Salta al contenuto

La scoperta dell’acqua fredda

Dal blog di Roy Spencer un update delle misure a scala globale delle temperature di superficie degli oceani. Le oscillazioni seguono fedelmente l’andamento dell’indice ENSO, il trend dall’inizio del secolo è piatto (se proprio volete fare lo zoom sull’immagine vedrete anche che è negativo in modo statisticamente non significativo.

Spencer ci aggiorna anche sul vapore acqueo (quello che dovrebbe aumentare a dismisura per l’aumento delle temperature e portarci verso un effetto serra inarrestabile) che, in accordo con le SST, è calato vertiginosamente nell’ultimo periodo.

Il global warming è ancora in ferie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

4 Comments

  1. antistrafalcione

    bello! ossia come analizzare il clima su 11, dico 11 e ripeto 11 anni; un vero trend…..secolare.

  2. Donato

    Bene, bene. I dati confermano quanto sosteneva L. Mariani in un suo commento ad un precedente articolo pubblicato su CM: dopo ogni fenomeno di Nino l’atmosfera si libera del vapore acqueo in eccesso attraverso le piogge. Il secondo grafico pubblicato è veramente illuminante.
    Ciao, Donato.

    • agrimensore g

      Sì, sembra anche a me. Più in generale mi sembra che il sistema Terra rispnda al forcing radiativo anche accelerando il ciclo idrico (è solo una mia impressione, ovviamente, nulla di scientifico)

    • Maurizio

      Della serie: se piove o se non piove la storia non cambia.

      “A new NASA-funded study has revealed widespread reductions in the greenness of the forests in the vast Amazon basin in South America caused by the record-breaking drought of 2010.”

      …”The drought sensitivity of Amazon rainforests is a subject of intense study. Scientists are concerned because computer models predict that in a changing climate with warmer temperatures and altered rainfall patterns the ensuing moisture stress could cause some of the rainforests to be replaced by grasslands or woody savannas.

      This would cause the carbon stored in the rotting wood to be released into the atmosphere, which could accelerate global warming. The United Nations’ Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) has warned that similar droughts could be more frequent in the Amazon region in the future….”

      http://www.spacedaily.com/reports/NASA_Satellites_Detect_Extensive_Drought_Impact_On_Amazon_999.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »