Salta al contenuto

Terza giornata di lavori

Buonasera a tutti, eccoci per il consueto aggiornamento da Durban. Oggi siamo alla terza giornata di lavori e, come da migliore tradizione, comincia il fuoco incrociato del tutti contro tutti. Certamente la notizia più simpatica (per l’ironia, si intende) è che la agenzia di stampa ufficiale cinese, Xinhua, ha pubblicamente accusato il Canada di minare il processo per la riduzione dei gas serra, con la propria decisione di uscire dal protocollo di Kyoto. A parte questa nota di ilarità, il resto della giornata è stato noia pura. I cinesi hanno sottolineato ai propri colleghi europei, che un accordo vincolante da siglare entro il 2015 e che entri a regime entro il 2020 è fuori discussione. Anche perchè gli europei prevedono di mettere dentro l’accordo USA, EU, Giappone ma anche (e qui sta l’inghippo): Cina, Brasile e India. Davvero troppo, dice Li Gao della delegazione cinese. Risponde l’Europa, mandandogli a dire che o si fa così, oppure il limite dei 2°C verrà infranto. Intanto noi di CM sappiamo ormai bene da dove arrivi quel famoso limite di 2°C, Guido Guidi ha scritto pochi giorni or sono su questa vicenda.

Per chiudere la carrellata di eventi della giornata, oggi ben 16 organizzazioni non governative hanno inviato una lettera1  a Barack Obama, riportando le sue stesse parole (risalgono al 2008):

[to] engage vigorously in these negotiations, and help lead the world toward a new era of global co-operation on climate change

In italiano, Barack Obama in pratica si impegna ad affrontare con vigore i negoziati e a guidare il mondo verso una nuova era di cooperazione sui cambiamenti climatici. Beh, gli hanno sottolineato che, a conti fatti, ha fallito e che addirittura da aiuto per il mondo, gli USA sono diventati il freno a mano del mondo. Sì, il premio Nobel sulla fiducia, ha fallito (e non solo sul fronte climatico).

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
  1. http://www.telegraph.co.uk/earth/environment/climatechange/8926101/Durban-Climate-Change-Conference-US-refusal-to-negotiate-carbon-emissions-cuts-risks-derailing-summit.html []
Published inDurban

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »