Salta al contenuto

Sim Sala Min

Con la sola imposizione delle mani, posso ungervi la giacca e la cravatta! Indimenticabile gag di Raul Cremona nei panni del Mago Oronzo. Chissà se lo hanno interpellato in occasione della gita sociale in Perù dei membri dei tre working group dell’IPCC conclusasi appena ieri.

Il tema è la geoingegneria o -come leggiamo testualmente dal sito ufficiale dell’evento- “la deliberata manipolazione su larga scala dell’ambiente planetario.” Non vi pare un po’ antropocentrico come obbiettivo per chi si preoccupa che l’effetto antropico possa aver innescato una modifica del clima?

Da rinnovabili.it. Sessanta eminenti studiosi si confronteranno su temi come:

  • lancio di specchi riflettenti per ricacciare indietro la luce solare;
  • adozione di colture agricole di colore più chiaro che emettano meno radiazione ad onda lunga;
  • pittura bianca sui muri e sui tetti delle città;
  • fertilizzazione oceanica a mezzo limatura di ferro;

Il tutto per evitare che questo pazzo mondo vada arrosto. Questo e molto altro siore e siori, nel meraviglioso circo del clima che cambia.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

6 Comments

  1. Maurizio Rovati

    Hmmm… dipingere di bianco i tetti delle case? Quindi anche i pannelli FV?

    • donato

      Nooo! Piano con certe idee! Se ti legge qualche inventore con inventiva uno di questi giorni ci troveremo sul mercato dei pannelli fotovoltaici….. bianchi!
      Ciao, Donato.

    • Maurizio Zuccherini

      Be’, scherzi a parte, mi sembra avvilente e preoccupante che ambienti che vorrebbero essere seri partoriscano proposte ben oltre il limite del ridicolo. Un giorno qualcuno si farà un sacco di risate quando rileggerà documenti dell’IPCC e fans…

  2. Se ne era occupato Jules Verne nel 1889 giungendo alle solite conclusioni…il rischio e’ molto alto, alcuni sarebbero vittime del cambiamento, etc etc. Sarebbe una cosa mostruosa dal punto di vista etico.

  3. Maurizio Zuccherini

    Beh, se quello su “rinnovabili.it” è il livello delle proposte, allora posso lanciare la mia: ho trovato come risolvere il problema energetico salvando la terra dall’andare arrosto. Basta infilare un tubo nell’apposito pertugio di cui ogni animale è provvisto e collegarlo ad un serbatoio da apporre sul dorso dell’animale, cammello o vacca che sia, (in questa fase preliminare dispenserei l’uomo, più in là si vedrà..). Il metano verrebbe poi impiegato per l’autotrazione. Geniale, no? Si certo, c’è qualcosa che non quadra, tipo il fatto che il metano non si crea nell’intestino…ma sono quisquilie…… Da che parte per il Nobel?…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »