Salta al contenuto

L’importante è che non si sappia in giro

[photopress:nobel_medal.jpg,thumb,pp_image]Ho appreso questa notizia per caso, cercando tutt’altro nella foresta del web. La polemica sull’assegnazione del Nobel per la Pace non si placa, ma a quanto pare questo non è argomento su cui dovremmo essere informati. Mentre fervono i preparativi per l’ennesimo evento clima-mediatico dell’anno, la conferenza ONU sui cambiamenti climatici che si terrà a Bali a dicembre, proviamo ad informarci da soli. E’ accaduto in passato che dei Premi Nobel fossero rifiutati per umiltà, ma mai era accaduto che ciò avvenisse per generale (e non generico) dissenso con la deriva ideologica di cui sono ormai protagonisti gli assegnatari del premio.

Da una parte un uomo politico che, senza neanche aver smesso di rubare le caramelle ai bambini, pretende di essere seguito sulla strada che ha intrapreso dopo essere stato folgorato sulla via di Damasco ed una istituzione che “deve” provare che se il clima cambia è tutta colpa dell’umanità (così recita lo statuto dell’IPCC), altrimenti dovrebbe chiudere i battenti.

Dall’altra un uomo sulla cui opinione non vorrei esprimere pareri, ma è veramente difficile non condividere concetti tanto elementari quali quelli espressi nella lettera con la quale ha cortesemente rifiutato di fregiarsi del premio Nobel. In uno dei commenti che ho letto, che esprimeva un ovviamente legittimo dissenso, si faceva notare che se mille e più tra scenziati, uomini politici ed economisti vari che compongono il panel delle Nazioni Unite si dissocia, ne restano sempre altri 1999. Bene, dato che a quei 1999 i megafoni non mancano, a quell’unica (?) voce discorde l’amplificazione proviamo a darla noi.

E’ una lettera in cui alle riflessioni personali si sommano i dati di fatto scaturiti da una attività di ricerca i cui risultati pongono molti interrogativi. Il riferimento è alla importante differenza che c’è tra le serie di dati di osservazione provenienti dalle stazioni terrestri e le osservazioni fatte con le sonde satellitari. Incertezze che non lasciano molti dubbi su ciò che sia giusto fare e ciò che non lo è.

Ora vi lascio alla lettera, della quale trovate la traduzione nella nostra area download ( [drain file 3 url] ). Diamo atto al Meteogiornale di essere stato l’unico media ad occuparsi di questo argomento, riprendendo la lettera pubblicata dal Wall Street Journal all’inizio di novembre. Nessun’altro in Italia ne ha parlato, forum e blog di appassionati esclusi ovviamente.

My Nobel Moment
By JOHN R. CHRISTY
November 1, 2007

I’ve had a lot of fun recently with my tiny (and unofficial) slice of the 2007 Nobel Peace Prize awarded to the Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC). But, though I was one of thousands of IPCC participants, I don’t think I will add “0.0001 Nobel Laureate” to my resume. The other half of the prize was awarded to former Vice President Al Gore, whose carbon footprint would stomp my neighborhood flat. But that’s another story. Both halves of the award honor promoting the message that Earth’s temperature is rising due to human-based emissions of greenhouse gases. The Nobel committee praises Mr. Gore and the IPCC for alerting us to a potential catastrophe and for spurring us to a carbonless economy.

I’m sure the majority (but not all) of my IPCC colleagues cringe when I say this, but I see neither the developing catastrophe nor the smoking gun proving that human activity is to blame for most of the warming we see. Rather, I see a reliance on climate models (useful but never “proof”) and the coincidence that changes in carbon dioxide and global temperatures have loose similarity over time.

There are some of us who remain so humbled by the task of measuring and understanding the extraordinarily complex climate system that we are skeptical of our ability to know what it is doing and why. As we build climate data sets from scratch and look into the guts of the climate system, however, we don’t find the alarmist theory matching observations. (The National Oceanic and Atmospheric Administration satellite data we analyze at the University of Alabama in Huntsville does show modest warming — around 2.5 degrees Fahrenheit per century, if current warming trends of 0.25 degrees per decade continue.)

It is my turn to cringe when I hear overstated-confidence from those who describe the projected evolution of global weather patterns over the next 100 years, especially when I consider how difficult it is to accurately predict that system’s behavior over the next five days.

Mother Nature simply operates at a level of complexity that is, at this point, beyond the mastery of mere mortals (such as scientists) and the tools available to us. As my high-school physics teacher admonished us in those we-shall-conquer-the-world-with-a-slide-rule days, “Begin all of your scientific pronouncements with ‘At our present level of ignorance, we think we know . . .'”

I haven’t seen that type of climate humility lately. Rather I see jump-to-conclusions advocates and, unfortunately, some scientists who see in every weather anomaly the specter of a global-warming apocalypse. Explaining each successive phenomenon as a result of human action gives them comfort and an easy answer. Others of us scratch our heads and try to understand the real causes behind what we see. We discount the possibility that everything is caused by human actions, because everything we’ve seen the climate do has happened before. Sea levels rise and fall continually. The Arctic ice cap has shrunk before. One millennium there are hippos swimming in the Thames, and a geological blink later there is an ice bridge linking Asia and North America. One of the challenges in studying global climate is keeping a global perspective, especially when much of the research focuses on data gathered from spots around the globe. Often observations from one region get more attention than equally valid data from another. The recent CNN report “Planet in Peril,” for instance, spent considerable time discussing shrinking Arctic sea ice cover. CNN did not note that winter sea ice around Antarctica last month set a record maximum (yes, maximum) for coverage since aerial measurements started.Then there is the challenge of translating global trends to local climate. For instance, hasn’t global warming led to the five-year drought and fires in the U.S. Southwest?

Not necessarily. There has been a drought, but it would be a stretch to link this drought to carbon dioxide. If you look at the 1,000-year climate record for the western U.S. you will see not five-year but 50-year-long droughts. The 12th and 13th centuries were particularly dry. The inconvenient truth is that the last century has been fairly benign in the American West. A return to the region’s long-term “normal” climate would present huge challenges for urban planners. Without a doubt, atmospheric carbon dioxide is increasing due primarily to carbon-based energy production (with its undisputed benefits to humanity) and many people ardently believe we must “do something” about its alleged consequence, global warming. This might seem like a legitimate concern given the potential disasters that are announced almost daily, so I’ve looked at a couple of ways in which humans might reduce CO2 emissions and their impact on temperatures.

California and some Northeastern states have decided to force their residents to buy cars that average 43 miles-per-gallon within the next decade. Even if you applied this law to the entire world, the net effect would reduce projected warming by about 0.05 degrees Fahrenheit by 2100, an amount so minuscule as to be undetectable. Global temperatures vary more than that from day to day. Suppose you are very serious about making a dent in carbon emissions and could replace about 10% of the world’s energy sources with non-CO2-emitting nuclear power by 2020 — roughly equivalent to halving U.S. emissions. Based on IPCC-like projections, the required 1,000 new nuclear power plants would slow the warming by about 0.2 degrees Fahrenheit per century. It’s a dent. But what is the economic and human price, and what is it worth given the scientific uncertainty? My experience as a missionary teacher in Africa opened my eyes to this simple fact: Without access to energy, life is brutal and short. The uncertain impacts of global warming far in the future must be weighed against disasters at our doorsteps today. Bjorn Lomborg’s Copenhagen Consensus 2004, a cost-benefit analysis of health issues by leading economists (including three Nobelists), calculated that spending on health issues such as micronutrients for children, HIV/AIDS and water purification has benefits 50 to 200 times those of attempting to marginally limit “global warming.” Given the scientific uncertainty and our relative impotence regarding climate change, the moral imperative here seems clear to me.

John R. Christy è direttore dell’Earth System Client Service dell’Università dell’Alabama di Huntsville e collabora con l’IPCC assieme al quale ha ricevuto quest’anno il Nobel per la Pace.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualitàClimatologiaDownload

24 Comments

  1. ZOLLA

    Avete visto Ernesto? c’e` sempre da imparare ….continuate a frequentare e cosi` imparerete.
    PS: preferisco darvi del voi….meglio tenere le distanze.
    Fate una buona giornata.

  2. 1929 - Ernesto Villoresi

    Ringrazio per la spiegazione tecnica. Evidentemente il sistema considera spammer solo uno dei due interlocutori di un dialogo. Io ho risposto ad ogni intervento del sig. Guidi, tutto qui. E se questo è un comportamento da spammer, beh…il sistema automatico fa cilecca…

  3. admin

    Per il Sig. Villoresi. Ponderi attentamente le parole, in quanto “censura” si spinge molto oltre i limiti del dialogo. Si è sentito censurato? Quando? Forse nel momento in cui il sistema AKISMET (gestito da una società terza, lo tenga bene a mente questo) l’ha inserita in automatico nella blacklist *internazionale*? Bene, tenga conto che per essere marcati come spammer, bisogna anche tenere dei comportamenti… a rischio, come i suoi, e non starò qui a elencarli. La colpa non è nostra, bensì dei suoi IP ormai ben noti alla comunità internettiana.

    Saluti,
    il Webmaster

  4. 1929 - ernesto villoresi

    Visto che la funzionalità sembra ripristinata provo a tornare OT…

    @ 16
    Il mio stupore non è l’impiego del cavallo col carretto (inevitabile), quanto la solita ironia che viene inserita in ogni frase

    @ 17
    Mai detto il contrario. Ma anche senza quegli errori/manomissioni gli studi successivi hanno riconfermato la tendenza. Quindi alla fine della fiera cambia poco

    @ 18
    Innanzitutto o mi dà del lei o del tu….si decida
    Secondariamente: ho cercato come mi ha consigliato lei la spiegazione del termine suddetto….Come definizione mi è uscita “Detrattori dell’IPCC”.
    Ossequi

    Ora che so cosa vuol dire Debunker credo di poter applicare tale definizione ai commenti inseriti nei miei interventi 13, 16 e 17. Sto ancora valutando se affibbiare tale definizione un po’ a tutto il sito…

    Caro Ernesto,
    ho riflettuto a lungo se entrare o meno nel merito di questa fastidiosa diatriba, ma mio malgrado sono costretto a farlo perchè sento la responsabilità della linea editoriale di questo blog. Mi consenta qualche considerazione.
    Può darsi che il cavallo col carretto sia inevitabile, ma stia pur certo che non lo useranno tutti, ci sarà sempre qualcuno a girare più comodo, magari per raggiungere in allegra e numerosissima compagnia l’ennesimo summit dall’altra parte del mondo. Come vede sono ancora una volta ironico, perchè quando le cose suscitano ironia mi viene spontaneo. Capisco che la cosa la infastidisca così affaticato come deve essere a reggere tutti i mali del mondo sulla schiena mentre noi ridiamo di gusto, ma si consoli, riderà bene chi riderà ultimo. Credo che sia comunque meglio non prendersi mai troppo sul serio, il sorriso è alla base della comunicazione ed io, su queste pagine, voglio comunicare, nel solo modo in cui sono capace di farlo.
    E vengo al suo successivo commento. Non cambia poco, cambia molto, perchè una delle ultime volte che sono state portate avanti campagne prive di fondamento scientifico, sono morte quasi cinquanta milioni di persone. Dati OMS in merito alla campagna di pressione esercitata sui paesi in via di sviluppo perchè abbandonassero l’uso del DDT, quando la malaria era quasi completamente sotto controllo. Studi successivi e più attenti hanno provato che il DDT non era la bestia nera che si voleva far credere e adesso ci vengono a raccontare che il GW porterà anche un rischio di espansione di queste patologie alle medio-alte latitudini (NB: gli autori del racconto sono sempre gli stessi ambientalisti d’assalto di allora), tralasciando che una delle più gravi epidemie di malaria di cui si abbia notizia è stata in Siberia, appena qualche grado sopra l’equatore (ops, mi perdoni l’ironia).
    Terzo punto. Se lo ritiene opportuno faccia pure il detrattore di questo sito, o debunker se preferisce. Tenga presente che esprimere le proprie opinioni in buona fede non è mai fare debunking, mentre fare disinformazione con cognizione di causa lo è. In questo rientrano gli errori/omissioni come li chiama lei. In queste pagine, non mi stancherò mai di dirlo, facciamo commenti e ci confrontiamo, cerchiamo di seguire il comportamento del mondo dell’informazione in merito alle cose che conosciamo, non facciamo scienza, perchè non siamo (almeno io) in grado e non abbiamo la pretesa di esserlo.
    Infine la nota forse più dolente. Le è già capitato di accusarci di fare disinformazione, ora ci accusa di censura. Se avessimo voluto evitare il confronto non avremmo aperto i post ai commenti. Certamente quelli positivi sono graditi, ma quelli negativi costituiscono la forza dei contenuti. Prova ne sia che avrà notato che rispondo quasi esclusivamente soltanto ai suoi. Ma perchè cambiare IP ad ogni messaggio? Crede di essere sotto l’occhio vigile del Grande Fratello e quindi di sfuggire? Suvvia, facciamo quello che sappiamo fare, parliamo del nostro interesse per questa materia. Le faccio una proposta, proprio perchè non vorrei mai che lei o altri su questo blog usino il vocabolo censura: piuttosto che sferzare con poche righe accusatorie le nostre opinioni, scriva le sue, ma non in un commento, in un post. Le garantisco che lo pubblicheremo e i lettori, se vorranno, faranno i loro commenti.
    L’aspetto. Cordiali saluti, Guido Guidi.

  5. 1929 - ernesto villoresi

    Una nota al commento 19: più che sistema “antispam” lo definirei “censura”. Intendiamoci, niente di male ad applicarla, tanto più che ognuno è padrone in casa propria di fare ciò che vuole. L’importante è che il visitatore ne sia messo a conoscenza…un messaggio del tipo “è inutile che scriviate se non siete climatemonitor-oriented” può andare bene. Chissà se codesto grido verrà mai pubblicato. L’importante è che lo legga chi di dovere….
    Ossequi

  6. admin

    Breve nota tecnica. Il sito è protetto contro lo spam dal servizio online AKISMET. Tale servizio, in automatico e secondo regole dettate dallo stato dell’arte informatica, elimina i commenti presunti SPAM. Un modo sicuro per farsi marcare come SPAMMER, per esempio, è quello di indicare al sistema email sempre diverse. In particolare un utente è stato marcato come SPAMMER dal sistema, vedremo di procedere con il recupero dell’enorme mole di messaggi non pubblicati.

    Il Webmaster

  7. zolla

    >Chiedo all’egregio Zolla se può >spiegarmi chi/cosa è “Debunker”

    Ernesto,
    mi meraviglio di un cercatore di informazioni come lei….non ci voglio credere che lei non abbia cercato il significato di questa parola….quindi le assicuro che io conosco benissimo il significato delle parole che uso e quando ne incontro una che non conosco non chiedo a chi l`ha scritta di spiegarmene il significato, ma me lo vado a cercare da solo!
    Per il resto continua pure e buona giornata a tutti!

  8. 1929 - Ernesto Villoresi

    Re @ 15
    Non sono entrato nel merito dell’opera svolta dal sommo McIntyre, nè ne ho negato i risultati…mi fido dei suoi risultati sbandierati ad ogni occasione dai contestatori. Anche se sembra che non tutti ne siano al corrente e li scoprano solo ora, leggendo questa frase in risposta al 13: “Bene, da questo abbiamo capito che alcune ricostruzioni sono state fatte col trucco e con l’inganno”

    Bene, mi correggo e mi scuso. Da questo abbiamo capito che anche secondo lei alcune ricostruzioni sono state fatte col trucco e con l’inganno. E’ un passo avanti.
    Guido Guidi

  9. 1929 - Ernesto Villoresi

    “Gli scenziati più pagati e valenti della terra ci vogliono far andare a cavallo”…Ho dovuto rileggerla 4 volte…credevo di avere le traeggole…Naturalmente i contestatori hanno per contro una soluzione migliore, vero?

    Condivido lo stupore, anche io ho dovuto rileggere molte volte il boxino che contiene, con riferimento ai trasporti, l’azione di mitigazione “impiego di forme di trasporto non motorizzate”…Ma quali sono?
    Guido Guidi

  10. Claudio Gravina

    Re @ 13

    Ma come Sig. Villoresi? Prima si lamenta che i “contestatori” non portino numeri, ma solo parole. E quando Le si cita un “contestatore” che fa un grande lavoro di ricerca, entra nel merito e nega la validità dei suoi studi? Se vogliamo entrare nel merito, entriamoci. E’ tipico di certa parte di pensiero additare ogni ricerca “contro” come volta a demonizzare o negare GW e annessi e connessi. Come dice Guido Guidi i forcing antropici esistono. Partendo da questa verità, tuttavia, i “contestatori” sono riusciti a mettere, comunque, in piedi nuove ricerche, ipotesi e studi (che si stanno dimostrando validi). I sostenitori dell’AGW, invece, stanno vivendo da anni, ormai, una pericolosa fase di involuzione che porta a poco, molto poco, se non addirittura a effetti contrari a quelli desiderati (e questo è sotto gli occhi di tutti).

  11. Vorrei segnalare che il prof. Christy non è il primo pinco pallino che c’è in giro, con tutto il rispetto per il dott. Pasini e chi è intervenuto… Sottolineo che Christy è un membro dell’IPCC:
    http://www.atmos.uah.edu/atmos/christy.html
    ed è tra i maggiori studiosi a livello internazionale dei dati satellitari. Diciamolo chiaramente, questi dati sono la prova più sconvolgente che l’uomo ha capito davvero poco della scienza climatica, ed è per questo che “l’importante è che non si sappia in giro”… Debunkizzate ciò che dice Christy, l’ultimo che c’ha provato (un certo Monbiot, mica ceci), ha fatto una magra figura…

  12. 1929 - ernesto villoresi

    Eppure, anche dopo l’opera di McIntyre (santo subito!), le previsioni rielaborate senza trucco e senza inganno danno sempre grafici con tendenza al rialzo, tendenza che con i soli forcing naturali si riduce di molto. Tendenza, inoltre, che non rimane sulla carta ma viene (ahime….non dico ahinoi perchè magari a qualcuno sta bene) confermata.
    Chiedo all’egregio Zolla se può spiegarmi chi/cosa è “Debunker”

    Bene, da questo abbiamo capito che alcune ricostruzioni sono state fatte col trucco e con l’inganno. Io aggiungerei forse l’imperizia, più tenue ma più attinente. Ma torniamo a noi. I forcing antropici esistono eccome, ed è anche vero che le simulazioni attualmente disponibili ne confermano l’influenza sul comportamento del clima. Mi viene in mente la frase di un famoso modellista…mi scuso in anticipo perchè non la ricordo bene: “datemi tre variabili libere e simulerò un elefante, datemene quattro e lo farò volare…”. Tuttavia, lungi da me pensare che sia questo lo spirito che anima le ricerche di cui disponiamo. perciò con la tendenza al riscaldamento confermata noi che facciamo? Tentativo numero uno: spendiamo miliardi di dollari cercando di capire se l’anidride carbonica si può ficcare sottoterra, magari per spillare fino all’ultima goccia di petrolio dai giacimenti, per produrre ancora più CO2 (IPCC 1° Rapporto). Tentativo numero due: sostituiamo il petrolio nei serbatoi delle nostre auto con biocarburanti e celle a combustibile…con impatto ambientale ancora maggiore (Paul Crutzen, premio nobel per la chimica) con spaventoso consumo di risorse idriche e con definitivo affossamento delle già fragili economie dei paesi del terzo mondo per i primi e con produzione di quantità insostenibili di vapore acqueo per il secondo (leggi gas serra più potente di tutti se in alta atmosfera, schermo totale di nubi se nella bassa troposfera) con effetti di alterazione del bilancio energetico del sistema clima enormemente maggiori e soprattutto del tutto ignoti (ciò che si conosce meno del sistema è proprio il ruolo giocato dalla nuvolosità e quindi dal vapore – IPCC 4° Rapporto). Tentativo numero tre: economia dei carburanti obbligatoria, miscelazione con biocarburanti (ci risiamo), tasse sull’acquisto di veicoli, sull’uso dei motori e dei carburanti (mi sa che già si fa fin troppo), pedaggi sulle strade e sui parcheggi (anche questa non mi è nuova), investimenti su forme di trasporto non motorizzate (gli scenziati più pagati e valenti della terra ci vogliono far andare a cavallo – Sintesi del SPM IPCC 4° Rapporto pag. 17). Chiudiamo in bellezza con la strategia che fa da denominatore comune e tutto questo: pagare fior di commissioni per lo scambio di quote di emissione o inquinamento alla borsa del carbon-trading.
    Nel frattempo il problema è lì. Città bollenti, traffico bestiale, miliardi di metri cubi d’acqua sprecati in infrastrutture fatiscenti ed in tecniche di irrigazione medioevali. Tutto per non voler ammettere che questa non è la strada giusta. Ma poco importa, i giornali vendono, le TV fanno share spettacolari, ci sono palcoscenici per chiunque voglia ergersi a paladino dell’ambiente. L’errore più grave che si possa commettere è scambiare (ma dovrei dire sfruttare) il percorso per raggiungere un obbiettivo con il raggiungimento dell’obbiettivo stesso, che invece di essere raggiunto si allontana sempre di più. Proprio come accade per il famso protocollo. Tutti a dire che è indispensabile, malgrado sia provato che i benefici sarebbero assolutamente irrisori, però nel frattempo non lo si rispetta nei fatti ma si preferisce pagare per inquinare. Sarà che nemmeno chi lo sostiene ci crede più di tanto?
    Tornando ai pareri discordi del suo commento. Non abbiamo bisogno nè di santi nè di contestatori. Vogliamo solo sapere le cose come stanno, senza trucco, senza inganno.
    Guido Guidi.

  13. Claudio Gravina

    In realtà, il più grande “contestatore” (se vogliamo chiamarlo come suggerisce Villoresi) è Steve McIntyre, il quale di dati e calcoli ne produce a iosa. E questo l’IPCC lo sa bene.

  14. zolla

    Ernesto Villoresi = Debunker

    Zolla

  15. 1929 - Ernesto Villoresi

    Devo ancora capire come un grafico come quello da me postato possa fare politica.
    Non sono parole, sono numeri che escono da simulazioni. Simulazioni (ribadisco) non fatte dall’IPCC, visto che tale organismo si limita a raccogliere il risultato di studi fatti da vari enti mondiali. Mi sembra invece che faccia molta più politica chi vuole contestare, visto che dai contestatori arrivano più parole che dati….

  16. 1929 - Ernesto Villoresi

    Intanto è uscito la sintesi finale del rapporto IPCC (che, per i non addetti ai lavori, non elabora una teoria come si vuol far credere, bensì non fa altro che raccogliere i lavori apparsi nell’ambiente scientifico tra un rapporto ed il successivo). Ora, se buttando un occhio fra i lavori scientifici del mondo si ottiene questo: http://www.ipcc.ch/pdf/assessment-report/ar4/syr/ar4_syr_spm.doc la colpa non è certo dell’IPCC.

    Davvero chiara questa figura, presa dal suddetto sunto: http://img62.imageshack.us/img62/8294/49133904pp8.jpg

    Mi sono permesso di anticipare la notizia della diffusione del rapporto, anche se, sicuramente, so che l’avreste fatto anche voi…

    Salve Ernesto,
    mi sorge il dubbio che lei non legga le mie risposte ai suoi commenti. L’evento mediatico cui ho fatto riferimento nella precedente risposta era proprio la presentazione della sintesi finale del 4° rapporto dell’IPCC ed i riferimenti alle nostre tasche non erano quindi casuali.
    Quanto al sunto stesso, in effetti non dice nulla di nuovo (non avrebbe dovuto in effetti), salvo accentuare i toni drammatici e le asserzioni inconfutabili e preparare l’opinione pubblica alle notizie che giungeranno dalla conferenza di Bali. Sinceramente leggendolo mi è sorto qualche dubbio, ma attendo di chiarirmi le idee prima di entrare nuovamente nel merito. Certamente ciò che balza all’occhio è che vengono “suggerite” delle azioni di mitigazione che attengono strettamente alla sfera politica, del resto credo non ci sia ormai alcun dubbio che si tratta di politica e non di scienza. Questo, se non altro, chiarisce le posizioni. Infatti di scenziati che fanno politica non se ne sono mai visti molti. Ne sentivamo sinceramente bisogno. Comunque grazie per l’ennesimo contributo alle nostre pagine.
    Cordiali saluti, Guido Guidi.

  17. Chiara D.G.

    Pensi un po’… A me invece fanno più paura quelli che, come si suol dire, lanciano il sasso e nascondono la mano… Che ci vuole fare… Punti di vista!
    Cordialmente,
    Chiara D.G.

  18. 1929 - ernesto Villoresi

    Mi fa meno paura Gore ambientalista di chi cerca a tuti i costi di fare il bastian contrario

    Gentile Sig. Villoresi,
    in tutta evidenza non riesco proprio a farmi capire. Ed è chiaramente colpa mia. Lei continua ad attribuirmi comportamenti ai limiti del caratteriale. Invidia per un Premio Nobel (sarei da rinchiudere), astio nei confronti di chi non ho la fortuna di conoscere personalmente (sarei pericoloso), derisione per organismi sovrannazionali (sarei quanto meno scorretto), stoltezza per cocciutaggine (sarei certamente altrove), bastian contrario (senza neanche riuscirci visto che “cerco a tutti i costi”…). Capisco perchè, in queste vesti, le faccio paura, ma le assicuro che sono assolutamente innocuo e forse anche un pò ingenuo. Al punto da esortarla nuovamente ad entrare nel merito. Avrà certamente letto in queste pagine delle opinioni facilmente confutabili. Faccia come cerco di fare io quando le trovo, semplicemente le confuto con argomenti, se li possiedo, altrimenti li cerco e, se mi non mi convincono, evito di confutarle. Qualche volta, guardi un pò, cambio anche idea. L’ennesimo evento mediatico andato in scena a Valencia soltanto questa mattina le dice nulla? A me sì. In bocca al lupo con la sua bolletta della luce, con il pieno della sua auto e con la sua borsa della spesa.
    Cordiali saluti, Guido Guidi.

  19. Chiara D.G.

    E’ vero, gentile Ernesto, che solo gli stolti non cambiano idea. Ma credo che in questo caso si debba focalizzare l’attenzione principalmente sul PERCHE’ al Gore abbia deciso di diventare il paladino numero uno dell’ambientalismo globale. Le dicono niente i forti interessi politici ed economici? O forse vogliamo davvero credere che sia stato folgorato sulla via di Damasco?
    Cordiali saluti,
    Chiara D.G.

  20. 1929 - Ernesto Villoresi

    Mi pare di capire che allora quello che dà fastidio è che Gore abbia cambiato idea. Bah…sarebbe stato peggio se da ambientalista fosse divenuto anti-ambientalista. Ogni “folgorazione” (come la chiama lei, termine che sottintende, nemmeno velatamente, sempre la solita derisione/astio ingiustificati) di questo genere è sempre benvenuta. Solo gli stolti non cambiano idea (o la cambiano in peggio)

  21. Lorenzo Fiori

    Va bene che il blog di Pasini è pubblicizzato anch’esso, ma non mi risulta che ci sia un tentativo di discussione critica da parte dei due esperti fino al raggiugimento di una posizione condivisibile e più obiettiva…altrimenti qui facciamo la ‘sagra delle opinioni’…

    Gentile Sig. Fiori,
    conosco Antonello Pasini da quindici anni, ho lavorato alle sue dipendenze e credo di poter dire di essere suo amico, per quelle e per tante altre vicende professionali che ci hanno visti insieme. Non sento l’esigenza di avviare un confronto con lui su queste pagine perchè non ne vedo la ragione. L’approccio che è nelle mie possibilità dare a questa problematica è puramente informativo e non scientifico, perchè non ho un’estrazione professionale di quel livello. Diverso è il discorso per l’amico Pasini, che è, a tutti gli effetti, uno studioso del clima e quindi può definirsi uno scienziato. E’ vero, a volte siamo in disaccordo, ma queste divergenze d’opinione nascono e muoiono nel campo del genere di informazione che viene fatta al riguardo del problema clima. Un problema che c’è e che io ritengo più ambientale e strettamente connesso a dove e come vivono gli uomini, mentre altri ritengono che sia di respiro (il termine non è casuale visto che parliamo di emissioni di CO2) globale. Dal momento che queste posizioni prevalgono, l’informazione è a senso unico ed i provvedimenti pure. La prima supporta i secondi che, sempre a mio modesto parere, fanno più male che bene. In alcuni casi al clima stesso. Il riferimento è ad esempio ai biocarburanti ed alle futuribili celle a combustibile. Detto ciò certamente abbiamo bisogno di alleggerire la nostra impronta ambientale, ma non mi sembra che si stia andando nella giusta direzione. Questo è il mio dissenso, ma con le politiche che si stanno attuando, non certo con Antonello nè con altri che, come lui, lavorano per accrescere il nostro livello di conoscenza delle cose.
    Cordiali saluti, Guido Guidi.

  22. 1929 - Ernesto Villoresi

    Nel secondo paragrafo c’è un astio nei confronti dell’IPCC e di Gore che credo influenzi tutto il resto, articolo e conclusioni. Non capisco proprio questo accanimento….o forse sì

    Carissimo Ernesto, le rispondo direttamente sul suo commento.
    Le opinioni difformi dalle proprie non sono astiose, sono opinioni. Personalmente le mie le esprimo soltanto se si fondano su fatti e non su congetture e cerco di evitare il più possibile di fare dietrologia.
    Quanto da me asserito nel “secondo condizionante paragrafo” fa appunto riferimento al fatto che il “guru” dell’ambientalismo globale si è riscoperto tale dopo aver perso le elezioni, prima delle quali, pur con la carica istituzionale che ricopriva, assistette immobile alla sconfitta per 95 voti a 0 della prima proposta di ratifica del protocollo di Kyoto da parte del Senato degli Stati Uniti. Evidentemente la folgorazione non era ancora avvenuta. Quanto all’IPCC, ho semplicemente riportato quanto scritto nello statuto e chiaramente evidenziato dal sito web ufficiale dell’organizzazione. E se dovrò ripeterlo altre mille volte lo farò. Senza astio nè accanimento. Se poi in un suo futuro intervento vorrà spiegare cosa crede di vedere dietro questa semplice volontà di far sapere come stanno le cose, io personalmente, ma anche tutta la redazione di Climate Monitor gliene saremo grati.
    Colgo l’occasione per fare il punto anche su altro suo recente intervento. Come avrà notato su Climate Monitor non si fa nessuna censura, anzi, personalmente preferisco i commenti negativi a quelli positivi, perchè mi stimolano a comprendere i miei errori ed a rafforzare le mie convinzioni. Ma non posso accettare che queste pagine vengano accusate di fare disinformazione. Perchè dietro la disinformazione ci sono sempre secondi fini e io non ne ho, se si esclude la volontà di continuare ad approfondire il mio livello di conoscenza attraverso il contatto con i lettori. Lei compreso. Continui pure a frequentare questo blog, ma cerchi di contribuire con qualche considerazione nel merito degli argomenti affrontati piuttosto che con generiche accuse. Io credo che lei sia appassionato alla materia del clima, avrà letto e si sarà informato. Parliamo di questo, non potremo che trarne giovamento entrambi.
    Cordiali saluti, Guido Guidi.

  23. Claudio Gravina

    Gentile lettore, probabilmente non si sarà accorto che il blog del Dott. Pasini è ampiamente pubblicizzato sul nostro ed è quindi tutt’altro che a noi sconosciuto.

    Cordiali saluti.

  24. Lorenzo Fiori

    Mai provato a confrontarsi con chi se ne occupa di Cambiamenti Climatici, vedi il Prof.Antonello Pasini sul suo blog al sito:
    antonellopasini.nova100.ilsole24ore.com

    Che ne pensa Guidi di quello che dice Pasini?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »