Salta al contenuto

Da “Il Foglio”, Quegli sporchi negazionisti dei Tea Party

La caricatura dei tea party si arricchisce di un nuovo elemento: oltre a essere brutti, razzisti, ignoranti, estremisti e fascisti, neppure credono nel riscaldamento globale – e dunque sono infedeli da mandare al rogo. L’ennesimo stigma viene appiccicato sulla pelle dei tea-partisti da una storia di prima pagina del New York Times, che da qualche settimana reagisce alla teiera a stelle e strisce allo stesso in modo in cui il toro di fronte al drappo rosso. Sicché basta raccogliere qualche intervista un po’ surreale tra i militanti durante una manifestazione (il global warming “è una menzogna”, per l’elettricista Norman Dennison, “è semplicemente ridicolo”, per una tale Kelly Khuri) per arrivare alla conclusione senza passare dal via. Da lì in poi il passo è più scontato che breve.

Quello che il quotidiano americano non dice è che, dietro il folklore, che non è nello schieramento dei tea party più forte che altrove ma solo più politicamente scorretto, si nasconde una lettura del problema assai realista. Gli Americans for prosperity descrivono non già il cambiamento del clima, ma il “climate bill” di Barack Obama come “the largest excise tax in history”, cosa che probabilmente non si allontana molto dal vero (o magari lo sottostima). Freedom Works, vittima ieri di un attacco hacker, lo definisce “power grab”, e spiega: “qualunque sforzo di rendere l’elettricità e i carburanti più costosi o di limitare o regolamentare la CO2 non farà altro che esacerbare una situazione già critica e causare un tremendo danno economico”. Naturalmente, tutto questo si spiega solo coi “soldi dell’industria petrolifera”, secondo il Nyt, che in tal modo pecca due volte. Perché, se è vera la tesi marxiana per cui sono gli interessi che muovono la storia, allora è vera per tutti: e, così come i tea party riflettono gli interessi dei petrolieri, allora i fautori delle politiche climatiche rappresentano a loro volta altri interessi particolari – non necessariamente più virtuosi (lo straordinario film di Jason Reitman, “Thank you for smoking”, spiega molte cose, a questo proposito). Ma il Nyt pecca, soprattutto, perché rigettare a priori le tesi del supposto avversario è una manifestazione di enorme debolezza intellettuale, che non può che portare a conseguenze politiche deludenti.

Continua a leggere su “Il Foglio” a firma di Carlo Stagnaro.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »