Salta al contenuto

Le Previsioni di CM – 05/11 Aprile 2021

Questa rubrica è curata da Flavio

——————————-

Un vortice molto profondo centrato sul Golfo di Botnia dirotta aria molto fredda dal bacino centrale dell’Artico in direzione del Mare del Nord e, in seconda battuta, dell’Europa centrale. Nevicate estese interessano in queste ore il Mare di Barents, il Mare del Nord, le coste islandesi e scozzesi, in rapido movimento verso le zone costiere comprese tra l’Olanda e la regione baltica. Più ad ovest staziona la cellula atlantica, in fase con quella termica groenlandese. Una debole saccatura in quota interessa il Mediterraneo centrale (Fig.1).

La depressione artica riuscirà ad allungarsi in direzione del Mediterraneo a inizio settimana, ma il concomitante scivolamento della cellula atlantica verso SE, e l’approfondimento di nuovi minimi secondari sul Mare di Barents, ne sposteranno il centro di azione più a nord con conseguente ripresa del campo sul Mediterraneo e associato miglioramento delle condizioni atmosferiche sull’Italia (Fig.2).

Siamo attesi da una settimana caratterizzata da un calo generalizzato delle temperature nella prima parte, con associati fenomeni sparsi specie sulle regioni adriatiche e peninsulari, accompagnati da nevicate a quote basse sull’Appennino. Seconda parte della settimana all’insegna di un graduale miglioramento del tempo e dell’aumento progressivo del campo termico.

Consigli per il Rescue Team

Si chiude una stagione invernale decisamente fredda sull’Artico (ne parleremo), nevosa sulle Alpi, estremamente fredda sulla Russia, con episodi di gelo record negli Stati Uniti, in un contesto di generale raffreddamento del Pianeta rispetto agli ultimi anni chiaramente identificato dagli ultimi dati satellitari (leggi ENSO).

I media, invece, hanno passato le ultime settimane a spiegarci che:

– I normali episodi di freddo sull’Italia sono da attribuire al “caldo” sull’Artico

– Anche il freddo eccezionale in mezzo emisfero Nord è dovuto all’Artico “troppo caldo”

– I ghiacciai delle Alpi orientali se la passano molto meglio del previsto, ma a causa del “troppo caldo”.

Conclusione: il tempo cambia come ha sempre fatto. La narrativa climatista dei “giornaloni”, invece, non cambia mai: è la solita stomachevole schifezza.

Linea di tendenza per l’Italia

Lunedì dell’Angelo  un po’ di nubi sparse sulla Sicilia ed estreme regioni meridionali in miglioramento nel corso delle ore. Altrove condizioni di stabilità con peggioramento serale sui crinali alpini di confine ed associate nevicate.

Temperature in aumento. Entra il maestrale sui bacini di ponente, persiste un po’ di scirocco sull’alto Adriatico.

Martedì rovesci sparsi e nevicate a quote basse in rapido spostamento dal Triveneto in direzione dell’Emilia Romagna e in scivolamento successivo verso le centrali adriatiche. Nuvolosità variabile sul Nordovest e regioni tirreniche con qualche isolato piovasco tra Toscana e Lazio inframezzato a schiarite anche ampie. Sud in attesa.

Temperature in forte diminuzione al Nord e al Centro. Maestrale sostenuto su tutti i bacini, libeccio sullo Ionio.

Mercoledì nuvolosità irregolare al Meridione con qualche debole rovescio sparso, nevoso sull’Appennino. Ampie schiarite al Nord e al Centro.

Temperature in sensibile diminuzione al Sud. Ventilazione di tramontana, vivace sui bacini meridionali.

Giovedì e Venerdì generali condizioni di bel tempo su tutto il Paese.

Temperature in progressivo aumento, sensibile sulla Sardegna. Si attenua la tramontana sullo Ionio, entra il libeccio sui bacini di ponente.

Sabato e Domenica possibile peggioramento al Nord e alta Toscana con precipitazioni diffuse e localmente persistenti per scorrimento di aria umida dai quadranti sud-occidentali. Poco o parzialmente nuvoloso sulle restanti regioni.

Temperature in ulteriore aumento sulle regioni centro-meridionali. Ventilazione intensa dai quadranti meridionali.

Colgo l’occasione per fare gli auguri di buona Pasqua a tutti i lettori di CM.

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »