Non ne va bene una, Sahara più verde, cicloni più intensi

Al dipartimento #maiunagioia non si dorme mai, il lavoro per sfornare presagi di sventura prosegue senza sosta giorno e notte. Ecco quindi il cornetto caldo di questa mattina, da Science Daily e dai PNAS:

A parte il fatto che il paper vero e proprio parla del Periodo Umido Africano, il medio Olocene, e magicamente nel commento di SD si attualizza il misfatto, ecco di che si tratta.

Sembra che facendo delle simulazioni modellistiche sulle condizioni favorevoli all’insorgere dei Cicloni Tropicali nel clima umido sahariano di 6.000 anni fa, salti fuori che un deserto meno deserto con conseguenti ridotte emissioni di polveri, possa far intensificare il Monsone estivo sull’Africa occidentale, inducendo modifiche alla circolazione tropicale tali da far aumentare le chances di uragani in entrambi gli emisferi, ma soprattutto in area caraibica e sulla costa orientale degli USA.

Peccato che di questa accentuazione non vi sia traccia, mentre il rinverdimento del Sahara e delle zone aride tropicali grazie all’aumento della concentrazione di CO2 è un fatto assodato. Leggete cosa scriveva nel 2009 il National Geographic prima di convertirsi definitivamente alla religione dell’AGW:

Sahara Desert Greening Due to Climate Change?

#maiunagioia

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »