Salta al contenuto

Il Blocco Per Inquinamento: “Lo Famo Strano”

Tutti dicono che sono inutili ma si continuano a fare, sulle navi della Real Marina del Regno delle due Sicilie sembra si dicesse “facite ammuina“, in questo caso si tratta di fare rumore per evitare le conseguenze penali dovute ad una scelta di soglie e scadenze uguali per tutta Europa, pur in presenza di molte differenze nel territorio e nel tessuto produttivo1.

Immaginate per un attimo che due astronauti partiti alcune decine di anni fa, tornassero a Milano durante un blocco del traffico in seguito al superamento del nuovo valore soglia relativo all’inquinamento da “particolato”. Noterebbero subito l’assenza delle automobili, le persone in attesa alle fermate degli autobus o che si affrettano per raggiungere i posti di lavoro o le loro case e sicuramente chiederebbero ai passanti il motivo di tale situazione.

Naturalmente per gli abitanti la risposta sarebbe quasi banale: “l’inquinamento urbano ha raggiunto livelli così alti che per tutelare la salute delle persone non si può andare in auto al centro della città, questo per evitare che la situazione già negativa peggiori. Ogni tanto si abbassano i valori limite dell’inquinamento, non si sa se ed eventualmente quante persone si salvano bloccando l’ingresso e circolazione delle auto in città, ma anche se fosse una sola l’obbligo sarebbe giusto”. Tali affermazioni ai cittadini milanesi sembrano irreprensibili, ma sicuramente la risposta lascerebbe perplessi gli astronauti ai quali la parola “inquinamento” richiama una situazione dovuta al superamento della soglia di concentrazione di sostanze tossiche (diossina, radioattività, smog come Londra 1952, etc.), situazioni che causavano l’immediata evacuazione e proibizione dall’area alle persone e non ai mezzi.

Altri dubbi si addenserebbero nella mente di persone venute dalla Luna: “se l’aria è inquinata e dannosa, come mai per tutelare la nostra salute noi continuiamo a viverci e la respiriamo rimanendo ore fermi in attesa dei mezzi pubblici?Perché occorre pagare l’Ecopass per andare a respirare l’aria inquinata?” Paradossalmente sembra una regola che tutela la “salute” dell’automobile evitandogli l’ingresso nelle aree a rischio. Se non far entrare le auto ha lo scopo di non far peggiorare la situazione, perché il blocco non avviene nelle giornate in cui l’inquinamento è massimo, ma solo in giorni fissati con grande anticipo secondo un calendario prestabilito (es. tutte le domeniche) e purtroppo spesso anche quando c’è vento ed i valori d’inquinamento sono bassi? E’ curioso che secondo una programmazione fissata da anni, una concentrazione non preoccupante fino al 31 dicembre lo diventa il 1 gennaio perché cambiano i valori soglia. Se anche salvare una sola vita umana può giustificare il blocco di un’attività perché coerentemente non si evitano gli incidenti bloccando anche ogni movimento delle auto sulle strade, lo sci, il maneggio, il sesso, lo jogging, la boxe, la Formula 1, etc.? Come mai nonostante tutti gli inquinanti la vita media nelle città continua ad aumentare tutti gli anni?

Naturalmente questi sono inutili dubbi che possono nascere in una persona proveniente dalla Luna, non ad una impegnata per l’ambiente e costretta a correre per raggiungere il posto di lavoro, portare i figli a scuola e fare la spesa in una ventosa giornata di blocco del traffico.

Una volta il termine “inquinamento” richiamava alla mente la presenza di sostanze dannose (buste di plastica, plutonio, amianto, mercurio, SO2, etc.) che portavano ad una misurabile e drastica riduzione della salute, delle attività produttive e ricreative dell’uomo (es. paesaggio, biodiversità, etc.), oppure alla rottura degli equilibri naturali (es. immettere acqua bollente in un fiume, mentre ad esempio era benvista l’agricoltura che generalmente è pur sempre un’alterazione degli equilibri naturali a nostro favore).

Più recentemente invece con lo stesso termine “inquinamento” siamo abituati a chiamare anche le variazioni di concentrazione di sostanze naturali, alle quali può contribuire l’attività umana; problema che merita tutta la nostra attenzione ma dai contorni molto meno definiti. Oggi troppo spesso qualsiasi azione dell’uomo sembra vista come un’attività contro la natura anche per il solo fatto che l’altera, un “inquinamento” che spesso la scienza è chiamata a rilevare semplicemente come scostamento dalla media o segni di attività umane in aree incontaminate.

Fino a un decennio fa per le automobili la preoccupazione era giustamente lo smaltimento dell’olio esausto, degli pneumatici, delle batterie, delle carrozzerie, etc., oggi invece l’attenzione sembra concentrata solo sull’anidride carbonica, uno dei pochi composti naturali prodotti, cioè una parte dello scarico bio-degradabile.

Naturalmente finora abbiamo scherzato, se a Milano i due astronauti provenienti dalla Luna potrebbero affermare che l’inquinamento “lo famo strano”, pensate cosa avrebbero potuto dire in passato andando a Ferrara durante il blocco del traffico. Lì si sarebbero chiesti cosa dovrebbero fare di più i cittadini visto che già quotidianamente il 31% degli spostamenti avvengono in bici, forse la migliore media in Europa.

Certe riflessioni però è conveniente non proporle neanche per scherzo.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
  1. Si tratta in realtà di un falso storico []
Published inAmbienteAttualitàNews

9 Comments

  1. Faccio notare che mentre i dati sui decessi annuali per incidenti stradali, domestici o per le diverse malattie sono “reali”, quelli relativi all’inquinamento sono ricavati da valutazioni statistiche caratterizzate da diverse difficoltà metodologiche (come avevo spiegato anche su un articolo su “Sapere” un paio di anni fa; articolo che intendo pealtro riprendere nel mio blog vista l’attualità della problematica).

    • Fabio Spina

      Quello che dici è certamente giusto, è un tema che ho accennato, e non sviluppato, nella nota 2 del post http://www.climatemonitor.it/?p=7666 .
      Se scrivi qualcosa sono interessato a leggerlo, segnalamelo.
      Saluti

    • Qualcosa ho già scritto nel sito: http://giovannistraffelini.wordpress.com nella categoria “polveri sottili”: altri articoli li pubblicherò quanto prima.
      L’articolo su Sapere è sul numero di dicembre 2008.

  2. Bruno Stucchi

    Con regolarita’ quasi mestruale, il Corriere (e altri giornali) pubblicano i “dati” sulla mortalita’ provocata dal PM10 e altri inquinanti. Ho piu’ volte chiesto che si spiegasse come vengono contati, censiti questi “morti di polvere”, ma nessuno mi ha mai risposto. Chi puo’ spiegarci l’arcano? Non e’ che prendono un “fattore di rischio” (magari tirato coi dadi), lo moltiplicano per la popolazione et voila’ il numero di morti?

    • Fabio Spina

      Temo che la stima sia solo statistica, anche perché il Particolato respirato andrebbe misurato per ogni persona e non con uno strumento messo 24h fermo in un angolo della città dove i cittadini con cui si fa la statistica neanche è detto che vivano.
      Per darti un’idea puoi leggere http://www.svipop.org/sezioniTematicheArticolo.php?idArt=567
      Saluti
      Fabio Spina

  3. Fabio

    “E’ curioso che secondo una programmazione fissata da anni, una concentrazione non preoccupante fino al 31 dicembre lo diventa il 1 gennaio perché cambiano i valori soglia.”

    Qualcuno può postare questi dati ?

    Grazie

  4. Duepassi

    Credo che la sintesi (illuminante) di questo articolo possa essere questa frase, che riferisco:

    “Come mai nonostante tutti gli inquinanti la vita media nelle città continua ad aumentare tutti gli anni?”

    A Milano si fermano le attività, e si blocca la mobilità delle persone la domenica. A Napoli lo si fa anche due giorni lavorativi alla settimana, e a me sembra evidente l’intenzione di bloccare le attività lavorative e produttive.
    “Se vuoi lavorare ti devi comprare l’auto nuova”
    altrimenti
    ti rendono la vita impossibile.
    Ma non tutti possono cambiare l’auto ogni tre anni, per correre dietro alle percentuali di CO2 sempre più basse…
    (che poi ci sarebbe da discutere sull’effettivo vantaggio o svantaggio di questa lotta alla CO2)
    E allora che si fa ? Si rinuncia al lavoro ?
    A Napoli l’altro giorno un passante mi ha chiesto che differenza ci sarebbe tra questi metodi e quelli della camorra.
    Stavo per rispondergli, ma è arrivato l’autobus.
    Ed è un’occasione a Napoli, che non si può perdere.

    Secondo me.

    • Fabio Spina

      Hai mai visto spegnere (avviene solo contro AGW) o accendere (avviene in tutte le altre battaglie civili che non coinvolgono il Sindaco in scelte su cui ha responsabilità) le luci dei monumenti delle città per sensibilizzare verso il miglioramento dei mezzi pubblici, l’eliminazione delle buche, la raccolta differenziata, etc? O bloccare il traffico per sensibilizzare verso queste problematiche? Vedrai che di blocco in blocco si arriverà all’Euro50 per il motore,l’auto si chiameranno sempre 500, panda, golf,polo, etc., mentre del pulviscolo che si “emette frenando”, quello dei ferodi, etc. non interesserà mai a nessuno.
      Saluti

Rispondi a Fabio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »