Climate Lab – Bibliografia Generale

  • Alpert P., Ben-gai T., Baharad A., Benjamini Y., Yekutieli D., Colacino M., Diodato L., Ramis C., Homar V., Romero R., Michaelides S., Manes A., 2002. The paradoxical increase of Mediterranean extreme daily rainfall in spite of decrease in total values, Geophys. Res. Lett., 29, 1536, doi:10.1029/2001GL013554.
  • Antonioli F., e Silenzi S., (2007). Variazioni relative del livello del mare e vulnerabilità delle pianure costiere italiane. Quaderni della Società Geologica Italiana, 2, 29 pp.
  • Araus et al., 2003. Productivity in prehistoric agriculture: physiological models for the quantification of cereal yields as an alternative to traditional Approaches, Journal of Archaeological Science 30, 681–693
  • Crescenti U., Mariani L., 2010. È mutato il clima delle Alpi in epoca storica? L’eredità scientifica di Umberto Monterin. GEOITALIA, vol. 1, p. 22-27, ISSN: 1724-4285
  • Dai A.,  Lamb P.J., Trenberth K.E., Hulme M., Jones P.D., Xie P, 2004. Comment – the recent sahel drought is real. Int. J. Climatol. 24: 1323–1331
  • FAO, 2014. State of the World Fisheries and Aquaculture 2010 Fisheries and Aquaculture Department, Rome. ISBN 978-92-5-106675-1
  • Fatichi S., Caporali E., 2009. A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany, International Journal of Climatology, Volume 29, Issue 13, 1883–1893.
  • Fyfe C.J., Gillet N.P., Zwiers F.W., 2013. Overestimated global warming over the past 20 years, Nature Climate Change 3, 767–769(2013), doi:10.1038/nclimate1972
  • Gasparrini A. et al., 2015. Mortality risk attributable to high and low ambient temperature: a multicountry observational study, The lancet, vol. 386, July 25, 2015.
  • Georgiou et al., 2015. pH homeostasis during coral calcification in a free ocean CO2 enrichment (FOCE) experiment, Heron Island reef flat, Great Barrier Reef (http://www.pnas.org/content/112/43/13219.full.pdf)
  • Goehring B.M., Schaefer J.M.,  Schluechter C., Lifton N.A., Finkel R.C., Timothy Jull A.J., Akçar N., Alley R.B., 2011. The Rhone Glacier was smaller than today for most of the Holocene, Geology, July 2011; v. 39; no. 7, 679–682.
  • Healy J.D., 2003. Excess winter mortality in Europe: a cross country analysis identifying key risk factors, J Epidemiol Community Health, 2003;57:784–789
  • Helldén U. and Tottrup C., 2008. Regional desertification: A global synthesis. Global and Planetary Change 64 (2008) 169–176
  • Herrmann S.M., Anyambab A., Tucker C.J.,  2005. Recent trends in vegetation dynamics in the African Sahel and their relationship to climate, Global Environmental Change, Volume 15, Issue 4, December 2005, Pages 394-404
  • Hormes A., Müller B.U., Schlüchter C., 2001. The Alps with little ice – evidence for eight Holocene phases of reduced glacier extent in the Central Swiss Alps, The Holocene 11,3, 255–265.
  • Knudsen M.F. Seidenkrantz M. Jacobsen B.H. Kuijpers A. 2011 Tracking the Atlantic Multidecadal Oscillation through the last 8,000 years, Nature Communications, 2, 178
  • Labbé T., Gaveau F., 2013. Les dates de vendange à Beaune (1371-2010). Analyse et données d’une nouvelle série vendémiologique, Revue historique, n° 666, 2013/2, p. 333-367.
  • Lindzen R.S., M-D. Chou, e A.Y. Hou, 2001. Does the Earth have an adaptive infrared iris. BAMS, March, 417-432.
  • Mariani L., 2015 Le Ondate di Caldo – Alcuni Dati per Milano, Climate Monitor, (http://www.climatemonitor.it/?p=38481)
  • Mariani L, Parisi S, 2013. Extreme rainfalls in the Mediterranean area, in Storminess and enironmental changes: climate forcing and responses in mediterranean region. Diodato and Bellocchi (Eds.), Springer.
  • Mariani L.,  Parisi S.G., Cola G.,  Failla A., 2012.  Climate  change  in  Europe  and  effects  on  thermal  resources  for  crops.  INTERNATIONAL  JOURNAL  OF  BIOMETEOROLOGY, ISSN: 0020-7128, doi: 10.1007/s00484-012-0528-8
  • Maue R.N., 2011. Recent historically low global tropical cyclone activity, GEOPHYSICAL RESEARCH LETTERS, VOL. 38, L14803, doi:10.1029/2011GL047711, 2011
  • Mauritzen T., Stevens B., 2015. Missing iris effect as a possible cause of muted hydrological change and high climate sensitivity in models, Nature Geoscience, 8, 346–351 (2015).
  • Mc Carthy G.D., Haigh I.D., Hirschi J.J.M., Grsit J.P., Smeed D.A., 2015. Ocean impact on decadal Atlantic climate variability revealed by sea-level observations): Nature, 521, 508Ð510, 10.1038/nature14491.
  • McGregor etal 2015 Radiostratigraphy and age structure of the Greenland Ice Sheet, Journal of geophysical research, Earth surface, Volume 120, Issue 2, pages 212–241, February 2015
  • Newmann, 1992. Climatic conditions in the Alps in the years about the year of Hannibal’s crossing (218 BC), Climatic Change, October 1992, Volume 22, Issue 2, pp 139-150
  • NOAA, 2015, Trends in Atmospheric Carbon Dioxide (http://www.esrl.noaa.gov/gmd/ccgg/trends/ – sito web visitato l’8 dicembre 2015).
  • Pielke R. A., Jr., 2008. Climate predictions and observations, Nature Geoscience, n.1, april 2008, 206
  • Pielke R. A., Jr., 2013. Global Temperature Trends and the IPCC, http://rogerpielkejr.blogspot.it/2013/09/global-temperature-trends-and-ipcc.html – sito web visitato il 10 gennaio 2016
  • Pinna S., 2014. la falsa teoria del clima impazzito, Felici editore, 160 pp.
  • Sage, R.F., 1995. Was low atmospheric CO2 during the Pleistocene a limiting factor for the origin of agriculture? Global Change Biol. 1,93–106
  • Sage R.F., Coleman J.R., 2001. Effects of low atmospheric CO2 on plants: more than a thing of the past, TRENDS in Plant Science Vol.6 No.1 January 2001.
  • Screen J.A.Simmonds I., 2014. Amplified mid-latitude planetary waves favour particular regional weather extremes, Nature Climate Change, 4, 704–709.
  • Sitch, S., et al. 2015. “Recent trends and drivers of regional sources and sinks of carbon dioxide.”  Biogeosciences 12:653–679. http://www.biogeosciences.net/12/653/2015/
  • Westra S., Alexander L.V., Zwiers F.W., 2013. Global Increasing Trends in Annual Maximum Daily Precipitation. J. Climate, 26, 3904–3918.
  • Wirth S.B., Glur L., Gilli A., Anselmetti F.S., 2013. Holocene flood frequency across the Central Alps – solar forcing and evidence for variations in North Atlantic atmospheric circulation, Quaternary sciecne reviews, 80(2013), 112-128.
  • Ziskin S., Shaviv N.J., 2012. Quantifying the role of solar radaitive forcing over the 20th century, Advances in space research, 50 (2012), 762-776.
  • Zwally H.J. etal, 2015. Mass gains of the Antarctic ice sheet exceed losses, Journal of Glaciology, International Glaciological Society http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/pre-prints/content-ings_jog_15j071)

Le Previsioni di CM – 25/31 Marzo 2019

Posted by on 06:01 in Attualità | 1 comment

Le Previsioni di CM – 25/31 Marzo 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

La cellula atlantica che persiste sull’Europa occidentale sposta temporaneamente i suoi massimi ad ovest delle isole britanniche, agevolando la discesa di aria fredda di recente origine artica sull’Europa centrale, e in seconda battuta in direzione del bacino centrale del Mediterraneo. Persistono i due centri depressionari già evidenziati la settimana scorsa: quello canadese che continua ad esprimere minimi di geopotenziale da fondo scala sul Labrador, e quello meno profondo ma altrettanto vasto tra il Mare di barents e la Scandinavia. Minimo chiuso di geopotenziale in azione sulle Canarie, con associate condizioni di maltempo (Fig.1).

L’aria artica in discesa lungo il bordo orientale dell’anticiclone riuscirà a irrompere nel Mediterraneo, ma la sua azione risulterà piuttosto rapida per la rimonta vigorosa del campo di massa a partire da ovest, sotto la spinta sempre intensa del getto. L’impulso artico, tuttavia, riuscirà ad avanzare retrogrado alle basse latitudini mediterranee, fino ad entrare in fase con il minimo chiuso in azione sulle Canarie, e contribuendo alla persistenza di condizioni di instabilità sulle regioni meridionali italiane.

La settimana sarà quindi contrassegnata da un calo sensibile delle temperature e da fenomenologia che interesserà nella prima parte della settimana in prevalenza le regioni peninsulari centro-meridionali, in un contesto fresco e ventilato. Resta a secco il Nord-ovest, sempre penalizzato dalla vicinanza della cellula atlantica che impedisce l’ingresso franco di correnti umide dal Mediterraneo. Qualche segnale di cambiamento si scorge sul finire della settimana, ma è ancora troppo presto per sbilanciarsi.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì iniziali condizioni di bel tempo ovunque, ma con nuvolosità in rapido aumento dal pomeriggio sulla Carnia associata a rovesci e nevicate a quote basse, in rapido trasferimento verso il Triveneto e l’Emilia Romagna in tarda serata.

Temperature in forte diminuzione al Nord dalla serata. Entra la bora sull’alto Adriatico, maestrale forte sul Mare di Sardegna.

Martedì si libera il Nord, a seguire Toscana, Umbria e Marche dopo le nevicate a quote collinari in mattinata. Nuvolosità e fenomeni sparsi in spostamento verso le regioni centro-meridionali.

Temperature in forte diminuzione sulle regioni centrali. Venti tesi a circolazione ciclonica attorno al minimo sul Tirreno.

Mercoledì ampie schiarite al Nord e al Centro. Generali condizioni di maltempo al Sud con precipitazioni diffuse a prevalente carattere di rovescio o temporale, nevose al di sopra dei 1000-1200 metri. In serata i fenomeni tenderanno a trasferirsi verso le regioni ioniche e le schiarite avanzeranno verso la Campania e la Sicilia occidentale.

Temperature in diminuzione al Sud. Venti tesi di grecale sulle regioni centrali e meridionali.

Giovedì nuvolosità e fenomeni abbandonano gradualmente anche il Meridione dopo le ultime nevicate sulla Sila e i rovesci sulle zone ioniche al mattino. Condizioni di stabilità altrove.

Temperature stazionarie, venti di grecale ovunque, in graduale attenuazione.

Da Venerdì a Domenica condizioni di stabilità ovunque, con temperature in graduale ripresa ma su valori sostanzialmente in linea con le medie stagionali. Ventilazione debole con qualche rinforzo di tramontana che tenderà a persistere sull’Adriatico centro-meridionale e sullo Jonio.

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

La Carenza di precipitazioni sull’Italia Analizzata con l’Ausilio di Serie Storiche di Lunga Durata

Posted by on 12:59 in Attualità, Climatologia | 7 comments

La Carenza di precipitazioni sull’Italia Analizzata con l’Ausilio di Serie Storiche di Lunga Durata

di Luigi Mariani e Franco Zavatti

L’inverno 2018-2019 è stato anormalmente povero di precipitazioni. L’analisi delle serie storiche condotta ci permette di affermare che non si tratta finora di un’anomalia senza precedenti in quanto casi analoghi o più drastici sono presenti in tutte le serie storiche analizzate. Ciò detto occorre tuttavia seguire con attenzione l’evoluzione meteorologica delle prossime settimane augurandoci che la primavera faccia il suo dovere.

Il fenomeno in esame e le sue cause circolatorie

Da più parti giungono allarmi in merito alla scarsa quantità di precipitazioni  registrata negli scorsi mesi.

Dal punto di vista circolatorio il fenomeno si spiega con il lungo persistere di un anticiclone di blocco sul vicino Atlantico che ha impedito l‘accesso alla nostra area alle perturbazioni atlantiche. Tale situazione è bene illustrata dalla topografia del livello di pressione di 850 hPa e dalla carta delle isoanomale (figure 1 e 2).

Figura 1- Topografia media del livello di pressione di 850 hPa dal 1 dicembre 2018 al 28 febbraio 2019.

Figura 2- Anomalia media in altezza del livello di pressione di 850 hPa dal dicembre 2018 al 28 febbraio 2019.

Analisi basata su serie storiche

Per verificare in modo speditivo il livello di anomalia del fenomeno abbiamo svolto alcune elaborazioni riferite a serie storiche secolari italiane cui sono state aggiunte quella di Basilea di Meteosvizzera per vedere quel che accade aldilà delle Alpi, e anche per tirarsi un po’ su di morale lavorando una volta tanto con serie storiche con carattere di regolarità e buona qualità. Le serie italiane provenienti da osservatori storici sono state integrate per gli  anni più recenti con dati prodotti dai servizi meteorologici regionali o dalle stazioni sinottiche della rete GSOD o ancora da misure eseguite da noi stessi per Milano e Bologna. Il recupero e l’integrazione di tali dati è stato tutt’altro che banale e non sono da escludere errori. Al riguardo saremo grati a chi ce li vorrà segnalare.

Per attribuire un significato più concreto all’analisi condotta, la stessa è stata riferita alla somma delle precipitazioni cadute nel periodo di 5 mesi compreso fra ottobre e marzo. Tale scelta si lega al fatto che con ottobre iniziano a ricaricarsi le riserve idriche dei suoli dopo la fase siccitosa estiva e ha inizio il cosiddetto anno idrologico.

I totali sono stati limitati agli anni per i quali si disponeva di tutti i valori per i 5 mesi considerati e, ove ciò non fosse, il totalizzato è stato sostituito dal codice di sostituzione 9999. Il totalizzato è stato attribuito all’anno del mese finale, per cui ad esempio il totale dei 5 mesi compresi fra ottobre 1878 e febbraio 1879 sono assegnati  al 1879.

Le stazioni considerate per l’analisi sono elencate in tabella 1 ove si mostra anche la consistenza della serie storica a noi disponibile per ognuna di esse.

Nella tabella 2 si presenta la carta della percentuale degli anni con precipitazione inferiore a quella del 2019, per cui ad esempio un valore inferiore al 10% (aree in giallo e arancio) indica che meno di 10 anni ogni 100 sono stati meno piovosi del 2019.  Gli stessi dati sono stati spazializzati ottenendo la carta in figura 3, per una corretta interpretazione della quale occorre considerare che la figura è stata realizzata  con stazioni (indicate dalle crocette) in numero più elevato al centro-nord rispetto al mezzogiorno, rappresentato solo da Cagliari e Palermo (in futuro speriamo di ampliare il nostro dataset rendendo più omogenea la copertura).

Figura 3 – Carta della percentuale di anni in cui le stazioni di base (le cui localizzazioni sono indicate dalle crocette) presentano precipitazioni inferiori a quella del 2019. Le aree con colori dal giallo all’arancio sono quelle con maggiore anomalia pluviometrica

Dai dati in tabella 2 e figura 3 si evidenzia in particolare  che:

  1. In nessuna stazione considerata si configura per il momento un’anomalia secolare nel senso che situazioni più sensibili di anomalia negativa si sono già registrate in passato.
  2. I dati più consistenti di anomalia (aree in giallo e arancio) sono riscontrati in Emilia Romagna, Sicilia, Liguria, Toscana orientale e Marche settentrionali.
  3. La scarsa precipitazione registrata a Genova fa pensare a una scarsa attività del minimo del golfo Ligure, la cui genesi è responsabile del prolungarsi delle fasi piovose innescate dal transito delle saccature atlantiche.

Per ottenere un maggiore dettaglio spaziale si è sviluppata anche la carta in figura 4  che copre un arco temporale assai più breve di quello considerato per la carta in figura 1 ma presenta una risoluzione spaziale molto più dettagliata, essendo stata realizzata con dati provenienti da 202 stazioni della rete GSOD (le cui localizzazioni sono indicate dalle crocette e la cui qualità non è in molti casi particolarmente buona). Si noti ad esempio come aumenta la variabilità spaziale nel mezzogiorno rispetto a quanto si vede in figura 3. Si noti anche che lo stato delle riserve idriche è più problematico su Emilia centro orientale e Romagna,  Sicilia Occidentale, Sardegna sud-orientale, Marche, Abruzzo, Molise e Puglia settentrionale.

Figura 4 – Carta dello stato delle riserve idriche per i suoli a vigneto con ottima capacità di ritenzione idrica, aggiornata al 28 febbraio 2019.

Conclusioni

Non siamo al momento di fronte ad un evento che non ha precedenti, nel senso che in ogni stazione considerata abbiamo evidenziato diversi eventi di carenza precipitativa con caratteristiche più drastiche rispetto a quello in corso. La situazione è tuttavia meritevole di esser seguita con attenzione, con l’auspicio che i mesi di aprile e maggio, di norma forieri di precipitazioni consistenti specie al centro-nord, possano ripristinare le riserve idriche dei suoli ove le stesse sono più ridotte.

Tabella 1- Anagrafica delle stazioni storiche considerate per valutare il livello di anomalia pluviometrica per il periodo fino al febbraio 2019.

Tabella 2 – numero di anni meno piovosi rispetto al 2019 (valore assoluto e valore percentuale) e confronto con la norma del dato pluviometrico 2019.

Tabella 3 – I dieci anni meno piovosi di ogni serie storica per il periodo ottobre – febbraio. IL 2019 è presente solo nelle serie di Bologna (9° posto), Genova (8° posto) e Pesaro (10° posto).

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Tra il clima e l’uomo c’è di mezzo il mare

Posted by on 07:00 in Attualità | 3 comments

Tra il clima e l’uomo c’è di mezzo il mare

As long as we do not understand the climate of the past, it is very difficult to constrain the climate models needed to make realistic future scenarios

Ci sono alcune parole chiave nel periodo che avete appena letto. Clima del passato, modelli climatici, scenari realistici… Cose che dovrebbero suonare in accordo come un’orchestra ma che, invece, allo stato dell’arte producono parecchie note stonate. La frase con cui ho aperto questo post è un virgolettato pubblicato appena due giorni fa su EurekAlert. la voce è di Francesco Muschitiello, un ricercatore che, a dispetto del nome italico, lavora alla Cambridge University. L’argomento, infine, è la Corrente del Golfo o, meglio, la sua componente più settentrionale, quella parte della Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC) dove si formano le acque profonde che mantengono in movimento lo scambio tra le latitudini equatoriali del Golfo del Messico e il bordo occidentale dell’Africa.

L’articolo cui si riferisce il pezzo di EurekAlert è il seguente:

Deep-water circulation changes lead North Atlantic climate during deglaciation

In sostanza, compiendo un’operazione di sincronizzazione di vari dati di prossimità provenienti da sedimenti marini e carote di ghiaccio, in questo lavoro si è arrivati a definire il time lag (differimento) con cui in relazione alle fasi di rallentamento o accelerazione della CdG, si sono verificati nel passato dei significativi cambiamenti climatici nell’emisfero settentrionale. Quanto da loro osservato, è nell’ordine di alcune centinaia di anni, più precisamente circa 400 per le virate verso il freddo quando la corrente rallenta e, viceversa, verso il caldo quando invece accelera.

E’ tempo quindi di leggere il secondo virgolettato:

if the AMOC were to weaken to the degree it did back then, it could take hundreds of years for major climate changes to actually manifest

In pratica, il differimento tra le variazioni dell’AMOC e i cambiamenti climatici pare sia diverse volte più lungo di quanto stimato in precedenza, le condizioni delle occasioni in cui ci sono state delle oscillazioni nella velocità della CdG sono state molto diverse dalle attuali, e la velocità del rallentamento dell’ultimo episodio è stata molto maggiore di ora.

Ergo la considerazione qui sopra: ci vorranno centinaia di anni per vedere eventualmente qualche effetto di quello che sembra essere un rallentamento iniziato 150 anni fa.

Direi che si può considerare chiuso il capitolo The Day After Tomorrow, climafiction che congelava appunto il nostro emisfero in una settimana per il rallentamento della CdG. Ma forse è più importante sottolineare che, come giustamente detto dal ricercatore e riportato nell’articolo di EurekAlert, finché non si capirà qual è il ruolo degli oceani e quali siano i tempi con cui questo ruolo viene esercitato, sarà difficile disporre di scenari climatici attendibili.

Enjoy.

NB: se vi interessano altri articoli sulla CdG e i suoi derivati, nel corso degli anni ne abbiamo scritti parecchi, qui, qui e qui alcuni esempi.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Effetto Farfalla

Posted by on 06:00 in Attualità | 9 comments

Effetto Farfalla

La potenza della Farfalla

è l’Attitudine al volo

che le concede Prati di Maestà

e Volteggi facili nel Cielo.

Emily Dickinson

 

Chi può dirsi davvero insensibile al fascino di una farfalla? È un essere incredibile che vive su molteplici paradossi: leggiadro e fragile, pare spacciato di fronte ad una qualsiasi brezza d’aria eppure se la cava benissimo in mezzo al vento teso. È elegante e colorato, ma il suo vivace aspetto si fonda su una spolverata di pigmenti che non resistono alla ditata di un bimbo. Per non parlar poi della sua nascita assurda, a partire dalla brodaglia di molecole organiche apparentemente informe in cui si è disfatta la precedente vita di bruco. Non c’è da meravigliarsi se nei millenni le farfalle hanno ispirato i poeti, originato miti e leggende, suggerito interpretazioni dell’eternità.

Come se non bastasse, certe specie migrano in grandi quantità, trasformando un esserino non più grande del palmo di una mano nel protagonista di uno spettacolo della natura. In California, per esempio, è nota la migrazione delle farfalle Monarca, dal Messico al Canada, motivo di festa per i nativi ed attrazione per i turisti di tutto il mondo.

Ma ora, dopo questa introduzione leggiadra, devo drammaticamente riportare il lettore alla dura realtà… Perché anche questo spettacolo della natura è in grave pericolo: anzi, potremmo dire che in alcune aree del mondo è praticamente spacciato. Da più di dieci anni vari studi scientifici suonano la campana a morto per le eteree creature californiane [1], ovviamente a causa… del Climate Change (sì, può essere che altri fattori siano coinvolti, come l’urbanizzazione e certe pratiche agricole, ma un po’ come il Sole per l’impatto sul clima terrestre è “evidente” che questi sono del tutto marginali).

Prendiamo per esempio la vanessa del cardo (Vanessa cardui), specie diffusa in tutto il mondo e protagonista, in California, di una migrazione notevole, anche se non così spettacolare come quella della “cugina” Monarca. I californiani ci dicono che la “painted lady” vola in linea retta fino a sfiorare i quaranta chilometri orari ed è un vero spettacolo se, per gratuito dono del Cielo, vi trovate a pedalare in bici lungo una strada proprio nel mezzo di uno sciame in migrazione e riuscite a tenere la sua velocità.

Ecco che le vanesse californiane in migrazione erano un miliardo nel 2005, poco più di trecentomila nel 2017 e, tragicamente, solo venticinquemila l’anno scorso. Un fato apparentemente segnato: allora Greta ha ragione? Tra le altre cose, stiamo rubando le farfalle alle generazioni future?

Però poi succede che la realtà non si adegua alle previsioni e così – è notizia degli ultimi giorni – in questo 2019 le vanesse del cardo californiane stanno migrando a milioni (da una stima preliminare fatta dagli stessi studiosi che ne avevano denunciato il declino). Al che succede che quelli come il sottoscritto, che non sono certo entomologi, avendo al massimo qualche libro in casa sul riconoscimento delle farfalle europee, iniziano a porsi domande.

Per esempio: ma è possibile che si passi da venticinquemila esemplari a qualche milione nel giro di un anno? Certo, una farfalla depone grandi quantità di uova e i numeri relativi alla successiva generazione sono funzione dell’impatto dei predatori e della disponibilità di cibo; ma questo giustifica un fattore superiore a 40x da un anno all’altro? Viene il solito dubbio: qual è il margine d’errore sulle misure? Perché è già successo di leggere di colonie di milioni di pinguini spuntate dal nulla [3], e i pingui pinguini sono certamente più facili da individuare delle piccole farfalle. Cercando su altre fonti [4] si scopre che:

There’s some mystery there, because it’s really unknown by scientists how frequently they migrate at high altitude. We may be missing some of the picture because they fly quite high.

E così è comparsa la parola magica: unknown. Forse non le contano bene, perché non conoscono bene tutte le rotte migratorie?

Ma procediamo. Si apprende, sempre dal LA Times, che:

The life cycle of these hardy butterflies is still a bit fuzzy, but scientists believe that each winter the entire Western population retreats to the California desert to wait for the rains to come. “Once it rains, and the plants start to germinate, they breed like crazy,” Shapiro said. “So where it rains is where they breed.” This winter, the rains fell long and hard.

Scusate, mi sono perso qualcosa? “Quest’inverno la pioggia è caduta pesantemente e a lungo”? Ma in California non c’era una siccità devastante e perdurante da molto tempo [5], tanto che aveva scatenato vasti e disastrosi incendi? La peggiore siccità negli ultimi milleduecento anni [6]?

Si cerca ancora e si scopre che [7]:

“I bacini delle riserve sono pieni, i laghi sono tornati ai livelli normali, i corsi d’acqua fluiscono e c’è neve in abbondanza”, ha spiegato Jessica Blunden, climatologa del National Climatic Data Center. “La siccità è ufficialmente finita, in California, grazie agli ultimi due anni di inverni particolarmente ricchi di precipitazioni”.

E com’è che non ce l’hanno detto? E poi tutto questo era… (ah ah) previsto? La fine della siccità californiana era scritta nei ripieghi di un qualche modello climatico? Mi pare di ricordare che qualcuno abbia sostenuto che sarebbe durata decenni.

Tornando al nostro simpatico lepidottero, mi pongo una seconda domanda: da quanto tempo sono disponibili le statistiche sulla vanessa del cardo californiana? Non è che ci hanno descritto, come al solito, un trend di decrescita lineare per via di una limitata finestra temporale, mentre il fenomeno è soggetto ad oscillazioni cicliche (così come avviene per i parametri del clima terrestre)? Forse la risposta si trova [4]:

A lot of butterfly booms are cyclical, but this one is really driven by rains. In a year with more rain, we would anticipate another large migration.

Insomma, pare – come sempre – che l’uomo preveda e la natura proceda per altre strade.

Per non dire che certe previsioni sono molto strane… Nel 2012 alcuni gruppi di ambientalisti proposero lo smantellamento di un grande invaso artificiale vicino alla valle di Yosemite [8]: come è possibile che, forti dei modelli AGW, non videro la siccità incombente? Chi teme la siccità non propone certo di smantellare le riserve d’acqua esistenti.

PS Che il cambiamento climatico c’entri poco con gli incendi in California è stato detto da molti [9] e anche da ClimateMonitor. Ma si sa, noi siamo negazionisti incalliti, assolutamente inaffidabili.

____________________________________

NB: l’immagine di apertura viene da Wikimedia Commons: By Hsu Hong Lin from 南投縣集集鎮, 中華民國 – 310姬紅蛺蝶3(李榮芳攝), CC BY 2.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=64436190

[1] https://news.mongabay.com/2006/05/california-butterflies-disappear-climate-change-have-impact/

[2] https://www.latimes.com/science/sciencenow/la-sci-sn-butterflies-desert-explosion-20190312-story.html

[3] https://www.repubblica.it/ambiente/2018/03/02/news/trovata_colonia_di_pinguini_adelia-190212829/

[4] https://goldrushcam.com/sierrasuntimes/index.php/news/local-news/17877-ucla-aflutter-over-the-painted-lady-butterflies-effect

[5] http://www.meteoweb.eu/2018/11/incendi-california-siccita-cambiamenti-climatici/1180283/

[6] https://www.centrometeoitaliano.it/scienza-e-tecnologia/california-la-peggiore-siccita-degli-ultimi-1200-anni-a-dirlo-solo-le-secolari-querce-blu-09-12-2014-23216/

[7] http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/Storie-americane-in-California-finita-la-lunga-siccita-forse-in-arrivo-Arkstorm-69deb06b-5572-409b-b3a8-4de449d5ee7b.html

[8] https://ballotpedia.org/San_Francisco_Hetch_Hetchy_Reservoir_Initiative,_Proposition_F_(November_2012)

[9] http://www.lanuovabq.it/it/se-la-california-brucia-non-e-per-il-riscaldamento-globale

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Lo Scempio Quotidiano

Posted by on 06:32 in Attualità | 37 comments

Lo Scempio Quotidiano

Non ci credi che in Svezia c’è un clima mediterraneo? Allora non solo sei un negazionista. Peggio: sei un cospirazionista che trasuda odio e veleno; uno che odia i migranti, mandante morale di chi spara in moschea uccidendo fedeli in preghiera. Come tale non hai diritto di parola, e devi essere bannato dai giornali online. E ti va pure bene, perché sei una minaccia all’ordine democratico.

È questo il succo di un pezzo semplicemente incredibile pubblicato dal Fatto Quotidiano, all’interno della rubrica “Ambiente e Veleni”, rubrica che da un bel po’ di tempo ci strappa sorrisi per il tenore degli articoli che pretendono di dimostrare che moriremo tutti di caldo per colpa dei SUV, dei peti delle vacche e del metano (non) liberato dall’Artico che (non) si scioglie.

Questo pezzo, tuttavia, di sorrisi non ne strappa molti. È infatti un distillato di violenza inaudita: verbale, intellettuale, scientifica. Dall’inizio alla fine. Proviamo a fare un sunto (esercizio che mi varrebbe, da solo, una pensione per lavoro usurante).

  • L’autore prende spunto dalla decisione di un giornale olandese di bannare i commenti di chi non crede alla narrativa sull’effetto serra antropogenico (dove sarebbe la notizia? L’80% dei commenti scettici che ho provato a pubblicare in rete in questi anni sono stati sistematicamente bannati, per non parlare dell’opera sistematica di shadow-ban dei social network).
  • La censura in questione viene definita “necessaria, in questo passaggio storico” (siamo all’ora delle decisioni irrevocabili) perché c’è la questione dei migranti (?) che dimostra come la violenza verbale sul web crei terreno fertile per gli attentati terroristici alle moschee in Nuova Zelanda (??). “I cattivi maestri possono far finta di niente (…) ma quella violenza è figlia dell’odio cieco spacciato per ‘la mia opinione’” .
  • Segue una rivelazione, dal sapore vagamente biblico: “Diciamo una volta per tutte, le opinioni non sono tutte uguali. Esistono opinioni informate (…) e propaganda mascherata da opinione. Sostenere che (…) il Nord Europa a temperature mediterranee e il Mediterraneo a temperature africane siano solo il risultato di fenomeni naturali (… è) agli antipodi di anni di studi e di un’opinione largamente maggioritaria degli scienziati” (qualcuno informi l’autore che qualche migliaio di chilometri di coste africane si affacciano sul Mediterraneo).
  • Dopo aver discettato dell’esistenza di un fronte “tranquillizzazionista” (la lingua italiana prima vittima del global warming), l’autore scopre che essendo diventato il global warming “mainstream”, allora “il mercato dell’opinione negazionista fiuta ampie opportunità”. Segue un passaggio melanconico, struggente in cui l’autore si macera per il maltrattamento ingiusto riservato alla povera Greta, e per gli attacchi alle ONG, alla sinistra, e agli studenti liquidati come fannulloni.
  • Finale lirico, alto: “In un paese ignorante, vecchio e sclerotico come l’Italia, un Paese tanto stupido da accanirsi contro (…) i giovani, mancavano giusto i tranquillizzazionisti” (insomma, noi italiani facciamo veramente schifo, ma se ci spaventiamo come chiede Greta allora saremo migliori). “Questa volta non dovremmo stare a guardare. La speranza è che i media facciano la loro parte: proteggano la libertà di espressione presa in ostaggio, non la sua grottesca parodia funzionale all’ignoranza e a chi ha deciso di sfruttare le maglie larghe della democrazia per diventarne il megafono”.

In sintesi: se non prenoti le prossime vacanze estive ad Arcangelo, sul Mar Bianco, allora sei un cospirazionista, un potenziale criminale, il mandante morale di attacchi terroristici. Sei uno che odia, che vota il partito sbagliato, che “fiuta opportunità”  per sovvertire l’ordine democratico le cui maglie sono evidentemente troppo larghe perché ti è consentito (per ora) di avere una opinione e di esternarla.

Visto che al Fatto Quotidiano non vogliono “stare a guardare”, il suggerimento è di cominciare a compilare una lista di pericolosi sovversivi dell’ordine democratico da zittire al più presto, magari con qualche retata notturna. Mi permetto di suggerire qualche nome importante, giusto per cominciare (così i provvedimenti fanno più rumore, e il messaggio arriva forte e chiaro per tutti):

 

*          Necessita rogatoria

**        Defunto, da riesumare e processare come Papa Formoso

 

—————

Un ringraziamento (!) ad Andrea Beretta per la segnalazione

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Quando i risultati di una ricerca non consentono di ossequiare i dogmi, è necessario scusarsi?

Posted by on 06:00 in Attualità, Climatologia | 17 comments

Quando i risultati di una ricerca non consentono di ossequiare i dogmi, è necessario scusarsi?

Nell’ultimo numero del Bollettino dell’AIC ho pubblicato (assieme ad un collega) un articolo inerente la distribuzione geografica in Liguria della pericolosità per precipitazioni estreme.

Nell’ambito di tale lavoro è stata anche condotta una verifica in merito all’andamento temporale dei fenomeni, relativamente al periodo 1951-2010. Sono state considerate le serie dei massi annui per gli intervalli di 1, 3, 6, 12 e 24 ore; il cinquantennio 1961-2010 era coperto dai dati digitalizzati dall’Arpal per la redazione dell’atlante climatico, mentre per il periodo 1951-1960 i valori sono stati tratti dagli Annali.

La verifica ha riguardato le stazioni (13 su un totale censito di 60) che avevano oltre il 90% dei dati disponibili lungo l’intervallo temporale in oggetto. Considerando quindi i cinque parametri suddetti, sono stati studiati complessivamente 13×5 = 65 trend; i risultati sono i seguenti:

  • 32 trend crescenti (dei quali 2 significativi)
  • 33 trend decrescenti (dei quali 5 significativi)

È apparso perciò chiaro che non si riscontra alcuna variazione nell’entità degli eventi pluviometrici estremi della Liguria, durante il sessantennio 1951-2010.

Devo pertanto scusarmi anch’io di aver ottenuto tali risultati?

La domanda – evidentemente scherzosa ma al tempo stesso provocatoria – si ricollega a quanto scritto nel 2009 in un articolo uscito sull’International Journal of Climatology (S. Fatichi e E. Caporali, “A comprehensive analysis of changes in precipitation regime in Tuscany”) e consistente in un’ampia analisi statistica dei dati contenuti nell’archivio online del SIR (il Servizio Idrologico Regionale toscano). Dalla ricerca non è emersa alcuna modificazione apprezzabile nei caratteri delle precipitazioni in Toscana durante il XX secolo; tale risultato è perfettamente in linea con quanto il sottoscritto aveva già pubblicato pochi anni prima, sia sul Bollettino della Società Geografica, sia sotto forma di una monografia dedicata alle piogge intense.

Ebbene, Fatichi e Caporali, dopo aver riassunto quanto scaturito dalla loro ricerca, scrivono testualmente nelle conclusioni: «Gli autori presumono che la presenza di numerosi feedback potrebbe ritardare o eliminare le conseguenze del riscaldamento globale sul regime delle precipitazioni, soprattutto in un sistema climatico complesso come quello dell’Italia centrale». Tale affermazione, del tutto gratuita e completamente scollegata dal contesto del lavoro, è riportata addirittura pure nell’abstract, quindi nel frontespizio del testo, dove infatti è analogamente precisato: «La complessità del clima nell’Italia centrale, ovvero l’azione di numerosi feedback, potrebbe infatti distorcere o rimuovere le conseguenze del riscaldamento globale sul regime delle precipitazioni».

Pare allora di essere di fronte a delle vere e proprie scuse per non essere stati in grado di confermare il dogma della “tropicalizzazione” delle regioni mediterranee (In proposito il sottoscritto è ancora in attesa di leggere dei lavori, seri, che possano dimostrare una tesi tanto suggestiva, quanto assurda).

In casi simili mi sembra però opportuno soffermarsi a ragionare sul ruolo dei revisori.

A mio parere, se fossero davvero interessati solo alla qualità dei contenuti, non dovrebbero consentire di far pubblicare delle considerazioni che il lavoro non permette, in alcun modo, di fare; ho invece il forte timore che spesso siano invece sensibili a questioni che finiscono per essere prevalentemente ideologiche.

Nell’articolo in oggetto vi è un errore macroscopico: il grafico della serie dei totali annui mediati sulla regione riporta un minimo nel 1938, stimabile attorno ai 280 mm (si veda subito sotto):

Si tratta di un valore di fatto impossibile, in ragione della posizione geografica della Toscana e dei suoi aspetti orografici; l’errore deriva da un problema esistente nell’archivio online ed oggi rimosso a seguito di una mia segnalazione. Faccio presente da un lato che l’anomalia del grafico è così evidente da essere stata immediatamente notata da tutti gli studenti ai quali ho fatto leggere l’articolo, e dall’altro che un controllo sugli Annali avrebbe permesso di verificare in pochi minuti l’entità dell’errore; si noti che il dato reale del 1938  è vicino agli 800 mm.

Se già è strano che gli Autori non abbiano notato il problema, è però preoccupante che ciò non sia avvenuto neppure da parte dei revisori, i quali sembrano così essersi concentrati maggiormente sulle frasi di ossequio al dogma, piuttosto che su rilevanti questioni climatologiche.

NB: questo post è uscito in origine sul blog dell’autore.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Le Previsioni di CM – 18/24 Marzo 2019

Posted by on 06:32 in Attualità | 4 comments

Le Previsioni di CM – 18/24 Marzo 2019

Queste previsioni sono a cura di Flavio

————————————————————–

Situazione sinottica

Una veloce ondulazione atlantica interessa in queste ore l’Europa centrale e con le sue propaggini meridionali il Nord Italia e la regione alpina dove porta un ennesimo contributo di nevicate in una stagione che specie sui versanti esteri è stata generosissima in termini di accumuli nevosi. Il freddo colpisce duro…dove è di casa, con un nocciolo di aria gelida in quota sul Mare di Baffin e valori di geopotenziale da fondo scala, tali da annichilire l’anticiclone stagionale che stazionava sulla Groenlandia da molti mesi a questa parte. È una manifestazione delle condizioni di freddo inusuale che stanno interessando l’Artico dall’inizio dell’anno, con temperature estremamente basse, decisamente inferiori alla media degli ultimi dieci anni.

Una depressione più lasca interessa la Scandinavia, dove persistono le nevicate, specie sulla Svezia centro-settentrionale e sulla Finlandia. Anticiclone dinamico sulla Russia, a ricordarci che ormai la primavera astronomica è davvero dietro l’angolo (Fig.1).

L’ondulazione atlantica già citata evolverà rapidamente in cut-off a causa della rimonta veloce della cellula atlantica in senso zonale, muovendosi in direzione dell’Algeria e quindi del Marocco. Il bacino centrale del Mediterraneo resterà quindi sotto l’azione di correnti orientali di origine continentale che apporteranno sull’Italia condizioni di tempo stabile, soleggiato, fresco al mattino e mite nel pomeriggio, specie nelle aree interne.

Vale la pena notare che mercoledì 20 Marzo intorno alle 23:00 ora italiana inizierà ufficialmente la primavera, e il tempo atmosferico sembra volercelo ricordare, regalandoci delle condizioni atmosferiche tipicamente primaverili in barba alla narrativa ridicola sulla “catastrofe climatica” che infesta i giornaloni italiani in questi giorni.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì schiarite ampie a Nordovest dopo le nevicate della notte sulle Alpi. Residui rovesci sulla Valpadana centrale in rapido trasferimento verso il Triveneto dove le nevicate saranno piuttosto estese a quote superiori agli 800-1000 metri. Nuvolosità e fenomeni in spostamento verso l’Emilia Romagna con nevicate sull’Appennino alle quote medie, e in direzione delle Marche con addensamenti e qualche precipitazione anche sull’alta Toscana. Parzialmente nuvoloso sul resto delle regioni centrali, e generalmente sreno al Meridione.

Temperature in diminuzione al Centro-Nord. Venti tesi di maestrale sui bacini occidentali, scirocco debole sull’Adriatico.

Martedì ampie schiarite al Nord e Toscana, salvo addensamenti e precipitazioni che tenderanno a persistere sulla Romagna. Nuvolosità irregolare sulle restanti regioni con acquazzoni sparsi alternati a schiarite.

Temperature in lieve diminuzione, venti moderati settentrionali sui bacini di ponente.

Mercoledì gran sereno al Nord. Nuvolosità e fenomeni in spostamento verso il Tirreno dalle regioni centrali e meridionali, e condizioni di tempo spiccatamente instabile sulle isole maggiori con precipitazioni diffuse, anche a carattere di rovescio o temporale.

Temperature in leggero aumento al Centro-Nord. Venti di grecale su tutto il Paese.

Giovedì nuvolosità irregolare sulle isole maggiori con precipitazioni sparse, sereno altrove.

Temperature in aumento, venti dai quadranti orientali.

Venerdì condizioni di stabilità ovunque, salvo residui addensamenti sulle isole maggiori.

Venti orientali deboli, tempreature stazionarie.

Sabato condizioni di stabilità su tutto il Paese. Venti deboli e temperature stazionarie.

Domenica possibile peggioramento su regioni adriatiche e al Sud per infiltrazioni di aria fresca dai quadranti nord-orientali. Temperature in diminuzione, venti tesi di grecale al Centro-Sud.

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Fridays 4 Everything but the climate

Posted by on 06:00 in Ambiente, Attualità | 14 comments

Fridays 4 Everything but the climate

Pare che in materia di clima e ambiente la nuova generazione abbia preso consapevolezza, almeno questo è quello che dice quella vecchia nei commenti entusiastici alla giornata di venerdì.

Vediamola questa consapevolezza.

Sorpresi? Io no, alla loro età non ne sapevo molto di più, di questa materia come di tutto il resto. Però manifestavo, come tutti, come molti, per ragioni che non ricordo, anzi, che ricordo di non aver mai saputo. Ma erano sempre delle cause buone e giuste, ovviamente.

Quindi niente di nuovo, ben venga l’entusiasmo dei giovani per la giusta causa dei nostri tempi. Ma, forse, ripensandoci, qualcosa di nuovo c’è. C’è che nell’era della globalizzazione, che ha amplificato enormemente gli effetti di questo gioioso movimento, nell’era in cui la propaganda è talmente forte da far proprio anche il ribellismo volgendone i numeri a proprio favore, i numeri sono stati decisamente importanti.

Pensate che bello sarebbe vederli sfilare sotto la bandiera della scienza, un fantastico #Strike4science invece di #Strike4climate… In effetti però per farlo si dovrebbe spiegare, studiare, capire, una faticaccia. Meglio, molto meglio lasciarsi guidare a colpi di luoghi comuni dal mainstream.

Numeri importanti si diceva, tanto che, non so se per riflesso o per rigetto, mentre sui media echeggiavano interviste come quelle qui sopra portate a esempio di consapevolezza, il villaggio di Asterix, il nostro blog, faceva il record di contatti di tutti i tempi raccontando il rovescio della medaglia di Greta. Più del giorno del climategate, più della neve a Roma, più dello split de Vortice Polare. Tanta gente davvero per un piccolo villaggio.

Quindi, lasciatemelo dire, grazie Greta! Grazie di aver segnato l’apice e quindi l’inizio della fine di questa isteria di massa segnata dall’analfabetismo funzionale.

Peccato che dopo ne arriverà un’altra…

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Piogge nel Sahel Occidentale e influenza ENSO-Sole

Posted by on 06:00 in Ambiente, Attualità, Climatologia | 3 comments

Piogge nel Sahel Occidentale e influenza ENSO-Sole

di Franco Zavatti e Luigi Mariani

In questo post viene studiata la pioggia del Sahel Occidentale (20°-10°N, 20°W-10°E), grosso modo l’area mostrata in questa mappa riportata anche in basso. I dati derivano dal sito http://research.jisao.washington.edu/data/sahel/#values e sono i valori mensili da gennaio 1901 a dicembre 2017 e i valori annuali derivati dai valori mensili.
I dati mensili di figura 1 mostrano un andamento mediamente positivo da inizio serie al 1970, con un’improvvisa risalita nel 1950; poi una lenta discesa fino al 1970 e valori negativi fino al 1990; seguono valori quasi nulli (o leggermente positivi) e costanti fino a circa il 2008, anno da cui è iniziata una risalita delle precipitazioni che dura tutt’ora.

Fig.1: Piogge mensili nel Sahel Occidentale (20-10°N, 20°W-10°E) e spettro LOMB della serie.

Lo spettro LOMB di questi dati mostra una serie di massimi che saranno discussi più avanti, dominati dal massimo principale (non presente in figura 1 perché una serie estesa 118 anni non permette di identificare con sicurezza un periodo praticamente uguale) di periodo 116 anni e da quello di periodo 1 anno che sottolinea la cadenza annuale della precipitazione.

La funzione di autocorrelazione della precipitazione mensile appare affetta da una memoria a lungo termine (ACF a lag 1=0.392) di “potenza” intermedia, caratterizzata da massimi secondari (ACF di circa il 30% o leggermente inferiori) che si susseguono a 12 mesi di distanza, in pratica confermando il periodo di 1 anno già visto nello spettro.

Fig.2: Funzione di autocorrelazione (ACF) della serie pluviometrica mensile del Sahel Occidentale. Da notare la cadenza annuale dei massimi secondari di ACF che mette in evidenza la periodicità stagionale. Nello spettro di figura 1 si vede il forte massimo di periodo 1 anno.

La serie mensile non verrà usata nel seguito del post e serve solo per confermare i risultati, in particolare lo spettro, ottenuti dalla serie annuale: infatti i massimi spettrali coincidono (i 116 anni diventano circa 94 ma ne abbiamo visto le ragioni; i 29-32 anni diventano circa 33), anche se per il calcolo degli spettri sono stati usati due metodi diversi.

La figura 3 mostra un salto (break point) nel 1950, seguito da un’evidente diminuzione della precipitazione che, dal 1950, termina nel 1985. Poi un incremento delle piogge al ritmo molto basso di circa 0.07 cm/anno.

Fig.3: Pluviometria annuale del Sahel Occidentale e suo spettro MEM.

Nella figura 4, lo spettro di figura 3 è stato suddiviso in due gruppi di periodi identificati dalle ellissi gialle (chiare e scure) per sottolineare che che uniche caratteristiche spettrali che si osservano sono quelle tipiche dell’influenza solare e di ENSO, tranne il massimo a 33 anni che non siamo in grado di identificare con certezza (ma la figura 8 può dare un’utile indicazione).
Il massimo a 7.1 anni desta un po’ di sorpresa: infatti è una caratteristica della regione ElNiño 1.2, quella geograficamente più ad est, dove “nasce” El Niño e che sembrerebbe in grado di generare le teleconnessioni con meno forza rispetto alle regioni 3.1 e 4 (http://www.climatemonitor.it/?p=42356, figura 3 e tabella finale), invece questo massimo dimostra il contrario, anche se appare il più debole tra quelli identificati. L’area iniziale di ENSO sembra trasferire alcuni suoi effetti alla fascia tropicale dell’Atlantico orientale.

Fig.4: Come figura 3, con evidenziati i massimi spettrali relativi al Sole (giallo scuro) e ad ENSO (giallo chiaro). Il massimo a 7.1 anni corrisponde ad un debole segnale di ElNino 1.2, la regione da cui parte il fenomeno El Nino.

Le ellissi di figura 4 sottolineano i gruppi di massimi spettrali con i quali la precipitazione del Sahel Occidentale è in relazione. Qui si osservano due aspetti: la presenza di massimi riconducibili all’influenza solare, come (con tutte le sue incertezze dovute alla lunghezza della serie) il ciclo di Gleissberg e i massimi a 11.7 e 9.8 anni (Scafetta, 2012) e di massimi legati alle oscillazioni del Pacifico equatoriale (ENSO) dei quali fanno parte tutti i picchi identificati.

Fig.5: Funzione di autocorrelazione (ACF) delle piogge annuali. L’ACF a lag 1 vale 0.37 e anche in questo caso si ha una memoria a lungo termine di media intensità.

Seguendo Laurenz et al., 2019 e la sua correlazione tra indici climatici in Europa, abbiamo calcolato la funzione di cross-correlazione (CCF) tra la serie delle macchie solari (SSN-V2, Clette et al., 2014) e le precipitazioni di giugno-settembre nel Sahel Occidentale (entrambe annuali).

In figura 6, quadro superiore, mostriamo la serie completa dei gruppi di macchie solari, dal 1700 al 2018 con, sovrapposti, un filtro passa-basso di finestra 11 anni e il periodo del minimo di Dalton (in grigio) anche per un confronto con il minimo attuale di cui non conosciamo ancora il valore più basso.
Nel quadro inferiore si vedono gli stessi dati, limitati dal periodo in cui sono state misurate le piogge (1901-2017).

Macchie solari e pioggia sono graficate insieme (opportunamente scalate) nella figura 7a, mentre in 7b è mostrata la funzione di cross-correlazione tra le due serie. Si vedono bene i valori molto bassi della correlazione, e in particolare il valore zero della CCF a lag 0 ma, osservando la figura 7a, si può pensare ad una correlazione tra il 1901 e il 1970 e ad una anticorrelazione tra tra il 1970 e il 2007. Il calcolo della correlazione di Pearson per questi due intervalli fornisce i valori 0.066 e 0.009, del tutto incompatibili con una qualsiasi forma di relazione tra le due serie. Dobbiamo allora supporre che le relazioni osservate da Laurenz et al., 2019 per l’Europa, non abbiano luogo per la fascia tropicale dell’Africa occidentale.

Fig.6: Numero di macchie solari (versione 2 o V2) nella serie completa fino al 2018; in basso i dati nel periodo 1901-2017, lo stesso della serie delle piogge del Sahel Occidentale.

Fig.7: a) confronto tra SSN e pioggia del Sahel, scalata in modo da essere vicina a SSN, nel periodo 1901-2017. b) Funzione di cross-correlazione tra le due serie in a).

Ancora, le firme caratteristiche (periodi di 50-70 anni) delle grandi oscillazioni oceaniche come AMO e NAO non si osservano negli spettri del Sahel, almeno non nettamente (probabilmente il massimo a 33.4 anni si può associare ai 34 anni delle temperature marine). Solo ENSO e Sole sembrano interagire con la circolazione sul Sahel, almeno per quanto riguarda i fenomeni periodici.

Le temperature superficiali marine (SST) dell’oceano globale sono riportate con il loro spettro MEM in figura 8.

Fig.8: Spettro della SST globale HadCrut dal 1850 al 2012. il periodo tipico di questo indice climatico, circa 60 anni, è ben visibile.

Si nota che il massimo pricipale in figura 8 non è presente nello spettro del Sahel (figura 4), mentre è presente il massimo a 34 anni che in precedenza non era stato definito. Il massimo a 15 anni si vede (non è indicato con un numero) anche nel Sahel, mentre quello a 23.4 anni, piuttosto forte, si presenta nel Sahel come una leggera increpatura di nessuna importanza. Si può confermare che l’influenza di SST non è forte nelle precipitazioni del Sahel, anche se è presente con alcuni massimi secondari. Di questi massimi, alcuni (3.8, 2.7 anni) sono presenti anche nello spettro di El Niño e questo fatto sottolinea i rapporti, sicuramente stretti, tra SST ed ENSO.

Tutti i grafici e i dati, iniziali e derivati, relativi a questo post si trovano nel sito di supporto qui.

Bibliografia

 

  • Clette F., Svalgaard L., Vaquero J.M., Cliver E.W: Revisiting the Sunspot Number . Space Sci Rev, 186, 35-103, 2014. doi: 10.1007/s11214-014-0074-2
  • Laurenz et al., 2019 Laurenz, L., Lüdecke, H.-J., Lüning, S.: Influence of solar activity changes on European rainfall , Journal of Atmospheric and Solar-Terrestrial Physics, 2019. doi:10.1016/j.jastp.2019.01.012
  • Scafetta, N.: Multi-scale harmonic model for solar and climate cyclical variation throughout the Holocene based on Jupiter-Saturn tidal frequencies plus the 11-year solar dynamo cycle, J. Atm. & Sol-Terr. Phys., doi:10.1016/j.jastp.2012.02.016, 2012

 

Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

Coincidenze

Posted by on 06:01 in Attualità | 25 comments

Coincidenze

C’è una cantante svedese, artista molto nota in patria.

L’artista scrive un libro sulla sua vita, coautori il marito e la figlia. Un libro molto personale, in cui la cantante affronta argomenti difficili, terribili per un genitore. Come la malattia della figlia appena adolescente e con alle spalle problemi importanti di salute tra cui depressione e una forma di autismo.

Quattro giorni prima della pubblicazione del libro, il 20 Agosto 2018, la ragazza inizia una singolare forma di protesta davanti ad un edificio simbolico del suo paese.

Quello stesso giorno, mentre protesta, la ragazza incontra un signore, tale Rentzhog, che posta immediatamente un messaggio commovente su Facebook sull’incontro fatale.

Quel signore si scopre essere un esperto di marketing e pubblicità, nonché presidente e direttore di un Think Thank che promuove lo “sviluppo sostenibile”. Fondatore del Think Thank in questione, è la figlia di un politico socialdemocratico svedese, miliardario.

Il Think Thank in questione, nonostante si dichiari “politicamente indipendente”, è in realtà fortemente impegnato in politica contro i “nazionalismi” in imminenza delle elezioni europee.

Il signore/esperto di marketing/presidente/direttore di cui sopra, dopo il fatale incontro con la ragazza fonda una start-up: “We Do not Have Time”. Di tempo in effetti gliene basta poco, perché solo 3 giorni dopo aver nominato la ragazza nel Consiglio di Amministrazione della società, Rentzhog lancia una campagna per la raccolta di quasi 3 millioni di euro.

La ragazza diventa immediatamente famosa in tutto il mondo.

La ragazza si chiama Greta Thunberg.

———————

La ricostruzione è stata fatta da un giornalista d’inchiesta svedese, e ripresa da alcuni quotidiani internazionali tra cui lo Spiegel e lo svedese Svenska Dagbladet. Stranamente da nessun quotidiano italiano, ma maggiori dettagli su questa storia si trovano sul blog occhidellaguerra.it, una gemma preziosa di informazione indipendente che spazia dalla geopolitica alla finanza.

Ognuno la pensi come vuole, naturalmente. Magari è solo la storia bellissima e naturalissima di una ragazza, della sua famiglia, dell’impegno totalizzante di una ragazzina per una causa che la aiuta ad affrontare la sua malattia. Una storia bellissima condita di una serie di incontri assolutamente fortuiti e di coincidenze sorprendenti ma alla fin fine irrilevanti.

O magari no, e invece si tratta di una pura operazione di marketing organizzata nei minimi dettagli per essere sfruttata commercialmente e politicamente.

Sia quello che sia, una cosa è certa: c’è una ragazza che non sta bene, minorenne, con un passato già abbastanza ricco di  sofferenza fisica e mentale. Chi manda in giro questa ragazza a fare la testimonial di cause climatiche/politiche/sociali sicuramente nobilissime e disinteressatissime ha il dovere di tutelare la sua salute, fisica e mentale.

Perché se è vero che le grandi utopie e ideologie del passato non hanno esitato a passare sopra la sorte dei singoli, per il presunto bene della collettività, è anche vero che oggi è cambiato tutto, e le grandi ideologie e utopie di questi giorni sono fondate esclusivamente sul bene di tutti, e a discapito di nessuno.

Vero?

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Translate »