Se tutto va bene non moriremo congelati

Posted on 28 marzo 2015

Ma sarà comunque un casino, perché il clima che cambia è cambia male non perdona.Dunque, qualcuno ricorderà che in occasione degli inverni un po' rigidi degli anni scorsi in Europa e degli ultimi due anni negli USA orientali, hanno iniziato a circolare fantasiose spiegazioni. Che fosse il 'polar vortex', portato giù da un non meglio specificato getto più debole, o che si trattasse di una conseguenza dello scioglimento dell'Artico, comunque ...

Read More


E’ tornato il giorno dopo domani

A volte ritornano verrebbe da dire. Con una cadenza quasi regolare. Senza mezzi termini, ci risiamo con il rallentamento della Corrente del Golfo. Nuovo studio nuova corsa, acquistare i gettoni alla cassa, due delle più prominenti figure di spicco della kermesse climatica Michael Mann (quello dell'hockey stick) e Stefan Rahmstorf hanno pubblicato la loro ultima fatica su Nature Climate Change. Sotto la lente di ingrandimento, insieme alle loro ...

Read More


Quest’anno non si parlerà di ciliegie

Posted on 26 marzo 2015
Articolo di

...nè, ovviamente, di ciliegi giapponesi, scientificamente noti come Prunus x yedoensis, quelle fantastiche piante che popolano i giardini del Giappone e sono considerate un bene nazionale. Ma, dicevo, non ne sentiremo parlare, perché pare che la fioritura sia in ritardo. La leva climatica, quindi, ha funzionato al contrario.  Naturalmente tutti gli esperti del settore, dai meteorologi ai botanici - la fioritura è appunto anche ...

Read More


La derivata dell’invito alla lettura

Articolo di

Stavo facendo un giro per i blog che parlano di clima e sono capitato su quello di Mike Hulme,  nome piuttosto noto nell'ambiente. Non sapevo avesse scritto un libro sulla geoingegneria o, meglio, sulla non-geoingegneria. La pratica credo sia nota ai più: con questo strano neologismo, ormai neanche tanto neo, si identificano tutti quei progetti per lo più strampalati, che suggeriscono di mettere mano agli attrezzi per 'sistema...

Read More


La pausa del GW: livello di attenzione?

Anche se da quasi due anni non pubblico nulla sui dati NOAA, il dataset di temperature (anomalie) globali terra+oceano che si può scaricare mensilmente da qui, non ho mai smesso di raccoglierw i dati mese dopo mese e di elaborarli in modo uniforme. Adesso ho a disposizione 40 file mensili, da novembre 2011 a febbraio 2015 e, per ognuno di essi, ho raccolto nel sito di supporto: il grafico dei dati e del loro fit lineare. i residui dal ...

Read More


A caccia di aerosol in un clima poco sensibile

Articolo di

Di aerosol ci è capitato di parlare più di una volta, sono, o meglio, è, quella gran quantità di particelle solide sospese in atmosfera, siano esse di origine organica o inorganica, antropica o naturale. Le fonti sono innumerevoli, tutte molto difficilmente quantificabili, alcune inserite nella ciclicità delle dinamiche del sistema, altre, non per questo con mino diritto di cittadinanza, dal comportamento molto più casuale sebbene spesso ...

Read More


Piaccia o no, il Sole c’è sempre stato

Articolo di

[...] Ciò a sua volta rafforza l'idea che le variazion indotte dall'attività solare influenzino il clima. In questa immagine, l'aumento dell'attività solare è responsabile di circa la metà del riscaldamento globale attraverso una riduzione del flusso di raggi cosmici, lasciando poco da spiegare attraverso l'attività antropica. Sempre in questa immagine, la sensibilità climatica è nell'estremo più basso (forse da 1 a 1,5°C di aumento ...

Read More


Chi la fa l’aspetti, addio vacanze in posti esotici

Posted on 22 marzo 2015
Articolo di

Dalle mie parti si dice predicare bene e razzolare male, con riferimento a quella pratica piuttosto antipatica di dar buoni consigli ma di guardarsi bene dal seguirli in prima persona. L'argomento è quello delle adunate oceaniche dei summit climatici e del loro impatto ambientale ma, più in generale del gran lavorio di trasferte in giro per il mondo per assistere a quella o questa conferenza o per presentare un lavor, o, ancora più in ...

Read More


La Natura come l’Enterprise di Star Trek

Articolo di

Un paio di mesi fa abbiamo pubblicato un breve post dove si parlava di distrails (l'opposto di contrails) e di fallstreak holes, due curiose formazioni nuvolose in cui è significativo il processo di dissipazione più che quello di condensazione. In particolare le fallstreak holes sono nubi alte, in genere cirrocumuli, in cui un disturbo alla massa d'aria che le genera, le cui condizioni di equilibrio sono spesso molto precarie, innesca un ...

Read More


Equinozio di Primavera, due eventi straordinari insieme

Articolo di

Notte uguale al dì, questo l'esatto significato della parola equinozio (æquinoctium). In tutti i punti della terra dove il Sole supera l'orizzonte notte e giorno hanno la stessa durata e il Sole è allo zenit all'equatore. Tutto per effetto dell'inclinazione dell'asse di rotazione della Terra rispetto al piano dell'orbita attorno al Sole. Tutto qui? In genere sì, salvo il fatto che questo accade due volte l'anno, in marzo, con appunto ...

Read More


Il Museo del Bardo, sulle tracce di Magone

Posted on 19 marzo 2015
Articolo di

Una testimonianza da una Tunisia che non si arrende all'instabilità ed alla quale dobbiamo oggi essere più che mai vicini. Questo è un mirror del post uscito su Agrarian Sciences _____________________________________________________ Martedì 10 marzo ero al Museo del Bardo per partecipare al colloquio internazionale "Sulle tracce di Magone - un nuovo itinerario culturale nel mediterraneo, fra Sicilia e Tunisia", organizzato dall'Assoc...

Read More


L’evento caldo del 1540 in alcuni dati di prossimità

Posted on 19 marzo 2015
Articolo di

Proseguendo nel confronto tra eventi meteo-climatici importanti registrati dai dataset storici derivati da proxy, ho trovato citato, in un commento di Tonyb sul sito di Judith Curry, un lavoro di due ricercatori svizzeri, Wetter e Pfister (2013) (liberamente disponibile: v. bibliografia) relativo ad una serie di temperatura (Meier et al., 2007) derivata dalla data di vendemmia e da alberi delle Alpi. Sembra che gli autori di questa serie (tra i ...

Read More


Dagli allarmi sensazionalistici . . . . . . al silenzio totale

Posted on 18 marzo 2015
Articolo di

L’estate 2014 in Italia era risultata un po’ fresca e notevolmente piovosa; tale situazione era stata interpretata come l’ennesimo esempio di quei drastici cambiamenti climatici che ormai avrebbero preso corpo. Un’anomalia comunque ben minore di quanto si paventava per l’inverno 2014-2015. Infatti, tra la fine d’agosto e i primi di settembre, l’attenzione mediatica verso la meteorologia si rivolse alle previsioni che indicavano ...

Read More


Un mese di meteo – Febbraio 2015

Posted on 17 marzo 2015

IL MESE DI FEBBRAIO 2015 (**) Un mese caratterizzatosi per il transito di tre saccature atlantiche il cui effetto è stato prolungato nel tempo, specie al centro-sud, dallo sviluppo di depressioni mediterranee. A livello termo-pluviometrico si evidenzia una prevalente anomalia pluviometrica positiva ed un’anomalia termica positiva sul Centro-Nord. Andamento circolatorio Il mese in esame si è caratterizzato per il transito di tre ...

Read More


Come (non) ti modello il clima

Articolo di

Mentre procede senza sosta la ricerca di una spiegazione plausibile per le ferie che il global warming sembra essersi preso dall'inizio di questo secolo - per inciso questa è l'ultima ma siamo ben oltre la sessantina, più passa il tempo e più si fa strada una seconda ipotesi. Posto che l'aumento delle temperature superficiali atteso per l'incremento della concentrazione di gas serra non è lineare ma deriverebbe da complessi meccanismi di ...

Read More