Salta al contenuto

Domenicale

Com’è andato il sabato sera? Dormito poco? Beh, se volete farvi tornare subito la voglia di dormire, andate pure avanti nella lettura, altrimenti tornate dopo pranzo (anche se siete già sotto alimentazione pre-natalizia), perché la sonnolenza epatica post-prandiale è garantita. Si parla di consenso, del famoso, celeberrimo consenso che supporta l’ormai nota disputa sul colore del cavallo bianco di Napoleone. Come? Pensavate si parlasse di clima? Beh, in un certo senso è la stessa cosa. Se prendi le misure della temperatura, vedi che è aumentata e poi chiedi a quelli che le hanno prese e misurate se è aumentata, facile che ti rispondano di sì più o meno tutti. Personalmente avrei risposto sì anche io. Se poi gli chiedi perché sono aumentate forse non ti risponderanno, me per evitare problemi meglio non chiedere.

Quindi, ecco che la soverchiante cifra del 97% di quanti sono stati a vario titolo e con varie modalità interpellati sul colore del cavallo ha senso. Semmai, fossi stato alla ricerca di quei numeri, mi sarei preoccupato del 3% che lo vede di un altro colore, il cavallo.

Sonno eh? E questo è niente, perché ora vi mando a leggere un articolo uscito su Forbes, il cui autore, guarda un po’, dopo quello che egli stesso definisce fact checking (verifica andava bene lo stesso ma così fa più figo), scopre che quella cifra è sbagliata. Pare che la realtà, intesa come media degli altri studi che hanno affrontato la stessa disputa equina, si aggiri attorno all’80-85%. Tanto lo stesso? Sì, ma un conto è un 3% di dissenzienti, che potrebbero anche essere daltonici, altro è avere a che fare con una minoranza in doppia cifra.

La ninna-nanna è qui, come dicevo, su Forbes.

Quindi, ecco spiegato perché questo numero piace tanto agli attivisti e ai politici. Si presta all’uso di quelle categorie di persone a cui la verità fa venire l’orticaria…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

Un commento

  1. Miguel

    “We have shown that the scientific consensus on AGW is robust, with a range of 90%–100% depending on the exact question, timing and sampling methodology”

    [Consensus on consensus: a synthesis of consensus estimates on human-caused global warming, John Cook et al, April 2016]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »