Salta al contenuto

Inesauribile Watts

Qualche purista dell’originalità delle fonti d’informazione potrà storcere il naso, ma è un fatto che alcune di queste siano decisamente irrinunciabili e riscano a stare sempre un passo avanti a tutti. Il blog di Antony Watts  è una di queste e noi di CM non ci sognamo neanche di metterci in competizione, quanto piuttosto preferiamo pescare a piene mani dai suggerimenti dei due milioni e passa di contatti al mese che il buon Antony riesce a raccogliere.

Questa  la novità di oggi, alla quale ci piace aggiungere qualche semplice considerazione. Innanzi tutto i fatti. Sul sito della NOAA c’è una ricchissima area educational, all’interno della quale fino a ieri era disponibile una pagina con un le istruzioni per un esperimento il cui scopo era quello di indagare la relazione tra l’anidride carbonica e la temperatura. Una cosa per bambini indubbiamente, che conteneva però per se una imprecisione importante, in quanto basava la spiegazione dell’esperimento sulla capacità della CO2 di “trattenere” il calore. Tutti sappiamo che questa è una balla colossale, perchè la CO2 non trattiene proprio niente, semmai interagisce con la radiazione infrarossa riemettendola in tutte le direzioni, cioè anche verso il basso, contribuendo così all’effetto serra atmosferico.

Ma il problema non è questo, sappiamo anche che perchè i bimbi comprendano occorre semplificare al massimo le cose, per cui passi questa semplificazione. Il problema è che quella pagina non esiste più (se volete provare questo  era il link), è stata cancellata senza alcuna spiegazione. Non che ce ne fosse bisogno in realtà, però, come si dice da queste parti, a pensar male si fa peccato, ma quasi sempre ci si indovina, per cui è probabile che la cancellazione sia avvenuta per la presenza, decisamente inopportuna, di alcune frasi molto correct ma poco politically in essa contenute.

[…] Si pensava che un aumento dell’anidride carbonica portasse al riscaldamento globale. Mentre l’anidride carbonica in atmosfera ha continuato ad aumentare negli ultimi cento anni, non c’è evidenza che questo stia causando un aumento delle temperature globali. Nel 1997 la NASA ha riportato che le misurazioni delle temperature globali della bassa troposfera effettuate da sensori satellitari non rivelavano un inequivocabile trend positivo nelle due decadi precedenti. In realtà il trend sembrava essere negativo. L’oscillazione più accentuata nelle temperature satellitari non risultava essere causata da alcuna attività umana, quanto piuttosto da fenomeni naturali, come l’eruzione del Vulcano Pinatubo o l’arrivo di El Niño. Il comportamento dell’atmosfera è estremamente complesso. Perciò comprendere il riscaldamento globale è altrettanto complesso. Quale effetto possa avere l’aumento dell’anidride carbonica non è chiaro […].

La pura e semplice verità. Se volete togliervi la curiosità, date un’occhiata alla pagina a questo link, perchè in realtà dalla rete non si cancella mai nulla definitivamente.

A questo punto dubito che la vedremo tornare on line. Possiamo quindi lasciar perdere l’esperimento e dedicare qualche minuto al suggerimento di un adeguato contenuto surrogato, molto più efficace e molto meno impegnativo per chi volesse imparare i rudimenti della materia. Una visione in successione della pubblicità “Bed Time Story” andata in onda in Inghilterra, dove causa CO2 soffocano coniglietti e annegano cuccioli, oppure “I Sei Gradi In più che Sconvolgeranno la Terra“, dove sempre causa CO2 soffochiamo e anneghiamo tutti quanti, oppure ancora il filmone del momento, “The Age of Stupid“, i quali -gli stupidi appunto- non fanno esperimenti di sorta ma si fidano di ciò che viene loro raccontato. Purtroppo non possiamo consigliare la climafiction cult “An Inconvenient Truth“, perchè quella i giudici inglesi hanno detto che i bimbi la possono vedere solo se accompagnati  da qualcuno che ne smascheri le bugie. Un bel problema, forse è meglio che ci mettano uno screen saver, una bella carrellata di orsi polari che nuotano sfiniti, ghiacci che si sciolgono, uragani vari (quelli vecchi, perchè quelli nuovi scarseggiano) etc. etc.

Per carità so già cosa state pensando, è tutto un gioco, ci sono altri mille motivi per cui la pagina può essere stata cancellata. Niente di grave, hanno tutto il diritto di mettere on line quello che credono.

E noi di leggerlo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »