Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Le piogge in 15 bacini fluviali della Gran Bretagna

Posted by on 07:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 0 comments

Le piogge in 15 bacini fluviali della Gran Bretagna

I ricercatori dell’Agenzia Ambientale (EA, Environment Agency for England and Wales, Bristol) hanno creato le serie storiche di piovosità media riferita a 15 bacini fluviali di Inghilterra e Galles di cui alla figura 1, a margine di un’attività modellistica volta a stimare deflussi fluviali in m3/s. Le serie sono relative al periodo 1850-2002 anche se non tutte arrivano a coprirlo completamente e sono state scaricate dal sito CRU (Climate Research Unit) nel quale sono anche riportati i dati ricostruiti del deflusso dei fiumi, che qui non ho considerato.

Fig.1: carta dei bacini fluviali utilizzati nel rapporto EA, con indicata la posizione delle stazioni di misura del flusso usate per il confronto tra il modello di flusso e le osservazioni.

Fig.2: La carta, di fonte NOAA, rappresenta la climatologia media della pressione al suolo sull’Europa per il periodo 1981-2010. In giallo è evidenziata l’area in cui le isobare sono più ravvicinate e dunque le correnti occidentali (westerlies) sono più intense.

Per prima cosa è bene definire cosa intendo con “evento estremo”: di ogni serie pluviometrica (del tipo di quella di figura 3) ho calcolato alcuni parametri statistici (disponibili nel sito di supporto qui), tra cui media e deviazione standard (ds). Ho quindi definito come eventi estremi i due livelli di precipitazione: livello≥(media+1ds) e livello≥(media+2ds), estraendo dai file i dati che soddisfano i due criteri. Un esempio di questa estrazione è in figura 4 mentre i relativi file numerici si trovano nel sito di supporto.

Fig.3: Un esempio del dataset di partenza, per il fiume Wye. La riga verde è il fit lineare dei dati. Il valore medio e la deviazione standard sono 87.14 e 47.67 mm, rispettivamente.

Fig.4: Esempio di estrazione dei valori estremi per il fiume Wye. In questo caso i valori limite (media + 1 e 2 σ) sono 134.81 e 182.48 mm, rispettivamente.

Dai dati estremi ho derivato gli istogrammi (il numero di eventi per bin) su intervalli temporali (bin) di 5 e 10 anni. Ho usato gli intervalli di 5 anni per i dati maggiori o uguali a 1 σ e 10 anni per quelli maggiori o uguali a 2 σ.
Un esempio di istogrammi (sempre per il fiume Wye) e del loro fit lineare è in figura 5.

Fig.5: Istogramma di frequenza degli eventi pluviometrici estremi per il bacino del fiume Wye. In alto il numero di eventi con livello ≥1σ e in basso il numero di eventi con livello ≥2σ. I rispettivi fit lineari (linea rossa) non comprendono l’ultimo bin (2000-05 e 1995-05), incompleto, dato che i dati si fermano al 2002.

Dalla tabella che condensa i risultati dei fit degli istogrammi si può estrarre, come una sorta di riassunto, la frequenza delle pendenze positive, negative e nulle, ottenendo:

Tabella 1: Sommario delle pendenze dei fit lineari degli istogrammi.
Isto 5 anni Isto 10 anni
9 pendenze negative 6 pendenze negative
6 pendenze positive 8 pendenze positive
0 pendenze nulle 1 pendenza nulla

I nuovi dati
Visto che le serie su cui avevo lavorato hanno fine nel 2002 e che non ho trovato dati più recenti né sul sito CRU né su quello NRFA, mi sono deciso a scrivere a quest’ultima agenzia che mi ha molto cortesemente fornito le loro serie pluviometriche mensili, relative al periodo 1956-2017 e riferite agli stessi bacini. Mi hanno chiesto anche di non diffondere i dati originali e a tale disposizione mi sono attenuto, per cui non li troverete sul sito di supporto di questo post.

Confronto tra le serie CRU e NRFA

Ho confrontato le due serie, per il fiume Wye, in figura 6 e noto che si sovrappongono piuttosto bene; il grafico delle differenze mostra che i dati NRFA sono sistematicamente superiori a quelli CRU, in media, di 9 millimetri, una quantità molto piccola.

Fig.6: Confronto CRU/NRFA per la precipitazione del fiume Wye tra febbraio 1961 e dicembre 2005. Il grafico in alto riporta i due dataset completi; il grafico in basso mostra la parte comune alle due serie e, spostato di 100 mm, il grafico delle differenze (CRU-NRFA), la media e la deviazione standard. In verde la linea di differenza uguale a zero.

Il confronto (nel sito di supporto) fatto anche per i fiumi Eden e Derwent conferma le piccole differenze tra CRU e NRFA nelle parti comuni delle serie e questo fatto potrebbe spingere alla costruzione di una sola serie estesa (CRU+NRFA) per ogni fiume. Non voglio però costruire questo insieme perché

  1. Le parti sovrapponibili sono costituite da 600-800 dati mensili; l’unione significa la perdita di questi dati per una delle due serie e gettare tanti dati non mi piace.
  2. Le due serie, separatamente, costituiscono una evoluzione temporale, tra la fine della piccola era glaciale (PEG) e la salita delle temperature, che dovrebbe tradursi in una evoluzione dei fenomeni estremi, almeno secondo i modelli climatici, e, forse, in differenze negli spettri. Probabilmente questa evoluzione non sarebbe visibile nella serie-unione.

Pur non avendo intenzione di unire i due set di dati, ho verificato il comportamento dell’unione in tre casi, per i fiumi Wye, Eden e Derwent.
La serie completa e lo spettro MEM dell’insieme CRU+NRFA è riportato, per Wye, in figura 7.

Fig.7: Serie CRU+NRFA per il fiume Wye e suo spettro MEM. Da notare la presenza del massimo a 6-7 anni, il picco presente in tutte le serie, sia CRU che NRFA. Con qualche sorpresa -il massimo era stato osservato nei dati di ENSO- in questo spettro è presente un massimo a 1.11 anni, molto vicino al ciclo dell’oscillazione di Chandler (Chandler wobble) di 1.17 anni (14 mesi) dovuta al moto del Polo terrestre. Un massimo a 1.15 anni è presente nello spettro di Eden, mentre lo spettro di Derwent non mostra alcun picco in questa posizione.

Analisi dei nuovi dati
Come per le serie precedenti, anche qui riporto l’esempio del (bacino del) fiume Wye che ora viene indicato come “wye” (con l’iniziale minuscola). In generale, i fiumi di questa nuova serie si definiscono con la minuscola e con una “n” finale (come wyen) che richiama la lettera iniziale della sigla NRFA.
Rimando al sito di supporto per i grafici relativi a tutti i fiumi e per i dati derivati (come detto, non quelli originali).

Fig.8: Pluviometria mensile 1936-2017 del bacino del fiume Wye che definisce il confine Galles-Inghilterra. Questa figura può essere confrontata con la figura 1.

L’estrazione dei valori maggiori o uguali a media più 1σ e 2σ è in figura 9.

Fig.9: Valori pluviometrici del fiume Wye che superano la media più 1 e 2 σ. In questo caso i limiti sono 133.58 e 158.25 mm, rispettivamente.

Gli istogrammi, sempre con il criterio di bin di 5 e 10 anni sono mostrati nella figura successiva e, per il Wye, mostrano in media una frequenza invariata di precipitazioni estreme nel periodo 1936-2017.

Fig.10: Istogramma delle frequenze degli eventi “estremi” per la serie recente del fiume Wye. In questo caso i bin a 5 anni (≥1σ) mostrano una diminuzione media di 2 eventi in 56 anni, mentre i bin a 10 anni (≥2σ) mostramo un aumento medio di circa 1 evento sullo stesso periodo; in pratica una costanza delle precipitazioni.

Ripetendo in tabella 2 il riassunto di tabella 1, si vedono importanti cambiamenti nella variazione della frequenza delle piogge estreme.

Tabella 2: Sommario delle pendenze dei fit lineari degli istogrammi per i dati NRFA
Isto 5 anni Isto 10 anni
2 pendenze negative 0 pendenze negative
12 pendenze positive 14 pendenze positive
0 pendenze nulle 0 pendenza nulla

Cioè una pendenza positiva nella quasi totalità dei casi e quindi una netta tendenza all’aumento dei fenomeni estremi nella pluviometria di Inghilterra e Galles negli anni più recenti.

Gli spettri MEM dei due gruppi di dataset
Lo scopo principale di questo post non è l’analisi spettrale. Per questo, e per non appesantire ulteriormente il lavoro, non riporto alcun esempio di spettri, rimandando al sito di supporto. Qui mostro la tabella 3 nella quale si elencano alcuni intervalli, in anni, in cui sono presenti massimi spettrali e si valuta la presenza di ognuno di questi massimi nelle 30 serie disponibili. Non sono gli unici intervalli presenti (ad esempio manca 20-22 anni) ma questi mi sono sembrati i più significativi.

Tabella 3: Sommario della frequenza di alcuni massimi spettrali. “x” si riferisce alle serie CRU e “o” alle serie NRFA (più recenti); “~” indica un massimo presente ma molto debole. Gli intervalli sono in anni
# Nome 70-80 40-50 18-20 6-7 5-5.5 4
1 Wye x x o x o x x o
2 Exe x x o x o x o x ~
3 Ed1 x x x o x x
4 Ed2 x x o x o x o x
5 Tyn x ~ x o x o x x
6 Tee x o x o x o x
7 Whf x o x o x x
8 Wns x o x o x x
9 Thm x x o x o x o x
10 Ous x x o x o x o x
11 Med x x ~ ~ x o x x o
12 Ich x x o x o x x ~
13 Tef x x o x o x o x o
14 Dee x x x o x o x o x o
15 Der x x o x o x o x o
Somma 5 0 10 0 15 14 15 15 15 8 15 7

 

Dalla tabella si vede che

  • i periodi più lunghi sono presenti in un terzo dell’insieme CRU e in nessuna serie di NRFA;
  • i periodi 40-50 anni sono presenti in 2/3 di CRU e non sono presnti in NRFA;
  • i periodi 18-20 e 6-7 anni sono presenti in tutte le 30 serie (tranne Ed1 di NRFA);
  • i periodi 5-5.5 anni sono presenti in tutte le serie CRU e in 8 serie NRFA;
  • il periodo 4 anni è presente in tutte le serie CRU e in 7 serie NRFA.

Quindi sembra che i periodi veramente importanti in questo caso siano 18-20, 6-7 e parzialmente 5-5.5 anni.
Non si può fare a meno di ricordare che il periodo di 18.6 anni (ciclo nodale della Luna, vedere anche i commenti di Gianni a questo post su CM) è stato trovato da Agosta (2014) nelle piogge del centro-sud argentino e il fatto che qui sia uno dei due massimi spettrali comuni a tutte le serie in entrambi i periodi di tempo in esame, rafforza l’idea che questo picco sia generato da cause esterni, data la globalità osservata.

Ho ricevuto dal dottor Agosta i dati numerici per l’indice SRI (summer rainfall index) che lui ha usato e l’analisi di questi dati sarà l’argomento di un prossimo post.

Ho anche avuto modo di leggere il lavoro di Diodato et al., 2020, relativo alla tempestosità nel bacino del Po su un arco di 1200 anni nel cui spettro wavelet si vedono massimi a 18-20 e 6-7 anni che mostrano variazioni di potenza nel tempo, e che confermano i massimi spettrali trovati qui.

Conclusioni

Le considerazioni conclusive sono racchiuse nella tabella 1: c’è una sostanziale uniformità tra le pendenze negative e positive dei fit lineri degli istogrammi di frequenza (numero di eventi “estremi” rispetto alla successione di due intervalli temporali, di 5 e 10 anni). Non è possibile quindi attribuire a un qualsivoglia fenomeno globale, ad esempio global warming o aumento di CO2 di origine antropica e conseguente loro influenza sui fenomeni estremi, tendenze che nei dati non sono presenti. Pur non avendo particolari conoscenze di meteorologia, penso che la variabilità osservata nei regimi pluviometrici di Inghilterra e Galles possa essere attribuita alla cadenza delle perturbazioni atlantiche che investono le Isole Britanniche e, in parte, alle caratteristiche orografiche dei territori (e quindi a fenomeni locali).

La tabella 2 dei dati più recenti descrive tuttavia una situazione nettamente diversa: la quasi totalità dei bacini mostra pendenze positive (anche qui non faccio considerazioni su “quanto” una pendenza possa essere positiva o negativa; valuto solo il segno), cioè si evidenzia un aumento dei fenomeni estremi -su tutti i fiumi del sottoinsieme utilizzato- compreso tra 4 e 8 eventi sul periodo di circa 60 anni, e questo fatto è indiscutibile e statisticamente significativo.

È però discutibile la causa dell’aumento delle piogge: infatti, tra la situazione variegata del periodo più lontano da noi e quella netta del periodo più recente c’è una discrasia (condizione di squilibrio, stato di caos). In condizioni di aumento continuo di temperatura dovuta alla CO2 prodotta dalle attività umane (questo non è vero: le serie di temperatura globale mostrano varie stasi/diminuzioni e aumenti con un ritmo che non segue l’aumento della CO2) si sarebbe dovuta osservare anche una continuità nell’aumento degli eventi estremi, ma non ne abbiamo una traccia decisa.

Ancora una volta, malgrado la mia bassa competenza in meteorologia, mi sembra più serio pensare, come causa dei fenomeni osservati, a variazioni nella circolazione atmosferica (ancora a fenomeni naturali, quindi), con tutte le loro fluttuazioni.
Ad esempio, mi viene in mente lo shift climatico del 1986-87 (Mariani et al., 2012; Reid et al., 2016), anche se non mi sento in grado di dettagliare ulteriormente. A proposito dello shift, Mariani scrive:

This paper is focused on European surface air temperature in the period 1951–2010. Analysis of this dataset identified breakpoints that define two homogeneous sub-periods: 1951–1987 and 1988–2010″, mentre Reid: “… we confirm that the 1980s regime shift represented a major change in the Earth’s biophysical systems from the upper atmosphere to the depths of the ocean and from the Arctic to the Antarctic, and occurred at slightly different times around the world.

Mi sembra un buon candidato per una variazione del regime pluviometrico nelle Isole Britanniche anche se probabilmente non é l’unico.

•• Ho molto apprezzato i commenti di Luigi Mariani che hanno reso questo post più leggibile.

Bibliografia

 

  • Eduardo Andres Agosta. The 18.6-year nodal tidal cycle and the bi-decadal precipitation oscillation over the plains to the east of subtropical Andes, South AmericaInt. J. Climatol.34, 1606-1614, 2014. https://doi.org/10.1002//joc.3787
  • Nazzareno Diodato, Fredrik Charpentier Ljungqvist, Gianni Bellocchi: Monthly storminess over the Po River Basin during the past millennium (800–2018 CE)Environ. Res. Commun2, 2020. https://doi.org/10.1088/2515-7620/ab7ee9 (disponibile testo completo)
  • L. Mariani, S. G. Parisi, G. Cola & O. Failla. Climate change in Europe and effects on thermal resources for cropsInt. J. Biometeorol.56,1123-1134, 2012. https://doi.org/10.1007/s00484-012-0528-8
  • Reid P.C. + altri 28 autori. Global impacts of the 1980s regime shiftGlobal Change Biology22:2, 682-703, 2016. https://doi.org/10.1111/gcb.13106 (disponibile testo completo).

 

 

Tutti i dati e i grafici CRU e i grafici NRFA sono disponibili nel sito di supporto

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’incontro degli emisferi

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 4 comments

L’incontro degli emisferi

L’amico Luigi Mariani, da alcuni mesi sta scaricando con regolarità i dati del modello CSFV2 della NOAA che ricostruisce in tempo quasi reale (oggi ci sono i dati di ieri) le temperature globali giornaliere utilizzando dati da stazioni al suolo, satelliti e radiosondaggi. ll file viene scaricato in automatico da internet per estrarre i valori di TD per celle di circa 0.2° x 0.2° lat-lon (in tutto vi sono 1548800 valori puntuali con una griglia che alla nostra latitudine è di 16×22 km). Pur trattandosi di dati di rianalisi, dopo aver fatto un po’ di verifiche, è stato possibile constatare che il modello ricostruisce con buona affidabilità l’andamento dei dati osservati puri e quindi è un ottimo strumento per analisi che diversamente sarebbe difficile fare con i dati osservati puri, che come sappiamo presentano spesso dei problemi sia di distribuzione spaziale che di continuità temporale. Del resto questo è uno degli scopi principali dei modelli di rianalisi.

I numeri, come sempre, danno spunto per delle riflessioni.

Nelle figure sotto ci sono i grafici aggiornati al 27 di questo mese.

Dal primo diagramma relativo all’Italia si nota che l’irruzione fredda di questi giorni ha portato le temperature a valori analoghi a quelli toccati al picco delle altre due irruzioni di questo inverno (30 dicembre e 7 febbraio). La linea tratteggiata rappresenta la norma, ossia la media del periodo 1999-2010 +/- 1 deviazione standard. E’ anche molto interessante vedere la progressione verso la stagione invernale, con un cambiamento avvenuto intorno al solstizio d’inverno (e poi c’è chi dice che non ci sono più le stagioni, mezze  intere che dir si voglia 😉 ). Si vede anche bene come la parte centrale della stagione sia stata effettivamente mite, con l’andamento delle temperature spesso sopra la norma. In compenso l’ultima irruzione fredda (ripetutasi poi ad inizio settimana) è scesa anch’essa ben al di sotto della norma.

La procedura d’estrazione rende per ora disponibili i dati per le seguenti aree identificate come segue:

  • WD=World;NH=North_Hemisphere;
  • SH=South_Hemisphere;
  • TP=Tropiscs(20°N-20°S);
  • EU=Europe;AF=Africa;
  • AS=Asia;AU=Australia;
  • NA=North_America;
  • South_America;
  • AC=Arctic;
  • AN=Antarctic;
  • FR=France;
  • D=Germany;
  • UK=United_kingdom;
  • GR=Greece;
  • IT=Italy;
  • RU_EU=European_Russia;
  • RU_AS=Asiatic_Russia;
  • SC=Scandinavia;
  • SP=Spain;
  • TR=Turkey;

Alcune di queste aree sono riportate nel secondo diagramma. C’è anche l’Australia, anche anche se è ormai passata di moda ora che si è smesso di parlare di incendi… si sarebbe potuto magari parlare del fatto che ha passato un’estate tutt’altro che calda, anzi decisamente fresca, ma tant’è.

Dal diagramma scopriamo ad esempio che il 7 novembre scorso le temperature medie dei due emisferi hanno toccato lo stesso valore, con trend in discesa per NH e in salita per SH; un fenomeno analogo ma con trend opposti dovrebbe capitare intorno al maggio prossimo. La questione è scontata quanto nota, tuttavia mettere in grafica l’evoluzione stagionale e il comportamento ovviamente riflesso dei due emisferi è assai interessante.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 30 Marzo / 5 Aprile 2020

Posted by on 01:01 in Attualità | 0 comments

Le Previsioni di CM – 30 Marzo / 5 Aprile 2020

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Cellula anticiclonica in azione sull’Atlantico a ovest delle isole britanniche, con massimi di pressione e di geopotenziale ragguardevoli per via del contribudo dinamico offerto da un minimo chiuso di geopotenziale sul medio Atlantico e da un’area di divergenza dal flusso principale estesa con asse NE/SW dal Mar Baltico alle Canarie. I valori del geopotenziale si mantengono bassi in area mediterranea, con persistente afflusso di aria fresca e instabile dai quadranti orientali. Il flusso principale viaggia a latitudini polari, tra il Mare di Barents e i bacini artici a nord della Siberia, per l’azione di blocco portata da una cellula termica sul Mare di Beaufort a cui si associa l’avvezione di aria molto mite dal Pacifico fin nel cuore del bacino artico centrale (Fig.1).

L’evoluzione sinottica sarà caratterizzata dall’evoluzione dell’area di divergenza citata in minimo chiuso di geopotenziale sull’Iberia, il quale da metà settimana sarà nuovamente rialimentato da un contributo nord-atlantico, con probabile rinvigorimento delle condizioni di instabilità sul Meridione italiano. Le condizioni del tempo si manterranno nel compresso all’insegna dell’instabilità nella prima parte della settimana, per poi stabilizzarsi gradualmente, prima di un possibile deterioramento delle condizioni meteo al Sud Italia sul finire della settimana.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì nuvolosità intensa sui settori alpini con frequenti rovesci di neve a quote superiori agli 800-1000 metri. Rovesci sul Piemonte in mattinata con tendenza a graduale attenuazione dei fenomeni. Prevalentemente asciutto sulla Valpadana, specie settori a sud del Po, con nuvolosità irregolare associata a deboli e isolati rovesci. Condizioni generali di instabilità sul resto del Paese con aumento della nuvolosità nelle ore centrali della giornata associato a temporali diffusi sulle zone interne e appenniniche. Schiarite anche ampie sulle regioni costiere.

Temperature in diminuzione al Nord, venti tesi di grecale sull’Adriatico settentrionale.

Martedì migliora al Nord dopo le ultime nevicate sulle Alpi in mattinata. Schiarite ampie anche su Toscana, Umbria e Marche. Cieli chiusi su Abruzzo e Lazio con rovesci, temporali e nevicate anche a quote basse sull’Appennino, in spostamento verso le regioni meridionali. Estremo Sud in attesa.

Temperature in diminuzione al Nord e al Centro. Venti tesi di tramontana.

Mercoledì generali condizioni di stabilità al Nord e al Centro. Rovesci, temporali e nevicate sull’Appennino in mattinata al Meridione, ma in rapido miglioramento col passare delle ore e tendenza ad ampie schiarite in serata.

Temperature sensibile diminuzione al Sud. Tramontana tesa sull’Adriatico, ventilazione vivace orientale sui bacini di ponente.

Giovedì generali condizioni di stabilità su tutte le regioni ma con probabili disturbi sulle isole maggiori associati a transito di corpi nuvolosi anche intensi provenienti dal Nordafrica.

Temperature stazionarie. Venti deboli.

Venerdì ancora disturbi sulle isole maggiori, in possibile estensione al resto del Meridione con associata fenomenologia temporalesca, localmente intensa. Bel tempo al Nord e al Centro.

Temperature in lieve aumento a partire dal Nord. Ventilazione orientale sulle isole maggiori.

Sabato ancora rovesci e temporali all’estremo Sud, in miglioramento nel corso della giornata. Bel tempo sul resto del Paese.

Temperature in aumento al Centro-Nord. Ventilazione orientale sui bacini meridionali.

Domenica generali condizioni di bel tempo.

Temperature in ulteriore aumento, venti deboli.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

L’inverno 2019-2020: un’eccezionalità ben poco eccezionale

Posted by on 11:52 in Attualità, Climatologia | 9 comments

L’inverno 2019-2020: un’eccezionalità ben poco eccezionale

Nel periodo scorso, i media italiani hanno ripetutamente parlato dell’inverno appena trascorso, descrivendolo come una stagione straordinariamente calda, frutto avvelenato – come ovvio – dell’ormai mitico “cambiamento climatico”. Che quella del 2019-2020 sia stata una stagione invernale mite lo hanno percepito tutti, ma, per parlarne in termini di eccezionalità climatica, bisogna che il concetto sia supportato dai dati; altrimenti, siamo alle solite parole al vento. Nel seguito viene esaminata la serie storica della T media dell’inverno, derivante dai valori termici di 27 stazioni distribuite sul tutto il nostro territorio.

La figura A mostra l’andamento della serie, assieme a quello lisciato ottenuto mediante una media mobile di periodo 3, con numerose iterazioni. Si osservano delle oscillazioni assai irregolari, con una crescita complessiva delle temperature, che pare però determinata soltanto da quanto avvenuto dopo gli anni ’80.

Sottoponendo la serie al test di omogeneità di Pettitt, essa risulta interessata, con una confidenza del 99,7%, da un change point positivo, posto nell’anno 1993.  Ne deriva quindi che, ai fini di una sua analisi statistica, tutta la serie 1952-2020 debba essere scissa in due distinte: 1952-1993 e 1994-2020 (si veda la figura B).

Per entrambe lo studio ha messo in evidenza un trend stazionario, per cui si può sinteticamente considerare che:

  • La prima oscilla attorno al valore medio di 7,5° (con una deviazione standard di 0,78°); in questo intervallo ricadono i due inverni più freddi: il 1963 e il 1981.
  • La seconda oscilla attorno al valore medio di 8,3° (con una deviazione standard di 0,84°); in questo periodo abbiamo i due estremi caldi: il 2007 e poi il 2020.

In sostanza, gli inverni degli ultimi decenni sono stati mediamente più caldi dei precedenti di 0,8°. Per quanto concerne la variabilità interannuale, non appaiono differenze degne di nota. Il 2020 è al secondo posto, dopo il 2007; la loro differenza è però molto contenuta, con una T media di 9,8° per l’uno e di 9,9° per l’altro. È perciò possibile che, lavorando con un campione più robusto di stazioni, il loro rapporto possa un po’ modificarsi. Quello che però è importante sottolineare è che il 2020 si discosta dalla media di 1,79 deviazioni standard: un dato che dimostra che si è trattato di un evento anomalo, ma certamente non eccezionale.

Chi si volesse divertire, può riprendere qualche quotidiano del mese scorso e commentare certi titoli alla luce dei dati appena presentati. Solo per fare un esempio, voglio ricordare La Nazione che il 18 febbraio riempiva tutta l’ampiezza della prima pagina con: È un inverno torrido, allarme siccità, ribadendo poi a pagina 5: Il caldo ha fatto sparire l’inverno.

NB: il post è uscito in origine sul Blog dell’autore, qui.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

‘Cause every little thing gonna be alright

Posted by on 07:00 in Ambiente, Attualità | 6 comments

‘Cause every little thing gonna be alright

Eravamo in piena tempesta economica del 2008 e, già allora, c’era chi si rallegrava del rallentamento della crescita in chiave climatica. Stiamo scoprendo, dicevano, che le emissioni si possono abbassare e che quindi esiste un’alternativa. Poi sono venuti gli anni della ripresa, abbastanza floridi per alcuni, molto più faticosi e forse neanche ancora finiti per molti altri. Però si è ripreso anche l’umore di chi, davvero con poca memoria anche recente, professa il ritorno al Medioevo per risolvere il “problema clima”.

Ora con il mondo – tutto – di fronte ad una tragica emergenza reale, tutte le emergenze virtuali dovrebbero passare in secondo piano. E invece no, ecco che ci risiamo. Il tema del clima infatti non è tra queste, non perché non sia virtuale – tutte le profezie di sventura lo sono – quanto perché, non so se con più cinismo o incoscienza, è rapidamente intervenuto il rescue team, come lo chiama sempre su queste pagine Massimo Lupicino, cioè quella compagine assai liquida che interviene a sistemare le cose ogni volta che vacilla il castello del clima di sventura. E l’intervento, quasi sempre, consiste nel rincarare la dose, sia mai che si possa prendere coscienza del fatto che sarebbe ora di finirla di inseguire soluzioni distopiche a problemi assai complessi.

E così, mentre alcuni noti promoter del disastro continuano facendo finta di nulla, altri, quelli del team, si rallegrano del fatto che il lockdown in Cina prima, in Italia poi e nel resto del mondo a seguire, stia dimostrando come si possa vivere diversamente abbattendo drasticamente la nostra impronta. Addirittura, le migliaia di morti reali di oggi, compenserebbero i non morti di domani causati da ipotetici impatti climatici. Ho letto un tweet in cui si argomentava che l’emergenza attuale si sta affrontando diversamente da quella climatica perché tangibile, mentre agli stermini di massa del clima è difficile credere. E ti credo!

E non fanno eccezione le riflessioni sugli inquinanti atmosferici, che con il clima non hanno tra l’altro nulla a che fare, ma che stiamo scoprendo essere condizionati da fattori ben diversi da quelli per cui ci siamo “impegnati” sin qui. Uno fra tutti: le auto sono quasi tutte ferme e il particolato non diminuisce gran che. Ma il tuo diesel Euro6 pagato una fortuna puoi comunque dartelo sui denti…

Che poi si spera presto ma Dio sa quando, a lockdown terminato non ci sarà welfare che tenga per far fronte all’ondata di impoverimento e impatto sulla salute (e quindi sulla vita) delle persone poco conta, il clima sarà salvo.

Ora, con il clima e il rapporto che l’uomo ha con esso da sempre che è un tema e un problema reale (tanto per far ingoiare l’insulto di negazionista a chi lo avesse pronto), questa gente fa davvero pena, e anche un po’ ribrezzo. Già, perché, approfittare di tragedie reali per portare avanti la propria agenda strampalata suscita questo. Proprio come tutti quelli, compreso qualche climatologo della domenica in smart working domestico e quindi al lavoro anche di lunedì, che in questi giorni si sentono in diritto/dovere di dispensare consigli anche in materia di pandemie, sciorinando dotte spiegazioni di correlazione con le temperature di mezzodì. Da non perdere poi il pentalogo dei gggiovani di Fridays For Future e, addirittura comica la rinuncia alla piazza degli invasati di Extinction Rebellion che, convinti di dover morire di clima, non escono di casa per non beccarsi il Covid-19.

Per parte mia, anzi, nostra, dal Villaggio Di Asterix, arrivano due consigli soli: #iorestoacasa e #andràtuttobene!

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La Perdita del Ricordo

Posted by on 14:55 in Attualità | 21 comments

La Perdita del Ricordo

Ricordo quando mio nonno veniva a mangiare la domenica da noi, e io lo portavo alla finestra del balcone per mostrargli le nuvole all’orizzonte:

“Nonno pioverà”?

“None. Non sono nuvole di pioggia, quelle!”

Non ricordo una sola volta in cui il nonno mi abbia risposto che sì, sarebbe piovuto. E non si è mai sbagliato, perché la memoria di 70 anni passati a rompersi la schiena nelle campagne arse dal sole, in attesa di una pioggia che non arrivava mai, non lascia spazio a facili ottimismi. Nemmeno a 80 anni. E non si smette mai di essere contadini, nemmeno da pensionati.

Ne stanno morendo tanti, di pensionati e di nonni, in questi maledetti giorni di pestilenza. Perché il coronavirus si accanisce soprattutto su di loro, lasciando illesi i più giovani e affidando la sorte di chi sta in mezzo ad una tragica riffa tra chi ha un sistema immunitario virtuoso, e chi invece si scopre improvvisamente fragile.

Certi giornaloni, tuttavia, non si stancano mai di annunciare con malcelato sollievo che questo virus “ammazza soltanto i vecchi”, “soltanto i malati”. E poco importa se puoi ritrovarti ad annaspare a 50 anni, ché comunque giovane non sei. E ancor meno importa, che basta avere la pressione un po’ alta per ritrovarsi nell’elenco dei “malati”, di quelli che “non ce l’avrebbero fatta comunque”. Si percepisce la sgradevole sensazione che al virus venga riconosciuta una dignità che non merita, nel ruolo di facilitatore, di acceleratore di un processo tanto inevitabile, quanto in fin dei conti benvenuto. Largo ai giovani, no?

Del resto erano gli stessi giornaloni, la stessa Pravda mondialista declinata in mille lingue diverse in tutto il mondo, ad auspicare che questi maledetti vecchiacci si togliessero dai piedi. Anche nel nostro Paese le solite teste parlanti discettavano fino a ieri dell’opportunità di modificare il suffragio universale per renderlo più al passo coi tempi: negando il diritto di voto agli anziani, per regalarlo ai minorenni. Colpevoli, i primi, di frenare le legittime e superiori istanze dei secondi, prepotentemente affermate in occasione delle “spontanee” bigiate collettive salva-clima dei mesi scorsi.

Ché il punto è proprio questo: gli anziani sono odiati dalle élite perché colpevoli di un crimine gravissimo. Il più grave tra tutti: gli anziani ricodano. Gli anziani ricordano il passato ormai remoto in cui le nostre economie crescevano, i servizi miglioravano, le opportunità aumentavano di generazione in generazione. Gli anziani ricordano la conquista della mobilità, e con questa, di un senso della libertà prima sconosciuto: ricordano la prima 500, la prima Lambretta, comprate coi primi stipendi da operai in fabbrica. Gli anziani ricordano le lotte sociali che hanno trasformato una massa informe di schiavi in unione di lavoratori consapevoli, e poi in quella classe media che avrebbe fatto la grandezza del nostro Paese. Gli anziani ricordano una classe dirigente colta e preparata, invidiata e temuta, ma capace di leadership e di visione. Capace di trasformare un Paese in rovina nella quarta potenza industriale del Pianeta.

Gli anziani ricordano. E per questo non si capacitano, non capiscono, e non perdonano. Anzi si arrabbiano. E quindi frenano il “progresso”. E quindi è bene che si tolgano di mezzo. E se il virus dà una mano, meglio ancora.

I giovani no. I giovani non possono ricordare. Nemmeno attraverso il racconto di nonni che in molti casi non vedono più, perché sradicati dalle loro città d’origine per inseguire stipendi miseri e occupazioni precarie, con il sogno nel cassetto di scappare all’estero in cerca di fortuna. Proprio come fecero i loro nonni. Perché proprio come i loro nonni, i giovani d’oggi hanno perso la guerra, rovinosamente. Solo che non lo sanno.

Certo è singolare, che tra quelli che buttano giù gli anziani dalla torre per far posto frettolosamente ai gretini, si annidino milardari più vicini al secolo che ai 70 anni. Personaggi i cui vaneggiamenti utopistici suonano come l’ennesima riproposizione di vecchie ideologie fallimentari, ma rinverdite in salsa Netflix e Instagram. Questi centenari che ispirano la Pravda che odia gli anziani, si sentono al sicuro. Ché il coronavirus non è la Morte Rossa, e nei panni del Principe Prospero proprio non ci si vedono. Ma come diceva Fra Cristoforo (non a caso in tempi di pestilenza), “verrà il giorno” anche per loro. E i giovani cresceranno, anche loro. E a certe conclusioni arriveranno comunque, anche se sarà più difficile farlo, senza i ricordi degli anziani.

In questi giorni sono tanti i ragazzi che si ritrovano in compagnia dei loro nonni. Perché in tanti hanno fatto rotta verso Casa, verso le famiglie di origine, anche a rischio di contagiare i loro cari. Ma al richiamo della terra non si resiste. E chissà che in questi giorni di clausura obbligata, tra il tintinnare di stoviglie e il profumo di polpette al sugo, qualcuno di quei giovani non abbandoni la playstation per farsi una chiacchierata con i nonni. Per farsi raccontare com’era il mondo, prima che ci rimbecillissero di politically correct e ci trasformassero in un’accozzaglia di zombie sradicati, adoratori di idoli scassati.

Fatelo, ragazzi. Fatevi raccontare il mondo attraverso gli occhi e i ricordi dei vostri nonni. O insieme ai vostri nonni, perderete anche il ricordo. E vi resterà solo il rimpianto.

“Nonno pioverà?”

“None. Non sono nuvole di pioggia, quelle”.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 23/29 Marzo 2020

Posted by on 04:35 in Attualità | 1 comment

Le Previsioni di CM – 23/29 Marzo 2020

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Quadro sinottico radicalmente mutato sul quadrante europeo per la formazione di un ponte di Woeikoff grazie all’ingresso in fase della cellula atlantica con quella centrata sul Mar Baltico ed estesa alla Russia dove assume connotati termici. Aria fredda di origine continentale scivola lungo il fianco orientale della struttura in questione, facendo irruzione proprio sull’Italia attraverso la porta della Bora: una situazione tipicamente invernale.

Il campo di massa si mantiene su valori bassi su una vasta area estesa dal Mediterraneo centrale fin sulle Canarie attraverso l’Iberia, con associata formazione di minimi secondari: la stessa area che per mesi è stata dominata dal flusso secondario. Le depressioni atlantiche sono confinate alle alte latitudini, tra l’Islanda e le Svalbard (Fig.1).

Nei primi giorni della settimana, l’aria fredda pilotata dalla cellula russa muoverà retrograda nel cuore del Mediterraneo dove dilegherà letteralmente, interagendo con i minimi secondari citati. Conseguiranno condizioni di maltempo sulla Penisola, in particolare a metà settimana per il probabile approfondimento di una depressione mediterranea in movimento dal Golfo di Gabes in prima battuta sulle regioni meridionali e in seguito sul resto del Paese.

L’evoluzione è difficile da definire nei dettagli proprio per le caratteristiche molto diverse delle masse d’aria in gioco, ma ci sono pochi dubbi sul fatto che l’Italia sarà interessata da condizioni di maltempo di stampo decisamente invernale.

E chissà che questa “buriana” non serva a ripulire l’aria dei miasmi virali che probabilmente hanno contribuito a rendere drammatica la situazione del Nord Italia, dove il mix di aria stagnante, fresca, umida, e la presenza del particolato potrebbero aver dato un contribuito decisivo alla trasmissione del coronavirus anche negli spazi aperti.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì generali condizioni di variabilità con schiarite via via più ampie al Nord e al Centro. Molto nuvoloso tra Sicilia e Calabria con piogge, rovesci e nevicate al di sopra dei 1500 metri. Tendenza ad aumento della nuvolosità sulle regioni adriatiche con nevicate in nottata a quote basse sull’Abruzzo.

Temperature in sensibile diminuzione, specie sui versanti adriatici. Venti forti di grecale.

Martedì molto nuvoloso su regioni adriatiche centro-meridionali con nevicate a quote molto basse, estese dalle Marche alla Puglia. Nevicate anche sull’Appennino calabro e sulla Sicilia a quote collinari. Schiarite anche ampie sulle regioni settentrionali e sui versanti tirrenici centro-settentrionali. In serata peggiora sensibilmente sulla Sicilia con piogge estese e nevicate sui rilievi.

Temperature in ulteriore lieve diminuzione. Venti forti di grecale.

Mercoledì ampie schiarite al Nord e versanti tirrenici settentrionali. Persistono nevicate a quote molto basse tra Marche e Abruzzo con quota neve in rialzo in serata. Tempo perturbato sulla Sicilia con piogge estese, rovesci, temporali e nevicate sui rilievi al di sopra dei 1300/1500 metri. Dal pomeriggio il maltempo si estende al resto del Sud con fenomeni anche intensi e nevicate a quote collinari.

Temperature stazionarie. Venti forti dai quadrani settentrionali, tendenti a ruotare da scirocco sullo Jonio in serata.

Giovedì ancora maltempo al Meridione in estensione alle regioni centrali con precipitazioni diffuse anche di forte intensità e nevicate sull’Appennino, con quota neve in graduale innalzamento per l’incalzare dello scirocco.

Temperature in aumento sui versanti adriatici. Scirocco teso sullo Ionio, maestrale sul Tirreno, levante su Adriatico centro-settentrionale.

Venerdì passaggio a condizioni di instabilità al Centro-Sud, con precipitazioni sparse. Ampie schiarite al Nord in estensione alle regioni centrali.

Temperature in sensibile aumento, ventilazione in attenuazione.

Sabato migliora anche al Meridione, ampie schiarite sul resto del Paese. Domenica possibile peggioramento al Nord con precipitazioni sparse.

Temperature stazionarie, venti deboli.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Il Meglio del Peggio – 21 Marzo 2020

Posted by on 17:20 in Attualità | 3 comments

Il Meglio del Peggio – 21 Marzo 2020

Questa rubrica e’ curata da Andrea Beretta

——————————————————

Per questa prima puntata dell’anno del “Meglio del Peggio” ci dà ancora del materiale preziso Avvenire, con un pezzo pubblicato il 21 febbraio e intitolato “Riscaldamento Globale. La Storia dell’umanità insegna a temere il clima che cambia”. L’articolo, nella sua prima parte, sembra una versione “pucciosa” di “1984” di Orwell, che narrava le vicende del “compagno Smith” in un’ipotetica e buia civiltà del futuro. Le similitudini col capolavoro del grande scrittore inglese qui finiscono. Primo, perché Orwell immaginava un mondo peggiore del suo, mentre Avvenire dipinge una sorta di “Mulino Bianco” (“ La madre del bimbo, sorridente, tira un sospiro di sollievo. Mai respirata aria più pulita”); e secondo, perché le profezie di Orwell si sono poi davvero avverate, magari con 30 anni di ritardo rispetto al 1984, e con modalità diverse a seconda del continente che si considera.

In realtà, anche Avvenire lascia aperta la possibilità di qualche macchia nel candore della sua società del 2050: “ in altre [città] la qualità della vita è drammaticamente crollata a causa degli effetti dei cambi climatici. […] esistono ancora povertà, solitudine, ingiustizia: ma la società globale ha ritrovato fiducia nella ricerca di un sentiero di sviluppo comune”, ma sempre in un contesto globalizzato e di diffuso ottimismo e miglioramento. Generato, questo, solo in seguito alle manifestazioni di giovani volenterosi e dopo il fallimento della Cop del 2019, dove la “Coalizione fossile (US, Canada, Australia, Brasile, responsabili del 50% dell’anidride carbonica globale) non voleva modificare le proprie abitudini,. Ed è stato così possibile che, “il verde ha preso il posto del cemento in molte città” e che circoleranno solo “macchine a guida autonoma, completamente elettriche”.

Fa specie che a fronte di un pericolo percepito come incombente, e di certo molto più concreto del cambiamento climatico, il vescovo Agostino 1600 anni fa scrisse il “De Civitate Dei” esortando coloro che pensavano che il mondo stesse finendo con la fine dell’Impero Romano, a riporre fiducia in Dio. Oggi invece il giornalista di Avvenire pare fondare solo nell’Uomo e in Greta le sue speranze per un mondo migliore. E al di là di questo, il messaggio della storia è in effetti il solito: anti-occidentalismo occulto condito con buona dose di ecotalebanesimo spinto.

Infatti, tra i paesi canaglia, Avvenire punta il dito solo contro stati occidentali ed evita accuratamente di citare Cina e India, che pure sono responsabili di circa il 34% di emissioni globali di CO2. E sì che dopo lo scherzetto del Coronavirus che la Cina ha tirato al globo, uno scherzetto da qualche trilione di dollari, sarebbe forse prudente un atteggiamento meno servile nei confronti del Dragone. Oltretutto sembra che i conti di Avvenire non tornino, dato che i quattro stati accusati di produrre il 50% della CO2 globale in realtà non arrivino a produrne nemmeno il 20%.

Inoltre, che nelle città i parchi sostituiranno le strade non è necessariamente un fatto positivo: sarò ripetitivo, ma prendendo di nuovo come esempio l’Impero Romano, è noto che questo non dovette la sua fortuna ai parchi o alle aiuole, quanto alle strade che permettevano di raggiungere in tempo relativamente breve, per l’epoca, ogni angolo di quella vastissima area. E quando, contestualmente alla caduta dell’Impero, queste strade vennero lasciate in disuso, e i boschi e le foreste ne presero il posto, non si ebbe più pace e prosperità in Europa per mezzo millennio. Strano che un articolo che dal titolo si prefigge di insegnarci la storia, ignori un aspetto così importante.

Resta il fatto che la società ideale secondo Avvenire pare simile, se non identica, a quella cantata da John Lennon in “Imagine”, curiosamente abbastanza lontana da una società fondata su valori cristiani. E, cosa ancora più curiosa, gli ostacoli che si frappongono alla sua realizzazione sarebbero proprio i cambiamenti climatici, anzichè, ad esempio, l’instaurarsi di regimi oligarchici mascherati da democrazie oppure di società liquide senza radici.

Il lettore tenace può addentrarsi nella seconda parte dell’articolo, che abbandona le rosee tinte futuristiche per passare a un’analisi storica dell’impatto di alcuni cambiamenti climatici su civiltà passate: sicuramente meno avvincente, innegabilmente più formativo…ma ahimè ugualmente fazioso. Già, perché se apprendiamo con interesse che le gloriose civiltà mesopotamiche e dei Maya sarebbero state messe in crisi da ondate di siccità, non si capisce come mai vengano solo citati cambiamenti climatici che il lettore poco informato associa immediatamente al surriscaldamento.

Si poteva citare, per esempio, la crisi del ‘300, con associata carestia e la Peste Nera, concomitante ad un raffreddamento climatico; oppure il crollo del ‘600, con la peste manzoniana in piena Piccola Era Glaciale. O, viceversa, come la ripresa economica del Mille fu favorita da un periodo chiamato “optimum climatico”, ovvero caratterizzato da temperature più alte di quelle dei secoli precedenti e persino di quelle odierne. Di certo, sono più vicini a noi questi fatti che la “fine degli Anasazi, popolo nativo del Nord America, che ha dominato un territorio enorme tra Stati Uniti e Messico tra il 600 e il 1300”. Una fine addebitata, manco a dirlo, alla siccità.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Ambiente, Clima e Malattie infettive – Alcune riflessioni storiche

Posted by on 07:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 19 comments

Ambiente, Clima e Malattie infettive – Alcune riflessioni storiche

Premessa

L’epidemiologia delle malattie infettive (Kaslov, 2014) si occupa da un lato delle circostanze che provocano il verificarsi di un’infezione e di una malattia all’interno di una popolazione (umana, animale, vegetale) e dall’altro dei fattori che influenzano frequenza, intensità, diffusione e distribuzione nello spazio e nel tempo di infezioni e malattie. L’infezione è l’ingresso e la moltiplicazione di un patogeno in un organismo ospite mentre la malattia è una risposta dell’ospite all’infezione che sia sufficientemente rilevante da dar luogo a un insieme riconoscibile di sintomi. Il verificarsi o meno dell’infezione, il manifestarsi o meno della malattia e la relativa intensità:

  1. Dipendono dal tipo di patogeno, dal meccanismo d’ingresso nell’ospite, dalla quantità d’inoculo e dalla suscettibilità dell’ospite, a sua volta funzione dell’età, dello stato sanitario all’atto dell’infezione, del background genetico e dello stato del sistema immunitario
  2. Sono influenzati dai fattori ambientali che regolano sia l’esposizione al patogeno sia la suscettibilità intrinseca e il comportamento dell’ospite. In sostanza vige il modello a triangolo che descrive l’interazione patogeno-ambiente-ospite (Scholthof, 2007) e in cui l’ambiente agisce sia sulla virulenza del patogeno sia sulla suscettibilità dell’ospite (figura 1). Del modello a triangolo esistono diverse versioni come ad esempio quella proposta da Fuhrmann (2010) e da esso emerge in modo immediato l’interesse ad analizzare come il clima[1], componente essenziale dell’ambiente, possa influenzare le malattie infettive.

Giova anche rilevare che l’epidemiologia come tutte le scienze galileiane si fonda su dati osservativi riferiti alla presenza dell’agente patogeno e della malattia in una popolazione e su modelli matematici a scopo interpretativo e predittivo. Per l’applicazione dei modelli è essenziale conoscere due fattori  (Epicentro, 2009; Quan-Hui Li uet al., 2018) e cioè:

  • Il tasso netto di riproduzione di un’infezione R0, che è il numero medio di nuovi casi provocati da ogni caso in una popolazione completamente suscettibile alla malattia. Si noti ad esempio che per valori di R0 superiori a 1 (ogni caso infetta più di un’altra persona) l’epidemia proseguirà nella sua fase espansiva mentre per valori di R0 inferiori all’unità l’epidemia è destinata a regredire.
  • Il tempo di generazione (Tg) e cioè l’intervallo che intercorre tra l’inizio dell’infettività del caso primario e quella del caso secondario.

Da osservare inoltre che nel contesto epidemiologico i termini di endemia, epidemia e pandemia attribuiti a una malattia hanno un preciso significato.

La conoscenza più o meno dettagliata degli aspetti epidemiologici sopra delineati va ovviamente ad improntare le misure di profilassi e cura a fonte delle svariate malattie infettive che colpiscono l’uomo, gli animali e i vegetali.

Figura 1 – Relazioni fra ambiente, ospite e patogeno. L’ambiente (nel quale un ruolo di rilievo lo hanno le condizioni meteo-climatiche) influenza sia la virulenza del patogeno sia la suscettibilità dell’ospite.

Alcune epidemie antiche

Le grandi epidemie dell’antichità ci parlano ancor oggi in modo potente attraverso testi di storici, medici, letterari e naturalisti.

A titolo di esempio si può anzitutto ricordare la peste[2] di Atene per la quale ci rimane il resoconto fattone dal generale e storico ateniese Tucidide nella Guerra del Peloponneso e poi ripreso nel De rerum natura di Lucrezio. A inizio maggio del 430 a.C., l’epidemia colpì Atene che fu poi assediata da Sparta durante la guerra del Peloponneso (431-404 a.C.). L’epidemia ebbe due picchi di mortalità nell’estate del 428 a.C. e nell’inverno del 427-426 a.C. durando in tutto 4,5-5 anni: la maggior parte della popolazione fu infettata e morirono forse 75.000 – 100.000 persone, il 25% della popolazione della città. Tucidide evidenzia come sintomi principali le eruzioni cutanee, la febbre alta e la diarrea ed evidenzia che l’epidemia si muoveva su un terreno vergine, con alti tassi d’infezione e decorso invariato in persone di età, sesso e nazionalità diverse (lo stesso statista Pericle ne morì). Nonostante la puntuale descrizione di Tucidide, sulla causa di tale epidemia non vi sono ancor oggi certezze e Littman (2009), oltre a sottolineare che l’epidemia si originò in Etiopia e si diffuse poi in tutto il Mediterraneo, ipotizza come cause più probabili il tifo, le malattie virali, la peste e il vaiolo mentre il morbillo e un’epidemia esplosiva da streptococco appaiono candidati assai meno probabili. Sempre Littman segnala anche che nel 2001 fu scoperta una fossa comune degli anni della peste e che il DNA di tifo microbico antico (Salmonella enterica serovar Typhi) è stato estratto da 3 scheletri ma poiché il tifo era endemico nel mondo greco questa non è da considerare come prova.

La peste vera e propria è dal canto suo provocata dal batterio Yersinia pestis, che ha come ospite piccoli mammiferi come ad esempio il topo nero (Rattus rattus) e infetta l’uomo attraverso insetti ematofagi (soprattutto pulci). La peste nelle due forme (bubbonica e polmonare) non è a tutt’oggi ancora del tutto debellata, come ci rammenta la World Heath Organization (WHO) e anche se gli strumenti di cura sono molto progrediti la mortalità è tuttora elevata: secondo WHO dal 2010 al 2015 a livello mondiale si sono verificati 3248 casi con 584 decessi. Per la presenza della malattia sono essenziali condizioni ambientali favorevoli alla presenza di piccoli mammiferi (in primis roditori quali i topi) e di loro parassiti ematofagi in grado di attaccare anche l’uomo. Questo spiega anche il fatto che i casi di peste siano oggi concentrati in Africa, Asia e Sud America e secondo WHO i tre paesi con più casi sono la Repubblica Democratica del Congo, il Madagascar e il Peru. In particolare in Madagascar i casi di peste bubbonica sono presenti tutto l’anno nel periodo che va da settembre ad aprile e che nel paese coincide con la stagione delle piogge.

A livello storico si devono sicuramente a Yersinia pestis:

  • La peste giustinianea che colpì Bisanzio nel 542 d.C. e che è narrata da Procopio di Cesarea (Spyrou et al., 2018).
  • La grande peste che giunse dall’oriente in Europa nel 1347 uccidendo più del 30% della popolazione europea (Gensini et al., 2004) e che in campo letterario si lega ad esempio alla morte della Laura di Petrarca e alla vicenda che fa da sfondo al Decameron di Boccaccio.
  • La peste che infuriò in Italia nel 1630 e che a Milano causò 60.000 morti, circa la metà della popolazione (Cipolla C.M., 2005) e che è nota come peste manzoniana per il racconto che ne fa Alessandro Manzoni nei Promessi sposi e nella Storia della colonna infame.

La peste manzoniana e il ruolo della superstizione

Figura 2 – La colonna infame monumento a memoria del processo all’untore Gian Giacomo Mora posto all’angolo tra le attuali via Gian Giacomo Mora e corso di Porta Ticinese a Milano. Eretta nel 1630 dal governo milanese durante la dominazione spagnola e demolita nel 1778 durante l’amministrazione austriaca di Maria Teresa d’Austria, la colonna era intesa in origine come marchio d’infamia nei confronti dei due untori come attesta l’iscrizione che essa recava: “Qui dov’è questa piazza sorgeva un tempo la barbieria di Gian Giacomo Mora il quale congiurato con Guglielmo Piazza pubblico commissario di sanità e con altri mentre la peste infieriva più atroce sparsi qua e là mortiferi unguenti molti trasse a cruda morte. Questi due adunque giudicati nemici della patria il senato comandò che sovra alto carro martoriati prima con rovente tanaglia e tronca la mano destra si frangessero colla ruota e alla ruota intrecciati dopo sei ore scannati poscia abbruciati e perché nulla resti d’uomini così scellerati confiscati gli averi si gettassero le ceneri nel fiume. A memoria perpetua di tale reato questa casa officina del delitto il Senato medesimo ordinò spianare e giammai rialzarsi in futuro ed erigere una colonna che si appelli infame Lungi dunque, lungi da qui buoni cittadini che voi l’infelice infame suolo non contamini – Il primo d’agosto MDCXXX. (Il presidente della Pubblica Sanità, Marco Antonio Monti senatore) (Il presidente dell’ecc. Senato, Giovanni Battista Trotti) (Il R. Capitano della Giustizia, Giovanni Battista Visconti)”

Nel 1630, mentre la popolazione milanese era allo stremo per effetto della pestilenza, la situazione fu aggravata dalla superstizione popolare. Accadde ad esempio che una donna, Caterina Trocazzani Rosa, denunciò Guglielmo Piazza (ex cardatore e commissario di sanità del Ducato, che il 21 giugno 1630, durante uno dei suoi giri d’ispezione nel corso dei quali egli prendeva appunti sulla condizione degli edifici rimasti vuoti o sulle condizioni di salute delle persone, camminava rasente ai muri per proteggersi dalla pioggia) accusandolo di essere un untore che diffondeva il morbo con unguenti (l’onto pestifero) applicati ai muri e alle porte delle case. Sottoposto a tortura il povero Piazza confessò che gli unguenti erano procurati dal barbiere Gian Giacomo Mora e su tale base fu imbastito un processo in cui Piazza e Mora furono accusati di essere untori. Il procedimento, condizionato dall’impiego della tortura secondo gli usi dell’epoca, terminò con la condanna a morte dei due che confessarono la propria inesistente colpevolezza pur di porre fine alle atroci sofferenze, peraltro contraddicendo più volte le loro stesse dichiarazioni. La sentenza, oltre ad una condanna a morte eseguita il 1 agosto 1630 dopo vari supplizi inflitti sfilando per le contrade della città, prevedeva l’abbattimento della casa-bottega di Gian Giacomo Mora. Al suo posto fu installata la colonna infame, a memoria perpetua delle punizioni che sarebbero toccate a chi si fosse macchiato della colpa di essere un untore. Una narrazione più ampia della vicenda la si trova in Wikipedia alla voce “Colonna infame (Milano)”.

Da notare che la superstizione relativa agli untori persistette a lungo nell’ambiente culturale italiano, tant’è vero che:

  • Nel 1713 Ludovico Muratori scriveva che «Nessun caso è più rinomato di quel di Milano, ove nel contagio del 1630, furono prese parecchie Persone, che confessarono un sì enorme delitto, e furono aspramente giustiziate. Ne esiste ivi tuttavia (e l’ho veduta anch’io) la funesta memoria nella Colonna infame posta, ov’era la Casa di quegl’inumani carnefici. Il perché grande attenzion ci vuole, affinché non si rinnovassero più simili esecrande scene»
  • Nel 1738 Serviliano Latuada, nella sua Descrizione di Milano, scriveva che «Sino dall’anno 1576, in cui precedentemente la Peste aveva fatto scempio di questi Cittadini, vi furono alcuni malnati perturbatori della comune quiete, e nemici del ben pubblico, i quali o con idea di aumentare il male contagioso, o per accrescere lo spavento nel Popolo, occultamente ungevano e facevano da altri loro partitanti ungere li catenacci, ferramenti, e cantonate delle Contrade».

Essenziale fu dunque la “Storia della colonna infame”, saggio storico di Alessandro Manzoni[3], per far si che la “Colonna infame” assurgesse a simbolo della superstizione di cui Guglielmo Piazza e Gian Giacomo Mora erano state le vittime innocenti. Oggi all’angolo fra via Gian Giacomo Mora e corso di Porta Ticinese, in luogo della colonna infame vi è una scultura in bronzo con una targa che così recita: “QUI SORGEVA UN TEMPO LA CASA DI GIANGIACOMO MORA INGIUSTAMENTE TORTURATO E CONDANNATO A MORTE COME UNTORE DURANTE LA PESTILENZA DEL 1630”.

Vale la pena ricordare questi eventi anche perché la superstizione non si ripresenta mai allo stesso modo e dunque è buona cosa esser sempre vigili.

La peste nel XX secolo

Con riferimento alla peste bubbonica, ai casi reali sopra narrati si affianca la vicenda di fantasia narrata nel  romanzo “La peste”, capolavoro dello scrittore francese Albert Camus, scritto nel 1947 e in cui l’autore immagina un’epidemia di peste nella città di Orano (nell’Algeria, allora colonia francese) affrontata con i mezzi propri della medicina degli anni ’40, utilizzando l’epidemia come sfondo su cui far muovere i personaggi del romanzo, in primis il medico Bernard Rieux che è il protagonista. Di particolare interesse è il brano che segue e che usando il termine peste in senso lato appare riferibile a qualsiasi epidemia:

La parola “peste” era stata pronunciata per la prima volta. A questo punto del racconto, che lascia Bernard Rieux dietro la finestra, si concederà al narratore di giustificare l’incertezza e la meraviglia del dottore: la sua reazione, infatti, con qualche sfumatura, fu la stessa della maggior parte dei nostri concittadini. I flagelli, invero, sono una cosa comune, ma si crede difficilmente loro quando ti piombano sulla testa. Nel mondo ci sono state, in egual numero, pestilenze e guerre; e tuttavia pestilenze e guerre colgono gli uomini sempre impreparati. Il dottor Rieux era impreparato, come lo erano i nostri concittadini, e in tal modo vanno intese le sue esitazioni. In tal modo va inteso anche com’egli sia stato diviso tra l’inquietudine e la speranza. Quando scoppia una guerra, la gente dice: “Non durerà, è cosa troppo stupida”. E non vi è dubbio che una guerra sia davvero troppo stupida, ma questo non le impedisce di durare. La stupidità è sempre presente e ce ne accorgeremmo se non pensassimo sempre e solo a noi stessi. I nostri concittadini, al riguardo, erano come tutti quanti, pensavano a se stessi e in altre parole, erano umanisti e non credevano ai flagelli. Il flagello è commisurato all’uomo, ci si dice quindi che il flagello è irreale, è un brutto sogno che passerà. Ma non passa sempre, e di cattivo sogno in cattivo sogno sono gli uomini che passano, e gli umanisti in primis, in quanto non hanno preso le loro precauzioni. I nostri concittadini non erano più colpevoli d’altri, dimenticavano di essere modesti, e pensavano che tutto era ancora possibile per loro, il che presupponeva l’impossibilità dei flagelli. Continuavano a concludere affari e a preparare viaggi, avevano delle opinioni. Come avrebbero pensato alla peste, che sopprime il futuro, i mutamenti di luogo e le discussioni? Essi si credevano liberi, e nessuno sarà mai libero fintanto che ci saranno i flagelli. E persino dopo che il dottor Rieux ebbe riconosciuto davanti all’amico suo che un gruppo di malati, senza preavviso, era morto di peste, il pericolo rimaneva per lui irreale. Semplicemente, quando si è medici, ci si è fatta un’idea del dolore e si ha un po’ più di fantasia. Guardando dalla finestra la sua città che non era mutata, appena appena il dottore sentiva nascere in sé quel lieve scoramento davanti al futuro che si chiama inquietudine. Cercava di radunarsi in mente quello che sapeva della malattia. Delle cifre gli ondeggiavano nella memoria, e si diceva che la trentina di grandi pestilenze conosciute nella storia aveva fatto quasi cento milioni di morti. Ma che cosa sono cento milioni di morti? Quando si fa la guerra, appena appena si sa che cosa sia un morto. E siccome un uomo morto non ha peso che quando lo si è veduto, cento milioni di cadaveri sparsi attraverso la storia non sono che una nebbia della fantasia. Il dottore ricordava la peste di Costantinopoli che, secondo Procopio, aveva fatto diecimila vittime in un giorno. Diecimila morti fanno cinque volte il pubblico di un cinematografo. Ecco, bisognerebbe far questo: radunare le persone all’uscita di cinque cinematografi, condurle in una piazza della città e farle morire in un mucchio per vederci un po’ chiaro. Almeno, si potrebbero allora mettere dei visi noti su quel cumulo anonimo. Ma, naturalmente, è impossibile far questo; e poi, chi conosce diecimila visi?

 

La spagnola

Non è possibile chiudere questa breve e assai parziale rassegna storica senza parlare della pandemia influenzale nota come influenza spagnola (Spanish flu), che colpì il mondo intero tra il 1918 e il 1919 e che è senza dubbio la pandemia più grave della storia recente (CDC, 2020). L’agente causale fu il virus H1N1 che presentava geni di origine aviaria. Sebbene non vi sia ancor oggi consenso universale sul luogo d’origine del virus, sappiamo che il virus si diffuse rapidamente in tutto il mondo e si stima che un terzo della popolazione mondiale fu infettata (500 milioni di persone) e che il numero di morti fu di almeno 50 milioni. In Italia il morbo colpì oltre 4 milioni e mezzo di persone, uccidendone 410.000 nel solo 1918 e 466.000 fra 1918 e 1920, un numero impressionante se si considera che all’epoca l’Italiana aveva 36 milioni di abitanti e che 600.000 erano stati i caduti italiani nella prima guerra mondiale (Fornasin et al., 2018).

La mortalità da spagnola fu molto elevata, con picchi nelle persone di età inferiore ai 5 anni, fra 20-40 anni e oltre i 65 anni. A tale riguardo occorre rilevare che l’elevata mortalità in persone di età 20-40 anni fu una caratteristica unica di questa pandemia e ad esso non fu certo estraneo il pessimo stato sanitario delle classi che avevano fatto la grande guerra, spesso combattuta in trincea in condizioni ambientali (temperatura, umidità, stato igienico-sanitario) estreme[4].

Se le proprietà che resero l’H1N1 tanto devastante non sono fin qui state ben comprese è comunque certo che l’assenza di vaccini, di antibiotici per il trattamento delle infezioni batteriche secondarie e di antipiretici (per abbassare la febbre si ricorreva ai bagni in acqua fredda, non certo privi di conseguenze collaterali) limitò di molto gli sforzi per il contenimento della malattia, anche perché le norme di profilassi (isolamento, quarantena, buona igiene personale, uso di disinfettanti e limitazioni delle riunioni pubbliche) furono applicate in modo assai disomogeneo.

I dati sopra riportati ci invitano a riflettere sulle immani sofferenze che le pandemie del passato portarono con sé e a sviluppare una maggiore consapevolezza sul piano culturale circa le conquiste di sicurezza e civiltà che le scienze mediche hanno recato a buona parte dell’umanità (Corbellini, 2015) e il ruolo positivo giocato dalle migliorate condizioni ambientali (cibo, vestiario, abitazioni salubri).

Quarantene, lazzaretti e sanatori

Figura 4 – Robert Kock, grande scienziato ottocentesco e scopritore del bacillo della tubercolosi.

Fra i metodi di profilassi più antichi delle malattie infettive vi è la pratica della quarantena, che consiste nell’evitare il contatto della popolazione sana con individui malati. L’idea di quarantena, termine italiano da cui deriva anche l’inglese “quarantine”[5], trae origine dagli studi di Ippocrate, medico greco del V secolo a.C., il quale fissò empiricamente in 40 giorni di tempo fra l’esposizione al patogeno e la manifestazione della malattia la linea di demarcazione fra le malattie acute e quelle croniche. La prima applicazione sistematica di norme stringenti di quarantena sarebbe comunque avvenuta solo secoli dopo nella veneta Ragusa (oggi Dubrovnik), ove nel 1377 l’ufficiale sanitario Jacopo da Padova introdusse la “trentina” e cioè una quarantena della durata di un mese per i bastimenti provenienti da siti infetti o sospetti di infezione (Gensini et al., 2004).

All’idea di quarantena si associa anche quella dei lazzaretti, intesi come luoghi in cui concentrare i malati di malattie infettive per impedire il contatto con i sani. I lazzaretti si diffusero in Europa durante il Medioevo, inizialmente per ospitare i malati di lebbra, malattia che ebbe una recrudescenza in Europa a seguito delle Crociate (Bennet et al., 2008) e poi dopo la grande peste del 1348.

Figura 3 – Il medico veronese Girolamo Fracastoro (fonte: https://www.ordineinfermieribologna.it/2015/tubercolosi-tutta-la-storia-di-una-malattia-infettiva.html)

Nel XVI secolo il medico veronese Girolamo Fracastoro (1478-1553), padre dell’epidemiologia, ipotizzò che le malattie si trasmettessero attraverso particelle di minuscole dimensioni (i microbi), il che offrì una base teorica importante per quarantene e lazzaretti. Riguardo a questi ultimi non cessa di incuriosirmi il fatto che in varie città del bacino del Po essi erano realizzati ad est della città stesse (ad esempio a Milano il lazzaretto si trovava fuori della Porta Orientale – oggi Porta Venezia – e ad est di Piacenza, Parma e Bologna vi sono località dal nome evocativo di “San Lazzaro”). Ciò mi ha indotto da tempo a pensare che all’origine di tale scelta vi fosse il fatto che la circolazione atmosferica da est è meno frequente di quella da ovest ed è spesso accompagnata da pioggia, che abbatte la carica microbica dell’aria, per cui era ritenuta più bassa la possibilità che i propaguli delle malattie raggiungessero le città. Su questa mia ipotesi non dispongo però di referenze bibliografiche, per cui sarebbe interessante che qualche lettore me ne potesse segnalare.

La larga diffusione che fino agli anni ’50 del 900 ebbe una malattia batterica dall’esito spesso mortale come la tubercolosi alias TBC (il cui agente causale è Mycobacterium tuberculosis, noto anche come bacillo di Koch) spinse a creare strutture idonee alla gestione dei malati, il che spiega il sorgere di ospedali specializzati e sanatori, strutture che consentivano di isolare i malati per evitare il contagio e al contempo garantivano le condizioni in termini climatici, di igiene, alimentazione e stili di vita più idonee a contrastare la malattia in un’epoca in cui gli antibiotici non avevano ancora fatto la loro comparsa. Dati utili per un quadro cronologico delle azioni di contrasto alla TBC messe in atto in Italia fra metà ottocento e metà novecento nel più ampio contesto europeo vengono da un articolo di Martini et a. (2018) e dai dati in figura 5 da cui si apprende che nel periodo dal 1895 al 1930 la mortalità media annua da tubercolosi superò le 60000 persone, che cali sensibili si registrarono a partire dagli anni ’30 e che il trend al calo che si fece ancora più sensibile dagli anni ’50 grazie all’introduzione degli antibiotici.

Il primo sanatorio europeo fu costruito in Germania da Hermann Brehmer nel 1854 mentre in Italia il pioniere fu Biagio Castaldi, lui stesso malato di tubercolosi polmonare, che in un suo scritto del 1858 evidenziò che l’incidenza della TBC polmonare declinava col crescere della quota e la malattia era rarissima nelle popolazioni montane che vivevano oltre i 1000 m. Sulla base di ciò propose che i sanatori venissero realizzati ad alta altitudine. Negli stessi anni veniva anche evidenziato che il clima marittimo aveva un effetto positivo nella guarigione dalla tubercolosi polmonare specie se nei suoi primi stadi. Al contempo il medico Antonio Sciascia evidenziava per primo che a beneficiare dell’elioterapia erano anzitutto le forme di tubercolosi che coinvolgono i gangli linfatici, le articolazioni e ossa, la pelle, le membrane sierose e i reni.

Nei sanatori gli ospiti, oltre a essere isolati dalla comunità, godevano di un periodo di convalescenza che prevedeva escursioni all’esterno e trattamenti che comprendevano diete bilanciate, aria fresca, esposizione al sole diretto (bagni di sole) e  un moderato esercizio fisico sotto controllo medico. L’architettura dei sanatori era peculiare e comprendeva stanze singole o con pochi letti e larghe terrazze. A tali principi si ispiravano strutture come ad esempio quelle di Sondalo, di Arco di Trento, di Prasomaso o quelle del Santa Corona di Garbagnate e Pietra Ligure, che negli anni hanno ospitato decine di migliaia di nostri concittadini svolgendo un ruolo insostituibile nella cura delle malattie polmonari.

Figura 5 – Mortalità annua per 100mila abitanti dovuta a tubercolosi dal 1895 al 2015 (i dati dal 19895 al 1950 sono tratti da Ordine Infermieri Bologna, 2015; i dati dal 1955 al 2015 sono tratti da Loddo et al., 2015).

Conclusioni

Le poche vicende narrate sono comunque utili ad offrirci una seppur vaga idea del carico di sofferenze da malattie infettive che ha gravato sull’umanità fin da tempi molto antichi. Di esempi se ne sarebbero potuti offrire molti altri (penso alla malaria, alla difterite, alla meningite, alla sifilide e a tantissimi altri morbi). Peraltro il livello di conoscenza su tali fenomeni è cresciuto moltissimo grazie all’analisi genetica che ci consente oggi di individuare le tracce di microrganismi agenti delle malattie anche a distanza di migliaia di anni dal fenomeno.

A ciò si aggiungano i rimedi sopra descritti, riproposti in forma aggiornata (quarantene, controlli di frontiera, tracciamento dei contatti avuti dalle persone infette e stretta sorveglianza sull’evoluzione del fenomeno) si sono rivelati efficaci nel contrastare la pandemia del coronavirus SARS scoppiata nel 2002 e conclusasi in soli pochi mesi (Tognotti, 2013). Si tratta dei rimedi che abbiamo visto applicati con alterne fortune anche all’epidemia di COVID-19, ma questa è storia d’oggi.

Bibliografia

  • Bennett B.H., Parker D.L., Robson M., 2008. Leprosy: Steps Along the Journey of Eradication, Public Health Rep. 2008 Mar-Apr; 123(2): 198–205.
  • CDC, Centers for Disease Control and Prevention, 2020. 1918 Pandemic (H1N1 virus), https://www.cdc.gov/flu/pandemic-resources/1918-pandemic-h1n1.html
  • Cipolla C.M., 2005. Storia economica dell’Europa pre-industriale, 2005 (p. 191).
  • Corbellini C., 2015. Presentazione del libro di Eugenia Tonotti “La Spagnola in Italia, Storia dell’influenza che fece temere la fine del mondo (1918-1919)”, Franco Angeli, 2015.
  • Epicentro, portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica dell’Istituto superiore di sanità, 2009. influenza da nuovo virus A/H1N1, Notiziario – 21 maggio 2009,  https://www.epicentro.iss.it/focus/h1n1/21-05-2009.Fornasin A., Breschi M., Manfredini M., 2018. Spanish flu in Italy: new data, new questions, Le Infezioni in Medicina, n. 1, 97-106.
  • Fuhrmann C., 2010. The Effects of Weather and Climate on the Seasonality of Influenza, Geography Compass, 4/7 (2010): 718–730, 10.1111/j.1749-8198.2010.00343.x
  • Gensini et al 2004 The concept of quarantine in history – from plague to SARS, Journal of infection, 49, 257-261.
  • Kaslov A.R., 2014. Viral infections and humans, in Viral Infections of Humans: Epidemiology and Control, Richard A. Kaslow et al. (a cura di), Springer.
  • Littman R.J., 2009. The plague of Athens: epidemiology and paleopathology.Mt Sinai J Med. 2009 Oct;76(5):456-67. doi: 10.1002/msj.20137
  • Latuada S., 1738. Descrizione di Milano, vol. 3 (https://archive.org/details/descrizionedimil03latu/page/n10/mode/2up).
  • Martini M., Gazzaniga V., Behzadifar M., Bragazzi N.L., Barberis I., 2018. The history of tuberculosis: the social role of sanatoria for the treatment of tuberculosis in Italy between the end of the 19th  century and the middle of the 20th, J Prev Med Hyg 2018; 59: E323-E327.
  • Ordine degli infermieri di Bologna, 2015. Tubercolosi: tutta la storia di una malattia infettiva
  • https://www.ordineinfermieribologna.it/2015/tubercolosi-tutta-la-storia-di-una-malattia-infettiva.html
  • Quan-Hui Liu, Ajelli M., Aleta A., Merler S., Moreno Y., Vespignan A., 2018. Measurability of the epidemic reproduction number in data-driven contact networks, Proceedings of the National Academy of Sciences, www.pnas.org/cgi/doi/10.1073/pnas.1811115115
  • Scholthof K.B., 2007. The disease triangle: pathogens, the environment and society, Nat Rev Microbiol. 2007 Feb;5(2):152-6
  • Spyrou M.A. et al., 2018. Analysis of 3800-year-old Yersinia pestis genomes suggests Bronze Age origin for bubonic plague, NATURE COMMUNICATIONS, (2018) 9:2234.
  • Tognotti E., Lessons from the history of quarantine, from plague to influenza A, Emerging infectious diseases, Vol. 19, n.2, Febuary 2015.
  • Wikipedia, 2019. Voce “Colonna infame (Milano)” https://it.wikipedia.org/wiki/Colonna_infame_(Milano)

_____________________________________________________________________________

[1]              Peste in senso lato perché a produrla non fu il batterio Yersinia pestis, agente causale delle peste vera e propria.

[2]              Il clima è qui inteso come l’insieme delle diverse variabili atmosferiche che agiscono alle diverse scale spazio-temporali

[3]              Il Manzoni scrive fra l’altro che “… è un sollievo pensare che se non seppero quello che facevano, fu per non volerlo sapere, fu per quell’ignoranza che l’uomo assume e perde a suo piacere, e non è una scusa ma una colpa” (Alessandro Manzoni, Storia della Colonna infame).

[4]              Al riguardo ricordo che nella guerra di trincea l’acqua era spesso scarsa e inquinata per cui, onde evitare malattie come il tifo, si tendeva a consumare in prevalenza vino, accompagnato da cognac prima degli assalti, il che si tradusse per molti in danni epatici permanenti. Ancora peggio se la passarono molti prigionieri di guerra. Ad esempio i nostri soldati prigionieri in Austria soffrivano di una persistente sottoalimentazione dovuta non tanto al “cattiveria del memico” quanto al fatto che le condizioni alimentari in Austria erano tremende, il che fu poi fra le cause della capitolazione degli imperi centrali. Su questo posso citare i ricordi personali di mio nonno, Luigi Mariani, che dopo il 4 novembre fu fra i soldati di scorta a un treno della croce Rossa recante aiuti alimentari per la popolazione di Vienna, stremata da 4 anni di conflitto..

[5]              Quarantine non è del resto l’unico termine medico di origine italiana. Basti pensare ai termini internazionalmente noti di “influenza”, “malaria” e “pellagra” il che ci rimanda alla credibilità di cui la medicina italiana ha sempre goduto e alle piaghe che hanno afflitto per millenni la nostra popolazione.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Anche le Ostriche nel loro piccolo fanno le puzzette

Posted by on 07:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 5 comments

Anche le Ostriche nel loro piccolo fanno le puzzette

Non pare che tra gli effetti del Coronavirus ci sia la perdita del senno, per cui non credo di averlo (il virus), almeno sin qui. E neanche ho perso il senno, benché il titolo di questo post possa far pensare il contrario.

La verità, come quasi sempre accade, è pura e semplice: anche le ostriche fanno le puzzette. E non le fanno da sole, ma in compagnia di cozze, vongole, lupini… insomma, di tutte quelle che si chiamano bivalve. Ergo, dato che trattasi di emissioni soprattutto di metano, anche le bivalve hanno il loro dannato, dannatissimo ruolo nel sistema gas serra centrico che ci siamo invent… ehm, che ci hanno spiegato esistere.

Si dirà che i “muscoli”, come li chiamano i pugliesi che per averne uno tra i denti sono capaci di uccidere ma che anche tutti gli altri apprezzano eccome, sono sempre esistiti, quindi tante puzzette facevano prima, tante ne fanno ora e ne faranno domani. E invece no, perché, taaaaac, ecco lo studio apposito, che alza la bandierina (rigorosamente con una mano perché l’altra va a turare il naso… ah no, non toccatevi il viso, mi raccomando) e ci avverte che in un domani in cui dovessero crescere a dismisura gli allevamenti intensivi di bivalve per usi alimentari, potremmo dover fare i conti anche con le loro puzze in termini di climate change.

La vicenda è qui, in chiave soft su Euractiv e in chiave paper vero e proprio su Scientific Reports.

Ora, devo ricordare a me stesso e ripetere a tutti, che nutro da sempre un’ammirazione totale per quanti sviluppano un livello di passione e interesse per la scienza così profondo da riuscire a concentrarsi su aspetti che sembrerebbero insignificanti (ma che non lo sono mai) come ad esempio le abitudini digestive e a ben vedere anche sociali delle bivalve. Ma trovo anche che dover piegare questa passione e questo interesse al clima che cambia, un po’ come le pecore ristrette delle isole scozzesi di qualche anno fa per esempio, sia davvero mortificante.

Ma, tant’è, in tempi diversi da quelli del confino casalingo cui tutti siamo doverosamente obbligati forse non avrei segnalato la faccenda, oggi magari troverete comunque il tempo di leggerla.

Enjoy & Stay Healty.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »