Salta al contenuto

Alleluia!

Da non crederci. Su Nature Climate Change esce un articolo che – testualmente – identifica il primo effetto positivo del forcing antropico sul clima. Volete sapere qual’è? Ma il Global Greening naturalmente!

Ebbene sì, che il pianeta stesse diventando più verde lo sapevamo, benché ci sia voluto un po’ perché si sia potuto dire a voce alta; che le piante mangiano CO2 pure è ampiamente noto; che tutte le volte che che il pianeta è stato più caldo la sua vegetazione è stata più rigogliosa neanche a dirlo. Ma ora, grazie ad uno studio di riconoscimento e attribuzione, scopriamo che il pianeta è più verde a causa del forcing antropico.

Senza la CO2 generosamente immessa in atmosfera, infatti, tutti gli altri “operai” del clima, i vulcani o la radiazione solare per esempio, mai avrebbero potuto rinverdire l’arido pianeta che abitiamo. Ci sono voluti i SUV, evviva i SUV!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

4 Comments

  1. Mario

    Ma la desertificazione, preannunciata, prevista, inevitabile….. Dove è finita? 🙂

  2. Donato

    Pie illusioni! Fra poco verrà pubblicato qualche altro studio in cui si dimostrerà che se la Terra è troppo verde cambia l’albedo del pianeta e, quindi, il cambiamento climatico di origine antropica avrà conseguenze ancora più disastrose di quando il pianeta era meno verde! Qualcuno vuole scommettere? 🙂 🙂
    Ciao, Donato.

    • Io no, Donato. Le scommesse perse in partenza non mi piacciono! 🙂
      E comunque, se esiste una dimostrabile relazione causa-effetto con la CO2 di origine umana, quella stessa CO2, tramite relazioni non dimostrate ma assunte come vere, produrrà senza dubbio catastrofi inenarrabili; per questo non cambierà nulla nelle favole che allieteranno questa e le prossime nostre estati, altrimenti noiose e senza scopi.
      Ciao. Franco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »