Energia? Il dibattito è reversibile

Le righe che seguono sono di tal Michael Liebrich, che le ha pubblicate sul suo blog. It’s a new year and time to face reality. Io le ho prese dal blog di Judith Curry. Leggete fino in fondo e poi rileggete da sotto in su, c’è tutta l’essenza dell’interminabile dibattito sull’energia. Geniale.

______________________________

Il mondo non passerà mai ad un futuro di energia pulita.
Dobbiamo smetterla di stare ad ascoltare i cosiddetti esperti che dicono
Possiamo evitare un cambiamento climatico catastrofico eliminando i combustibili fossili.
.
I tecnici sono intelligenti e amano risolvere i problemi.
Ma questo è il punto:
Abbiamo comunque bisogno di elettricità quando il vento non soffia e il sole non splende.
E’ il momento di accettare il fatto ovvio:
Che una maggiore quantità di energia rinnovabile causerà il collasso della rete.
Quindi per favore abbandonate le vostre speranze
.
Il vento e il sole possono produrre la più economica elettricità del mondo.
Ma solo se non si tiene conto dei sussidi e dei costi nascosti.
Il carbone e il petrolio sono di gran lunga il miglior modo per fornire energia affidabile e diffondere il benessere.
.
L’energia nucleare è intrinsecamente pericolosa.
Dobbiamo ignorare gli attivisti che asseriscono che
Nuove tecnologie nucleari offrono sicurezza passiva e soluzioni per le scorie e la proliferazione.
.
I veicoli elettrici rimarranno una tecnologia di nicchia.
Devi essere un negazionista per credere
Che ci sarà una rivoluzione nella riduzione dei costi delle batterie e dei tempi di ricarica.
.
Il progresso nell’efficienza energetica porterà soltanto ad un aumento della domanda di energia.
Non ci sono dati credibili che suggeriscano che
Possiamo davvero ridurre il consumo energetico globale.
.
Saremo ancora dipendenti da carbone e dal petrolio nei prossimi 50 anni.
E non c’è verso
Il mondo sta andando verso un futuro energetico pulito.
.
C’è un nuovo anno e dobbiamo guardare in faccia la realtà.
.
Ma, un momento, non è tutto al contrario? Ora leggetelo da sotto in su e dite quello che pensate…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

6 Comments

  1. Guido,
    durante la decadenza dell’impero romano andavano molto di moda i giochi di parole di vario genere come ci ricorda Verlaine in questo suo efficacissimo scritto che ho trovato su Wikipedia:
    «Sono l’Impero alla fine della decadenza
    che guarda passare i grandi Barbari bianchi
    componendo acrostici indolenti dove danza
    il languore del sole in uno stile d’oro»
    Che anche il giochino di questo Michael Liebrich afferisca a una simile temperie?
    Ciao.
    Luigi

    Post a Reply
    • Caro Luigi, duole ammetterlo, ma sono d’accordo con te: siamo alla fine “dell’impero”. Un nuovo medio evo ci attende.
      Ciao, Donato.

      Post a Reply
      • In questo medioevo prossimo venturo diventeremo forse Eurabia (termine usato da O.Fallaci) , una provincia islamico-cinese…

        Post a Reply
  2. La proprietà intransitiva del riscaldamento globale

    Post a Reply
  3. Assolutamente in accordo con Luigi Mariani.
    Inevitabile finisca cosi’.

    Post a Reply
  4. Hmmm… senz’altro, siamo diretti verso un medio evo!

    Ci siamo diretti con la più alta speranza di vita della storia, con il più alto reddito medio pro-capite della storia , con una disuguaglianza sociale sicuramente eccessiva, nel senso che farebbe morire di risate un Medici o altro “vero ricco” del passato.

    Senza nulla togliere alla gagliarda e crescente frivolità di alcuni settori culturali, suggerirei di continuare dritti verso questo medio evo, che forse tanto male non è — forse un Lapo o un Pachauri faranno più rumore e notizia di uno Strampelli, ma è sulle spalle di giganti come quest’ultimo che la notte andiamo a dormire sazi e senza la paura di non esserlo più l’indomani.

    Post a Reply

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *