Salta al contenuto

Disastro ambientale o manna dal cielo?

I lettori di CM mi perdoneranno la provocazione, ma quando mi capita di leggere cose come quella che sto per proporvi mi viene sempre in mente la stessa cosa. Ma perché qualcuno, tanto tempo fa, decise di stampare la carta moneta dando al verde un ruolo predominante?

Mi sono imbattuto in un’analisi piuttosto dettagliata delle dinamiche finanziarie che hanno preceduto l’incidente della Deep Water Horizon e delle prese di posizione di quelli che più o meno loro malgrado si trovano ora ad essere protagonisti di questa brutta faccenda.

Come quasi sempre accade, si scopre che per alcuni, i soliti noti tra l’altro, la faccenda così tanto brutta non è, a patto naturalmente di avere un buon palmo di pelo sullo stomaco, caratteristica somatica che peraltro in certi ambienti non manca davvero.

Non possiedo gli strumenti per capire se quella che ci viene data sia una tesi plausibile o meno, di sicuro è però una lettura interessante, forse un po’ OT rispetto a quello che facciamo di solito, ma se ci pensate bene neanche così tanto.

Ecco qua: Il business nascosto sotto la macchia di petrolio di Bp, da ilsussidiario.net.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

Un commento

  1. duepassi

    Dall’articolo linkato:
    [ Colmo dei colmi, ieri Washington ha annunciato un’inchiesta federale sull’accaduto: e a chi sarà affidata? Allo stesso MMS, l’ente dall’esenzione facile. Come ha dichiarato ancora Andrew Hopkins, «la MMS è il regolatore e un fallimento della regolamentazione è parte di questo disastro. Quindi, MMS sta per investigare su se stessa. Direi che è quantomeno totalmente inappropriato». ]
    …non vi ricorda altre inchieste, di cui si è parlato proprio su CM ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »