Salta al contenuto

Ma quanto fa caldo in Finlandia?

Già, quanto? Molto poco si direbbe, visto che nel golfo di Finlandia, vicino San Pietroburgo, ci sono una novantina di navi intrappolate nel ghiaccio da un paio di settimane. E due giorni fa erano 160, salvo poi essere intervenuti i rompighiaccio a liberarle dalla stratta di un ghiaccio così globalmente riscaldato da essere spesso in alcuni punti più di un metro.

Dicono da quelle parti che non sentivano tanto freddo da una ventina d’anni, proprio come si diceva già l’anno scorso in una analoga situazione sempre nel Mar Baltico. Delle due l’una. O quest’anno fa più freddo dell’anno scorso oppure questa faccenda dei record è sempre la solita baggianata.

Sta di fatto che le navi sono ferme, e tra queste un traghetto che doveva ricominciare a far la spola tra una sponda e l’altra grazie al sopraggiungere della buona stagione. Che a quanto pare tarda ad arrivare. Vuoi vedere che questo pazzo mondo si scalda così tanto che fa sempre più freddo?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

7 Comments

  1. Vale

    e’ stato chiarissimo egregio signor Guidi..
    solo un appunto..
    La teoria del GW non dice che dappertutto e sempre farà caldo, che dappertutto e sempre ogni anno sarà più caldo dell’altro, poiché singole variazioni sono assolutamente normali e previste, ma la variabilità climatica ultra-decennale è ben altra cosa.
    e poi se parliamo di ghiacci,la situazione nell Artico e’ sotto gli occhi di tutti..
    per questo,senza cattiveria,secondo me l’articolo di nuvola non ha senso..

    Reply
    Appunto, l’evoluzione del clima a scala regionale è ancora più oscura di quelle continentale o globale. Come si possa immaginare un futuro a tinte fosche resta ancora di più un mistero. E visto che la situazione nell’Artico è sotto gli occhi di tutti, vale la pena di buttare uno sguardo anche a quella dell’Antartico, anche quella dovrebbe esserlo. Invece, guarda un po’, pur avendo un segno praticamente opposto, nessuno ci fa caso. Per cui, parliamone pure di ghiacci, ma di tutti. Scoprirai che nella teoria AGW c’è più di qualcosa che non torna.
    Quanto al post, vogliamo scommettere che se invece la stagione fosse arrivata in anticipo e avessimo visto la gente farsi il bagno qualcuno ci avrebbe trovato senso? 🙂
    gg

  2. Vale

    vedo che state andando fuori tema..e nessuno mi ha risposto..
    io sono intervenuto riguardo questo articolo..
    secondo me se si parla di GW non ha senso..e ho spiegato il perche’..
    rifaccio la domanda..
    se fa freddo in Finlandia,o meglio, se ha fatto molto freddo negli ultimi 2-3 inverni..questo significa che il GW non esiste???????
    x Guido
    hai ragione,ma tu ascolti ancora i mass media?? non e’ meglio ascoltare la scienza?
    se loro(i media) sbagliano, dovete sbagliare anche voi? o l’autore di questo articolo…
    se gli scienziati parlano di riscaldamento globale e’ perche’ hanno le prove, che non sono gli episodi che hai citato..non confondere gli articoli giornalistici con gli studi fatti da gente esperta e preparata..o i climatologi sono diventati tutti pazzi??

    Reply
    Primo, non sono tutti. Secondo, nessuno mette in dubbio il GW (ampiezza e distribuzione cmq incerte), semmai sono in discussione le origini e le dinamiche associate. Terzo, mi dispiace deluderti, ma molte riviste scientifiche attraverso le quali parlano gli scienziati sono di fatto mass media. Quarto, questo breve post e’ in apparenza semplice e stupido, ma ha il suo senso. Perché secondo te doveva riprendere l’attivita’ stagionale dei traghetti e non e’ stato possibile? Perché era previsto, secondo l’esperienza recente. Invece fa freddo, quindi la stagione e’ in ritardo, malgrado le previsioni. E cosa la ritarda? Il freddo e quindi il ghiaccio, quello che doveva essere in procinto di scomparire in quanto evidenza della rovina del clima. La realtà e’ che nessuno ci capisce un accidente. Ci sono degli scenari logicamente organizzati, e’ vero, ma questa logica non descrive la realtà. E a cosa serve uno scenario che non descrive la realtà? A nulla, se non a giustificare l’esistenza di chi lo ha generato.
    Spero di essere stato più chiaro.
    gg

  3. Vale

    ma che risposta e’ mai questa???
    boh…
    mi dite che senso ha questo articolo
    se si parla di riscaldamento GLOBALE e’ giusto prendere una sola nazione in considerazione e tra l’altro anche la piu’ fredda e affermare che il GW NON ESISTE
    se e’ per questo allora ci sono nazioni dove fa caldo e le temperature sono quasi sempre sopra la media negli ultimi anni..
    quello che conta e’ la media di tutte le temperature registrate nel pianeta..e questa ci dice che nell’ultimo peiodo e’ in costante aumento anche mettendo i dati della Finlandia eheheh
    saluti

    Reply
    Facciamo così, metti nel search del blog le parole temperature medie superficiali globali e guarda cosa esce fuori. Poi ne riparliamo.
    Saluti, gg

  4. Vale

    ma che senso ha questo articolo se si parla del GW??
    perche fa freddo in Finlandia allora fa freddo dappertutto?
    ma date mai un occhio alle temperature globali?
    boh questa proprio non l’ho capita..
    si fa ancora confusione tra meteorologia e climatologia..

    Reply
    No, mai. Meno male che c’è chi lo fa per noi. A proposito, che dicono? Tiro a indovinare, sempre più alte vero? Dannato global warming non si distrae un attimo. 🙂

    • Guido Botteri

      Oh, finalmente uno che distingue tra meteorologia e climatologia. Complimenti ! Visto che c’è, ed è così preciso, lo va a dire Lei alla tv e ai giornali che c’è differenza, e che una siccità in Russia non è clima, né lo è un’inondazione in Pakistan, o un iceberg di 350 km quadrati appena, che va in vacanza per gli oceani, spensierato e giulivo, cantando
      “Sotto questo sole è bello nuotare sì
      ma c’è da squagliare
      Sotto questo sole rossi e col fiatone e
      neanche da bere”
      (da Baccini)
      Dunque, d’ora in poi ci pensa Lei a bacchettare tutti (spero tutti, mica sarà strabico, spero !) quelli che confondono fatti meteorologici con fatti climatici. Bravo, conto su di Lei !
      (Lo so, è un compito gravoso, visto che tra i sostenitori dell’ipotesi AGW abbondano quelli che non vedono – o fanno finta di non vedere – distinzioni tra meteo e clima).
      Grazie.

  5. emiliano cassardo

    Ci sono tali e tante variabili che concorrono a determinare il clima terrestre che è impossibile capire come si evolverà. Tuttavia credo che siano molto importanti a tal fine pochi ma buoni elementi ben conosciuti, quali gli indici ENSO,QBO,MEI,NAO,AO,(forse ne ho perso qualcuno per strada) e cicli solari.Poi tutti questi dati vanno messi in “sistema” così da considerare solo gli aspetti e gli elementi comuni (proprio come si fa in un sistema di equazioni).La o le soluzioni di questo sistema sono ciò a cui possiamo ragionevolmente aspirare in termini di previsioni climatiche.Il resto ho l’impressione sia aria fritta, e le miriadi di interpretazioni anche diametralmente opposte lo dimostrano.CIAO A TUTTI e grazie per la pazienza.

  6. Fabio Spina

    Con tutto quel ghiaccio le oche rimangono intrappolate? 😉
    Intendo le “oche stupidens”, le altre non vanno mica dove fa freddo, lo so che vivono solo nei posti al caldo. Scusate i “pensieri stupidens” notturni, buonanotte e buona domenica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »