Salta al contenuto

WWF e IPCC, lo sapevate che…

Come è avvenuta la Santa Alleanza tra il panel delle Nazioni Unite che si occupa di clima e la multinazionale dell’ambiente? Ce lo spiega Donna Laframboise in due articoli, dai quali si capiscono tante cose.

Prima che si scateni la solita battaglia tra poveri (dopo aver letto capirete in effetti quanto lo siamo), ci tengo a sottolineare che il lavoro che quotidianamente svolgono le migliaia di volontari che agiscono sotto il logo del Panda, con tutto questo non hanno assolutamente niente a che vedere. E che, a mio personalissimo giudizio, sono proprio loro quelli che dovrebbero incavolarsi di più leggendo come stanno le cose.

Analogamente, non dovrà, sentirsi ingiustamente coinvolto chi fa ricerca scientifica con passione, dedizione, spirito critico e rispetto del metodo scientifico. Tutti gli altri, ognuno sa in cuor suo da che parte stare, si accomodino pure.

Ad ogni buon conto, come sempre, ognuno legga e decida.

gg

==================================

Come il WWF si è infiltrato nell’IPCC – parte 1

Qual è il WWF?
Negli Stati Uniti e in Canada le iniziali del WWF stanno per World Wildlife Fund. Altrove, questa organizzazione si definisce il World Wide Fund for Nature.

Il WWF è un gruppo di lobbyng attivista. Sul suo sito si trovano dichiarazioni come:

E’ quasi impossibile ingrandire la minaccia del cambiamento climatico. [Vedi qui , link di backup qui]

La visione del WWF di un futuro eco-friendly include uno strato completamente nuovo di regolamentazione, della burocrazia, e del diritto internazionale. O, come le frasi del WWF che:

un quadro giuridico globale … per assicurare che i governi in grado di verificare l’uno le azioni dell’altro. [Vedi qui , link di backup qui ]

Agli aventi diritto al voto non è mai stato chiesto se vogliono pagare per questo nuovo livello di burocrazia, se vogliono vivere sotto le sue restrizioni, o se pensano che sia anche una buona idea. Il WWF si vede, sa cosa è meglio per tutti noi.

E ‘importante capire che, mentre il WWF forse una volta è stato una umile, economica iniziativa, questo non è più il caso. È diventato un ente commerciale con uffici in 30 paesi che si avvale di uno staff di 5.000 persone (si veda l’ultima pagina di questo PDF ). La filiale statunitense del WWF da solo impiega:

  • Managing Director of International Finance
  • un Vice Presidente delle Imprese e dell’industria
  • un Vice Presidente Senior di trasformazione del mercato e
  • un Manager per le relazioni con in governi

Questo stesso ramo comprende anche:

  • un direttore della politica climatica internazionale
  • un Amministratore Delegato del cambiamento climatico
  • un Amministratore Delegato di adattamento al cambiamento climatico
  • un direttore delle comunicazioni sul cambiamento climatico
  • uno scienziato senior, di adattamento al cambiamento climatico e
  • uno specialista capo sui cambiamenti climatici

Nel 2010, il braccio americano del WWF aveva ricavi operativi di 224 milioni dollari – poco meno di un quarto di miliardo di dollari. […] .

A titolo di confronto, i ricavi operativi per la filiale statunitense di Amnesty International sono pari a 36 milioni dollari – un sesto di quella somma (vedere a pagina 29 qui ).

Secondo la relazione annuale 2010, la rete internazionale del WWF aveva ricavi operativi di € 524.963.000. Convertite in dollari USA è poco meno di tre quarti di un miliardo. In un anno.

Quando ha avuto bisogno di assumere qualcuno a guidare la sua iniziativa climatica globale il WWF ha recentemente fatto quello che gli hedge fund e il Fondo Monetario Internazionale fanno quando cercano del personale ad alto potenziale – ha voluto una mezza pagina pubblicitaria sull’Economist.

In altre parole, il WWF è un’organizzazione oscenamente riccha. E il denaro, come si dice, parla. Quando si è nel business del lobbying e il denaro è abbondante, si trattano i propri amici molto bene, davvero. Bei pasti, belle camere, viaggi in località esotiche – e il cielo solo sa cos’altro.

Il che mi porta al panel intergovernativo di esperti sui cambiamenti climatici (IPCC).

Il reclutamento
Alla fine del 2004, circa quando iniziava il lavoro di quello che sarebbe diventato il punto di riferimento dell’IPCC, il report del 2007, il WWF ha lanciato una campagna di assunzione. E’ stato istituito un organo parallelo – il Witness Climatic Scientific Advisory Panel – e poi si è sistematicamente concentrata l’attenzione sugli scienziati affiliato IPCC.

Non è chiaro quale sia il processo di corteggiamento dei coinvolti, appunto – o che si sono uniti in quale anno o in quale ordine – ma alla fine del 2008 il WWF diceva di averne che aveva reclutati 130

importanti scienziati del clima per lo più, ma non esclusivamente, dal Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici … [vedi pag 2 di questo PDF ]

Un documento di otto pagine preparato nel 2008 avvisava gli scienziati che il WWF doveva ancora corteggiare che c’erano “opportunità per un ulteriore coinvolgimento in una serie di altre attività del WWF” tra cui “la partecipazione a conferenze, forum o gruppi di lavoro e di interazione con i media.” Inoltre, “futura collaborazione tra il WWF e istituti di ricerca” era una possibilità.

E’ difficile credere che uno scienziato che si rispetti dovrebbe avere a che fare con il Witness Climatic Scientific Advisory Panel dopo aver letto quelle otto pagine. Il WWF afferma senza mezzi termini, chiaramente, che lo scopo del panel è di aumentare nel pubblico la percezione dell’urgenza . Quella frase particolare viene utilizzato quattro volte nella pagina finale.

In modo alquanto schietto il WWF dice di voler

ispirare un’azione più forte sul cambiamento climatico nella comunità. Il nostro obiettivo è costruire un movimento di persone … che vogliono essere attive per affrontare questa minaccia.

Nessuno, dunque, ha mentito a questi “scienziati leader del clima.” Nessuna copertura di ciò che stava realmente accadendo. Il WWF ha esplicitamente detto loro che voleva il loro aiuto a spaventare il pubblico in modo che il WWF potesse costruire un movimento.

Gli scienziati che si uniscono al panel del WWF sono tenuti a compilare un modulo che indica la propria disponibilità a valutare le le testimonianze che il WWF raccoglie di persone comuni che credono di aver essi stessi rilevato cambiamenti climatici causati dall’uomo.

Il glorificato sondaggio che il WWF utilizza per assemblare queste testimonianze può essere visto qui . Dichiararlo imbarazzante, non scientifico, spazzatura è un eufemismo.

Alla gente si chiede se hanno personalmente osservato cambiamenti nella pioggia, nella neve, nella temperatura dell’acqua del mare, e nelle correnti oceaniche. Ma le richieste ragionevoli – come hai mantenuto una lunga, attenta, traccia scritta? – non sono da nessuna parte.

Il WWF invita queste persone ad assegnare delle “conseguenze” ai cambiamenti cui credono di aver personalmente assistito. Si pone tutta una serie di domande alla donna media o alla nonna in un villaggio rurale del Terzo Mondo che  difficilmente sarebbe in grado di rispondere in modo affidabile. Ci sono stati cambiamenti nella biodiversità marina? Che ne dici della distribuzione delle specie e la migrazione?

Più avanti il ??WWF invita i suoi intervistati a spuntare quali conseguenze sulla salute umana pensano siano direttamente legati ai cambiamenti climatici cui credono di avere assistito. E’ aumentata la malaria? Che ne dici di malattie di causate dall’acqua? Ed ecco la mia preferita – c’è stato un cambiamento nella radiazione ultravioletta?

Il WWF spiega agli scienziati che sta cercando di reclutare che l’unica cosa che devono fare è il “peer-review” di queste testimonianze

coerentemente con le attuali conoscenze scientifiche degli impatti dei cambiamenti climatici … La funzione primaria di un membro è quella di verificare le basi scientifiche delle storie raccolte da tutto il mondo per assicurare che siano coerenti con la letteratura peer-reviewed circa gli impatti dei cambiamenti climatici che stanno già accadendo oggi in una particolare regione.

Il pubblico riempie le cinque pagine di domande, ma gli scienziati sono informati che essi saranno invitati a valutare

una pagina di ‘storie di testimoni del clima’ che ci viene presentata dai membri del pubblico.

In altre parole, i dati che gli scienziati ricevono in primo luogo sono stati confezionati dagli attivisti. Questo fatto, di per sé, invalida l’intero esercizio.

Il WWF ricorda a questi scienziati che, per il loro impegno, riceveranno un bel premio:

La partecipazione al programma Climate Witness è volontaria e in cambio noi riconosciamo il tuo contributo sul nostro sito web globale, così come l’apposizione del proprio nome sotto ogni storia di testimoni climatici [sic] che rivedranno.

Allora perché non persone che sono abbastanza intelligenti per un dottorato di ricerca non capiscono che questo è un affare spettacolarmente brutto? Lavora con noi gratuitamente e, in cambio, prenderemo la tua incontaminata reputazione scientifica e la collegheremo alla nostra campagna di bancarotta scientifica per spaventare e manipolare l’opinione pubblica.

Ti faremo una grande pubblicità sul nostro sito web globale, in modo che mai più nessuno ti scambi per una persona affidabile. Useremo i nostri svariati milioni di dollari di bilancio per annunciare al mondo che devi essere un malversato politico o un ingenuo campagnolo.

Ah, ma forse io non sono del tutto equa. C‘è ancora una linea di detto paragrafo. Si legge:

Il WWF sta anche cercando nuove opportunità per promuovere la ricerca del cambiamento climatico, non esitare a contattare il Responsabile Testimone del clima per ulteriori informazioni.

Parte seconda

Tra il 2004 e il 2008 il World Wildlife Fund (WWF) convinse 130 scienziati a partecipare al suo Climate Witness Scientific Advisory Panel. Come ho spiegato nella parte 1 , la campagna Testimone del Clima ha uno scopo apertamente politico. Il WWF riconosce apertamente che sta cercando di aumentare nel pubblico la percezione dell’urgenza per i cambiamenti climatici. Paura, allarme, ansia – questo è quello che stanno promuovendo.

La campagna prevede la raccolta di testimonianze di persone comuni che credono di essere testimoni degli effetti terribili del cambiamento climatico nel cortile di casa loro. Nel tentativo di infondere queste credenze con un alone di rispettabilità scientifica, gli scienziati del panel del WWF esaminano queste testimonianze monopagina e decidono se sono compatibili con ricerche pubblicate.

Per quel che riguarda il quadro generale il WWF non nutre alcun dubbio o incertezza. Si dice che è “quasi impossibile ingrandire la minaccia dei cambiamenti climatici” (vedi qui , backup collegamento qui ).

L’IPCC, tuttavia, dovrebbe essere un’organizzazione scientifica neutrale e obiettiva. Un giudice che presiede un processo per omicidio non può andare a una festa con la squadra dell’accusa la sera. Allo stesso modo, il personale IPCC cui è affidato il compito di determinare se l’umanità è responsabile dei cambiamenti climatici deve tenersi fuori dal linciaggio fuori dalla porta carcere.

In un documento del 2008, il WWF ha detto che i 130 “scienziati leader del clima” nel panel erano “per lo più, ma non esclusivamente, del panel intergovernativo sui cambiamenti climatici.” Questi scienziati in particolare, quindi, sono più che semplicemente simpatizzanti della visione del WWF. Hanno un rapporto formalizzato con tale organizzazione. Sono stati corteggiati, sono stati conquistati, e poi sono entrati nella tenda del WWF.

Cosa significa questo per il celebre rapporto dell’IPCC 2007 – quello che ha assicurato all’IPCC il suo Nobel per la pace? Lasciate che vi dia una rapida istantanea:

Ciò significa che quasi due terzi dei capitoli della Bibbia climatica 2007 – 28 su 44 (che è pari al 64%) – hanno almeno una persona nel proprio elenco che è affiliata con il WWF.

Ciò significa che gli scienziati affiliati WWF hanno contribuito a scrivere ogni capitolo del WG2 – tutti e 20.

Significa che 15 capitoli della Bibbia Climatica 2007 sono stati presieduti da scienziati affiliati WWF – i loro autori di coordinamento sono i membri del gruppo del WWF. In tre casi, i capitoli sono stati condotti da due autori principali di coordinamento affiliati al WWF. In un caso, otto persone in un unico capitolo hanno legami con il WWF. In un altro ce ne sono sei.

Vuol dire, signore e signori, che l’IPCC è stato infiltrato. E ‘stato interamente e totalmente compromesso.

.

Ho trascorso innumerevoli ore completando tutte le ricerche, i controlli incrociati, e i tabulati che hanno portato a questi risultati. Nei prossimi giorni prenderò ciascuna delle dichiarazioni di cui sopra, e fornirò prove di back-up chiare e incontrovertibili. Come al solito, inserirò direttamente le fonti del mio materiale in modo che chiunque possa facilmente verificare le mie affermazioni.

State sintonizzati. Questa sarà una corsa sfrenata.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

7 Comments

  1. Claudio Costa

    Il 1 ottobre è stata la giornata mondiale dei vegetariani in Italia sono più di 5 milioni, e la giornata si festeggia dal 1977. Ho sentito gli spot alla radio e mi si son crepati i denti

    vi riporto il comunicato stampa di una delle associazioni a riguardo:

    Se dati alla mano possiamo dire che l’impatto ambientale di un onnivoro sia equivalente a quello di 7 vegetariani e di circa 20 vegani, “allora possiamo anche dire, senza temere smentite, che allevamenti, mattatoi, colture e quindi terreni dedicati esclusivamente a nutrire il bestiame sono responsabili del consumo di un enorme, spaventoso quantitativo di energia, e dei relativi gas serra associati”, come, oltre alla CO2, il metano, “con un potenziale inquinante 21 volte maggiore della CO2”. Per non parlare poi della quantità d’acqua risparmiata: “con ogni kg di carne mangiato ne buttiamo dai 15.000 litri ai 50.000 litri! Sapere che invece la produzione di un kg di frumento richiede appena 200 litri di acqua e altri tipi di vegetali arrivano al massimo a 1.000 litri/kg deve quanto meno far riflettere” ha concluso l’ufficio stampa ..

    senza tema di smentita?? ma se sono conti della serva!

    • Maurizio Rovati

      A Voghera vanno fortissimo, i Conti della Serva.

  2. Claudio Costa

    Tanto per ripetersi lista dei puntuti del comitato scientifico del WWF Italia noti catastrofisti climatici:

    […]

    Commento moderato
    Claudio, niente nomi né liste. Non aggiungono nulla all’informazione. Lascia che siano gli altri a farle. Ognuno pensi per se.

  3. Claudio Costa

    Ciò significa che quasi due terzi dei capitoli della Bibbia climatica 2007 – 28 su 44 (che è pari al 64%) – hanno almeno una persona nel proprio elenco che è affiliata con il WWF.

    no affiliata: puntuta

  4. Ricordiamo che nel WWF Italia, la carica di Consigliere Nazionale è gratuita.

  5. Che il WWF si sia trasformato in una multinazionale è cosa nota e triste… Io sono socio dal 1981 e ogni anno, al momento di rinnovare la tessera, mi viene voglia di non farlo. Poi cambio idea perché, come dice Sancho, penso a quei volontari che gestiscono le cose di ogni giorno, come ad esempio le Oasi. Quello che era il core business del WWF all’inizio e avrebbe dovuto restare tale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »