Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Interazioni Oceano – Atmosfera e Previsioni Stagionali in Europa

Posted by on 08:36 in Attualità, Climatologia, Meteorologia | 0 comments

Interazioni Oceano – Atmosfera e Previsioni Stagionali in Europa

Individuato un legame causale fra un pattern primaverile di temperatura di superficie dell’oceano Atlantico in primavera e un pattern estivo di pressione atmosferica sul vicino Atlantico. Quali ricadute per le previsioni stagionali?

Premessa

Le previsioni stagionali si spingono a uno o più mesi in avanti rispetto alla data di emissione e sono un prodotto passibile di grandi ricadute in svariati settori come l’agricoltura, la sanità, i trasporti e il turismo.

Purtroppo in Europa tali previsioni hanno un’attendibilità particolarmente bassa, il che dipende almeno in parte dall’intrinseca imprevedibilità del sistema atmosferico nella nostra area. Ad esempio l’Europa è l’area delle medie latitudini boreali con la più alta frequenza di situazioni di blocco, la cui prevedibilità si limita ancor oggi ad una decina di giorni in avanti nel tempo.

Il nuovo legame causale oceano-atmosfera individuato

Al tema delle previsioni stagionali fa riferimento il recentissimo lavoro di Ossó et al. (2018) in cui si evidenzia la correlazione esistente fra la presenza in primavera di un dipolo di temperatura oceanica di superficie (SST) con anomalia calda a est di Terranova (box A delle figura) e anomalia fredda a ovest della penisola iberica (box B della figura)  e la comparsa in estate di un’anomalia positiva nella pressione al suolo a ovest delle isole britanniche denominata SEA (Summer East Atlantic pattern – box C della figura). Più nello specifico il dipolo oceanico inizia a comparire nel tardo inverno e diviene più evidente in marzo-aprile (MA) e aprile-maggio(AM) mentre il pattern atmosferico SEA conseguente è più evidente in luglio e agosto (JA).

Figura 1 – Correlazione per i mesi di luglio e agosto fra la pressione a livello del mare prevista dal modello proposto dagli autori e la pressione a livello del mare osservata. I livelli più elevati (r di oltre 0.6) si hanno nell’area in arancio (pattern SEA). I box A e B sono sede delle anomalie primaverili di temperatura della superficie dell’oceano mentre il box C è sede dell’anomalia estiva della pressione a livello del mare.

Per comprendere l’’importanza di tale scoperta – frutto di un’indagine condotta sul dataset dell’ERA Interim reanalysis riferito al periodo 1979-2015 – si rifletta sul fatto che l’anomalia positiva nella pressione al suolo a ovest delle isole britanniche può essere frutto della presenza di un anticiclone di blocco con effetti rilevanti sul tempo atmosferico dell’area euro-mediterranea (traiettorie delle perturbazioni e variabili  atmosferiche in superficie quali copertura nuvolosa, temperatura, precipitazione, umidità relativa e vento).

Osso et al. esprimono la correlazione individuata con la seguente equazione empirica:

SLP(JA) = A* SST(MA) + B* t

Ove A,B,t sono coefficienti empirici ricavati dagli autori (e non indicati nel lavoro).

Applicando tale equazione alla previsione della pressione a livello del mare (SLP) per i mesi di luglio e agosto si ottiene un r di Pearson che per l’area SEA supera 0.6 (figura 1), il che equivale a oltre il 36% della varianza spiegata, un valore non certo elevatissimo ma comunque significativo al 95%.

Quale meccanismo?

Ma qual è il meccanismo per effetto del quale l’anomalia di SST si traduce in un’anomalia di SLP? Secondo gli autori l’anomalia positiva di SST a est di Terranova sarebbe dovuta alla debolezza della correnti occidentali (westerlies) su tale area a fine inverno – inizio primavera. Tale debolezza si tradurrebbe nell’indebolimento del trasporto di calore da parte di atmosfera e oceano.

Una volta insorto, il dipolo di SST produrrebbe uno spostamento verso Nord del getto Nord – Atlantico, il cui effetto più visibile in superficie sarebbe il pattern SEA.

Possibili ricadute sui prodotti previsionali operativi a lungo termine

L’individuazione di tale correlazione sfasata nel tempo fra oceano e atmosfera potrebbe rivelarsi importante per migliorare le previsioni stagionali sull’Europa, i cui livelli di attendibilità sono al momento particolarmente modesti.

Una volta individuato il fenomeno credo che si possano intraprendere due strade distinte e cioè da un lato riuscire a descriverlo in termini meccanicistici in modo da inserirlo nei modelli numerici di simulazione dinamica per la previsione a lungo termine (NWP) e dall’altro impiegarlo in modelli empirici che eseguono il post-processing dei dati di output degli NWP.

Bibliografia

Ossó A., Sutton R., Shaffrey L. e Dong B.,2018. Observational evidence of European summer weather patterns predictable from spring, Proceedings of the National Academy of Sciences, January 2, 2018, vol. 115, n.1, 59-63 (www.pnas.org/content/early/2017/12/12/1713146114).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’AGW si è spiaggiato

Posted by on 05:12 in Attualità | 12 comments

L’AGW si è spiaggiato

Beh, suppongo che saranno in parecchi ad identificarsi con il titolo di questo post. Bene per chi è già riuscito a scappare dal tritacarne quotidiano ed a mettere i piedi su una spiaggia, specie di questi tempi in cui ci raccontano che, presto o tardi e causa mare che avanza, quella spiaggia potrebbe non esserci più.

Pare che le cose stiano diversamente però. Pare che, come spesso accade, quando si prende in mano il metro si trovano delle sorprese, spesso positive. Per esempio su Nature è uscito lo scorso aprile un articolo in cui è stato messo a punto un dataset dell’erosione costiera:

The State of the World’s Beaches

Immagini da satellite ed osservazioni varie a partire dal 1984. Vi lascio gli highlights perché vado di fretta e perché il paper è liberamente consultabile:

  • il 31% delle coste libere dai ghiacci sono sabbiose;
  • il 24% di queste sta subendo un’erosione di circa 0,5m/anno;
  • il 28% di queste sta invece accrescendosi;
  • il 48% di queste è stabile.

Non sembra che il mare si stia mangiando il mondo…. ma tant’è.

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Un Mese di meteo – Giugno 2018

Posted by on 09:20 in Attualità, Climatologia, Commenti mensili, Meteorologia | 0 comments

Un Mese di meteo – Giugno 2018

IL MESE DI GIUGNO 2018[1]

Mese improntato alla variabilità primaverile con spiccata anomalia pluviometrica positiva sul meridione d’Italia accompagnata da una lieve anomalia termica negativa.

La topografia media mensile del livello di pressione di 850 hPa (figura 1a) ci mostra un promontorio anticiclonico di blocco espanso dall’Atlantico subtropicale (il cuore di tale struttura è indicato dalla lettera A in basso a sinistra) verso le isole britanniche ove si isola un massimo secondario, anch’esso indicato con la lettera A. Sul fianco orientale di tale promontorio si genera un regime di correnti settentrionali che sull’Italia assumono curvatura ciclonica. Tali correnti appaiono collegate alla depressione anatolica (lettera B).

Il lungo persistere sulle isole britanniche di tale anticiclone di blocco, che peraltro si è a tratti espanso longitudinalmente verso la Scandinavia, costituisce a tutti gli effetti la più sensibile anomalia circolatoria del mese di giugno a scala euro-atlantica e di essa rimane traccia:

  • nel nucleo di anomalia termica positiva presente nella carta delle anomalie termiche globali dele bassa troposfera prodotta dall’Università dell’Alabama – Huntsville http://nsstc.uah.edu/climate/.(figura 6)
  • nella carta delle isoanomale (figura 1b) ove si evidenzia un nucleo di anomalia positiva da  +4 m  su Gran Bretagna-Irlanda ove il giugno è risultato anomalmente siccitoso. Da tale carta emerge inoltre un’anomalia negativa di -2,5 m sulla Grecia.

Figure 1a 850 hPa – Topografie medie mensili del livello di pressione di 850 hPa (in media 1.5 km di quota) per il mese. Le frecce inserite danno un’idea orientativa della direzione e del verso del flusso, di cui considerano la sola componente geostrofica. Le eventuali linee rosse sono gli assi di saccature e di promontori anticiclonici.

Figura 1b 850 hPa – carte delle isoanomale del livello di pressione di 850 hPa per il mese.

Venendo all’analisi circolatoria sull’Italia (tabella 1) il mese di giugno si è caratterizzato per variabilità primaverile effetto di perturbazioni che nelle prime due decadi hanno raggiunto la nostra area da ovest (vicino Atlantico) mentre nella terza decade ha predominato l’influsso dai una saccatura da Nord-Nordest legata ad una depressione con centro sul Baltico e che è stata responsabile di imponenti trasferimenti latitudinali di masse d’aria. In tale contesto generale improntato alla variabilità spiccano 5 perturbazioni principali transitate rispettivamente nei giorni 4-5, 7-9, 11-16, 22-25 e 26-29 giugno.

Tabella 1 – Sintesi delle strutture circolatorie del mese a 850 hPa. Il termine perturbazione sta ad indicare saccature atlantiche o depressioni mediterranee (minimi di cut-off) o ancora fasi in cui la nostra area è interessata da regimi che determinano  variabilità perturbata (es. flusso ondulato occidentale).
Periodo Fenomeno
1-3 giugno Sull’Italia campo di pressioni livellate con tempo stabile
4-5 giugno Transita una saccatura atlantica con tempo instabile (perturbazione n. 1). Da essa si isola un minimo di cutoff sull’Alto Tirreno che si dissolve con rapidità.
6 giugno Sull’Italia promontorio mobile da sud con temporanea stabilizzazione.
7-9 giugno L’Italia è interessata da una saccatura atlantica da Nordovest da cui si isola un minimo di cutoff sull’Alto Tirreno che nella sua traiettoria verso i Balcani influenza l’Italia (perturbazione n. 2)
10 giugno Sull’Italia promontorio anticiclonico mobile da sud con temporanea stabilizzazione.
11-16 giugno Una saccatura atlantica con asse da Nord – Nordest interessa l’Italia con tempo instabile (perturbazione n. 3). Dal giorno 14 un promontorio anticiclonico da ovest si espande verso l’arco alpino stabilizzando le condizioni meteorologiche al settentrione mentre al centro-sud persistono condizioni di tempo instabile legate alla perturbazione n. 3.
17-21 giugno Un promontorio dell’anticiclone atlantico in espansione verso est  interessa la nostra area dando luogo a condizioni di tempo stabile
22-25 giugno L’arretramento del promontorio anticiclonico espone la nostra area agli effetti di una saccatura da Nord-Nordest associata a un minimo depressionario sul Baltico e che trasporta verso la nosrta area masse d’aria artica da Nord – Nordest (perturbazione n. 4).
26-29 giugno Dalla saccatura baltica si isola una depressione mediterranea con centro su Grecia e Balcani che influenza la nostra area dal 26 giugno (perturbazione n. 5).
30 giugno La depressione mediterranea viene riagganciata da una saccatura da Nordest e si sposta sul Mediterraneo orientale. Sull’Italia si afferma un promontorio anticiclonico da sud.

Andamento termo-pluviometrico

Le temperature medie mensili sono risultate per lo più nella norma nei minimi salvo lievi anomalie positive al Centro-Nord (figura 2). I massimi dal canto loro sono risultati nella norma o in lieve anomalia positiva al centro nord e nella norma o in lieve anomalia negativa al sud (figura 3).

Figura 2 – TX_anom – Carta dell’anomalia (scostamento rispetto alla norma espresso in °C) della temperatura media delle massime del mese

Figura 3 – TN_anom – Carta dell’anomalia (scostamento rispetto alla norma espresso in °C) della temperatura media delle minime del mese

La tabella 2 mostra che le anomalie positive si sono concentrate nelle prime due decadi mentre l’anomalia negativa si è concentrata nella terza decade.

Tabella 2 – Analisi decadale e mensile di sintesi per macroaree – Temperature e precipitazioni al Nord, Centro e Sud Italia con valori medi e anomalie (*).

A livello mensile le precipitazioni (figura 4) sono risultate superiori alla norma al Sud, sulla Sardegna e in limitate aree del cento-nord (ponente ligure, Toscana meridionale, Marche, Abruzzo, Romagna e Lazio centro-meridionale). Si notino in particole le rilevanti anomalie pluviometriche positive su Sicilia, cagliaritano, Salento e Calabria meridionale. Le anomalie percentuali positive cartografate in figura 4 sono rese più evidenti dal fatto che il mese di giugno nel meridione è di norma assai povero di precipitazioni per cui ad esempio i quantitativi per lo più compresi fra 25 e 75 mm registrati dalle stazioni siciliane si sono tradotti in anomalie rilevantissime. Nella figura 4 si notano infine i due nuclei di anomalia percentuale negativa presenti su pianura e Prealpi piemontesi, Lombardia Occidentale e Toscana Settentrionale.

Figura 5 – RR_anom – Carta dell’anomalia (scostamento percentuale rispetto alla norma) delle precipitazioni totali del mese (es: 100% indica che le precipitazioni sono il doppio rispetto alla norma).

Figura 4 – RR_mese – Carta delle precipitazioni totali del mese (mm)

Per quanto attiene alle precipitazioni decadali (tabella 2) si nota che le anomalie percentuali positive al centro-sud si sono concentrate nella seconda e terza decade del mese.

Infine la carta di anomalia termica globale della bassa troposfera prodotta dall’Università dell’Alabama – Huntsville http://nsstc.uah.edu/climate/ e che consente di valutare la rilevanza sinottica delle anomalie termiche registrate in Italia mostra che la lieve anomalia termica negativa sul meridione si associa a una più vasta cintura di lievi anomalie negative che interessa il sud del Mediterraneo e le coste atlantiche del Marocco. Inoltre, come dianzi evidenziato, la lieve anomalia positiva al centro-nord Italia si accompagna a un vasto e ben strutturato nucleo di anomalie positive con centro su Isole Britanniche e mare del Nord e che spinge un proprio promontorio verso l’Europa centrale e di qui verso mar Nero e mar Caspio.

Figura 6 – UAH Global anomaly – Carta globale dell’anomalia (scostamento rispetto alla norma espresso in °C) della temperatura media mensile della bassa troposfera. Dati da sensore MSU UAH [fonte Earth System Science Center dell’Università dell’Alabama in Huntsville – prof. John Christy (http://nsstc.uah.edu/climate/)


[1]              Questo commento è stato condotto con riferimento alla  normale climatica 1988-2017 ottenuta analizzando i dati del dataset internazionale NOAA-GSOD  (http://www1.ncdc.noaa.gov/pub/data/gsod/). Da tale banca dati sono stati attinti anche i dati del periodo in esame. L’analisi circolatoria è riferita a dati NOAA NCEP (http://www.esrl.noaa.gov/psd/data/histdata/). Come carte circolatorie di riferimento si sono utilizzate le topografie del livello barico di 850 hPa in quanto tale livello è molto efficace nell’esprimere l’effetto orografico di Alpi e Appennini sulla circolazione sinottica. L’attività temporalesca sull’areale euro-mediterraneo è seguita con il sistema di Blitzortung.org (http://it.blitzortung.org/live_lightning_maps.php).

(*) LEGENDA Tabella 2:

Tx sta per temperatura massima (°C), tn per temperatura minima (°C) e rr per precipitazione (mm). Per anomalia si intende la differenza fra il valore del 2013 ed il valore medio del periodo 1988-2015.

Le medie e le anomalie sono riferite alle 202 stazioni della rete sinottica internazionale (GTS) e provenienti dai dataset NOAA-GSOD. Per Nord si intendono le stazioni a latitudine superiore a 44.00°, per Centro quelle fra 43.59° e 41.00° e per Sud quelle a latitudine inferiore a 41.00°. Le anomalie termiche positive sono evidenziate in giallo(anomalie deboli, inferiori a 2°C), arancio (anomalie moderate, fra 2 e 4°C) o rosso (anomalie forti,di  oltre 4°C), analogamente per le anomalie negative deboli (minori di 2°C), moderata (fra 2 e 4°C) e forti (oltre 4°C) si adottano rispettivamente  l’azzurro, il blu e il violetto). Le anomalie pluviometriche percentuali sono evidenziate in  azzurro o blu per anomalie positive rispettivamente fra il 25 ed il 75% e oltre il 75% e  giallo o rosso per anomalie negative rispettivamente fra il 25 ed il 75% e oltre il 75% .

 

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il Carretto Passava e Quell’Uomo Gridava Gelati

Posted by on 06:00 in Attualità | Commenti disabilitati su Il Carretto Passava e Quell’Uomo Gridava Gelati

Il Carretto Passava e Quell’Uomo Gridava Gelati

Giardini di luglio più che di marzo, ma mi passerete la citazione perché la faccenda è catartica.

Alcuni giorni fa i tamburi del caldo-sempre-più-caldo, emigrati per l’occasione all’estero causa estate mediterranea poco soddisfacente in termini di bollore, hanno rullato dalle parti di Albione, dove invece un quanto mai insidioso anticiclone delle Azzorre ha portato l’estate.

Alta pressione persistente, aria mite atlantica a bloccare le perturbazioni, subsidenza, et voilà, il record di caldo è servito per le Highlands, dove di solito s’intravvede l’estate solo tra una goccia di pioggia e l’altra. Gli attenti troll che infestano anche CM si erano affrettati a darcene notizia perché, si sa, da qualche parte può comunque far caldo, piovere o tirare vento.

E invece no, cosa meglio di un buon gelato a cavallo tra luglio e agosto?

Capita che lo UK Met Office, che per inciso su Google si presenta come paladino i “Weather and Climate Change” perché parlare solo di weather e climate senza change non sarebbe abbastanza impegnato, abbia deciso di non convalidare lo squaglione, che si sarà pure mangiato gli pneumatici di Bottas al Gran Premio di Silverstone di domenica scorsa, ma non è stato poi questa gran cosa. Motivo: accanto alla stazione meteo incriminata, che troneggia tra due fili d’erba e una sconfinata distesa di asfalto e cemento, da un paio d’anni staziona per tutta l’estate un… … … furgone dei gelati, il cui motore è sempre acceso per garantire la refrigerazione.

Questa sì che è catarsi, se mi perdonate la ripetizione. Tuttavia, quando doveste riuscire a smettere di ridere, varrebbe la pena riflettere sulle basi su cui poggia il monitoraggio della temperatura in giro per il mondo e su quanto abbia poco senso inseguire la colonnina di mercurio facendo slalom tra asfalto, cemento, aeroporti, centri urbani e quant’altro lamentando disastrosi cambiamenti, dimenticando che negli stessi luoghi prima ci pascolavano le pecore… il riferimento alla Scozia è tutt’altro che casuale nella fattispecie.

Ps: per la gioia di tutti noi, anche il prossimo cugino di Caronte in arrivo a giorni sul Mediterraneo centrale sarà zoppo.

Enjoy 😉

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Variazioni del livello del mar Mediterraneo

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 21 comments

Variazioni del livello del mar Mediterraneo

Si è chiuso da pochi giorni un workshop organizzato da ENEA incentrato sul tema dei cambiamenti climatici nel mar Mediterraneo e sulle conseguenze di tali cambiamenti sul livello del mare:

1st NATIONAL WORKSHOP ON CLIMATE CHANGE AND SEA LEVEL RISE IN THE MEDITERRANEAN SEA (qui la raccolta degli abstracts delle varie relazioni).

Nel corso dei lavori del convegno sono stati esaminati diversi problemi relativi alle variazioni del livello del mare Mediterraneo ed è impossibile riassumerli tutti in un unico post. Mi propongo, quindi, di dedicare alcuni articoli a questo argomento, focalizzando l’attenzione sugli argomenti, a mio giudizio, più interessanti tra quelli trattati dai vari relatori. In questo articolo ci occuperemo della relazione che ha maggiormente interessato i media generalisti e quelli di divulgazione:

Sea-level rise and potential drowning of the Italian coastal plains: flooding risk scenarios for 2100

Della questione si nono occupati diversi organi di stampa, telegiornali e riviste di divulgazione scientifica. Particolarmente interessante è il comunicato stampa dell’ENEA pubblicato da “Le Scienze”.

Riassumo brevemente le conclusioni del lavoro.

I ricercatori hanno cercato di modellare il livello del mare, in modo tale da poter quantificare il rischio di allagamento delle coste italiane da qui al 2100. L’intento è lodevole, in quanto consentirebbe ai decisori politici, di predisporre una serie di iniziative atte a prevenire e, soprattutto, mitigare le conseguenze dell’innalzamento del livello del mare.

Chi segue queste problematiche sa che l’argomento è piuttosto spinoso, in quanto non riusciamo a quantificare in maniera esatta i contributi all’aumento del livello del mare. Abbiamo avuto modo di vedere, in passato, come i ricercatori hanno difficoltà a quantificare il contributo di massa ed il contributo sterico o volumetrico all’aumento del livello del mare a causa di due grosse fonti di incertezza: la temperatura degli oceani (contenuto di calore degli oceani, per essere più precisi) e la quantità di ghiaccio terrestre (antartico e groenlandese, principalmente) che fonde riversando in mare enormi quantità d’acqua. Per il mar Mediterraneo la questione è ancora più complessa: esso assomiglia ad un lago che viene alimentato dall’Oceano Atlantico e dal Mar Nero. Il livello del Mediterraneo è, infatti, più basso sia di quello dell’Oceano Atlantico (- 20 cm), sia di quello del Mar Nero (- 50cm). Questi “dislivelli” sono responsabili della circolazione delle acque, ovvero delle correnti marine che, a loro volta, influenzano la forma delle coste. La penisola italiana, inoltre, è sede di importanti fenomeni tettonici che determinano variazioni del livello delle coste che possono essere vantaggiosi o svantaggiosi. Se il livello del mare aumenta e quello delle coste diminuisce, infatti, si capisce che aumenta fortemente il rischio di allagamento delle coste. A questo deve aggiungersi, infine, il problema del rimbalzo post glaciale (GIA) ed il quadro appare in tutta la sua complessità.

Sulla base degli studi compiuti da un folto gruppo di ricercatori, raggruppati in diverse collaborazioni, si è potuto accertare che da qui al 2100 rischiamo di perdere qualcosa come 6000 km2 di aree costiere.

Le zone studiate sono costituite dalle aree litoranee di Oristano, Cagliari e Calledonia, in Sardegna, Tronto nelle Marche, Pescara e Sangro in Abruzzo, Granelli in Sicilia, Venezia, Lesina e Salento in Puglia, Marina di Campo in Toscana. Anche altre zone sono a rischio, ma queste citate appaiono quelle da seguire con maggiore attenzione, in quanto sono quelle che meno si elevano rispetto al livello del mare attuale.

Per poter giungere a queste conclusioni, gli autori hanno fatto ricorso ad un modello climatico ad altissima definizione adattato a livello regionale per tener conto delle peculiarità del Mediterraneo. In tale modello sono stati integrati un modello che tiene conto delle variazioni del livello delle coste per cause tettoniche, un modello che tiene conto del rimbalzo isostatico ed un modello che tiene conto del tasso di deposito di sedimenti. Si sono tenuti presenti, infine, una serie di indicatori che hanno consentito di monitorare il tasso di variazione del livello del mare Mediterraneo nel corso del tardo Olocene (struttura di stalattiti e stalagmiti all’interno di grotte marine, per esempio).

I risultati conseguiti dai ricercatori mi hanno lasciato alquanto perplesso, non per le elaborazioni modellistiche sulle quali possiamo obiettare quanto vogliamo, ma alla fine dobbiamo arrenderci all’idea che se vogliamo provare a vedere cosa succederà nel futuro, dobbiamo far ricorso per forza ai modelli, quanto per le ipotesi che gli studiosi hanno messo a base del loro lavoro. Come sa chi segue il dibattito sul tasso di variazione del livello del mare, esistono due linee di pensiero circa le risposte del livello del mare alle variazioni climatiche. Una è costituita dai modelli che potremmo definire fisici: si valuta il contributo sterico, quello di massa e, alla fine, il trend di variazione del livello del mare è dato dalla combinazione delle tendenze dei due contributi. Io sono sempre stato un convinto sostenitore di questo modo di operare, ma altri la pensano in modo diverso. L’altra linea di pensiero sfrutta il legame tra temperatura atmosferica e livello del mare: poiché una maggiore temperatura dell’atmosfera è legata ad un maggior contenuto di calore degli oceani, il livello del mare segue la temperatura atmosferica. Il livello del mare viene modellato, pertanto, utilizzando la temperatura globale come dato di prossimità: si tratta di quelli che si definiscono modelli semi-empirici.

Confrontando i risultati dei modelli semi-empirici con quelli dei modelli fisici, ci rendiamo conto che si ottengono risultati molto diversi: i primi danno tassi di variazione del livello del mare molto più grandi di quelli generati dai secondi. Personalmente sono dell’avviso che i modelli semi-empirici sopravvalutano molto il tasso di variazione del livello del mare (di almeno due o tre volte rispetto ai modelli fisici), per cui li considero poco affidabili.

Torniamo, però, al nostro problema: i ricercatori che hanno effettuato lo studio di cui ci stiamo occupando, per calcolare il tasso di variazione del livello del mare, hanno utilizzato un modello semi-empirico (Rahmstorf , 2007) e lo hanno fatto girare sotto lo scenario di emissione RCP-8.5.

Come ben sanno i lettori di CM lo scenario di emissione RCP-8.5 è quello più gravoso ed anche quello più irrealistico, in quanto l’andamento delle emissioni si sta rivelando nettamente inferiore a quanto previsto dallo scenario.

Cosa concludere? Personalmente sono del parere che i risultati dello studio sopravvalutano di molto i tassi di variazione del livello del mare per due ordini di motivi:

  • i modelli semi-empirici sopravvalutano il tasso di variazione del livello del mare;
  • lo scenario RCP-8.5 è irrealistico perché troppo gravoso.

Ne deduco che il valore di 6000 km2 di pianure costiere a rischio inondazione, è piuttosto lontano dalla realtà.

Mi si può obiettare che anche un solo km2, è troppo ed io accetto l’obiezione, ma perché non utilizzare metodiche che avrebbero dato risultati, secondo me, più aderenti alla realtà? Forse perché se avessimo parlato di poche decine di chilometri quadrati, nessuno o quasi, si sarebbe preoccupato, mentre 6000 chilometri quadrati fanno un certo effetto?

Ai posteri l’ardua sentenza!

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 9/15 Luglio 2018

Posted by on 23:18 in Attualità | 1 comment

Le Previsioni di CM – 9/15 Luglio 2018

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Una vasta area anticiclonica si protende dall’Atlantico fin sulla Scandinavia e ancora più a nord, verso il Mare di Kara, in una ennesima configurazione di blocco dalle caratteristiche non propriamente estive. A est della cellula citata, si posiziona una vasta saccatura che pilota aria fresca e instabile dalla Russia in direzione dell’Europa centrale e dei Balcani, dove insistono condizioni di spiccata instabilità con diffusi fenomeni temporaleschi nelle ore più calde. L’azione della conca d’aria instabile influenza in modo solo marginale l’Italia, con le regioni di Nord-est più interessate in queste ore da fenomenologia temporalesca (Fig.1).

Il flusso principale si mostra più attivo tra il Canada e la Groenlandia, dove le temperature in questo periodo sono decisamente basse ( fino a -20 gradi previsti sull’Altopiano nei prossimi giorni). Del resto proprio la Groenlandia ha mostrato fino ad ora un andamento a dir poco sorprendente dello scioglimenti dei ghiacci, i cui volumi si sono mantenuti sostanzialmente stabili proprio nel periodo in cui l’irraggiamento solare è più intenso (Fig.2).

Nel corso della settimana l’evoluzione sarà caratterizzata dal calo del geopotenziale sull’Europa centrale per effetto dell’azione di un nocciolo d’aria fresca in quota, foriero di rovesci e temporali diffusi che marginalmente influenzeranno anche il tempo sulle regioni settentrionali. Ma il campo di massa andrà attenduandosi anche sul vicino Atlantico, con la conseguente rimonta di aria calda africana in direzione del Mediterraneo.

La previsione è presto fatta, con le regioni settentrionali alle prese con fenomeni di instabilità, e quelle meridionali sotto l’azione di un promontorio stabilizzante di origine africana (Fig.3). Sembrerebbe un quadro tipicamente estivo, se non fosse per il fatto che le configurazioni sinottiche continuano a non essere tipiche di una stagione matura. Al giro di boa del trimestre caldo continuiamo a notare la persistenza di figure anticicloniche alle alte latitudini, alle quali fatalmente non può corrispondere una coerenza significativa in quota, a causa della tendenza delle configurazioni sinottiche stesse a mettere in movimento masse d’aria fresca e instabile verso latitudini inferiori. Gli episodi più tipicamente “estivi”, quindi, sono legati all’azione (finora piuttosto effimera) di promontori anticiclonici africani in risposta dinamica alla debolezza del campo sul vicino Atlantico.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì e Martedì nubi fin dal mattino sulle Alpi con rovesci e temporali in intensificazione nel corso della giornata e sconfinamento dei fenomeni in Valpadana nelle ore serali. Altrove cieli generalmente sereni o poco nuvolosi.

Temperature stazionarie, ventilazione settentrionale con rinforzi di maestrale sul basso Adriatico.

Mercoledì e Giovedì instabile al Nord per l’azione marginale della goccia fredda in azione sull’Europa centrale, con rovesci e temporali sparsi, localmente di forte intensità. Cieli parzialmente nuvolosi sulle regioni centro-settentrionali, e gran sereno al Sud.

Temperature in aumento deciso sulle isole maggiori, in lieve aumento altrove. Venti deboli.

Giovedì soleggiato al mattino ovunque, con incremento della nuvolosità dalla tarda mattinata su zone interne e montuose con associata fenomenologia da instabilità. Possibile sconfinamento dei fenomeni sulla Valpadana nelle ore serali.

Temperature stazionarie o in lieve aumento al Nord. Venti deboli.

Venerdì si attenua l’instabilità al Nord, gran sereno altrove.

Temperature in ulteriore lieve aumento con punte vicine ai 40 gradi sulle zone interne delle isole maggiori.

Sabato e Domenica possibile nuova rottura del caldo per intervento di correnti fresche dai quadranti settentrionali, con calo termico sensibile a partire dalle regioni settentrionali e accompagnato da rovesci e temporali che dal Nord si trasferiranno velocemente verso il resto delle regioni italiane.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Grandina a Milano

Posted by on 05:45 in Attualità | 20 comments

Grandina a Milano

In macchina sulla A1, in direzione di Milano, fanno bella mostra di sè i cumulonembi. Sono a nord della città, penso che rimarranno sulle Alpi o rotoleranno verso est, come capita spesso. Si fa più scuro il cielo man mano che mi addentro in città per raggiungere la Stazione Centrale e lasciare l’auto a noleggio.

Quando arrivo al parcheggio si sentono i primi tuoni. L’impiegato parla a monosillabi, mi fulmina con lo sguardo quando gli chiedo dove lasciare la macchina. Cerco di fare in fretta, e scappo verso la stazione. Sul piazzale un uomo è in chiaro stato di alterazione: grida, sbatte i piedi, agita le braccia, sembra accennare a rincorrere dei passanti. I milanesi li riconosci subito: lo degnano appena di uno sguardo, fanno finta di niente e accelerano il passo, già veloce. I turisti, invece, sono spaventati e confusi. Si guardano attorno, come a chiedersi se non siano scesi alla stazione sbagliata, o nel Paese sbagliato. Un gruppetto di uomini in divisa a pochi metri di distanza parlotta in cerchio, come se non stesse succedendo niente. E forse hanno ragione loro.

In cielo la nube a mensola annuncia, inevitabile, la pioggia: mi ero sbagliato, non sono rotolati a est, quei cumulonembi: hanno deciso di fare un giro in centro, anche loro. Nella stazione, alle macchinette dei biglietti, solerti “aiutanti” offrono consulenza (non richiesta) a chi litiga con il terminale per concludere l’acquisto. In cambio di qualche spicciolo, più spesso lamentandosi di non riceverne. Improvvise si levano delle urla, fortissime: è un omone che quell’aiuto non lo vuole proprio ricevere. È fuori di sè, grida all’aiutante di trovarsi un lavoro vero, lo insulta, volano parolacce, si forma un capannello di persone. Alcuni si allontanano spaventati, un collega dell’aiutante lo porta via per evitare guai peggiori.

Arriva anche per me il momento di pagare il biglietto alla macchinetta, dopo aver fatto capire al mio, di aiutante, che posso fare da solo. Mi accorgo di non avere il bancomat, l’ho lasciato nell’auto a noleggio. Corro verso il parcheggio, penso all’impiegato con la luna storta e spero di non trovarlo. Invece è lì: mi dice di aver recuperato il bancomat e di averlo lasciato all’ufficio dell’autonoleggio, in fondo alla strada.

Vado verso l’ufficio, comincia a grandinare. Solo grandine, senza pioggia: biglie bianche che cadono con colpi secchi, sordi. Mi fermo a guardarla, inebetito. Una macchina quasi mi investe nella fretta di mettersi al riparo nel garage. Dura troppo la grandinata, mi riparo la testa con la borsa del PC e corro verso l’ufficio dell’autonoleggio. Non mi guardano nemmeno, mi dicono tra i denti di tornare al garage, ché loro non ce l’hanno quel bancomat. La luna già storta dell’impiegato fa il resto: comincia a urlare e a imprecare, dice che all’ufficio sono “dei coglioni”, ché il bancomat lui gliel’ha dato e gli ha spiegato tutto. Torno all’ufficio per trovare la porta chiusa: sono le 20.02 e a Milano, si sa, sono puntuali.

Mi attacco al telefono per chiedere il blocco del bancomat, la voce registrata mi avverte di essere su un “servizio veloce”, e di restare in linea. È talmente veloce, quel servizio, che dopo mezz’ora ho messo il viva voce, per attaccare bottone con una guardia giurata.

“Milano, non la ricordavo così…”

“COME?! NON SENTO BENE!!” mi urla la guardia.

“MILANO È DIVENTATA UNO SCHIFO !!!”

“Ah, bah, non lo so… Dici? Dovresti vedere la periferia allora.”

Mi racconta di aver perso il lavoro precedente per aver preso a schiaffi un immigrato in un paesino della bergamasca: denunciato, ha beccato tre anni con la condizionale. Quindi la guardia pregiudicata mi avvisa che in zona entro un’ora ci saranno barboni e ubriaconi in quantità: “è meglio che te ne vai”. Lo prendo in parola, perché sembra preparato in materia. Nel frattempo, per lo meno, ha smesso di piovere.

Torno in Stazione per prendere la metro. L’aria è rimasta afosa, nessun refrigerio nemmeno dopo il temporale. Davanti a Banca Intesa si assiepa un gruppo di senza fissa dimora, si siedono per terra, sugli scalini davanti alle vetrine. Forse perché piove, o forse perché semplicemente non hanno dove andare.. In stazione è una lotta con le macchinette: il pagamento elettronico non funziona, manca il collegamento. Un’altra macchina prende i soldi e non mi dà il biglietto, all’ultimo tentativo ce la faccio: metto i soldi e ricevo un biglietto. Mi sembra un miracolo.

Mi accorgo di sentirmi come mi era capitato poche volte in passato, in alcune grandi città del terzo mondo: lo stesso senso di insicurezza, di fastidio, la stessa sensazione di essere fuori posto. Con la differenza che qui la gente è triste, arrabbiata, livida, molto più che in posti in cui non hanno niente. È come se gli avessero rubato qualcosa, ai milanesi. È come se anche loro si sentissero fuori posto.

Trovo una pizzeria aperta, il Brasile perde: sono tutti contenti. Tutti tranne il pizzaiolo che impreca in cucina al goal mancato da Neymar sul finale. Il proprietario del locale lo sfotte, e io gli dico che ha poco da rallegrarsi, che va a finire che vince la Francia. Lui mi fa segno con lo sguardo che c’è un francese in sala: è il più contento di tutti perché è convinto di aver già vinto il mondiale. Poi il proprietario mi guarda, più serio:

“Giornata da schifo oggi, facevo meglio a restare chiuso”.

“Forse perché ha piovuto?”

“Macché, erano quattro gocce, e fa più caldo di prima”.

Poi mi chiede 10 euro per una napoletana: sarà che vuole rifarsi della giornataccia in zona cesarini, a differenza di Neymar. Il Brasile ha perso, e a me sembra di aver perso Milano. Facciamo tutti l’errore di scambiare un microcosmo per il tutto, e un attimo per l’eternità, ma poco importa: sono le sensazioni che restano, non le cartoline. E ancor meno le narrative di certi articoli di giornale sulla “capitale morale che tutti ci invidiano”, magari scritti da una terrazza con vista Foro Bonaparte, sorseggiando lo Spritz.

Si sta peggio di prima, a Milano. Nonostante una sceneggiatura curata, e una narrativa ostinata. Come si sta dopo un temporale, che a dispetto del baccano coreografico il caldo è sempre lì. Ma è tutto più fastidioso, e appiccicoso. E quel senso di disagio, poi, che può soltanto aumentare.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

AGW? Va bene tutto, purché sia completamente irrealistico

Posted by on 06:00 in Attualità | 0 comments

AGW? Va bene tutto, purché sia completamente irrealistico

Appena qualche giorno fa abbiamo parlato dell’ultimo paper di Roger Pielke jr in cui si cerca di capire perché la discussione in materia di policy climatiche sia ormai da anni bloccata sull’approccio fideistico a scenari economici e, di conseguenza, climatici, nel migliore dei casi irrealistici, nel peggiore pura opera di fantasia. Non c’è un lavoro che affronti i temi del futuro del clima e delle sue derivate che non ponga l’accento sull’RCP8.5, ossia sullo scenario climatico peggiore che si possa immaginare, erroneamente ritenuto essere un “business as usual” ma invece addirittura più peggiorativo della totale assenza di azioni di mitigazione e decarbonizzazione.

Ma questo è un orecchio dal quale chi fa ricerca evidentemente proprio non vuol sentire. L’ultimo esempio, e c’è da star sicuri che avrà la sua bella porzione di stampa, è un lavoro che prospetta per fine secolo un costo pari al 2.8% del PIL globale (anch’esso presunto, bontà loro) generato dall’aumento del livello dei mari. Naturalmente se non saranno acquisiti gli obbiettivi di contenimento del riscaldamento globale entro 1.5 e/o 2°C rispetto al periodo pre-industriale.

Flood damage costs under the sea level rise with warming of 1.5°C and 2°C su Environmental Research Letters

Rising sea levels could cost the world $14 trillion a year by 2100 su Science Daily

Completamente incuranti del fatto che i predetti obbiettivi di contenimento sono politici e non poggiano su alcuna base scientifica, gli autori alzano ancora la posta e appoggiano le loro determinazioni sullo scenario peggiore, appunto l’RCP8.5.

C’è da chiedersi quand’è che si inizierà a ragionare sul serio su queste cose e quand’è che si accorgeranno che mentre le emissioni seguono appunto lo scenario peggiore senza mostrare alcun rallentamento, gli effetti sul clima, ammesso e non concesso che ci si voglia fidare delle simulazioni, seguono invece lo scenario migliore.

Tutto questo, come fatto notare da Pielke nel suo paper, fa un gran rumore, riceve enorme attenzione mediatica, ma continua a polarizzare la discussione su temi lontani dalla realtà e da qualsiasi possibilità di successo.

Contenti loro…

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ladri di Nuvole

Posted by on 06:00 in Attualità, Meteorologia | 3 comments

Ladri di Nuvole

Abbiamo letto sui giornali, e anche ieri proprio su CM, della curiosa teoria enunciata dal comandante della difesa iraniano Gholam Reza Jalal secondo cui Israele avrebbe “uomini che lavorano per assicurare che le nuvole che non entrino nei nostri cieli” e rispetto alla quale si sarebbe registrata la smentita del servizio meteorologico iraniano secondo il quale “Non è possibile rubare le nuvole”. Tale teoria mi pare molto debole e come Guido (http://www.climatemonitor.it/?p=48776) sono anch’io convinto che non si possano rubare pioggia e neve, nel senso che non disponiamo delle tecnologie adeguate.

Ma cosa intendiamo per “assicurare che le nuvole che non entrino nei nostri cieli”? Credo che ci si riferisca alle tecniche d’inseminazione artificiale delle nubi per produrre pioggia su un dato territorio, sottraendo così umidità ai territori limitrofi. Su tali tecniche cito le conclusioni di una tesi di laurea di cui fu relatore nel 2010 il prof. Vincenzo Levizzani del CNR di Bologna (Gasparini, 2010) che mi paiono emblematiche dello stato dell’arte nel settore:

Dall‘analisi dei numerosi esperimenti che si sono svolti negli ultimi cinquant‘anni e  dei  loro  risultati  si  è  visto  che  non  si  è  ancora  riusciti  ad  ottenere  l‘evidenza statistica e fisica necessaria per stabilire la loro validità scientifica. Comunque  sono  stati  fatti  notevoli  passi  avanti  nella  comprensione  delle  varie tecniche  e  dei  processi  microfisici  che  stanno  alla  base  dell‘inseminazione artificiale delle nubi per l‘aumento della precipitazione.

Tuttavia per capire come il comandante della difesa iraniano possa essere giunto a lanciare agli israeliani l’accusa di aver rubato loro le nuvole ovvero di aver sottratto umidità dall’atmosfera in forma di pioggia riducendo la quantità in arrivo sull’Iran occorre a mio avviso sviscerare un po’ più a fondo la tematica sul piano storico. Si scopre allora che le attività operative di stimolazione della pioggia attraverso  inseminazione delle nubi, oggi condotte da compagnie private attive in diversi paesi del mondo, furono condotte con molto fervore negli Stati Uniti d’America dagli anni ‘50 agli anni ‘80, allorché il governo di quel Paese decise di sospendere i finanziamenti pubblici per due ordini di motivi:

  1. non vi erano evidenze sperimentali di effettivi aumenti delle precipitazioni da nubi trattate rispetto al testimone;
  2. si erano scatenate svariate dispute legali (si veda ad esempio Viti, 1991) in quanto gli agricoltori

che ricorrevano a tali servizi venivano chiamati in giudizio dagli agricoltori vicini che sostenevano di essere stati privati dell’acqua di pioggia.

Quest’ultimo aspetto (quello legale) è di importanza non trascurabile e penso possa costituire una chiave di lettura delle dichiarazioni del comandante della difesa iraniano.  Infatti per chi conduce campagne di inseminazione artificiale delle nubi difendersi dall’accusa di aver rubato acqua di pioggia ai vicini è difficile, e ciò in quanto chi insemina le nubi lo fa proprio per far piovere!

Bibliografia

Gasparini 2010 Inseminazione delle nubi – stato della ricerca e prospettive operative. Tesi di laurea. Relatore F. Levizzani (http://www.isac.cnr.it/sites/default/files/thesis/Gasparini_2010.pdf).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Al ladro al ladro!

Posted by on 11:32 in Attualità | 7 comments

Al ladro al ladro!

Da non crederci.

Questa mattina mi capita tra le mani un articolo del quotidiano romano Il Messaggero. Titolo: “Iran, la guerra della pioggia, Israele ci ruba le nuvole“.

Autentico delirio. L’Iran sta subendo una pesante siccità e un Generale accusa l’odiata Israele di utilizzare squadre di tecnici per modificare le nuvole in modo che non producano pioggia sul territorio iraniano. Siamo di fronte ad un furto di nuvole e neve.

Il capo del servizio meteo iraniano, bontà sua, spiega con grande coraggio che rubare pioggia e neve non è possibile, sapete perché? Semplice, se fosse possibile gli Stati Uniti non avrebbero una “polizia dell’acqua” (California, si occupa di gestione delle risorse idriche), ma si limiterebbero a rubare l’acqua dai paesi vicini.

Apre e chiude il delirio la conferma, tutta dell’estensore dell’articolo, dell’ormai acquisita capacità tecnologica di controllare nubi e pioggia, con cui una certa Meteo System International (esiste e se vi va andate a leggere i loro di deliri…) starebbe facendo soldi a palate.

Tra tutte le possibili domande una sola: ma fa già così caldo?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »