati detrended che ho usato per calcolare gli spettri (ogni sezione corretta per il suo fit) e in figura 4 mostro l’aspetto del file detrended.

Fig.4: Livello del mare per Venezia Punta della Salute, da PSMSL, detrended dai fit lineari (mostrati in figura 1). Le linee tratteggiate azzurre definiscono i limiti scelti per selezionare gli eventi estremi (±110 mm). Da notare che qui la scelta è invertita rispetto all’idea normale: -110 mm significa acqua alta e +110 mm significa “acqua bassa”.

Da quest’ultimo file ho estratto la frequenza annuale degli eventi per cui lo scarto dalla media è ≤di -110 mm (ricordo che PSMSL usa una sua misura interna uniforme, in mm, come si vede in figura 1, diversa dai centimetri normalmente disponibili e riferiti al medio mare). L’istogramma delle frequenze è in figura 5 dove si può notare un aumento della frequenza degli eventi, anche se non accentuata come nei documenti ufficiali.

Fig.5: Distribuzione di frequenza degli eventi di acqua alta dai dati detrended di PSMSL. Il fit lineare (il fit parabolico non si distingue da questo) mostra che gli eventi sono cresciuti al ritmo di (6±4)10-3 per anno.

I dati PSML mostrano una frequenza che aumenta nel tempo di quantità quasi impercettibili, molto inferiori a quelle mostrate ad esempio nella tesi di Elisa Rosso. Io non so esattamente cosa dire: le serie devono essere considerate entrambe attendibili per cui mi chiedo se le differenze dipendano dal diverso modo di raggruppare i dati, ma non ho ancora fatto una verifica in questo senso.

I dati di questo post sono disponibili nel sito di supporto.

Bibliografia

  • Laura Carbognin, Pietro Teatini, Alberto Tomasin, Luigi Tosi: Global change and relative sea level rise at Venice: what impact in term of floodingClim Dyn35, 1039-1047, 2010.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 18/24 Novembre 2019

Posted by on 02:49 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 18/24 Novembre 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Persistono condizioni depressionarie sul Mediterraneo centro-occidentale, per l’affusso ininterrotto di aria fresca e instabile dal nord Atlantico tra le due figure anticicloniche di blocco in Atlantico e sull’Europa orientale. in queste ore un nuovo minimo si approfondisce in prossimità della Sardegna mentre la proiezione verso nord della cellula atlantica spiana la strada ad un ennesima irrruzione di aria polare marittima nel Mediterraneo.

L’avanzata dell’ennesimo impulso nord-atlantico sarà rallentata per l’entrata in fase con la saccatura preesistente, e per il cedimento concomitante del ponte anticiclonico atlantico con associato ingresso di nuovi sistemi depressionari dal Canada in seno ad un flusso zonale più teso. Dopo l’ennesimo passaggio perturbato di inzio settimana, quindi, l’Italia vivrà un momento di tregua con le precipitazioni che assumeranno carattere sparso e  prevalentemente debole, in attesa di un nuovo possibile intenso peggioramento sul finire della settimana, quando le correnti potrebbero disporsi secondo un asse più meridiano per il rafforzamento della cellula artica sulla Groenlandia.

La stagione autunnale continua ad avanzare seguendo scenari sinottici poco consueti negli ultimi anni, caratterizzati dalla persistenza di anticicloni alle alte latitudini, e dalla conseguente facilità di ingresso di sistemi perturbati nel cuore del Mediterraneo. Come anticipato ormai da mesi anche in questa rubrica, il sostanziale riassetto del campo di massa seguito allo strat warming 2018 sembra aver introdotto un nuovo pattern circolatorio sul quadrante europeo (e non solo), a carattere “freddo”, ben diverso da quello visto da tanti anni a questa parte.

Solo il tempo dirà se si tratta di un fenomeno momentaneo, o piuttosto di un cambiamento più sostanziale, in linea con l’esistenza di quei cicli climatici multidecadali conosciuti da sempre, ma che la narrativa sciocca e faziosa sulla presunta “crisi climatica” preferisce ignorare (insieme a tante altre evidenze) per poter meglio intonare la solita fanfara climatica finemondista che fa comodo a tanti.

 

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì peggiora al Nord e sulla Toscana con precipitazioni che si estenderanno rapidamente dai settori più occidentali a tutto il Settentrione, anche a carattere di rovescio o temporale e nevose sui rilievi alpini al di sopra degli 800 metri. Nuvolosità in aumento anche sulle restanti regioni centrali con precipitazioni diffuse sulla Sardegna, e prevalentemente deboli sui versanti tirrenici, con quelli adriatici in ombra pluviometrica. Il Meridione in attesa.

Temperature in diminuzione al Nord. Venti ovunque dai quadranti meridionali, tesi sui bacini di ponente.

Martedì ancora maltempo al Nord con fenomeni diffusi anche intensi specie nella prima metà della giornata. Ulteriori massicci apporti nevosi sulle Alpi con quota neve in rialzo oltre i 1200 metri. Spiccata instabilità sulle regioni centrali del versante tirrenico con precipitazioni diffuse, e regioni adriatiche con cieli parzialmente nuvolosi in sostanziale ombra pluviometrica. Maltempo sulla Sicilia con fenomeni anche intensi, molto nuvoloso sulle meridionali tirreniche con precipitazioni sparse. Gemeralmente nuvoloso su regioni sud-orientali con poche precipitazioni, ma possibile risalita in nottata di un nucleo temporalesco intenso in direzione del Salento.

Temperature in aumento al Nord. Ventilazione sostenuta, di maestrale sui bacini di ponente, sciroccale su Adriatico e Ionio.

Mercoledì e Giovedì si allenta il maltempo con cieli spesso nuvolosi sui versanti tirrenici e Nordovest, ma in presenza di precipitazioni sporadiche. Schiarite più ampie su versanti adriatici e ionici.

Temperature stazionarie, ventilazione debole.

Venerdì peggiora su Nordovest e Toscana con piogge diffuse e nevicate sulle Alpi al di sopra dei 1200 metri. Cieli parzialmente nuvolosi altrove, in assenza di precipitazioni

Temperature in lieve aumento, venti sostenuti dai quadranti meridionali sui bacini di ponente.

Sabato e Domenica probabile nuova ondata di maltempo su tutto il Paese con precipitazioni diffuse, localmente abbondanti e nuovi accumuli nevosi sulle Alpi a quote superiori ai 1300-1500 metri.

Temperature in aumento, venti forti a circolazione ciclonica.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le piogge autunnali ed il cambiamento climatico secondo i media

Posted by on 08:02 in Attualità, Media Monitor | 20 comments

Le piogge autunnali ed il cambiamento climatico secondo i media

Seguire i media in questo periodo è molto difficile. Si erano appena affievoliti gli echi relativi all’eccezionalità del mese di ottobre (il più caldo di sempre, ovviamente) che sono iniziate le lamentazioni relative al mese di novembre.
Viaggio abbastanza spesso ed utilizzo il tempo trascorso in auto per tenermi al corrente con gli eventi di interesse generale. Seguo quasi esclusivamente i programmi di informazione delle reti radiofoniche RAI, per cui la mia potrebbe essere un’impressione un po’ parziale, ma seguendo qualche programma televisivo trasmesso da reti diverse dalla RAI, il discorso non cambia più di tanto.

Mi riferisco, ovviamente, alle vicissitudini meteorologiche che hanno monopolizzato l’attenzione dei media in questa prima metà di novembre. Mercoledì mattina mi capitò di ascoltare la trasmissione radiofonica “Cento città” su Radio uno. Si parlava delle condizioni meteorologiche nell’Italia meridionale ed a Venezia. I conduttori del programma hanno mandato in onda svariate interviste di amministratori locali (sindaci, assessori regionali, ecc.) oltre che dirigenti dei servizi di protezione civile locale e semplici cittadini. Iniziai a seguire la trasmissione poco prima che prendesse la parola una ricercatrice del CNR. Confesso che l’analisi della scienziata, mi lasciò un poco interdetto: nonostante gli assist dei conduttori, ella si guardò bene dall’invocare i cambiamenti climatici quale causa delle mareggiate, dei temporali, dei nubifragi e delle ondate di marea in corso. In maniera estremamente corretta imputò tutto ai fenomeni circolatori in atto e tipici del periodo.

Subito dopo fu intervistato un assessore regionale della Basilicata che riferì del nubifragio che aveva provocato gravi danni a Matera. Si parlava di strade trasformate in torrenti, di pavimentazione stradale divelta, di muretti crollati e di infiltrazioni d’acqua che avevano gravemente danneggiato il nuovissimo palazzetto dello sport cittadino. L’assessore assecondò le aspettative dei conduttori, rispondendo affermativamente alle loro sollecitazioni circa le cause del fenomeno: i cambiamenti climatici in corso. La cosa buffa di tutta la vicenda sono state alcune considerazioni dell’intervistato che consentivano di spiegare in modo del tutto diverso la violenza dei fenomeni ed i danni alle strutture. L’assessore ci informava, infatti, che il centro storico di Matera è situato a quota inferiore rispetto alla città moderna. Tutte le acque piovane raccolte dai piazzali e dalle aree pavimentate della città di Matera, pertanto, dovendo necessariamente andare verso il basso, invadevano la città vecchia. Queste le parole dell’assessore. Per chi ascoltava la conclusione non poteva essere che una sola: i disastri descritti, non erano imputabili alle piogge in corso, ma alle sciagurate trasformazioni urbanistiche del territorio che avevano trasformato i Sassi di Matera, nel punto di recapito delle acque piovane della città moderna.

E’ ovvio, pertanto, che i fenomeni descritti erano “senza precedenti”. Nel passato non esisteva la città di Matera cosiddetta moderna, ma solo i Sassi, per cui essi non potevano essere invasi dai fiumi d’acqua dei giorni nostri in quanto le acque piovane erano assorbite dai terreni che si trovavano al posto delle strade, delle piazze e dei piazzali della città moderna.

Per quel che riguarda il nuovissimo palazzetto dello sport, il discorso è fondamentalmente diverso: lo hanno progettato e realizzato male, altrimenti le infiltrazioni d’acqua non ci sarebbero state, così come non ci sarebbero stati i danni. Come si vede il cambiamento climatico con quanto accaduto a Matera c’entra come i classici cavoli a merenda, nonostante i tentativi dei conduttori di renderlo protagonista esclusivo degli eventi.

La vicenda divenne grottesca, però, quando prese la parola il sindaco di Gallipoli. I premurosi conduttori si affrettarono a sollecitare l’amministratore circa l’eccezionalità delle piogge e dei venti che avevano colpito la perla del Salento. Ciò allo scopo di sferrare il colpo decisivo relativamente alla natura climatica dell’evento. Gli andò male, però. Il sindaco con tono pacato rispose dicendo che i danni alla sua città non erano da imputare affatto alla violenza dei fenomeni atmosferici che, tutto sommato, potevano essere considerati del tutto normali: niente trombe d’aria o bombe d’acqua, insomma, ma normalissime piogge e venti autunnali. Il problema era stato il mare. Le onde avevano sferzato le coste della penisola di Gallipoli, permettendo alle acque del mare di invadere case ed attività economiche. Anche in questo caso normalissime piogge e venti autunnali, nulla di eccezionale o di mai visto in precedenza.

Senza perdersi d’animo i due conduttori introdussero l’intervista ad un amministratore calabrese o dirigente della protezione civile, non ricordo bene, ma conta poco, molto più importante è quanto egli disse. Sulla Calabria è caduta una quantità di pioggia eccezionale e senza precedenti, dicono i conduttori. L’intervistato conferma che in Calabria aveva piovuto per circa dodici ore filate, ma le piogge, pur registrando valori cumulati imponenti (tra un quarto ed un quinto del totale cumulato annuale) erano state tali da non procurare alcun danno. Aveva piovuto come normalmente piove nel mese di novembre ed i corsi d’acqua avevano egregiamente consentito alle acque di defluire verso i loro recapiti naturali. Ancora una volta normali piogge autunnali.

Ampio spazio fu riservato a Venezia, ma su questo tema già si è espresso in modo esaustivo e condivisibile l’amico M. Lupicino nel suo post pubblicato qui su CM nei giorni scorsi, per cui evito ulteriori considerazioni.

Io sono ingegnere, di quelli che dovrebbero fare a cani e gatti con i geologi o che dovrebbero appiccicare le forchette al bicchiere con il nastro adesivo, per simulare quanto fanno i fisici con i principi scientifici. Invece io sono sempre andato d’accordo con i geologi e con le leggi della fisica: con i primi perché fondo buona parte del mio lavoro sulle loro relazioni, con le seconde perché cerco di spiegarle ai miei alunni. Non sempre le ciambelle riescono con il buco, ma io comunque ci provo! (Spero mi consentiate un po’ d’ironia: non fa male e contribuisce ad alleggerire il discorso).

In tutte le centinaia di relazioni geologiche che ho letto in oltre trent’anni di professione, ho sempre trovato scritto che le precipitazioni nell’Italia Meridionale si concentrano nel periodo autunnale e primaverile. In inverno ed in estate non piove o piove poco. Ciò in base alle serie pluviometriche ufficiali e pacificamente accettate dalla comunità scientifica. Eppure ci si meraviglia che in autunno piova. Ci si meraviglia che in poche ore cada un quarto della pioggia che cade in un anno, senza procurare, tra l’altro, alcun danno. Bisognerebbe meravigliarsi se ciò accadesse nel mese di agosto o di gennaio, non del fatto che accada nel mese di novembre, ovvero in pieno autunno, ovvero nel periodo in cui deve cadere quasi la metà della pioggia annuale.

Lo scopo di tutto questo è quello di illustrare la dinamica perniciosa che caratterizza il dibattito attuale sulle problematiche ambientali e, soprattutto, climatiche. Sembra ormai diventato obbligatorio attribuire tutto e solo al cambiamento climatico di origine antropica e, quindi, al terribile diossido di carbonio emesso dai perfidi esseri umani. Ogni conduttore di programma televisivo o radiofonico, ogni autore di articolo di giornale, ogni inviato speciale sui luoghi del disastro, ogni esperto intervistato, fa del riferimento al cambiamento climatico quale causa di tutti i mali del mondo, un punto d’onore e di merito. Il colmo oggi (venerdì) nel corso di Tagadà (La 7). La conduttrice intervista un economista chiamato a parlare della crisi dell’ILVA di Taranto. Siccome si era parlato, fino a quel momento, di Venezia e di acqua alta, la conduttrice cerca di collegare i due discorsi, paragonando la fragilità economica a quella geologica del nostro derelitto Paese. Non ci crederete, ma l’esperto economico esordisce dicendo che come gli effetti deleteri sulla stabilità geologica del Bel Paese sono amplificati dal cambiamento climatico che, quindi, esacerba il deficit strutturale che lo caratterizza, allo stesso modo la crisi dell’ILVA è esacerbata dalle mutate condizioni del mercato dell’acciaio ecc., ecc., ecc.. Ho cambiato canale di corsa bersagliando il malcapitato esperto con i peggiori improperi.

Non è arrivato ad imputare al cambiamento climatico la crisi dell’ILVA, ma perché introdurre il suo discorso con un riferimento al cambiamento climatico? Perché fa fico, ovviamente.

E con questo non posso far altro che concordare con chi, dalle pagine di questo blog, ha puntualizzato che il dibattito sulle problematiche climatiche non ha più nulla di scientifico, ma è solo ed esclusivamente un dibattito ideologico, in cui la parte del leone la fanno gli opinionisti più diversi ed improbabili. Come i conduttori di Caterpillar (Radio due) che sempre venerdì pomeriggio hanno “dimostrato” che il cambiamento climatico è reale sulla base del fatto che a Venezia, dal 1872 ad oggi, non si erano mai verificate due maree di oltre 150 cm sul livello medio del mare (o medio mare, secondo un altro “autorevole” reporter) in una settimana.

Dati statistici, probabilità, fasce di incertezza, serie mareografiche, serie termometriche, dati di prossimità, dati misurati, fisica dell’atmosfera, termodinamica, fluidodinamica e chi più ne ha, più ne metta, non servono più a nulla. Il cambiamento climatico di origine antropica è reale perché così hanno deciso conduttori televisivi, radiofonici, giornalisti, politici e via cantando. Parafrasando quello che si diceva una volta, con riferimento alla politica, oggi potremmo dire che in campo climatico è tempo di nani e ballerine.

E in questo contesto come si collocano gli scienziati? Esemplare è il caso di un noto fisico dell’atmosfera con cui ho avuto modo di interloquire anche su queste pagine. Oggi (sempre venerdì) intervistato su non so quale canale circa le cause antropiche del maltempo autunnale, ha detto, tra l’altro, che il fatto che la scienza abbia “accertato” (enfasi mia) che l’uomo sia responsabile del cambiamento climatico, è una buona notizia: ciò consente, infatti, di modificare il corso degli eventi modificando il nostro comportamento. Sarebbe stato peggio se avessero accertato che tutto dipendeva da cause naturali: non avremmo potuto fare niente per impedire il cataclisma incombente.

A me sembra che nessuno fino ad ora sia stato in grado di dimostrare la natura esclusivamente antropica del riscaldamento globale ed annesso cambiamento climatico o crisi climatica che si voglia dire. Io sono dell’avviso che buona parte degli eventi atmosferici in corso sia di origine esclusivamente naturale e non fare niente per mitigarne gli effetti, cullandosi nell’illusione che riducendo le emissioni, saremo in grado di ridurre o eliminare la violenza degli eventi meteorologici, è la principale colpa del 97% degli scienziati mondiali. Spero con tutto il cuore di sbagliarmi, ma non credo.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La foto degradazione delle microplastiche in ambiente marino

Posted by on 15:59 in Ambiente, Attualità | 8 comments

La foto degradazione delle microplastiche in ambiente marino

Le microplastiche sono oggi diffusissime in tutti gli oceani del pianeta. I risultati di uno studio di recentissima pubblicazione (Zhu et al., 2020) evidenziano il ruolo chiave dell’UV solare come agente di alterazione dei polimeri che le compongono, con rilascio di molecole organiche a corta catena che vanno a far parte del pool del DOC (carbonio organico dissolto nell’acqua marina) il quale è suscettibile di attacco da parte dei batteri e per tale ragione riveste un ruolo essenziale nell’alimentare le catene trofiche oceaniche. Si tratta di un dato per molti versi positivo e che ci mostra ancora una volta le grandi doti di resilienza proprie degli ecosistemi marini. Ciò non deve tuttavia far dimenticare che gli oceani non sono il luogo adatto per smaltire le materie plastiche, per cui è auspicabile una sempre più elevata attenzione alla gestione razionale e sostenibile di tali prodotti.

Abstract

Microplastics are widespread in all the oceans of the planet. The results of a very recent study (Zhu et al., 2020) highlight the key role of solar UV as agent of alteration of the polymers that compose microplastics, with the release of short-chain organic molecules that become part of the DOC (organic carbon dissolved in sea water). The DOC pool is susceptible to attack by bacteria and for this reason plays an essential role in feeding oceanic trophic chains. This is in many ways positive and shows us once again the great resilience qualities of marine ecosystems. This should not, however, make us forget that the oceans are not the right place to dispose of plastic materials, for which it is desirable an ever higher attention to the rational and sustainable management.

Premessa

La lignina e la cellulosa, caratteristici del mondo vegetale, sono fra i polimeri più diffusi In natura. Per tale ragione le prime materie plastiche nacquero sfruttando direttamente tali polimeri (ad es. la celluloide, ottenuta da Hyatt nella seconda metà dell’800 plastificando con canfora la nitrocellulosa[1]). Solo in un secondo tempo si giunse ad ottenere nuovi e più performanti polimeri, per lo più derivati dal petrolio. A tale categoria appartiene ad esempio il moplen, frutto della polimerizzazione stereospecifica del propilene e la cui invenzione valse a Giulio Natta (1903-1979) il Nobel per la chimica del 1963.

Se le materie plastiche hanno innumerevoli vantaggi (robustezza, elasticità, leggerezza, costo contenuto, gradevolezza visiva, ecc.) e hanno consentito di produrre moltissimi oggetti utili alla vita umana (dai volanti delle automobili alle valvole cardiache, dalle confezioni per alimenti ai materiali per gli impianti di microirrigazione o per le serre, dal vestiario alle calzature) è altresì evidente che il destino ambientale degli oggetti in plastica non più utili al loro scopo desta moltissime preoccupazioni, anche in virtù del fatto che la quantità prodotta e smaltita è in continua crescita, come dimostra la figura 1 che presenta i trend di produzione e smaltimento di materie plastiche a livello mondiale pregressi (1950-2015) e previsti (2016-2050) (Geyer et al., 2017). Sempre da Geyer et al (2017) sono tratti i dati con cui si è realizzato lo schema in figura 2 che illustra la produzione globale, l’uso e il destino delle materie plastiche (resine polimeriche, fibre sintetiche e additivi) prodotte dal 1950 a oggi.

Figura 1 – Produzione e smaltimento plastiche a livello mondiale 1950-2015 e proiezioni fino al 2015


Figura 2: Produzione totale globale, uso e destino di resine polimeriche, fibre sintetiche additivi dal 1950 al 2015 in milioni di tonnellate (dati da Geyer et al., 2017).

Per quanto riguarda i rifiuti in plastica occorre anzitutto evidenziare che in base alla dimensione essi sono classificati in macroplastiche (diametro > 5 mm), microplastiche (1-5000 micron) e nano plastiche (1-100 nanometri). Da rilevare poi che tali rifiuti sono troppo spesso smaltiti in mare ove interferiscono in modo rilevante con la vita marina e subiscono un processo di degradazione che è a grandi linee illustrato in figura 3. Si noti anche che in ambiente marino i rifiuti in plastica galleggiano e si muovono con le correnti marine di superficie, accumulandosi in aree in cui tali correnti convergono. Una delle più importanti zone marine di accumulo è costituita dalla North Pacific Gyre NPG (vortice del pacifico settentrionale – figura 4) ove la plastica rilasciata dalle aree costiere asiatiche e americane[2] giunge dopo un lunghissimo viaggio e forma caratteristiche chiazze galleggianti ove il diametro medio dei detriti plastici è di 5,9 +/- 3.1 mm, per cui le microplastiche vi giocano un ruolo rilevantissimo.

Figura 3 – Schema di degradazione della plastica della plastica flottante negli oceani


Figura 4 – North Pacific Gype

La fotodegradazione delle microplastiche

Molti dei polimeri oggi in uso sono fotolabili e cioè si degradano per effetto dell’UV solare e da ciò prende le mosse un recentissimo lavoro (Zhu et al., 2020) che parte dall’evidenza secondo cui gli innumerevoli frammenti di plastica che galleggiano in mare rappresentano solo l’1% delle materie plastiche che raggiungono l’oceano ogni anno, per domandarsi quale sia il destino ambientale della “plastica mancante”[3]. Per rispondere a tale domanda Zhu et al. hanno posto in beute contenenti acqua di mare una serie di materiali e cioè microplastiche di rifiuto (polietilene PE, polipropilene PP e polistirolo espanso EPS) oltre a PE standard e a frammenti di plastica raccolti nell’NPG. Le beute sono state poi irraggiate con un simulatore di luce solare, evidenziando che la luce solare per effetto dell’UV frammenta, ossida e altera il colore dei polimeri, con tassi di degradazione che dipendono dalla chimica dei polimeri stessi, tant’è che EPS si degrada più rapidamente di PP mentre PE si rivela il polimero più resistente (tabella 1).

Più nello specifico gli autori hanno evidenziato che:

  1. la foto-degradazione è il presupposto essenziale per la degradazione delle microplastiche e ciò spiega anche perché in assenza di luce le microplastiche persistano molto più a lungo.
  2. La degradazione delle microplastiche porta al rilascio di metaboliti carboniosi a catena corta che vanno a far parte del pool del carbonio organico disciolto nell’acqua marina (Dissoved Organic Carbon – DOC) composto da sostanze organiche solubili a basso peso molecolare. Tale pool è rapidamente attaccato dai batteri che lo usano come fonte di carbonio.
  3. il pool DOC in cui confluiscono i prodotti di degradazione delle plastiche è un componente essenziale dell’ecosistema marino, essendo la principale sorgente di carbonio per i microrganismi eterotrofi che sono alla base delle catene alimentari marine.
  4. il pool DOC ha un contenuto totale in carbonio paragonabile a quella del pool atmosferico di CO2 e il contributo che a esso danno i prodotti di fotodegradazione delle materie plastiche è di entità modesta rispetto a quello dei prodotti di origine naturale (detriti di origine animale e vegetale)
  5. Il DOC derivante dalle microplastiche è biolabile al 76 ± 8% per EPS e al 59 ± 8% per PP, il che lo avvicina ai DOC di sostanze provenienti da fonti naturali come quelle naturalmente presenti nell’acqua di mare (biolabili al 40%), il fitoplancton (biolabile al 40-75%) e le acque di fusione del permafrost (biolabili al 50%). Tale caratteristica rende il DOC prodotto dalle microplastiche di EPS e PP prontamente utilizzabile dai batteri marini
  6. la biolabilità del DOC da PE è invece pari solo al 22 ± 4% e gli autori hanno evidenziato che il suo utilizzo avviene per il 95% ad opera di un solo ceppo batterico. Tale bioresistenza farebbe in prima battuta pensare a un’azione inibitrice della crescita microbica, magari ad opera di coformulanti presenti nel materiale.
  7. nel caso specifico del Pacifico Settentrionale, gran parte del processo di foto-degradazione e di produzione di DOC ha probabilmente luogo nel corso del lungo viaggio che porta la plastica dalle zone di rilascio al cuore dell’NPG.

Conclusioni

In sintesi dunque Zhu et al (2020) evidenziano che l’UV solare si rivela efficacissimo nel dissolvere la plastica che staziona alla superficie dell’oceano.

Ciò non toglie comunque che l’oceano, nonostante le sue enormi capacità si autoregolazione, non possa essere considerato come un possibile luogo di smaltimento delle materie plastiche, anche perché macro e microplastiche possono essere ingerite dalla macrofauna marina con danni rilevanti e possibili rischi per la stessa salute umana, come mette in luce una pubblicazione dell’EFSA (2016) che stimola ad approfondire le analisi fin qui condotte. Un approfondimento di indagine è anche sollecitato da Zhu et al (2020) con riferimento al PE, per il quale gli autori paventano il rischio che i sottoprodotti della fotodegradazione possano incidere negativamente sull’attività microbica e sulle catene alimentari che da essa dipendono.

Note

[1] La nitrocellulosa a sua volta prodotta facendo agire acido nitrico e acido solforico su cotone idrofilo

[2] In media occorrono ad esempio 8 anni perché microplastiche rilasciate a Shangai raggiungano la zona di convergenza dell’NPG mostrata in figura 2

[3] Su tale destino in passato si sono fatte molte ipotesi fra cui il consumo da parte degli organismi marini,  l’aggregazione con detriti organici con successivo affondamento, la deposizione in località remote non monitorate o ancora la degradazione a dare piccole particelle o soluti che superanno le reti da 335 μm utilizzate per campionare e microplastiche marine.

Bibliografia

  • EFSA, 2016. Presence of microplastics and nanoplastics in food, with particular focus on seafood EFSA Panel on Contaminants in the Food Chain (CONTAM), EFSA journal, 11 maggio 2016, doi: 10.2903/j.efsa.2016.4501
  • Geyer R., Jambeck J.R., Law K.L., 2017. Production, use, and fate of all plastics ever made, 3(7), e1700782. 3 Science Advances, DOI: 10.1126/sciadv.1700782
  • WUWT, 2019. Simulated sunlight reveals how 98% of plastics at sea go missing each year, https://wattsupwiththat.com/2019/11/08/simulated-sunlight-reveals-how-98-of-plastics-at-sea-go-missing-each-year/
  • Zhu L., Zhao S., Bittar T.B., Stubbins A., Li D., 2020. Photochemical dissolution of buoyant microplastics to dissolved organic carbon: Rates and microbial impacts, Journal of Hazardous Materials 383, (2020), 121065
Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Affondiamo

Posted by on 06:31 in Attualità | 31 comments

Affondiamo

Nell’autunno più “old-style” che si ricordi in Italia da lustri a questa parte, ovvero ricco di precipitazioni e di associati episodi di dissesto idro-geologico, endemici per un territorio fragile come quello italiano, era solo questione di tempo prima che il Rescue Team tirasse fuori tutto il suo armamemtario clima-catastrofista. Parliamo qui della declinazione della narrativa nella modalità “fenomeni estremi”. Categoria in cui ovviamente ricade il recente episodio di acqua alta record a Venezia.

Immediatamente si è levato infatti il grido di dolore del clima che si sfascia sotto i nostri occhi. Timidamente qualcuno ha fatto notare che rimane imbattuto l’evento del 1966 passato alla storia come “Acqua Granda”. Ma poco importa: i record si usano solo quando fanno comodo. Infatti Repubblica sentenzia:di fronte a ciò che sta accadendo, con Venezia sommersa da quasi 2 metri d’acqua, nemmeno i negazionisti più accaniti possono far finta di non vedere gli effetti dei cambiamenti climatici, o fare spallucce con la tranquillizzante vulgata secondo cui nel passsato “era già successo”. Capito l’antifona? Se è già successo in passato, chissenefrega, questa volta sappiate che è colpa del Climate Change, mentre prima no. E se non siete d’accordo, allora siete negazionisti.

Amarcord

A dispetto delle ridicole invettive di Repubblica e dei suoi fratelli, vale proprio la pena buttare un occhio a quel 1966 per assaporare il contesto in cui quell’alluvione avvenne. A questo scopo può essere interessante leggere il resoconto che ne fa il Sole 24 Ore nel quale, pur pagando il solito tributo ai cambiamenti climatici, si ricorda come in quel periodo si vedesse in eventi record come l’Acqua Granda il segno di una imminente glaciazione. Ebbene sì, perché la scienza climatica “consolidata” di allora, dava per probabile proprio l’avvento di una glaciazione a seguito di una serie di anni particolarmente rigidi (ricordiamo per l’Italia gli inverni del 1956 e del 1963). Dimentichi, evidentemente, degli eventi caldi occorsi negli anni ’30. Ché la memoria storica in fatto di clima tende ad essere estremamente breve per l’essere umano.

A proposito di memoria corta, una chiave di lettura meno scalcagnata del fenomeno ce la offriva qualche anno fa proprio Repubblica, che nel 2013 in un articolo intitolato “Venezia Affonda (…)” spiegava come la città si abbassasse per effetto della subsidenza: Venezia è stata costruita su isole create gettando sabbia e terra nel mare, e l’assestamento di questo fondo morbido è la “causa principale dell’abbassamento naturale (della città)”. Abbassamento che nell’ultimo secolo è stato di ben 25 centimetri: una enormità che falsa alla radice qualsiasi esercizio di confronto brutale tra i livelli delle acque alte registrate nella serie storica.

Subsidenza, chi era costei?

Pare proprio che dalle parti di Repubblica insieme a qualche centinaio di migliaia di lettori abbiano perso per strada anche la memoria degli articoli e delle battaglie del passato. Perché una quindicina d’anni fa il tema della subsidenza andava assai di moda nei circuiti ambientalisti: proprio nel nome della subsidenza partì infatti una campagna di opinione violentissima contro le perforazioni petrolifere in alto Adriatico, ovvero quello che è il più ricco bacino di idrocarburi gassosi in Italia. Campagna che innescò a sua volta indagini penali col gravissimo capo di imputazione di disastro ambientale, che portarono al blocco dell’attività estrattiva. Fu proprio allora che partì la gigantesca opera di demonizzazione mediatica dello sviluppo delle risorse minerarie nazionali, opera conclusasi brillantemente con la distruzione dell’intera filiera industriale dell’industria estrattiva italiana, con perdite di migliaia di posti di lavoro e di know-how associato.

Vale la pena ricordare che le accuse in questione si sono rivelate una bolla di sapone, soltanto anni dopo, quando le indagini penali furono chiuse con l’unica spiegazione possibile: ovvero che la subsidenza della costa adriatica con l’attività petrolifera non c’entrava un piffero. Preponderanti erano altri fattori, in particolare quelli legati allo sfruttamento delle falde acquifere. Ma era troppo tardi, perché la valanga ambientalista aveva già ottenuto il suo scopo: lasciare in Adriatico le stesse risorse minerarie che i nostri vicini di casa potranno estrarre e venderci a loro volta, facendo profitto (loro) e scaricando addosso a noi tutti gli eventuali rischi associati. Una replica perfetta dell’altro capolavoro fatto anni prima con l’energia nucleare.

Caccia al colpevole

Se proprio si vuole cercare un colpevole per l’acqua alta di oggi, rimaniamo quindi con due possibilità: prendercela con chi ha costruito Venezia (in linea con l’attuale narrativa green che vuole questo Pianeta migliore senza la presenza umana tout court), oppure col mancato completamento del Mose: l’opera che avrebbe dovuto mettere in sicurezza la città lagunare già 5 anni fa, e che invece è rimasta inceppata per anni nell’intrico infernale di italici tormenti burocratici e giudiziari che si manifestano ogni qual volta si prova ad aprire un cantiere, e a finire il lavoro.

Resta un fatto, ovvero che l’acqua alta di Venezia ci ha offerto uno spunto per mettere assieme le tessere di un puzzle:

Un Paese fragile dal punto di vista idro-geologico che si affida alla buona stella ogni volta che il tempo volge al brutto.

Il solito intrico di burocrazia, malaffare, inchieste giudiziarie, inefficienza che rende qualsiasi progetto di sviluppo irrealizzabile se non a costo di sforzi disumani. Ma che funziona invece molto bene ogni qual volta si decide di uccidere una eccellenza industriale italiana.

Un ambientalismo cieco e autoreferenziale che annienta l’attività economica e sparge miseria a piene mani servendosi di cause scientificamente infondate.

Una cronaca giornalistica miserevole, che accusando il global warming di ogni nefandezza rende sicuramente un servizio gradito a chi intende speculare sul clima-catastrofismo, ma offre un servizio pessimo ai pochi lettori rimasti, nascondendo le vere cause di quello che accade attorno a noi, e anteponendo la propaganda a qualsiasi esercizio serio di analisi.

Non è un’istantanea tra le tante sull’acqua alta di Venezia, questa. Quanto piuttosto il puzzle di un intero Paese che affonda.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 11/17 Novembre 2019

Posted by on 23:19 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 11/17 Novembre 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Situazione sostanzialmente invariata sul quadrante europeo, per la persistenza in Atlantico della cellula centrata sulle isole Azzorre, e specularmente di quella termica estesa dalla Groenlandia al Mare di Kara. Tra le due figure scorrono in successione sistemi depressionari in un letto di correnti fresche che da Terranova muovono verso il Mediterraneo centrale. In queste ore, un minimo chiuso di geopotenziale è in azione sul Mediterraneo centro-occidentale con minimo centrato sul Golfo di Sicilia e associate condizioni di forte maltempo sulle regioni meridionali italiane, in particolare sui versanti ionici (Fig.1)

Nel corso della settimana la situazione evolverà solo leggermente, per la formazione di un effimero ponte anticiclonico tra la cellula atlantica e quella groenlandese, e conseguente rinvigorimento delle condizioni depressionarie sull’Europa centro-occidentale e sul Mediterraneo. La situazione nel suo complesso resta comunque poco evolutiva, per il previsto consolidamento di un anticiclone artico che sul finire della settimana farà sentire la sua influenza tra il Taymir russo e il Mare di Kara, estendendo la sua influenza anche più a sud, fin sul Mare di Barents. Il blocco anticiclonico artico, in concomitanza con la persistenza della cellula atlantica, costringeranno il flusso perturbato atlantico ad avanzare attraverso il solito stretto corridoio dal Canada in direzione del Mediterraneo (Fig.2).

Continua a persistere una configurazione sinottica particolarmente penalizzante per l’Italia, in particolare per le regioni meridionali del versante tirrenico e per quelle ioniche, che restano sotto la minaccia di eventi di dissesto idrogeologico. D’altro canto, l’abbondanza di precipitazioni autunnali fa parte della normalità climatica italiana, l’acqua resta un bene assolutamente prezioso per le riserve idriche del nostro Paese, e le ricche precipitazioni nevose di questi giorni sono di ottimo auspicio per una bella stagione sciistica sulle nostre Alpi.

 

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì cieli molto nuvolosi al Nord con precipitazioni diffuse, ad eccezione dei settori più occidentali. Nevicate diffuse e persistenti sull’arco alpino centrale e orientale a quote superiori ai 1200-1500 metri. Sulle regioni centrali tirreniche cieli chiusi con precipitazioni sparse, sulle restanti regioni centrali condizioni di cielo generalmente parzialmente nuvoloso o nuvoloso. Al Meridione, condizioni di maltempo sulla Sicilia con rovesci e temporali diffusi, anche di forte intensità. Dal pomeriggio estensione dei fenomeni alle restanti regioni meridionali.

Temperature in generale aumento. Venti ovunque di scirocco, forti su Jonio e Tirreno meridionale.

Martedì generali condizioni di maltempo su tutto il Paese, con piogge, rovesci e temporali che tenderanno ad estendersi dalle regioni meridionali al resto dell’Italia, con l’unica eccezione dei settori estremi nord-occidentali. Nevicate diffuse e persistenti dal pomeriggio sulle Alpi centro-orientali a quote superiori agli 800-1000 metri.

Temperature in diminuzione. Ventilazione sostenuta di scirocco, forte sui bacini meridionali. In serata entra il maestrale, forte, sul Canale di Sardegna.

Mercoledì tendenza ad attenuazione dei fenomeni con passaggio a condizioni di spiccata instabilità su tutto il Paese, con fenomeni sparsi più probabili e intensi al Meridione. Dalla serata peggiora nuovamente da ovest con rovesci diffusi sulla Sardegna.

Temperature stazionarie, venti occidentali.

Giovedì nuovo passaggio perturbato che muoverà velocemente dal Tirreno verso la Penisola con piogge e rovesci diffusi. Schiarite e precipitazioni più sporadiche sulle regioni nord-occidentali e su quelle ioniche.

Temperature stazionarie, venti dai quadranti occidentali. Venti tesi di libeccio sui bacini più meridionali.

Venerdì nuovo intenso peggioramento che stavolta interesserà in modo particolare le regioni settentrionali con precipitazioni diffuse, anche intense. Nevicate molto abbondanti sull’arco alpino a quote superiori ai 1200 metri circa. Piogge e rovesci raggiungeranno in giornata anche le regioni centrali, Sud in attesa.

Temperature in sensibile diminuzione al Nord, venti tesi dai quadranti meridionali.

Sabato e Domenica nubi e precipitazioni tendono a persistere sull’angolo nord-occidentale, con fenomeni anche molto intensi e nevicate molto abbondanti sulle Alpi al di sopra dei 1500 metri circa. Parzialmente nuvoloso sul resto del Paese con tendenza a possibile peggioramento sulle regioni centrali tirreniche.

Temperature in aumento, venti forti sciroccali.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il Clima non è più a ovest di Paperino

Posted by on 07:00 in Attualità | 4 comments

Il Clima non è più a ovest di Paperino

La Disney o, se preferite, la ACME Inc., erano sin qui entrate nel tema del global warming cambiamento climatico disfacimento climatico emergenza climatica (ce l’ho fatta…) solo per le gesta di improbabili emuli di Archimede Pitagorico impegnati a salvare il pianeta con poderosi interventi di geoingegneria, tutto sommato divertenti nella loro infantile distopia. Mai però avremmo pensato che il mondo di Cartoonia avrebbe impugnato la stilografica e vergato, insieme ad altri esimi frequentatori di varie accademie, trattorie e circoli serali, una dichiarazione di “stato di emergenza climatica“.

Trattasi di tal prof. Mouse, Micky, affiliato con il Micky Mouse Institute For the Blind in Namibia. Leggere per credere, il tizio era nella lista degli 11.000 firmatari, frettolosamente corretta quando è arrivata l’eco delle prime risate. Peccato non averlo visto subito, quando anche i TG nazionali si sgolavano sull’emergenza… Quest’ultimo ilare episodio è la pietra tombale di questo genere di iniziative, quale sia l’orientamento che hanno o le richieste che avanzano.

Anche perché, leggiamo dalle info supplementari della dichiarazione (file S1), che per tutti o quasi gli altri si tratta non di studiosi del tema in questione – appunto il clima – ma, nella migliore delle ipotesi di tutto quello che c’è intorno, nella peggiore di gente che passava di lì per caso. E’ quindi, questo sì, una bella comparsata di tutto quel mondo che sull’affaire moriremo tutti di climatite ci campa alla grande e, giustamente, ci crede, anche se non ci capisce (né c’entra) un accidente e butta giù grafici tanto per.

Avreste mai pensato che dalla produzione di carne pro-capite si sarebbe potuta capire la salute (malsana) del pianeta (sì, ce l’hanno con te dannato pollivendolo…)? Ecco quindi definitivamente sdoganata la sesta estinzione di massa entro fine secolo, anche se dovrebbe essere la settimana, perché stiamo di fatto assistendo ad una inarrestabile estinzione di massa cerebrale.

Estinzione reiterata, perché nel 2017, lo stesso lead author aveva pubblicato qualcosa di simile, raccogliendo allora non 11.000, ma ben 15.000 sottoscrizioni. Due le cose, o anche tra i trombettieri del disastro qualcuno comincia a stancarsi, oppure Pippo, Pluto, Paperino, Zio Paperone, Qui Quo Qua, Minnie, Clarabella, Tip e Tap, Basettoni e tutti gli altri stavolta avevano altro da fare.

Enjoy.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »