Salta al contenuto

Esperimenti naturali

La Natura è incredibile. Soltanto ieri Luigi Mariani ha affrontato il discorso degli scambi di energia tra la superficie e la quota. Date un’occhiata all’immagine sotto. L’uragano Irene ha letteralmente “consumato” il calore della superficie dell’oceano sulla zona dove è passato.

Macchine termiche che hanno il compito di trasferire il calore verso le quote più alte, per un successivo rilascio verso lo spazio. Questo sono gli uragani. Questo fa la convezione, meccanismo di cui la fascia tropicale, e nel caso di specie anche le latitudini più elevate, è sede perenne.

NB: da WUWT.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

Un commento

  1. Guido Botteri

    Sbaglierò, ma non vedo come la CO2 possa opporsi a questo meccanismo, visto che il suo meccanismo di cattura del calore agisce sulla radiazione infrarossa e non sulla convezione, se ho capito bene.
    Ed è proprio questo, credo, che differenzia una serra (dove non c’è convezione, a causa dei vetri che l’impediscono) dalla nostra atmosfera, dove la CO2 non può fermare, invece, la convezione.
    Secondo me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »