Salta al contenuto

Voi lo fareste?

Gli amici accademici che seguono CM e spesso contribuiscono ad arricchirne i contenuti mi scuseranno, ma da non appartenente alla categoria devo porre una domanda a tutti quelli, sia di qua che di là del fiume, che fanno scienza e quando possono anche divulgazione.

La domanda è ovviamente nel titolo di questo post, l’oggetto è il seguente:

Dovendo rappresentare l’andamento del ghiaccio marino artico e sapendo che disponiamo di misurazioni oggettive ed affidabili solo dal 1979, voi “appiccichereste” letteralmente alle serie provenienti dai satelliti i dati antecedenti al 1979 ancorché provenienti da carte del ghiaccio ed altre fonti (ice charts and other sources – sic!) senza nemmeno uno straccio di barra di errore e per di più inferendo da questa brillante operazione che il declino del ghiaccio artico è iniziato dal 1953?

Ecco qua:

Nello stesso post si legge il dettaglio del declino dei ghiacci artici, 4,2% per decade, mentre per quelli antartici si legge che sono in aumento, ma il trend è piccolo. Proprio così, piccolo e nero. Questo è l’NSIDC, da queste pagine la “Spirale di morte” del ghiaccio artico, le previsioni di ice free summers aggiornate ogni anno che non succede, la “drammatic loss” di ghiaccio etc etc.

Allora: voi lo fareste?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

3 Comments

  1. Pablo R.

    Ah, qualcuno sa spiegare perché la media di riferimento è calcolata sul periodo 1968-1996 (29 anni)?

    Il periodo che peraltro non è centrato rispetto alla serie, né rispetto al cambio di metodo di misurazione?

    Certo, a parte le fatto che prende in considerazione dati provenienti da sistemi di misura molto diversi, come giustamente sottolineato.

    E poi ancora, perché quando poi si inserisce nel grafico l’andamento del ghiaccio antartico la media di riferimento diventa 1979-2000 (che, a parte lo strano periodo di 22 anni, appare più corretta dal punto di vista metodologico)?

    Ceto, voi direte, vatti a leggere la bibliografia scientifica.
    Son d’accordo, ma purtroppo in pausa pranzo, dopo aver letto gli articoli e ragionato un po’ sui grafici, non rimane molto tempo per spulciare i riferimenti…

  2. Pablo R.

    Mi chiederei anche perché i grafico si ferma a luglio 2009.
    troppa fatica inserire 8/9 valori nel grafico.
    Non piacevano i dati?

  3. Giampiero Borrielli

    se mi pagano…..si!!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »