Le Previsioni di CM – 2 / 8 Ottobre 2016

Le previsioni di questa settimana sono di Fabio_________________________

Situazione ed evoluzione sinottica

Settimana interlocutoria quella che ci apprestiamo a vivere, dovuta principalmente ad alcuni movimenti sinottici rilevanti sull’emisfero settentrionale. Già a partire dai prossimi giorni una intrusione calda verso il polo a ridosso delle coste pacifiche americane (Fig. sotto) modificherà l’assetto circolatorio sull’intero emisfero settentrionale. Dalla figura si può notare lo strappo del getto sull’Europa centrale dovuta al blocco sulla Scandinavia il quale sta portando un precoce raffreddamento dell’area siberiana ed ha portato sul Mediterraneo per buona parte del mese scorso tanta instabilità e temperature al di sotto delle medie stagionali.

La risposta all’intrusione calda pacifica si concretizzerà con un netto calo dei geopotenziali sul nuovo Continente seguito da una forte accelerazione del getto in uscita dal continente americano verso l’Europa stimolando la fine del blocco scandinavo che ha prevalso per buona parte di settembre. Le correnti a getto in arrivo dall’Atlantico muoveranno una serie di depressioni mobili da ovest verso est facendo perdere gradualmente di importanza tale blocco mentre a causa dell’aumento dell’indice zonale ci si aspetta un aumento dei valori della NAO e quindi un’influenza più diretta del blocco Atlantico. (Fig. sotto)

Il nuovo assetto circolatorio non permetterà la caduta del getto sulle coste occidentali europee dove appunto prevarrà l’alta pressione delle Azzorre. Per questo motivo dovremo ancora attendere l’entrata franca e decisa delle perturbazioni sul Mediterraneo centro-occidentale con le annesse piogge autunnali e dovremo accontentarci di rapidi passaggi instabili da nordovest i quali porteranno qualche pioggia sparsa, qualche temporale specie sulle zone orientali ed al sud della nostra Penisola. Le temperature si manterranno nella media o anche di qualche grado sotto dovute ancora una volta alle prevalenti correnti settentrionali in quanto l’alta pressione si manterrà con i suoi massimi piuttosto ad occidente per tutta la settimana.

Previsioni del tempo sull’Italia

Lunedì: Residua instabilità sulle Regioni peninsulari per il precedente passaggio della perturbazione (la prima del mese) in allontanamento verso levante. Qualche piovasco sparso tra Lazio, Campania, Basilicata, Sardegna, Puglia, Calabria e Sicilia. Miglioramento in serata. Altrove sereno o poco nuvoloso con annuvolamenti sui rilievi, dalla tarda mattinata aumento della nuvolosità su Alpi e Prealpi occidentali per l’approssimarsi della coda di una perturbazione Atlantica in movimento verso nordest. Possibili piovaschi sulle zone suddette durante il pomeriggio. Venti orientali di debole intensità ovunque con rinforzi su Ligure e coste Tirreniche centrali, mari poco mossi o localmente mossi il Tirreno centro-settentrionale ed il Mar Ligure. Temperatura stazionaria o in lieve aumento specie al Nordovest comunque su valori vicini alla media del periodo.

Martedì: La coda della perturbazione atlantica dopo un ampio giro tende a ridiscendere verso sudest sulle Regioni adriatiche mentre ancora instabilità in Sicilia per il persistere di un’area di instabilità. Ne consegue un tempo variabile specie sull’Adriatico, Sicilia e Bassa Calabria con qualche pioggia specie sui rilievi dell’Emilia Romagna, Marche e Abruzzo in trasferimento verso sudest. Qualche temporale in Sicilia ma in via di attenuazione durante il tardo pomeriggio. Altrove nuvolosità variabile con ampie schiarite su Nordovest, Sardegna, Toscana e Lazio. Peggiora in serata su Molise e Puglia. Venti prevalentemente meridionali con rinforzi sulle zone Adriatiche e successivamente quelle Ioniche con tendenza a disporsi da maestrale dal pomeriggio sulle zone occidentali. Mari mossi, molto mosso lo Ionio ed il basso Adriatico. Temperatura ovunque in lieve diminuzione specie sui quadranti orientali.

Mercoledì: Residui annuvolamenti su Puglia, Molise, Basilicata, Calabria e Sicilia con qualche piovasco in attenuazione già a partire dalla mattinata; altrove sereno o poco nuvoloso. Durante il pomeriggio non si escludono locali temporali sulla dorsale appenninica centro-meridionale e sulla Sicilia. Venti di tramontana sull’Adriatico centromeridionale dove i mari risulteranno molto mossi, deboli settentrionali altrove con mari poco mossi o localmente mossi. Temperatura stazionaria sulle regioni Meridionali, in lieve aumento altrove specie su Nordovest e Sardegna.

Giovedì: L’alta pressione delle Azzorre fa qualche passo verso l’Italia garantendo un tempo prevalentemente stabile e soleggiato e con temperature tutto sommato gradevoli. Sereno o poco nuvoloso ovunque con qualche passaggio nuvoloso essenzialmente su Alpi e Prealpi centro-orientali. Annuvolamenti anche sugli Appennini ma senza fenomeni. Venti deboli ancora con qualche rinforzo di tramontana su basso Adriatico e Ionio ma in via di attenuazione durante la giornata. Temperatura in aumento ovunque eccetto sulla Puglia e la Calabria orientale.

Venerdì: L’alta pressione delle Azzorre cede nel suo bordo orientale consentendo il passaggio di rapide perturbazioni in successione da nordovest verso sudest. L’aria fresca che accompagna tali perturbazioni rende nuovamente il tempo instabile essenzialmente sul versante orientale della nostra Penisola. Annuvolamenti intensi tra il Triveneto ed Emilia in trasferimento verso Marche, Umbria ed Abruzzo con annesse precipitazioni sparse e qualche locale temporale, altrove poco nuvoloso o variabile con tendenza a peggioramento dal tardo pomeriggio su Molise, Appennino meridionale e Puglia settentrionale con qualche fenomeno temporalesco. Venti in rinforzo di maestrale sul Tirreno e Sardegna, temporanei rinforzi anche sull’alto Adriatico. Temperatura in lieve calo su Sardegna, nordovest e Regioni interessate dai fenomeni di instabilità, stazionarie altrove.

Sabato: Instabilità tra medio Adriatico e Sud con piogge e temporali più probabili su Basilicata, Calabria e Sicilia. Variabilità su alto Adriatico, Umbria ma con tendenza a miglioramento. Sereno o poco nuvoloso altrove. Venti di maestrale, forti sulle zone occidentali e i mari prospicenti la Sardegna, da moderati a forti di tramontana su medio e basso Adriatico e zone Ioniche. Temperature in diminuzione ovunque, più sensibile sul medio-basso Adriatico, Calabria e Sicilia.

Domenica: Migliora ovunque con residui fenomeni sull’estremo sud e Sicilia. Venti ancora moderati di tramontana con rinforzi su medio e basso Adriatico, di maestrale sulla Sardegna e Tirreno meridionale in attenuazione. Mari molto mossi, agitato il basso Adriatico e il mar di Sardegna con moto ondoso ovunque in attenuazione. Temperatura in aumento al Nordovest, centrali Tirreniche, stazionarie altrove. Le temperature risulteranno di qualche grado al di sotto delle medie stagionali del periodo.

Mi preme sottolineare che le previsioni oltre giovedì-venerdì sono puramente indicative in quanto vista la particolare situazione sinottica, dovuta anche ad una profonda modifica dell’assetto delle correnti a getto nei prossimi giorni, iventano poco attendibili oltre i 3 o 4 giorni. A presto!!!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: admin

Share This Post On

3 Comments

  1. Analisi interessante, dunque per noi ancora alta pressione chissá per quanto. Non ho ancora visto su questo sito alcun ragionamento riguardo il prossimo inverno…..prudenza (sempre legittima) ?

    Post a Reply
  2. Bella analisi Fabio, complimenti!

    Post a Reply
    • Grazie Flavio 😉

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »