Le Previsioni di CM – 23 / 29 Ottobre 2017

Questa settimana la previsione è di Fabio Campanella

_____________________________

Situazione ed evoluzione sinottica

Poche novità per quanto riguarda la circolazione mediterranea nella settimana entrante se escludiamo il peggioramento in corso grazie al passaggio di una veloce perturbazione nordatlantica che sta provocando un temporaneo cedimento del campo di massa essenzialmente sui Balcani e sul nostro versante Adriatico ed al Sud della nostra Penisola. Già da mercoledì questa fase sarà conclusa e l’anticiclone di matrice subtropicale, grazie all’alimentazione di aria calda  dovuta all’isolamento di un cut-off in pieno Atlantico, riconquisterà gran parte del Mediterraneo centro-occidentale allontanando ancora una volta il termine di questa fase siccitosa che attanaglia l’Italia da un periodo piuttosto lungo. Tuttavia durante il fine settimana (Figura sotto) l’alta pressione che dapprima si estenderà su gran parte del Mediterraneo centrale, tenderà a trasferire i suoi massimi verso ovest per l’incalzare di un episodio di trasferimento di vorticità positiva sull’Area Scandinava dando vita ad un pattern SCAND- sottolineato a più riprese dalle proiezioni a lungo termine.

Se tale tendenza verrà confermata probabilmente il mese entrante potrebbe esordire con una circolazione diversa da quella fin qui occorsa, inizialmente costituita da passaggi freddi nordoccidentali e successivamente sostituita da condizioni favorevoli allo sviluppo di perturbazioni dirette sul Mediterraneo centrale fioriere di importanti piogge in stile autunnale un po’ su tutto lo Stivale. Sicuramente saranno i miei colleghi nelle prossime settimane a confermare o a smentire queste proiezioni.

Previsioni del tempo sull’Italia

Lunedì: Tempo instabile a tratti chiuso su Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia orientale con piogge sparse ed intermittenti accompagnate anche da qualche temporale in trasferimento dalle Centrali adriatiche verso Molise, Puglia e zone Ioniche nella serata. Altrove nuvolosità variabile con ampie schiarite specie sul nordovest in estensione al resto del centronord entro la fine della giornata. Venti da moderati a forti su medio e basso Adriatico prevalentemente di tramontana, da maestrale sulle zone Tirreniche con conseguenti mari molto mossi o agitati. Temperatura in sensibile calo su medio Adriatico e Sud, stazionarie o in lieve aumento sul Nordovest e sul resto delle Regioni.

Martedì: Ancora nuvolosità variabile con addensamenti intensi su Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia con residue precipitazioni durante la giornata ma con tendenza a rapido miglioramento specie dal pomeriggio su tutte le regioni. Altrove poco nuvoloso con ampie schiarite. Venti ancora sostenuti di tramontana o di grecale su medio-basso Adriatico, Ionio e i canali di Sicilia e Sardegna con conseguenti mari molto mossi, altrove più deboli tendenti a mantenere una componente settentrionale, mari mossi. Temperatura stazionaria ovunque o in lieve aumento su Sardegna, zone Tirreniche del Centro e su tutto il Nord Italia.

Mercoledì: Residui annuvolamenti  su Calabria e Sicilia orientale con qualche piovasco in attenuazione già a partire dalla mattinata; altrove sereno o poco nuvoloso con passaggio di velature sulle regioni Settentrionali. Venti moderati ancora di grecale sui mari meridionali ma con tendenza ad attenuazione dei venti e del conseguente moto ondoso. Temperatura in aumento su tutte le regioni, più apprezzabile su Tirreno, Sardegna e nord dove le temperature torneranno su valori al di sopra delle medie del periodo.

Giovedì-Venerdì-Sabato: Giornate stabili e soleggiate ovunque con qualche velatura in transito da nord verso sud; venti deboli o moderati occidentali e temperature stazionarie su valori al di sopra della norma specie di giorno. La ventilazione comunque presente ed in aumento specie da venerdì non consentirà la formazione di nebbie persistenti probabilmente neppure in Pianura Padana. Difatti sopratuttto da venerdì è previsto un aumento della ventilazione per il cedimento dei geopotenziali ad est ed il conseguente ingresso di correnti settentrionali secche e sostenute. Questo potrà provocare qualche annuvolamento sulle centrali Tirreniche e sull’alto Adriatico in trasferimento verso sudest con qualche sporadico fenomeno sparso. Le temperature, ancora miti ed al di sopra delle medie, tenderanno localmente a diminuire da Sabato specie sulle zone Adriatiche.

Domenica: Giornata di attesa di un guasto più organizzato che dovrebbe intervenire da nord. Nuvolosità in aumento al Nord con qualche fenomeno su Alpi e Prealpi e zone di Nordest, nuvolosità variabile altrove con ampie schiarite al centrosud. Venti che cominciano ad intensificarsi sul Tirreno da nordovest e sull’Adriatico da Sudovest per il sopraggiungere del cedimento della pressione e l’ingresso della perturbazione. Temperature che cominciano a calare specie al Nord, stazionarie altrove su valori ancora leggermente al di sopra delle medie stagionali.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: admin

Share This Post On

5 Comments

  1. Unisco la mia voce a quella degli amici dell’Italia nordoccidentale: la siccità sta assumendo aspetti eccezionali e drammatici sia per l’agricoltura che per i bacini idrici ed i livelli di inquinamento atmosferico. Speriamo, ma direi PREGHIAMO, che le cose cambino in quest’ultimo scorcio di 2017. Anche se purtroppo le previsioni non lasciano molti margini per un bel treno di perturbazioni atlantiche.

    Post a Reply
  2. Buongiorno,
    le regioni del Nord-Ovest , Centro Nord, Liguria, Toscana, Lazio sembrano ancora escluse da episodi precipitativi sostanziosi anche da lunedi 30 ottobre.
    AL momento sembra una fotocopia dell’evento di questi gg e;secondo mè ,avrà una direzione incidente piu’ verso i Balcani relegando l’impatto alle Adriatiche italiane
    La grossa novità e nel pattern annunciato decisamente di carattere tardo autunnoale e freddo.
    Staremo a vedere !

    Post a Reply
    • Gli ultimi Run anticipano l’evento a partire venerdi/Sabato.
      Tutte le regione del Nord saranno sotto vento.
      Nei gg successivi drastico calo delle temperature min e max.
      Vi risulta ?

      ps// Sembra salvo il lungo ponte dei morti, eccetto estreme Sud !

      ps// Sembrano pure salvi i blocchi del traffico anche su Torino dove ho previsto proprio una visita in quei giorni 🙂

  3. Grazie.
    Qui nella steppa piemontese sottovento aspettiamo ansiosi novità!

    Post a Reply
    • Hai detto bene Lorenzo 🙂
      Sembrano esserci grosse novità, tutte da confermare, per i primi gg di novembre.

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Translate »