Il Carbon Trading chiude. Fate piano, nessuno se ne deve accorgere…

Il mercato del Carbon Trading d’oltreoceano sta chiudendo, quello Europeo resta in piedi solo in quanto sostenuto dall’adempimento degli obblighi dei paesi membri della UE al Protocollo di Kyoto.

Qualche mese fa il CCX (Chicago Climate Exchange) è stato venduto per 600 milioni di dollari ad una società di trading con base a Londra ed Atlanta. L’ECX (la componente europea) è entrata nel pacchetto perché era controllata dal CCX. Apprendiamo che con questa operazione, compagnie come la GIM di Al Gore e la Goldman Sachs sono rientrate dei loro investimenti, giusto in tempo per la prossima chiusura, prevista per la fine dell’anno.

Ad oggi, la tonnellata di anidride carbonica scambiata (o meglio, non scambiata) vale esattamente zero, proprio come qualcuno aveva previsto in questo articolo di qualche settimana fa. Quando questa ennesima bolla speculativa è stata messa in piedi, nel 2000, si stimava che il valore del CCX potesse arrivare a 500 miliardi di dollari, ora è stato venduto per la millesima parte di quella stima.

Veramente un’idea brillante, con la quale però, quelli che l’hanno avuta hanno comunque tirato su un sacco di soldi. Complimenti. Al riguardo, non c’è in giro uno straccio di notizia. Potere, asfittico, della non-comunicazione globale.

Trovate tutto qui e qui.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

1 Comment

  1. Sono molto addolorato.
    Il “WWF” quindi non riceverà i 60 MILIARDI DI DOLLARI come leggo dal Telegraph.

    E anche LEGAMBIENTE, con FEDERPARCHI, lo stesso De Benedetti, subirà delle perdite, visto che aveva investito in questa CO2..

    FONTE:
    http://www.notiziegenova.altervista.org/index.php/te-lo-nasondono/1446-la-truffa-di-qlegambienteqmolto-business-poca-salvaguardia-e-grande-avidita

    E ora? Si potrebbe ricominciare al contrario!
    Ci stiamo “RAFFREDDANDO”! Pagassero coloro che non bruciano almeno 20 kg di legna al giorno!

    Serve CO2!Cambiamo colore alle Ande! Da verniciate di bianco passiamo al nero!

    Servirà un grande “pennello”!

    Cordialmente.

    Piero Iannelli

    Post a Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Bye bye Carbon Trading « La Valle del Siele - [...] ci informa Climate Monitor, questa operazione consentirà ad alcuni investitori speciali come la GIM di Al Gore e Goldman…

Submit a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *