Salta al contenuto

Un venerdì leggero come le nuvole.

Chissà quante volte vi sarà capitato di alzare gli occhi al cielo e di vedere qualcosa di nuovo, di strano. Beh, la Natura e forse più che mai quella sua parte che riguarda l’atmosfera non è mai strana, ma è spesso poco conosciuta. Probabilmente se la si conoscesse un po’ di più, si potrebbe evitare di prestare il fianco a improbabili teorie cospiratorie, ma questa è un’altra storia.

Oggi vediamo due aspetti curiosi dello stesso fenomeno, le Distrails e i Fallstreak holes.

Le prime sono esattamente il contrario delle scie di condensazione (Contrails), quelle che si vedono molto spesso in cielo al passaggio degli aeroplani e che si formano quando l’aria è in condizioni di sovra saturazione, cioè con il vapore acqueo in essa contenuto pronto per condensare ma impedito a farlo dall’assenza di nuclei di condensazione. Al presentarsi del disturbo di pressione prodotto dal passaggio dell’aereo o con l’immissione dei residuati della combustione nella massa d’aria, quel vapore acqueo condensa rapidamente e forma la scia, che poi può essere persistente o dissiparsi rapidamente.

Le Scie di Dissipazione (Distrails), come quelle della foto qui sopra (o anche qui), si generano per lo stesso meccanismo. Ma il vapore acqueo è però già condensato a formare la nube, la temperatura dello strato è probabilmente idonea al ghiacciamento, che però non avviene fino a quando non interviene il disturbo prodotto dal velivolo. Al ghiacciamento, che fa assumere peso e volume superiori, i cristalli tendono a precipitare lasciando una scia priva di vapore acqueo e ben visibile. Il fenomeno è però molto meno frequente del suo opposto perché si origina solitamente dagli altocumuli, ovvero da nubi medie che non sono a quote frequentate dagli aeroplani.

HolePunchCloud

Ancora più insoliti e spettacolari sono invece i Fallstreak Holes (qui sopra), veri e propri buchi nelle nuvole. A volte possono avere origine da una Distrail o possono semplicemente nascere sempre per il passaggio di un aeroplano in uno strato prossimo al ghiacciamento e all’inizio del processo si può vedere bene anche la precipitazione dei cristalli di ghiaccio. Il processo quindi è esattamente lo stesso, la forma no. Forme circolari che a volte sono state scambiate addirittura per oggetti volanti non identificati. Ma mi fermo qui, altrimenti entriamo nuovamente nel territorio delle cospirazioni ;-).

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

3 Comments

  1. Luigi Mariani

    Interessantissimo. Anch’io come Vomiero sollecito se possibile altre informazioni di questo tipo, anche perchè penso che non ci si possa interessare di meteorologia e climatologia se non si amano le nuvole.

  2. Fabio Vomiero

    Bisognerebbe pubblicare più spesso informazione tecnica di questo tipo, a mio avviso, visti i tempi che corrono. Poi ci sono le nubi orografiche, le nubi a rotolo, le nubi iridescenti, le nubi lenticolari, le Mammatus ecc. Tutti fenomeni naturali, che la scienza aiuta a spiegare, senza tirare in ballo improbabili scenari complottistici. E a questo riguardo anch’io, come Guidi, preferisco rimanere morbido, ho già scritto un paio di articoli in merito e quindi ho già espresso il mio punto di vista. Saluto sempre tutti cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »