L’Eresia Scientifica di Matt Ridley

Il 31 ottobre scorso, su Bishop Hill è stato pubblicato il testo della Lectio Magistralis di Matt Ridley alla Royal Society of Arts a Edinburgo, in Scozia.

Maurizio Morabito ne ha curato la traduzione per CM.

Qui trovate l’originale, di seguito il testo in Italiano.

È un grande onore essere invitato come relatore per la Lettura Magistrale “Angus Millar”.

Non ho idea se Angus Millar si sia mai considerato un eretico, ma ho un debole per l’eresia. Uno dei miei antenati, Nicholas Ridley, il “martire di Oxford” [1500-1555], fu bruciato sul rogo per eresia.

Il mio tema di oggi è l’eresia scientifica. In quali circostanze hanno ragione gli eretici della scienza e in quali sono dei folli? Come si fa a capire la differenza tra scienza e pseudoscienza? Cerchiamo di vedere degli esempi, a cominciare da quelli facili.

L’astronomia è scienza, l’astrologia è pseudoscienza. L’evoluzione è scienza; il creazionismo è pseudoscienza. La biologia molecolare è scienza, l’omeopatia è pseudoscienza. La vaccinazione è scienza, la paura per il vaccino multiplo MMR è pseudoscienza. L’ossigeno è scienza, il flogisto era pseudoscienza. La chimica è scienza, l’alchimia è pseudoscienza.

Mi seguite? Altri esempi.

Che il Conte di Oxford abbia scritto le opere attribuite a Shakespeare è pseudoscienza. Così come credere che Elvis sia ancora vivo, che Lady Diana sia stata uccisa dal servizio segreto britannico MI5, che Kennedy sia stato ucciso dalla CIA, che l’11 Settembre sia stato un lavoro “interno” [fatto cioè da esponenti del Governo USA]. Così come lo sono i fantasmi, gli UFO, la telepatia, il mostro di Loch Ness e praticamente tutto quanto abbia a che fare con il paranormale. Mi dispiace dirlo il giorno di Halloween, ma questa è la mia opinione.

Tre altri esempi, più controversi.

A mio parere, la maggior parte di ciò che ha detto Freud era pseudoscienza. Stesso discorso riguardo la gran parte dei motivi addotti in favore dell’agricoltura biologica, anche se non tutti. Altrettanto, in un certo senso, e per definizione, è la fede religiosa. Essa afferma esplicitamente che ci siano verità che possono essere trovate in modi diversi dall’osservazione e dall’esperimento.

Ora arriva un esempio che mi ha aperto gli occhi come un’epifania: i Cerchi nel Grano (crop circles). Quando ho cominciato a indagare quel fenomeno, mi era parso davvero ovvio che i crop circles fossero stati probabilmente opera dell’uomo. Ne ho fatti alcuni io stesso per dimostrare quanto fossero facili da fare. Tutto ciò, molto tempo prima che Doug Bower e Dave Chorley confessassero di avere iniziato tutta la mania dei crop circles dopo una serata al pub. Ogni altra spiegazione – “linee temporanee” [supposti allineamenti tra monumenti], navi spaziali aliene, vortici di plasma, fulmini globulari – tutte sciocchezze. L’intero campo della “cereologia” è stato una pseudoscienza, come facilmente dimostrato da una minima interazione con i suoi bizzarri praticanti.

Immaginate la mia sorpresa quindi quando scoprii di essere io l’eretico e che giornalisti seri, non impiegati da giornali scandalistici, ma per la rivista Science e per una squadra documentarista del canale televisivo britannico Channel 4, si erano bevute le storie dei cereologi sulla alta improbabilità che i crop circles fossero tutti opera umana. Così ho imparato la Lezione Numero Uno: la credulità incredibile dei media. Metti una “-logia” nel nome della tua pseudoscienza e puoi fare in modo che giornalisti diventino tuoi propagandisti.

Una squadra di Channel 4 ha fatto la cosa più ovvia – hanno fatto in modo che un gruppo di studenti facessero alcuni cerchi nel grano e poi ha chiesto al cereologo se fossero “vere” o “fasulle” – vale a dire, di origine umana. Egli assicurò che i cerchi non avrebbero potuto essere stati fatti da esseri umani. Allora gli dissero che erano stati fatti la sera prima. L’uomo allibì. Fu un episodio di grande televisione. Eppure, il produttore, che in seguito divenne un sottosegretario del governo di Tony Blair, concluse il segmento del programma prendendo le parti del cereologo: “Certo, non tutti i cerchi nel grano sono fasulli”. Che cosa? Lo stesso è accaduto quando Doug e Dave hanno spiattellato tutto; chi credeva nei crop circles ha continuato a credere. E lo fa ancora.

Lezione Numero Due: debunking ([smontare le affermazioni pseudoscientifiche]) scivola via su una pseudoscienza come l’acqua sul dorso di un’anatra.

In medicina, ho iniziato a capire che la distinzione tra scienza e pseudoscienza non è sempre facile. Questo è splendidamente illustrato in uno straordinario romanzo di Rebecca Abrams, chiamato “Touching Distance”, basato sulla storia vera di un medico eretico del XVIII secolo, Alec Gordon di Aberdeen in Scozia. Gordon è stato un vero pioniere dell’idea che la febbre da parto fosse diffusa da personale medico come lui e che l’igiene ne sarebbe stata la soluzione. Arrivò a questa scoperta molto prima di Semelweiss e Lister. Ma fu ignorato. Eppure il romanzo di Abrams non lo dipinge puramente razionale, come un eroe, ma come un essere umano imperfetto, un marito negligente e un ciarlatano con alcune idee strane – come un’ossessione pericolosa per il dissanguamento dei suoi pazienti malati. È stato pseudoscienziato un minuto e scienziato il minuto successivo.

Lezione Numero Tre: tutti possiamo essere sia scienziati che pseudoscienziati. Finanche Newton era un alchimista.

Come l’antisepsi, molte verità scientifiche sono iniziate come eresie e lunghe battaglie sono state combattute prima che soppiantassero una “conoscenza” istituzionale radicata che ora appare irrazionale: la deriva dei continenti, per esempio. E Barry Marshall non era solo ignorato, ma insultato quando sosteneva che le ulcere allo stomaco siano causate da un particolare batterio. I farmaci antiacidi sono stati molto redditizi per l’industria farmaceutica. Alla fine Marshall ha vinto il premio Nobel. Proprio questo mese Daniel Shechtman ha vinto il premio Nobel per i quasicristalli, dopo aver trascorso gran parte della sua carriera ad essere diffamato ed esiliato come un ciarlatano. “Sono stato cacciato dal mio gruppo di ricerca. Hanno detto che li facevo vergognare con quello che stavo dicendo”.

Questa è Lezione Numero Quattro: l’eretico a volte è nel giusto.

Ciò che tiene in vita la pseudoscienza è il pregiudizio (bias) di conferma. Diamo il benvenuto alle prove a sostegno della nostra teoria preferita; e ignoriamo o manifestiamo dubbi sulle prove che la contraddicono. Tutti noi ci comportiamo continuamente così. Non è, come spesso assumiamo, un problema che affligge solo i nostri avversari. Io lo faccio, noi lo facciamo, ci vuole uno sforzo sovrumano per non farlo. Questo è ciò che mantiene in vita i miti, sostiene le teorie cospiratorie e blocca intere popolazioni alla mercé di strane superstizioni. Bertrand Russell ha fatto notare molti anni fa: “Se a un uomo viene offerto un fatto che va contro i suoi istinti, lui lo scruterà da vicino, e a meno che le prove non siano schiaccianti, egli si rifiuterà di credere. Se, invece, gli viene offerto qualcosa che offre una ragione per agire in accordo con il suo istinto, lui lo accetterà anche con la minima prova”.

Lezione Numero Cinque: tieni d’occhio il pregiudizio di conferma in te stesso e gli altri.

Ci sono stati alcuni ottimi libri su questo di recente: Michael Shermer “Il Cervello Che Crede”, Dan Gardner “Ciance Sul Futuro” e Tim Harford “Adattati” sono esplorazioni del potere del pregiudizio di conferma. E ciò che trovo più inquietante di tutto è la conclusione di Gardner che il sapere non sia una difesa contro di esso, anzi, più si sa, più si cade nel pregiudizio di conferma. Il sapere ti dà gli strumenti per cercare le conferme necessarie per sostenere le tue convinzioni. Gli esperti sono peggiori nel prevedere il futuro rispetto ai non esperti.

Philip Tetlock ha fatto l’esperimento definitivo. Ha raccolto un campione di 284 esperti – scienziati politici, economisti e giornalisti – e 27,450 previsioni differenti e specifiche fatte da loro sul futuro così come atteso, per vedere se si è avverato. I risultati sono stati terribili. Gli esperti non c’azzeccavano meglio di “uno scimpanzé con le freccette”.

Ecco ciò che il Club di Roma ha dichiarato sulla copertina posteriore del grande best-seller “I Limiti dello Sviluppo” nel 1972: “Sarà questo il mondo che i vostri nipoti vi ringrazieranno di aver loro lasciato? Un mondo dove la produzione industriale è scesa a zero. Dove la popolazione ha subito un declino catastrofico. Dove l’aria, mare e terra sono inquinate in modo irrecuperabile. Dove la civiltà è un lontano ricordo. Questo è il mondo secondo le previsioni al computer”.

“La scienza è il credere nell’ignoranza degli esperti”, ha detto Richard Feynman.

Lezione Numero Sei: mai contare sul consenso di esperti riguardo il futuro. Gli esperti sono degni di essere ascoltati sul passato, ma non sul futuro. La futurologia è pseudoscienza.

Sulla base di queste sei lezioni, ora mi accingo ad immergermi in un tema sul quale quasi tutti gli esperti non sono solo fiduciosi di poter predire il futuro, ma assolutamente certi che gli avversari siano pseudoscienziati. È una questione sulla quale in questo momento sono un eretico. Penso che l’opinione dell’Establishment in argomento sia infestata di pseudoscienza.

Il problema è il cambiamento climatico.

Ora, prima che tutti si precipitino per le uscite, e so che è tradizionale andarsene via quando un relatore non segue l’ortodossia sul clima alla RSA – l’ho visto accadere con Bjorn Lomborg l’anno scorso quando ha tenuto la Lettura Magistrale dedicata al Principe Filippo – voglio essere molto chiaro. Io non sono un “negazionista”.

Sono pienamente consapevole che l’anidride carbonica è un gas ad effetto serra, che il clima ha subito un riscaldamento e che l’uomo è molto probabile che ne sia almeno in parte responsabile. Quando uno studio è stato pubblicato di recente dicendo che il 98% degli scienziati “credono” nel riscaldamento globale, ho guardato le domande che erano state poste e ho realizzato che c’ero anch’io nel 98%, in base alla definizione usata, anche se non uso mai la parola “credere” riguardo il mio pensiero. Allo stesso modo il recente studio di Berkeley, che ha concluso che le terre emerse stiano effettivamente riscaldandosi a un tasso simile a quello precedentemente stimato, non ha cambiato niente.

Allora qual’è il problema? Il problema è che è possibile ritenere veri tutti i principi fondamentali della fisica dell’effetto serra e concludere allo stesso tempo che la minaccia di un riscaldamento pericolosamente grande sia così improbabile da essere trascurabile, mentre la minaccia di un danno reale dovuto alle politiche di mitigazione del clima è già così alta da essere preoccupante. È sempre più probabile che la cura si stia dimostrando di gran lunga peggiore della malattia. O, come ho detto una volta, [con queste politiche di mitigazione del clima] è come mettere un laccio emostatico intorno al collo per fermare una emorragia dal naso. Penso anche che il dibattito sul clima sia una distrazione di massa dai problemi ambientali più urgenti come le specie invasive e lo sfruttamento eccessivo.

Non sono stato sempre così “tiepido” sul clima. A metà degli anni 2000 una sola immagine, in particolare, ha giocato un ruolo importante nel farmi abbandonare i miei dubbi sulla pericolosità dei cambiamenti climatici di origine antropogenica: la “mazza da hockey” [la ricostruzione delle temperature globali negli ultimi secoli pubblicata da Michael Mann e collaboratori, che mostrava un deciso aumento delle temperature in tempi recenti dopo centinaia di anni di relativa stabilità]. Era chiaramente dimostrato che qualcosa stava succedendo, e senza precedenti. Mi ricordo dove ho visto quel grafico la prima volta, ad una conferenza e che ho pensato: ah, ora ci sono finalmente alcuni dati molto chiari che mostrano che le temperature di oggi siano senza precedenti sia in entità che in velocità di cambiamento – ed è stato pubblicato sulla rivista Nature.

Eppure [l’importanza scientifica di] quel grafico è stata poi assolutamente ridimensionata dal lavoro di Steve McIntyre e Ross McKitrick. Vi esorto a leggere al riguardo il libro di Andrew Montford “The Hockey Stick Illusion”, attento e altamente leggibile. Qui non è la sede per entrare nei dettagli, ma per farla breve il problema è sia matematico che empirico. Il grafico della mazza da hockey si basa pesantemente su alcuni dati di dubbia qualità – anelli di crescita nella corteccia rimossa di esemplari di Pinus Longaeva – e su un particolare metodo di analisi delle componenti principali, chiamato “short centering”, che aumenta moltissimo l’effetto di qualsiasi campione che abbia un andamento a mazza da hockey, a scapito di altri campioni. Quando dico moltissimo – voglio dire 390 volte.

Scoprire tutto ciò ha avuto un grande impatto su di me. Questo era come il momento in cui qualcuno mi aveva detto di aver fatto il crop circle la sera prima. Infatti, a parte la mazza da hockey, non ci sono prove che il clima stia cambiando pericolosamente o più velocemente rispetto al passato, quando è cambiato in modo naturale. Il clima è stato più caldo nel Medioevo e il cambiamento climatico medievale in Groenlandia era molto più veloce. Le stalagmiti, i confini nord di crescita degli alberi e le carote di ghiaccio confermano tutti che era molto più caldo 7000 anni fa. Evidenze dalla Groenlandia suggeriscono che l’Oceano Artico era probabilmente libero dai ghiacci per una parte della tarda estate, a quel tempo. il livello del mare sta salendo al ritmo di circa un metro ogni tre secoli, un ammontare non minaccioso, e quell’aumento è in decelerazione. La Groenlandia sta perdendo ghiaccio al ritmo di circa 150 miliardi di tonnellate all’anno, che vuol dire lo 0,6% per secolo. Non c’è stato alcun riscaldamento significativo in Antartide, con l’eccezione della Penisola Antartica. Il metano ha in gran parte smesso di aumentare. Le tempeste tropicali sono diminuite in intensità e frequenza, non aumentate, negli ultimi 20 anni. La probabilità di morire a causa di una siccità, un’alluvione o una tempesta è del 98% inferiore a livello globale di quanto non fosse nel 1920. La malaria è in ritirata non espansione nonostante il mondo si sia riscaldato.

E così via. Ho guardato e riguardato, ma ad oggi non riesco a trovare un set di dati – in contrapposizione ad un modello – che mostri che siano in corso cambiamenti senza precedenti oppure cambiamenti comunque vicini a causare un danno reale. Senza dubbio, ci saranno un sacco di persone che adesso pensano “che ne dici di X allora?” Beh, se avete una X che vi convince che ci aspetti un cambiamento climatico rapido e pericoloso, fatemelo sapere.

Quando ho posto questa domanda a uno scienziato governativo, mi ha risposto citando il Massimo Termico Paleocene-Eocene. Vale a dire, un episodio caldo poco conosciuto, accaduto 55 milioni di anni fa, di durata incerta, magnitudo incerta e causa incerta.

Nel frattempo, vedo pregiudizio/bias di conferma in tutto il dibattito sul clima. L’uragano Katrina, il Monte Kilimanjaro, l’estinzione dei rospi dorati – tutti erroneamente menzionati come prove del cambiamento climatico. Una nevicata a Dicembre, la BBC insegna, è “solo un fenomeno meteo”; una delle inondazioni in Pakistan o la siccità in Texas è “il tipo di fenomeno meteo che possiamo aspettarci capiti più spesso”. Una teoria così flessibile che può spiegare a posteriori qualsiasi risultato, è una teoria pseudoscientifica.

Per vedere in azione il pregiudizio di conferma, basta leggere le email del “Climategate”, i documenti che hanno minato la mia fiducia nelle istituzioni scientifiche di questo Paese [il Regno Unito]. È già abbastanza grave che le e-mail mostrino in modo inequivocabile scienziati mettersi d’accordo per selezionare dati [in maniera pregiudiziale], sovvertire i meccanismi della peer review, fare del bullismo contro i responsabili editoriali di riviste scientifiche ed evitare di ottemperare a richieste di informazioni presentate sulla base del Freedom of Information [il Diritto di ogni cittadino di accesso alla informazione posseduta da agenzie governative]. Quel che appare peggio, ad un appassionato di scienza come me, è che gran parte del resto della comunità scientifica è sembrata non trovare problemi in tutti quei comportamenti. Essenzialmente hanno fatto spallucce e detto, “mannò, che esagerazione, tutto normale”.

Né c’è alcun supporto teorico per la previsione di un futuro pericoloso. La questione centrale è la “sensibilità”: la quantità di riscaldamento che ci si può aspettare da un raddoppio dei livelli atmosferici di anidride carbonica. Su questo, a tutta prima c’è qualcosa di simile al consenso. La sensibilità [in prima analisi] è di 1.2 gradi centigradi. Ecco come l’IPCC ne ha parlato nel suo ultimo rapporto:

“Nella situazione idealizzata in cui la risposta del clima ad un raddoppio della CO2 atmosferica consistesse solo in una variazione uniforme della temperatura, senza che operassero effetti derivati (feedback) … il riscaldamento globale da GCM sarebbe di circa 1.2°C”. Paragrafo 8.6.2.3.

Ora il comma prosegue affermando che sia probabile che quel valore venga amplificato da feedback consistenti e al netto positivi, per lo più da vapore acqueo. Ma mentre esiste un deciso consenso sul valore di 1.2°C, non c’è assolutamente nessun consenso circa il feedback positivo netto, come ammette anche l’IPCC. Il vapore acqueo forma le nuvole e rimane in dubbio se le nuvole, in pratica, amplificheranno o smorzeranno quale che sia il riscaldamento a effetto serra. Quindi, dicendo che ci sia un consenso sul riscaldamento globale si dice il vero, dicendo che ci sia un consenso circa un riscaldamento globale pericoloso si dice il falso.

La sensibilità del clima potrebbe essere un innocuo 1.2°C, metà dei quali già accaduti, o potrebbe essere inferiore se i feedback sono negativi o potrebbe essere di più se i feedback sono positivi. Che cosa dice l’evidenza empirica? Dal 1960 abbiamo avuto circa un terzo di un raddoppio [dei livelli di CO2 nell’atmosfera], quindi dobbiamo avere avuto quasi la metà del riscaldamento a effetto serra che ci si aspetta da un raddoppio – è aritmetica elementare, dato che è accettato che la curva sia logaritmica. Eppure, secondo i termometri di superficie, abbiamo avuto circa 0.6° C di riscaldamento da allora ad oggi, al ritmo di meno di 0.13C per decennio – un po’ meno se si crede ai termometri da satellite. Quindi siamo sulla buona strada per 1.2C.

Ricordate invece, Jim Hansen della NASA ci ha detto nel 1988 di aspettarsi 2-4 gradi in 25 anni. Quello che stiamo osservando è circa un decimo. Siamo sotto anche dell’andamento previsto dall’IPCC nel 1990 in caso di emissioni zero. Ah, dice il consenso, l’inquinamento da zolfo ha ridotto il riscaldamento, ritardando l’impatto, oppure l’oceano ha assorbito il calore extra. Nessuna di queste razionalizzazioni a posteriori è compatibile con i dati: l’emisfero sud si è riscaldato con una velocità che è circa la metà dell’emisfero nord negli ultimi 30 anni, eppure la maggior parte delle emissioni di zolfo è avvenuta nell’emisfero settentrionale. E il contenuto di calore dell’oceano ha rallentato la sua crescita, se non è diminuito, negli ultimi dieci anni.

Molti argomenti eretici mi sembrano invece essere esempi di come la scienza dovrebbe essere fatta: trasparente, sempre in discussione e verificabile. Per esempio, all’inizio di quest’anno, un tenace matematico britannico chiamato Nic Lewis ha iniziato a studiare la questione della sensibilità ed ha trovato che l’unica stima del tutto empirica citata al riguardo dall’IPCC è basata su una procedura statistica sbagliata che di fatto ha “aumentato le code” e con quelle enormemente la probabilità apparente di riscaldamento elevato. Quando quell’errore viene corretto, la probabilità teorica [in caso di raddoppio dei livelli di CO2] di riscaldamento superiore a 2.3°C è molto bassa.

Come tutti gli altri errori nel rapporto IPCC, tra cui l’ormai famosamente sbagliata indicazione che tutti i ghiacciai dell’Himalaya sarebbero scomparsi entro il 2035 piuttosto che nel 2350, l’errore sulla sensibilità esagera il potenziale riscaldamento. Che tutti questi errori debbano essere nella stessa direzione, è ormai più di una coincidenza. La fonte per l’errore sui ghiacciai himalayani è stata un capitolo di un rapporto WWF non verificato da altri (senza peer-review). Inoltre l’errore è apparso in un capitolo del rapporto IPCC in cui due degli autori principali e uno degli incaricati a gestire le revisioni erano nel gruppo di scienziati organizzati dal WWF come “Testimoni del Clima”. Ricordate anche che l’errore sui ghiacciai è stato sottolineato dai revisori incaricati dall’IPCC, che sono stati però ignorati. E che Rajendra Pachauri, il capo dell’IPCC, ha respinto chi presentava obiezioni come esponenti di una “scienza voodoo”.

I giornalisti amano dire che il rapporto IPCC è basato esclusivamente su letteratura scientifica verificata da pari (peer-reviewed). Rajendra Pachauri ha fatto questa affermazione nel 2008, dicendo:

“Noi effettuiamo una valutazione dei cambiamenti climatici sulla base della letteratura peer-reviewed, così tutto ciò che consideriamo e di cui teniamo conto nelle nostre valutazioni ha [la] credibilità delle pubblicazioni peer-reviewed, non ci accontentiamo di niente di meno di quello.”

Questa è una pretesa voodoo.

L’affermazione sui ghiacciai non è stata peer-reviewed, né è stata l’alterazione della funzione di sensibilità scoperta da Lewis. La giornalista Donna Laframboise ha organizzato volontari in tutto il mondo che la aiutassero a contare le volte che l’IPCC ha utilizzato letteratura non peer-reviewed. La sua conclusione è che: “Dei 18’531 riferimenti nella Bibbia del Clima del 2007 ne abbiamo trovati 5’587 – ben il 30% – da letteratura non peer-reviewed”.

Ma anche il solo dire cose come questa è commettere eresia. Alzandosi per affermare, all’interno di una Università o della BBC, di non pensare che il riscaldamento globale sia pericoloso si ottiene il tipo di reazione che si otterebbe in Vaticano dicendo di non credere in un Dio benevolente. Credetemi, io l’ho sperimentato di persona.

Tutto ciò ha importanza? Supponiamo che io abbia ragione che molto di ciò che passa per climatologia ortodossa è ora infestato da pseudoscienza, rafforzata da un brutto caso di pregiudizio/bias di conferma, basato su un pio desiderio, lasciata scorrazzare impunemente da un mondo dei media pieno di pregiudizi e dogmaticamente intollerante del dissenso. E allora? Dopo tutto ci sono pregiudizi, pseudoscienza e bias di conferma tra gli eretici del clima. Ebbene ecco perché è importante. Gli allarmisti si sono allocati un potere sulla nostra vita, che gli eretici non hanno. Ricordiamoci che l’azione unilaterale contro il cambiamento climatico della Gran Bretagna dovrebbe ufficialmente costare alla (peraltro in piena crisi) economia del Regno Unito 18’300’000’000 di sterline ogni anno per i prossimi 39 anni e otterrà un cambiamento infinitesimale, non misurabile nei livelli atmosferici di anidride carbonica.

Almeno, gli scettici non coprono le colline della Scozia con inutili, costose turbine eoliche che sovvenzionano questo o quel nobiluomo, e la cui fabbricazione è causa di inquinamento nella Mongolia Interna e che uccidono rapaci rari come l’avvoltoio-grifone.

Almeno, i credenti nei cerchi del grano non possono quasi raddoppiare la vostra bolletta elettrica per sostenere il loro feticcio, spostando la manifattura in Asia e aumentando i casi di persone troppo povere per permettersi un adeguato riscaldamento nelle loro case durante l’inverno.

Almeno, i creazionisti non hanno convinto la BBC che non sia più necessario riportare le notizie in maniera equilibrata.

Almeno, gli omeopati non hanno reso obbligatorie costose caldaie a condensazione, che non funzionano nel freddo, come il vice Primo Ministro Britannico John Prescott ha fatto nel 2005.

Almeno, gli astrologi non hanno spinto milioni di persone alla fame, forse uccidendone 192’000 l’anno scorso secondo una stima prudenziale, avendo deviato il 5% del raccolto mondiale di grano in carburante.

Ecco perché quanto di cui vi ho parlato è importante. Ci hanno chiesto di prendere alcune cure molto dolorose. Quindi dobbiamo essere sicuri che il paziente abbia un tumore al cervello, piuttosto che una fuoruscita di sangue dal naso.

Consegnare le redini del potere a una pseudoscienza ha una storia triste. Ricordare l’eugenetica. Intorno al 1910 la stragrande maggioranza degli scienziati e degli altri intellettuali erano d’accordo che la nazionalizzazione delle decisioni di ordine riproduttivo, in modo da impedire alle persone povere, disabili e stupide di avere bambini, era un imperativo di grande urgenza non solo pratica, ma anche morale. Il commediografo George Bernard Shaw disse:

“Ormai non c’è ragionevole scusa per rifiutarsi di accettare il fatto che solamente una religione eugenica può salvare la nostra civiltà dal destino che ha travolto tutte le civiltà precedenti”. Sul filo del rasoio, e soprattutto grazie a un coraggioso parlamentare liberale chiamato Josiah Wedgwood, la Gran Bretagna non si è mai consegnata al movimento eugenetico. Lo ha fatto la Germania. O ricordate Trofim Lysenko, una ciarlatano pseudoscienziato con strane idee riguardo l’addestramento delle colture e che riteneva la genetica mendeliana una balla. Le sue idee divennero la religione ufficiale scientifica dell’Unione Sovietica e risultarono nella morte di milioni di persone, mentre i suoi critici, come il genetista Nikolai Vavilov, finirono morti in prigione.

Sto andando troppo in là nel fare questi confronti? Penso di no. James Hansen della NASA dice che i dirigenti delle compagnie petrolifere dovrebbero essere processati per crimini contro l’umanità. (Ricordate che egli è il responsabile per uno dei gruppi apparentemente imparziali che mantengono un archivio di dati sulle temperature globali.) John Beddington, principale consigliere scientifico della Gran Bretagna, ha detto quest’anno che, così come siamo “assolutamente intolleranti del razzismo”, dovremmo anche essere “assolutamente intolleranti della pseudoscienza”, in cui ha incluso tutte le forme di scetticismo del cambiamento climatico.

L’ironia, naturalmente, è che gran parte del movimento verde ha iniziato come dissenso eretico. Greenpeace è passata dal chiedere che la visione accettata riguardo le colture geneticamente modificate venisse messa in discussione, e dal dire che della Royal Society non c’era da fidarsi, a richiedere che l’eresia sul cambiamento climatico sia ignorata e che la Royal Society non possa essere in errore.

Parlando di Greenpeace, lo sapevate che il bilancio annuale collettivo di Greenpeace, WWF e Amici della Terra è stato più di un miliardo di dollari a livello mondiale l’anno scorso? A volte la gente mi chiede qual è l’incentivo per gli scienziati di esagerare i cambiamenti climatici. Ma guardate le somme di denaro a disposizione di chi lo fa, fornite da gruppi di pressione, governi e grandi aziende. Non sono stati gli scettici ad aver assunto per gestire le Public Relations un ex vicedirettore del quotidiano News of the World dopo il climategate: è stata la University of East Anglia ([al centro della fuga di email e altre informazioni conosciuta come lo scandalo Climategate]).

In contrasto, il consenso climatico è così dogmatico che scienziati e giornalisti mettono a rischio la loro carriera se dichiarano di seguire una linea scettica. Si è lasciato alla blogosfera il compito di mantenere viva la fiamma dell’eresia e di fare il giornalismo investigativo che i media tradizionali hanno dimenticato come fare. In America, ad Anthony Watts, che si è affidato al crowdsourcing per elencare gli errori nella localizzazione di termometri, e gestisce wattsupwiththat.com. In Canada, Steve McIntyre, il matematico che a poco a poco ha esposto la scioccante storia della mazza da hockey e gestisce climateaudit.org. Qui in Gran Bretagna, Andrew Montford, che ha esposto i vari pasticci dietro le finte indagini sul climategate e gestisce bishop-hill.net. In Australia, Joanne Nova, l’ex presentatore televisivo in campo scientifico che è riuscita a ricostruire l’entità delle enormi somme di denaro che vanno a sostenere interessi di parte dediti all’allarme, e gestisce joannenova.com.au.

La cosa notevole circa gli eretici che ho menzionato è che ognuno lo sta facendo nel suo tempo libero. Essi lavorano per se stessi, e guadagnano una miseria da questo sforzo. A disposizione degli scettici non c’è alcun grande fondo nascosto finanziato dai produttori di combustibili fossili.

In conclusione, ho dedicato un sacco di tempo al clima, ma avrei potuto parlare dei grassi nel cibo, o del dibattito fra nature e nurture, erediterietà e fattori esterni. La mia tesi è che la scienza come la religione, come istituzione è ed è sempre stata afflitta da tentazioni di pregiudizio/bias di conferma. Con facilità allarmante si trasforma in pseudoscienza anche – forse soprattutto – quando ad occuparsene sono esperti elitari e soprattutto quando questi si mettono a predire il futuro e ci sono in gioco sontuosi finanziamenti.

La scienza ha bisogno di eretici.

Vi ringrazio molto per l’attenzione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwittergoogle_pluslinkedinmail
Licenza Creative Commons
Quest'opera di www.climatemonitor.it è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.

Author: Guido Guidi

Share This Post On

8 Comments

  1. Grazie per la segnalazione e la traduzione. Ci sono molti spunti interessanti, al di là della questione climatica.

    La frase che mi è piaciuta di più è questa:

    “Diamo il benvenuto alle prove a sostegno della nostra teoria preferita; e ignoriamo o manifestiamo dubbi sulle prove che la contraddicono. Tutti noi ci comportiamo continuamente così. Non è, come spesso assumiamo, un problema che affligge solo i nostri avversari. Io lo faccio, noi lo facciamo, ci vuole uno sforzo sovrumano per non farlo.”

    Da scienziato mi rendo conto di quanto sia vero che la tentazione pseudoscientifica è quotidianamente in agguato ed io per primo spesso ci casco senza neanche accorgermi. Il problema è che noi scienziati inevitabilmente ci affezioniamo alle cose che scopriamo o che capiamo, in quanto sono il frutto di innumerevoli fatiche, di conseguenza accettare il fatto che nonostante tutto il nostro impegno e dedizione non abbiamo capito tutto e che possiamo essere smentiti è veramente una cosa “sovrumana”.
    Ma allora come si fa? Io credo che innanzitutto dobbiamo accettarci per quello che siamo: persone, quindi che per nostra natura sbagliamo e di conseguenza abbiamo bisogno di essere corretti, perché non siamo capaci di correggerci da soli tutte le volte. Secondo una passione autentica, un amore sincero per quello che studiamo e questo implica come prima cosa l’accorgerci e il tenere presente che l’oggetto del nostro studio è qualcosa che ci è dato. C’è indipendentemente da noi, vogliamo scoprirlo, conoscerlo, ma non siao noi a crearlo e di conseguenza non possiamo avere la pretesa di dominarlo. Questo è quello che sto imparando dai grandi scienziati che ho avuto la fortuna e l’onore di conoscere.

    Post a Reply
  2. OT : Discutibile però l’accenno all’assassinio di Kennedy, perchè se è vero che non ci sono prove sul coinvolgimento della CIA è vero che:
    – le indagini furono depistate, che Oswald risultò negativo al test dei nitrati, che le traiettorie indicate dalla prima commissione sono impossibili e inaccettabili,
    – Oswald era comunista quindi il perfetto capro espiatorio e il suo assassinio fu probabilmente concertato (atrimenti troppo difficile da eseguire),
    – gli eventi descritti dalla prima commissione sono incompatibili con testimonianza di decine di testimoni,
    – c’erano agenti CIA sulla collinetta cioè nel luogo da dove i testimoni sentirono gli spari,
    – probabilmente il proiettile mancante era un proiettile esplosivo mentre quello presente era integro senza un graffio, il che è impossibile.

    Purtroppo in Italia siamo abituati ai depistaggi ricordo che la prima inchiesta sull’omicidio Mattei concluse che fu un incidente malgrado un testimone che disse di aver visto l’aereo esplodere in volo.

    Post a Reply
  3. @ Morabito
    La lezione è bellissima grazie per la traduzione.

    “Il problema è che è possibile ritenere veri tutti i principi fondamentali della fisica dell’effetto serra e concludere allo stesso tempo che la minaccia di un riscaldamento pericolosamente grande sia così improbabile da essere trascurabile, mentre la minaccia di un danno reale dovuto alle politiche di mitigazione del clima è già così alta da essere preoccupante. È sempre più probabile che la cura si stia dimostrando di gran lunga peggiore della malattia. ”

    Concordo totalmente!

    Post a Reply
  4. LEGGO:
    Parlando di Greenpeace, lo sapevate che il bilancio annuale collettivo di Greenpeace, WWF e Amici della Terra è stato più di un miliardo di dollari a livello mondiale l’anno scorso?
    /———–/
    Ricordo al riguardo: SESSANTA MILIARDI DI DOLLARI al “WWF“!
    ..emersa però un’agenda nascosta circa la preservazione di questa parte di foresta amazzonica, che consiste nel permettere al WWF ed ai suoi partners di condividere la vendita di crediti di emissione di anidride carbonica per un valore di 60 MILIARDI DI DOLLARI,..

    http://www.telegraph.co.uk/comment/columnists/christopherbooker/7488629/WWF-hopes-to-find-60-billion-growing-on-trees.html

    Post a Reply
  5. Articolo interessante. Mi trovo d’accordo specialmente per la parte che pone il focus sulla sensibilità climatica.

    Forse è un po’ esagerato il paragone con teorie pseudoscientifiche. Però parto dal seguente assunto:
    “Una teoria così flessibile che può spiegare a posteriori qualsiasi risultato, è una teoria pseudoscientifica”

    per domandare, ad esempio: ci dobbiamo aspettare un diminuzione o un aumento delle precipatazioni annue, secondo l’AGW e i relativi modelli?
    Per l’Talia, e in particolare per l’Italia meridionale mi pare i modelli siano coerenti nell’indicare un netta diminuzione. Ota, se nell’arco dei 20 o 30 anni, le precipitazioni aumentassero, bisognerebbe trarre le conseguenze che la teoria è sbagliata o almeno va decisamente migliorata. Viceversa, affermare che l’eventuale aumento delle precipitazioni sia stato determinato comunque dall’AGW, con una “razionalizzazione” a posteriori, come le chiama Ridley, e soprattutto senza trarre le conseguenze sopra menzionate, collocherebbe la teoria tra quelle pseudoscientifiche.
    Ho fatto questo esempio per esprimere quello che, secondo me, differenzia una teoria da una teoria pseudoscientifiche.

    Post a Reply
    • Trovo la “lectio” di Matt Ridley veramente “magistralis”.
      Se vogliamo, la parte riguardante i vari esempi di pseudoscienze è la più discutibile, e quella che può sollevare obiezioni. Io la considero solo una parte “esemplificativa”, e non credo sia obbligatorio condividere il Ridley-pensiero per ogni singolo esempio che ha dato.
      In effetti una discussione seria richiederebbe l’approfondimento di ogni singola questione, e credo che non sia il caso. Io guardo al ragionamento in sé, oltre il singolo esempio, discutibile quanto si vuole.
      E trovo, appunto, che nel suo insieme, questa lectio sia veramente straordinaria.
      Secondo me.

  6. Salvato e fatto girare ad amici e parenti 🙂 . Grazie.

    Post a Reply

Trackbacks/Pingbacks

  1. Anonimo - [...] macchioline insignificanti. Questa storia del riscaldamento globale poi mi puzza tanto di bufala: L’Eresia Scientifica di Matt Ridley…

Rispondi a Martino Giorgioni Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Translate »