Salta al contenuto

Il meteo alla sbarra

Alzi la mano destra e dica ‘lo giuro’. Alla sbarra si, ma dalla parte dei consulenti, dei testimoni e non, almeno non ancora, da quella degli imputati. A quello, con un pizzico di spirito di parte e un certo brivido alla schiena, spero davvero che non ci si arrivi mai.

Per adesso, ma in realtà la pratica e’ consolidata da tempo, gli esperti del tempo che fa e del tempo che fu, sono spesso interpellati nei procedimenti civili – e talvolta anche penali- per avvalersi della loro consulenza. Piogge molto abbondanti e senza precedenti o incuria di questa o quella amministrazione nella manutenzione stradale, ad esempio possono essere oggetto di un contenzioso. Ecco che arrivano gli annali pluviometrici e le misurazioni relative agli eventi a dirimere la questione.

Un articolo del New York Times ripreso dal blog 2050 di Valerio Gualerzi? Un argomento un po’ estivo che andava condito.

E così, visto che sul NYT si legge che questo particolare aspetto della professione potrebbe essere via via più importante, perché non collegare questo interesse in crescita alla ormai accertata (?) crescita della variabilità atmosferica, alla sua quantomeno parziale imputabilità (?) alle attività umane e alla sua prevista continua crescita?

Tre domande una risposta. Perché non e’ così. Ma la notizia, benché pubblicata dal NYT non sarebbe stata interessante.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

3 Comments

  1. Guido Botteri

    C’è una proposta di istituire un “tribunale climatico” a Venezia, e di costituire dei “caschi verdi”, cioè una forza di intervento armata.
    Tutto questo mi fa paura, perché temo e credo che sarebbe “schierata”.
    Quando una tesi, che si dica “scientifica”, ha bisogno della forza e dei processi contro l’opposizione, per affermarsi…allora tutto ciò si veste di inquietanti aspetti, sui quali vi lascio liberi di giudicare.
    Per il tribunale di Venezia:
    http://www.controlinformazionemanipolata.com/?p=104
    Per i caschi verdi:
    http://www.ecoblog.it/post/12902/caschi-verdi-per-il-clima-nellonu-si-valuta-la-possibilita-di-introdurli
    Per la libertà e la democrazia, non vi fornisco link, ma fate presto a informarvi, perché le vedo in sofferenza…
    Secondo me.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »