Salta al contenuto

Più che una meteora potè il meteorismo

Ve li siete immaginati da sempre come li ha sceneggiati Steven Spielberg, imponenti, ora feroci, ora mansueti, alti come palazzi o veloci come il vento, comunque liberi e felici. Fino al giorno del giudizio, della sofferenza, della fame  e dell’inedia.

Un disastroso impatto con un corpo celeste proveniente dal cosmo? Un terremoto pre-biblico? Macchè, soltanto una gigantesca, colossale, insopportabile puzza. Per di più autoprodotta.

Ebbene sì, i dinosauri hanno modificato il clima, tanto da rimetterci le penne, forse. Come? Con le loro flatulenze. Ben 520 milioni di tonnellate di metano rilasciate in atmosfera ogni anno, anno dopo anno…altro che mucche, altro che consumo eccessivo di carne, i dinosauri sì che ci sapevano fare.

E così, moltiplicando in scala (quale scala?) le emissioni scostumate dei bovini di oggi, un gruppo di scienziati inglesi ha ‘stimato’ le emissioni dei dinosauri. Me li immagino tutti concentrati appostati dietro le terga della mucca carolina con gli strumenti pronti, a blandire l’animale perché si senta a suo agio e elargisca la materia prima per la misurazione. Dopodiché, eureka! Abbiamo capito com’è andata.

Beh, che c’è di strano direte voi? In fondo, anche se di metano dinosauresco si è trattato, sempre naturale è stato. Errore. Quello che non sapete, è che c’è già al lavoro un altro team che sta studiando i resti fossili degli apparati digerenti e li sta mettendo in correlazione con degli strani sedimenti colorati la cui datazione al carbonio non lascia dubbi. Panze e sassolini colorati hanno la stessa età.

Dopo aver applicato fior di filtri statistici il segnale è chiaro: i sassolini colorati sono resti di antiche insegne di McDonald e quel che i goderecci bestioni avevano ingerito erano proprio hamburger. Et voilà, il forcing antropico è servito!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

9 Comments

  1. Martino Giorgioni

    L’idea non è nuova, era già stata proposta in questo studio:

    Chin, K., Brassell, S., Harmon, R.J., 1991. Biogeochemistry and petrography of pre-
    sumed dinosaurian coprolites; implications for dinosaur herbivory and Creta- ceous carbon budgets. Geological Society of America, Abstracts with Programs 23 (5), 180

    a suo tempo non è mai stato più di un abstract (e ci sarà un motivo).

    Qui invece il link alla pubblicazione originale a cui si fa riferimento:
    http://www.cell.com/current-biology/abstract/S0960-9822(12)00329-6

    Molto molto speculativa: si assume che i sauropodi avessero lo stesso metabolismo degli attuali rettili erbivori, che la superficie vegetata nel Giurassico fosse 1/2 delle terre emerse e la densità di sauropodi globale è stimata sulla loro presenza in un solo sito. Inoltre, anche assumendo che le stime siano realistiche, gli autori hanno stimato solo il metano prodotto dai Sauropodi, ignorando le dinamiche del ciclo del carbonio di quel periodo sulla scala di milioni di anni.
    La cosa sconcertante è che questo articolo sia stato pubblicato da una delle riviste più rinomate, che però si occupa di biologia e non di clima e da quello che mi risulta gli autori non si sono mai occupati di paleoclima. Spero ardentemente in una replica di qualche autorevole paleoclimatologo a Current Biology, altrimenti non vedo come poi si possa pretendere credibilità dalla gente.

  2. Guido Botteri

    “What don’t we know?
    Why are the global atmospheric concentrations of methane leveling off? Many theories exist to explain this occurrence but there is no definitive answer or smoking gun.”
    da:
    http://www.esrl.noaa.gov/research/themes/forcing/
    cioè, la NASA ci dice che le concentrazioni globali di metano, contrariamente alla battente propaganda dei media, agli attacchi a mucche, mammuth e dinosauri e alle loro varie flatulenze, si sta livellando, cioé NON STA AUMENTANDO pericolosamente, non costituisce un reale pericolo, va a saturazione.
    Senza bisogno di inventarsi estinzioni di mammuth o dinosauri, che nascondono solo una malevola ideologia maltusiana.

  3. Guido Botteri

    I dinosauri, dice wikipedia, hanno dominato la Terra per 160 milioni di anni
    http://it.wikipedia.org/wiki/Dinosauria
    lungo periodo
    molto più lungo dell’era umana, che per qualcuno sarebbe iniziata circa due milioni e mezzo di anni fa
    http://it.wikipedia.org/wiki/Preistoria
    lungo periodo, dunque, lunghissimo, durante il quale le flatulenze, chissà perché, non avrebbero fatto danno, finché sarebbe successo qualcosa che avrebbe causato il fart-runaway-effect 🙂
    M’immagino la scena:
    un fantozzisauro, un po’ esaltato e forse ubriaco, raduna gli altri dinosauri, e li invita e sprona
    flatulenza libera ! flatulenza a gogò !
    ed iniziarono così i dolorosi segnali di fumo, e si alzò una nube pestilenziale e maleodorante che travolse ed uccise l’intera prode schiera dei fantozzisauri e di tutti gli altri dinosauri riuniti…amen 🙂

  4. Piero Iannelli

    Nel frattempo Sergey Zimov, fisico quantistico vuole portare bisonti canadesi in Siberia. Nella stagione invernale gli zoccoli degli animali manterrebbero la neve molto compressa..
    http://oggiscienza.wordpress.com/2010/11/29/era-glaciale-park/

    Cosa mangerebbero questi bisonti in inverno?
    Magari si daranno loro buoni pasto?

    MA… Secondo altri tre “scienziati” i mammut che si nutrivano di vegetali, producevano, emissioni di metano accelerando il processo di riscaldamento climatico.

    http://www.vglobale.it/index.php?option=com_content&view=article&id=11814%3Aquando-i-mammut-modificarono-il-clima-globale&Itemid=124&lang=it

    Quindi questi “scienziati” bisognerebbe dialogassero un istante, perché delle due l’una.

    O le flatulenze non incidono o serve un filtro “anti metano”, anche per i bisonti canadesi da portare in Siberia che vi prego di visionare.

    Qui un modello alla moda ma eco-bio-sportivo:
    http://video.tiscali.it/canali/Tecnologia/AP_Tecnologia/48259.html

    Riguardo le “puzzette” dei dinosauri sorvoliamo, considerando cosa realmente gira dietro questa eco-tarantella:

    UE: 1000 miliardi per l’emergenza clima piu’ altri 200 per progetti e programmi extra Ue
    http://www.imolaoggi.it/?p=15351&fb_source=message

    Per molto meno sono pronto a testimoniare che sono i moscerini a far girare le pale eoliche!

    Serve un’azione immediata di “TUTELA” moscerinica e la messa al bando degli schiacciamosche !

    P.s. ma a questi troppi politico-scemenziati.. nessuno li avvisa?

    MSNBC riporta che la mancanza di aumento di temperatura negli ultimi 12 anni ha convinto ambientalista James Lovelock (ipotesi Gaia) che l’allarmismo climatico non era giustificato
    http://wattsupwiththat.com/2012/04/23/breaking-james-lovelock-back-down-on-climate-alarm/

    • Piero Iannelli

      Non vorrei che questi “studi” sulle “puzzette” preistoriche siano funzionali a trasmettere un “CONCETTO”.

      Meglio quindi chiarire :

      La bufala UN sulle emissioni di gas degli allevamenti

      Crescere il bestiame e i suini rappresenta solo il 3% circa di tutte le emissioni di gas serra negli Stati Uniti, ha detto il Dr. Mitloehner. “Produrre meno carne e meno latte significherebbe solamente più fame nei paesi poveri.”

      http://saigon2k.altervista.org/2011/03/la-bufala-un-sullemissioni-di-gas-degli-allevamenti/

      Quindi fermo il “punto” che NON c’è alcun riscaldamento globale, viva le bistecche e le flatulenze correlate!

  5. Fabio Spina

    Se va avanti così si scoprirà che Bufalo Bill ha ridotto il riscaldamento globale più del protocollo di Kyoto ed il Fotovoltaico. La faccenda peggiore è che riducono “Jurassic Park” in un pestilenziale inferno dantesco ed il prossimo documentario di Al Gore sarà: “anche i dinosauri mangiano fagioli…una scomoda ventosità”.

  6. claudio

    fa il paio con i ruttini dei mammuth a base di metano ( come quelli dei bovini e sembra dei dinosauri che però non mi risultano essere ruminanti) che scaldavano la terra, poi la caccia dell’umo dele caverne li fece diminuire (una magia) e senza il metano dei famigerati ruttini venne l’era glaciale

    http://www.climatemonitor.it/?p=11152

    neanche a startrek saprebbero inventarsi di meglio

    • Guido Botteri

      Peccato che le glaciazioni siano, almeno negli ultimi tempi, un fenomeno ciclico, con un ciclo di circa 100 mila anni, e questi dotti scienziati dovrebbero spiegarci come fece l’uomo a estinguerli (i mammuth) esattamente ogni 100 mila anni…
      cioè, ma come si fa, come si fa, dico e ripeto, come si fa a dare una spiegazione ricollegabile ad un evento unico e irripetibile ad un fenomeno ciclico ?
      e questi sarebbero “scienziati” ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »