Salta al contenuto

Un clima disobbediente

Quasi quasi metto su una rubrica: “Una notizia al giorno toglie l’AGW di torno”. Ecco quella di oggi:

L’Antartide, che contiene la gran parte del ghiaccio su terraferma presente sul pianeta, si ostina a disobbedire alla dottrina della catastrofe climatica. Senza mezzi termini, leggiamo l’abstract di un paper appena pubblicato (e che sta facendo venire mal di pancia a più di qualcuno):

Spatial patterns of recent Antarctic surface temperature trends and the importance of natural variability: lessons from multiple reconstructions and the CMIP5 models

Il recente riscaldamento medio annuale della Penisola Antartica e dell’Antartide Occidentale, appare in netto contrasto con dei trend molto piccoli dell’Antartide Orientale. Questa asimmetria scaturisce per lo più da un riscaldamento molto significativo dell’Antartide Occidentale nella primavera australe e un raffreddamento dell’Antartide orientale nell’autunno australe. Si esamina se questa asimmetria est-ovest sia una reazione alle forzanti climatiche antropogeniche o una manifestazione della variabilità naturale. Si comparano i trend delle temperature superficiali osservate sull’Antartide su due periodi distinti (1960–2005 e 1979–2005) con quelle simulate da 40 modelli della Fase 5 del Coupled Model Intercomparison Project (CMIP5). Ne risulta che l’asimmetria est-ovest osservata è sostanzialmente diversa tra i due periodi e, inoltre, che è completamente assente dalle reazioni dovute ai forcing viste nella media dei modelli del CMIP5, dalla quale, la variabilità climatica viene eliminata con la media tra i modelli. Si esamina anche la relazione tra il Southern Annular Mode (SAM) e i trend delle temperature antartiche, sia nei modelli che nelle rianalisi, e si conclude nuovamente che c’è scarsa evidenza che le temperature possano essere soggette a variazioni indotte da modifiche antropogeniche al SAM. Questi risultati offrono nuove e convincenti prove per ritenere che la variabilità naturale sia un fattore chiave per il recente riscaldamento della Penisola Antartica.

Il progetto CMIP5 è quello con cui sono stati selezionati i modelli utilizzati per l’ultimo report dell’IPCC. Il SAM (Southern Annular Mode) è un indice di circolazione atmosferica dell’emisfero australe, qualcosa di molto simile all’AO dell’emisfero settentrionale. Serve sostanzialmente a seguire l’andamento della circolazione, la sua velocità lungo la latitudine e le sue ondulazioni. Quindi serve a seguire la componente atmosferica della redistribuzione del calore. Nessuna modifica a questi meccanismi per cause antropiche, nessuna modifica, a parte quelle appunto intrinseche della variabilità naturale, al clima. Anche per quel che riguarda l’Antartide.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

Un commento

  1. “Una notizia al giorno toglie il…di torno”

    Lo so che non centra più di tanto, ma …

    Buco dell’Ozono in fase di chiusura?
    Ma nel 2015 sembrava essersi ingrandito tanto da raggiungere un’estensione record.
    http://www.meteogiornale.it/notizia/44110-1-buco-ozono-in-fase-di-chiusura-le-ultime-clamorose-notizie

    Ancora a febbraio 2016

    Clima, continua l’impoverimento dell’ozono sopra l’Artico
    http://scienzenotizie.it/2016/02/12/clima-continua-limpoverimento-dellozono-sopra-lartico-3412780

    Quindi ora si chiude.
    Meraviglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »