Salta al contenuto

Ed è la volta della Reuters

Non che i nostri media non fossero attenti al cambiamento di passo che sta avvenendo nel mondo della comunicazione circa le vicende climatiche, in effetti qualcosa lo abbiamo già letto su Repubblica qualche giorno fa, ma ora che scende in campo la Reuters la faccenda diventa seria.

 

Ecco qua:

 

Climate scientists struggle to explain warming slowdown

 

Leggere per credere, si “lotta” per capire perché le temperature non salgono. E’ ancora presto perché qualcuno si chieda se piuttosto non fossero sbagliate le previsioni e c’è anche chi si dice fiducioso che global warming tornerà presto a ruggire. Ci sta anche che costoro possano aver ragione, come ne avevano i loro precursori artisti della catastrofe che si attendevano una glaciazione negli anni ’70 e i loro mentori che hanno sostenuto l’arrosto climatico fino a poco tempo fa. Per inciso molti di questi sono le stesse persone, a riprova che si trova sempre qualcuno che “sa come andrà a finire e naturalmente finirà male”. E così, quanti ieri sostenevano che la scienza del cambiamento climatico era definita, ora cercano una spiegazione all’imprevisto. La troveranno e qualcosa mi dice che sarà ancora colpa nostra.

 

Per cui in attesa della prossima emergenza planetaria, godiamoci un piccolo appetizer, con La Stampa che spara un titolo che solo qualche anno fa sarebbe costato il posto al direttore:

 

Il Sole sta perdendo colpi
E ora il clima si raffredderà?

 

Il Sole? Ma stiamo scherzando? Tranquilli, sarà solo un fuoco di paglia, al prossimo anticiclone africano tutto tornerà come prima…

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inAttualità

Un commento

  1. donato

    Certo che fa un certo effetto leggere sui media generalisti cose che, fino ad ieri, si leggevano qui su CM e su siti definiti scettici o, spregiativamente, negazionisti. Parlare di variabilità naturale, di dati che non coincidevano con le previsioni, di sistema complesso che non poteva obbedire ad un unico parametro e via cantando, era considerato sintomo di “bastianite contraria” o, peggio, di disisnteresse per il futuro dei propri figli e/o nipoti. Per bene che andasse si parlava di ignoranza della fisica di base del sistema. Appena l’altro giorno chi avanzava critiche alla teoria dominante del cambiamento climatico di natura antropica veniva definito “diversamente convinto” con chiaro intento dispregiativo 🙂 . Per quel che mi riguarda non ho assolutamente intenzione di abbassare la guardia: i dubbi di ieri sono rimasti anche oggi, tali e quali, e, ieri come oggi, continuerò a cercare di capire, incurante del fatto che i miei dubbi stanno venendo anche ad altri e che qualcuno comincia ad ammettere che chi non aveva capito la fisica del sistema costituiva la stragrande maggioranza degli esponenti della linea di pensiero dominante (oltre a noi altri poveri dilettanti con la mania di comprendere cose riservate solo agli esperti di climatologia e, pertanto, dediti alle chiacchiere da bar climatologico) 🙂 .
    Ciao, Donato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »