Non resisto, mi unisco al coro

Posted on 7 maggio 2011
Articolo di

E chi lo avrebbe mai detto? Mille volte abbiamo scritto che parlare di consenso nel contesto della complessa materia del clima e scienze correlate è assurdo. Ora mi tocca tornare sui miei passi. Aderisco al consenso dell’ambientalismo più sfrenato, quello di George Monbiot. Un castigamatti della protezione ambientale, un convinto assertore dell’AGW, un duro e puro della sostenibilità e della decrescita felice.

Perché?

Perché ha scritto questo:

All of us in the environment movement, in other words – whether we propose accommodation, radical downsizing or collapse – are lost. None of us yet has a convincing account of how humanity can get out of this mess. None of our chosen solutions break the atomising, planet-wrecking project. I hope that by laying out the problem I can encourage us to address it more logically, to abandon magical thinking and to recognise the contradictions we confront. But even that could be a tall order.

Tutti noi del movimento ambientalista, in altre parole – sia che si propongano adattamento, decrescita radicale o collasso – siamo perduti. Nessuno di noi ha ancora un’idea convincente su come l’umanità possa venir fuori da questo caos. Nessuna delle soluzioni che abbiamo scelto spezza l’atomizzante progetto distruggi-pianeta. Spero che tirando fuori il problema io possa incoraggiarci ad affrontarlo più logicamente, ad abbandonare il pensiero magico e riconoscere le contraddizioni che abbiamo. Ma anche questo potrebbe essere un task difficile.

Delle due una: o sta facendosi giorno o è talmente buio che hanno realizzato di aver bisogno della luce.

NB:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail

1 Reply to "Non resisto, mi unisco al coro"


Got something to say?

Some html is OK