Salta al contenuto

Dalla Catastrofe all’Ottimismo

Ian McEwan, uno che con le previsioni a tinte fosche ci andava a nozze, uno che a trent’anni era convinto di non arrivare a sessanta perché il mondo sarebbe finito causa catastrofe nucleare o causa disastro ambientale. Ora che invece ci è arrivato, scrive un romanzo climatico che si intitola “Solar“, in cui dipinge uno scienziato vincitore di premio Nobel interessato più alla propria fama e ricchezza che al bene dell’umanità  (l’ispirazione gli è venuta proprio da un incontro con premi Nobel a Potsdam per discutere di cambiamenti climatici).

Ora è ottimista invece e ripone le sue speranze per il futuro -udite udite- nell’energia nucleare, dato che null’altro è disponibile per “far funzionare le nostre città  nelle notti senza vento a febbraio”. Le sciagure e le previsioni di disastri climatici dovuti all’inquinamento sono passate di moda: Ian McEwan ha lanciato, fra le celebrità, la nuova tendenza dei prossimi anni, l’ottimismo nucleare.

Questo ed altro qui, sul Foglio quotidiano, a firma di Annalena Benini.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...Facebooktwitterlinkedinmail
Published inIn breve

Sii il primo a commentare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Categorie

Termini di utilizzo

Licenza Creative Commons
Climatemonitor di Guido Guidi è distribuito con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 4.0 Internazionale.
Permessi ulteriori rispetto alle finalità della presente licenza possono essere disponibili presso info@climatemonitor.it.
scrivi a info@climatemonitor.it
Translate »